Finale della Coppa dei Campioni 1989-1990

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Coppa dei Campioni 1989-1990.

Finale della Coppa dei Campioni 1989-1990
Milan - Coppa Campioni 1989-90 - Malpensa.jpg
Dettagli evento
Competizione Coppa dei Campioni 1989-1990
Data 23 maggio 1990
Città Vienna
Impianto di gioco Prater
Spettatori 57 558
Risultato
Milan
1
Benfica
0
Arbitro Austria Helmut Kohl
ed. successiva →     ← ed. precedente

La Finale della Coppa dei Campioni 1989-1990 si disputò il 23 maggio 1990 presso lo stadio Prater di Vienna tra i portoghesi del Benfica e gli italiani del Milan. All'incontro assistettero circa 57 558 spettatori. Il match, arbitrato dall'austriaco Helmut Kohl, vide la vittoria per 1-0 della squadra meneghina.

Il cammino verso la finale[modifica | modifica wikitesto]

Il Milan di Arrigo Sacchi, detentore del trofeo, esordì al primo turno contro i finlandesi dell'HJK di Helsinki, vincendo con un risultato complessivo di 5-0. Agli ottavi i Rossoneri incontrarono gli spagnoli del Real Madrid, riuscendo a superare il turno vincendo 2-0 a San Siro e venendo sconfitti 1-0 al Bernabéu. Ai quarti il Milan ebbe la meglio dei belgi del Malines per 2-0, nel retour match delle Fiandre risoltosi ai tempi supplementari. In semifinale i tedeschi del Bayern Monaco diedero filo da torcere ai Diavoli, che riuscirono ad accedere alla loro quinta finale di Coppa dei Campioni nonché seconda consecutiva solo grazie alla regola del gol fuori casa, vincendo 1-0 a Milano e poi cedendo 1-2 nella sfida di ritorno all'Olympiastadion conclusasi all'overtime. È stata inoltre la prima volta nella storia che una squadra passasse il turno per la regola dei gol in trasferta dopo i supplementari.[1]

van Basten e Kohler, storici avversari,[2] in azione nella semifinale di andata tra Milan e Bayern Monaco.

Il Benfica di Sven-Göran Eriksson iniziò il cammino europeo contro gli irlandesi del Derry City, che batté con un punteggio aggregato di 6-1. Agli ottavi i lusitani superarono agilmente i campioni d'Ungheria dell'Honvéd con un complessivo 9-0. Ai quarti anche i sovietici del Dnipro si arresero facilmente per 4-0 tra andata e ritorno. In semifinale i francesi dell'O. Marsiglia si rivelarono un avversario ben più ostico per le Águias, che riuscirono a conquistare l'accesso alla loro settima finale nella competizione solo grazie alla regola del gol in trasferta, perdendo 1-2 l'andata al Vélodrome e ribaltando poi l'esito del doppio confronto grazie alla vittoria 1-0 nel ritorno al da Luz.

La partita[modifica | modifica wikitesto]

Milan e Benfica si incontrano nuovamente in una finale di Coppa dei Campioni dopo ventisette anni. Il primo tempo trascorre senza troppe emozioni, si tratta di una partita tattica giocata senza che le due squadre si scoprano troppo, e di fatto si va all'intervallo sul parziale di 0-0.

Il secondo tempo si apre con una squadra rossonera più arrembante, che subito trova la porta con Marco van Basten, il quale però si fa parare il tiro da Silvino Louro. Al 67' arriva il gol che sblocca la partita: van Basten dà una palla in profondità al connazionale Frank Rijkaard il quale si invola a rete e batte il portiere lusitano. Da qui alla fine i Rossi tentano timidamente di ristabilire la parità, ma i Diavoli controllano agevolmente, e di occasioni per entrambe le formazioni non ce ne sono più.[3]

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Vienna
23 maggio 1990, ore 20:15
Milan 1 – 0
referto
Benfica Prater (57 558 spett.)
Arbitro Austria Helmut Kohl

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Milan
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Benfica
Milan
P 1 Italia Giovanni Galli
D 2 Italia Mauro Tassotti
D 3 Italia Paolo Maldini
C 4 Italia Angelo Colombo Uscita al 89’ 89’
D 5 Italia Alessandro Costacurta
D 6 Italia Franco Baresi (C)
C 7 Italia Carlo Ancelotti Uscita al 72’ 72’
C 8 Paesi Bassi Frank Rijkaard
A 9 Paesi Bassi Marco van Basten
A 10 Paesi Bassi Ruud Gullit
C 11 Italia Alberigo Evani
Sostituzioni:
D 13 Italia Filippo Galli Ingresso al 89’ 89’
A 14 Italia Daniele Massaro Ingresso al 72’ 72’
Allenatore:
Italia Arrigo Sacchi
AC Milan-Benfica 1990-05-23.svg
Benfica
P 1 Portogallo Silvino Louro (C)
D 2 Portogallo José Carlos
D 3 Brasile Ricardo Gomes Ammonizione
D 4 Portogallo Samuel Quina
D 5 Brasile Aldair Ammonizione
C 6 Svezia Jonas Thern
C 7 Portogallo Vítor Paneira Uscita al 78’ 78’
C 8 Portogallo António Pacheco Uscita al 59’ 59’
A 9 Portogallo Hernâni Neves
C 10 Brasile Valdo Filho
A 11 Svezia Mats Magnusson
Sostituzioni:
A 15 Portogallo César Brito Ingresso al 59’ 59’
A 16 Angola Vata Ingresso al 78’ 78’
Allenatore:
Svezia Sven-Göran Eriksson

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riepilogo della stagione 1989/90: Il Milan si conferma con Rijkaard, it.uefa.com. URL consultato l'8 luglio 2016.
  2. ^ Maurizio Crosetti e Licia Granello, Il centravanti e lo stopper, avanti con lo show, in la Repubblica, 9 febbraio 1992.
  3. ^ Milan - Benfica 1-0, su dnamilan.com, 6 febbraio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio