Jack Dorsey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jack Dorsey nel 2018

Jack Patrick Dorsey[1] (Saint Louis, 19 novembre 1976) è un informatico, imprenditore e filantropo statunitense, noto soprattutto per essere il creatore di Twitter e Fleetic, oltre che il fondatore e l'amministratore delegato di Square, Inc., società che gestisce un sistema di pagamento tramite telefono cellulare[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine italiana da parte di madre,[3] ha lavorato come modello.[4][5][6][7][8] Si è diplomato al liceo cattolico Bishop DuBourg High School.[9] Nel 2008 la rivista Technology Review, pubblicata dal Massachusetts Institute of Technology, ha inserito il suo nome nella lista "TR35", come uno dei 35 più importanti innovatori nel mondo sotto i 35 anni di età.[10]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 Dorsey si è trasferito nel quartiere Sea Cliff di San Francisco.[11] Ogni mattina va al lavoro camminando per cinque chilometri, definendolo «un periodo liberatorio».[12] È un fan del rapper statunitense Kendrick Lamar[13] e della stazione radiofonica francese FIP.[14] Nel tardo 2017 Dorsey ha completato i dieci giorni di meditazione noti come Vipaśyanā e insegnati dal maestro S. N. Goenka.[15]

Ha contribuito finanziariamente alle campagne elettorali dei candidati presidenti democratici Andrew Yang e Tulsi Gabbard.[16]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di marzo 2016 Dorsey ha interamente finanziato circa 600 progetti di scuole pubbliche del Missouri, registrati presso DonorsChoose, un'organizzazione statunitense non-profit che permette ai singoli di donare direttamente ai progetti scolastici.[17]

Nell'ottobre 2019 ha donato 150 000$ a Team Trees, una raccolta fondi stanziata dallo youtuber MrBeast per combattere la deforestazione; sono stati piantati circa 20 milioni di alberi.[18][19]

In occasione della pandemia di COVID-19, Dorsey ha annunciato il trasferimento di circa un miliardo di dollari (il 28% del suo patrimonio) da Square, Inc. a Start Small LLC e ai programmi di soccorso relativi al coronavirus.[20] Si impegnò anche a finanziare l'educazione e la salute delle ragazze e il reddito di base universale;[21] donò anche 24 milioni di dollari a più di 40 beneficiari diversi per aiuti umanitari.[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marcia Dorsey Twitter (19 novembre 2013).
  2. ^ (EN) Adario Strange, Flickr Document Reveals Origin Of Twitter, in CondéNet, Wired News, 20 aprile 2007. URL consultato il 5 novembre 2008.
  3. ^ David Kamp, Jack Dorsey Believes That Eating Purple Food Makes You Healthier, su vanityfair.com. URL consultato il 1º ottobre 2015.
  4. ^ Jack Dorsey Twitter (3 settembre 2013).
  5. ^ Jack Dorsey Twitter (15 maggio 2015).
  6. ^ Jack Dorsey Flickr (13 luglio 2006).
  7. ^ Jack Dorsey Flickr (13 luglio 2006).
  8. ^ Jack Dorsey Flickr (13 luglio 2006).
  9. ^ Lee Enterprises, Native son sets St. Louis atwitter 'He's always seen life a little differently,' uncle says of Twitter creator, su stltoday.com. URL consultato il 1º ottobre 2015.
  10. ^ (EN) TR35 Young Innovator [collegamento interrotto], in Massachusetts Institute of Technology, Technology Review, 2008. URL consultato il 5 novembre 2008.
  11. ^ (EN) Owen Thomas, We Hear Twitter Cofounder Jack Dorsey Now Lives In A $10 Million House, su BusinessInsider, 19 giugno 2012. URL consultato il 5 giugno 2020.
  12. ^ (EN) Kathleen Elkins, Jack Dorsey walks 5 miles to work every day—and he says it's the best investment he can make, su CNBC, 12 luglio 2018. URL consultato il 5 giugno 2020.
  13. ^ (EN) Jon Swartz, Jack Dorsey Is a Double-Duty CEO for Twitter and Square. Here’s How He Revived Them Both., su Barron's, 10 agosot 2018. URL consultato il 5 giugno 2020.
  14. ^ (FR) Camille Belsoeur, Oui, FIP est bien la meilleure radio au monde, su Slate, 17 settembre 2017. URL consultato il 5 giugno 2020.
  15. ^ (EN) Melia Robinson, Twitter CEO Jack Dorsey tried the meditation craze that requires no sex, drugs, or talking for 10 days, su BusinessInsider, 3 gennaio 2018. URL consultato il 5 giugno 2020.
  16. ^ (EN) Katherine Miller, Twitter's Jack Dorsey Donated $5,600 To Tulsi Gabbard, su BuzzFeed, 16 luglio 2019. URL consultato il 5 giugno 2020.
  17. ^ (EN) St. Louis Post Dispatch: Classroom wishes come true at hundreds of Missouri schools, thanks to Jack Dorsey, su DonorsChoose, 11 marzo 2016. URL consultato il 5 giugno 2020.
  18. ^ (EN) David Williams, YouTube star MrBeast wants to plant 20 million trees. Elon Musk, Jack Dorsey, and more are helping him do it., su CNN, 31 ottobre 2019. URL consultato il 5 giugno 2020.
  19. ^ (EN) MrBeast [MrBeastYT], The CEO of Twitter just planted 150,000 trees!!!!! AM I DREAMING?? 😍 😍 😍 :)))))) (Tweet), su Twitter, 30 ottobre 2019. URL consultato il 5 giugno 2020.
  20. ^ Jack Dorsey, CEO di Twitter, ha annunciato che donerà l’equivalente di un miliardo di dollari in un fondo contro il coronavirus, su il Post, 7 aprile 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.
  21. ^ (EN) Mike Isaac, Jack Dorsey Vows to Donate $1 Billion to Fight the Coronavirus, su The New York Times, 7 aprile 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.
  22. ^ (EN) Jamila Gandhi, Top 10 Highest Private Donations By Billionaires For COVID-19 Relief, su Forbes, 12 maggio 2020. URL consultato il 5 giugno 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN171445521 · LCCN (ENn2011042258 · WorldCat Identities (ENlccn-n2011042258