Finale della Coppa dei Campioni 1957-1958

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Coppa dei Campioni 1957-1958.

Finale della Coppa dei Campioni 1957-1958
Dettagli evento
Competizione Coppa dei Campioni 1957-1958
Data 28 maggio 1958
Città Bruxelles
Impianto di gioco Stadio Heysel
Spettatori 67.000[1]
Risultato
Real Madrid
3
Milan
2
dopo i tempi supplementari
Arbitro Belgio Alsteen
ed. successiva →     ← ed. precedente

La finale della Coppa dei Campioni 1957-1958 si è disputata all'Heysel di Bruxelles il 28 maggio 1958, tra gli spagnoli del Real Madrid, già vincitori delle due precedenti edizioni, e gli italiani dell'Milan davanti a 67.000[1] spettatori. Il risultato finale ha visto la vittoria del Real per 3-2 dopo i tempi supplementari, grazie alle reti di Di Stéfano, Rial e Gento, mentre per i rossoneri andarono in gol Schiaffino e Grillo.[2]

Il cammino verso la finale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa dei Campioni 1957-1958.

Il Real Madrid arrivò alla finale in scioltezza: eliminò infatti prima l'Anversa agli ottavi con un risultato complessivo di 8-1, poi sconfisse ai quarti di finale il Siviglia in un derby spagnolo, dominando 8-0 all'andata e pareggiando 2-2 al ritorno. In semifinale incontrò gli ungheresi del Vasas Budapest che batté nettamente per 4-0 al Bernabéu, permettendosi poi di perdere per due reti a zero in Ungheria nella gara di ritorno.[1]

Più complesso fu il cammino del Milan: i rossoneri dovettero infatti prima passare per il turno preliminare, soffrendo molto contro il Rapid Vienna e passando il turno solo alla "bella" giocata a Zurigo e vinta per 4-2. Agli ottavi di finale eliminarono agevolmente i Rangers Glasgow con un punteggio complessivo di 6-1, mentre ai quarti fu la volta del Borussia Dortmund, sconfitto per 4-1 al ritorno, dopo l'1-1 dell'andata. In semifinale dovettero incontrare il forte Manchester United che fu però letteralmente decimato dopo il tragico disastro aereo di Monaco di Baviera avvenuto durante il viaggio di ritorno da Belgrado dopo il quarto di finale contro la Stella Rossa. I red devils riuscirono comunque a mettere in difficoltà i rossoneri, battendoli per 2-1 all'Old Trafford, ma vennero poi eliminati con una sconfitta per 4-0 a San Siro.[3]

Le due squadre[modifica | modifica wikitesto]

Real Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Real Madrid Club de Fútbol 1957-1958.

Il Real Madrid in quella stagione aveva vinto il proprio campionato in scioltezza, combattendo per le prime partite contro l'Athletic Club Bilbao ma poi, dall'undicesima giornata, comandando la classifica fino alla fine per un totale di diciannove giornate consecutive. Le merengues si presentarono alla finale con un Di Stéfano in grandissima forma, capace di segnare, 38 reti in 37 giornate con una media di 1,03 gol a partita.[4]

La squadra, agli ordini dell'argentino Luis Carniglia, era solita scendere in campo con il 3-3-1-3, detto anche forcone. L'attacco era quello classico che aveva già l'anno precedente alzato al cielo la Coppa dei campioni, con Di Stéfano, Kopa e Gento. In difesa, oltre ai soliti Atienza e Lesmes, c'era l'uruguagio José Santamaría.[5]

Milan[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Associazione Calcio Milan 1957-1958.

Il Milan nella stagione 1957-1958, allenato da Giuseppe Viani, nonostante una discreta formazione, non fece bene: arrivò infatti solo nono in Serie A e fu eliminato dal Bologna ai quarti di Coppa Italia 1957-1958, mentre riuscì a fare bene solo in Coppa Campioni, arrivando appunto fino alla finale.[6]

La squadra schierava tra i pali Narciso Soldan, che in realtà era il secondo portiere (il primo era Lorenzo Buffon, parente alla lontana di Gianluigi Buffon). In difesa Fontana, Beraldo, Cesare Maldini e Luigi Radice, quest'ultimo poi allenatore di successo capace di vincere con il Torino il primo scudetto post-Superga. A centrocampo i rossoneri schieravano lo svedese Nils Liedholm, in quel periodo in netto calo rispetto allo splendore delle stagioni precedenti, e gli azzurri Bergamaschi e Danova. L'attacco era formato dall'italo-uruguagio Juan Alberto Schiaffino, con all'attivo dieci reti stagionali, e gli argentini Grillo e Cucchiaroni.[7]

La partita[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un primo tempo privo di grandi emozioni, al 59' il Milan passò in vantaggio grazie a un gol di Juan Alberto Schiaffino, ma il pari delle merengues non tardò ad arrivare: al 74' Di Stéfano, nonostante un primo controllo imperfetto, riuscì a concludere a rete in mezzo all'area portando il risultato sull'1-1. A questo punto la partita si accese: quattro minuti dopo i rossoneri trovarono con Grillo la rete del nuovo vantaggio, vanificato però nel giro di pochi secondi dal pareggio di Rial che, ricevuto un cross dalla fascia, superò Soldan con un bel pallonetto sul palo lontano.

Per la prima volta nella storia della Coppa dei Campioni non erano bastati i novanta minuti per decidere la squadra campione: si andò così ai tempi supplementari. La finale fu decisa al 107' da Gento autore di un gol su carambola, con la difesa rossonera che non riuscì a evitare che il pallone entrasse lentamente in rete. Non bastarono al Milan i successivi tredici minuti per trovare il pari, il Real Madrid riuscì a vincere, per la terza volta consecutiva, la Coppa dei Campioni.

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Bruxelles
28 maggio 1958, ore 18:00 CET
Real Madrid3 – 2
(d.t.s.)
referto
MilanStadio Heysel (67.000 spett.)
Arbitro: Belgio Albert Alsteen

Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Real Madrid
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Milan
Real Madrid
P 1 Spagna Juan Alonso Adelarpe (c)
D 2 Spagna Ángel Atienza
D 3 SpagnaUruguay José Santamaría
D 4 Spagna Rafael Lesmes
D 5 Spagna Juan Santisteban
C 6 Spagna José María Zárraga
C 7 Francia Raymond Kopa
C 8 Spagna Joseíto
A 9 SpagnaArgentina Alfredo Di Stéfano
C 10 SpagnaArgentina Héctor Rial
A 11 Spagna Francisco Gento
Allenatore:
Argentina Luis Carniglia
Milan
P 1 Italia Narciso Soldan
D 2 Italia Alfio Fontana
D 3 Italia Eros Beraldo
C 4 Italia Mario Bergamaschi
D 5 Italia Cesare Maldini
D 6 Italia Luigi Radice
C 7 Italia Giancarlo Danova
C 8 Svezia Nils Liedholm (c)
A 9 ItaliaUruguay Juan Alberto Schiaffino
A 10 Argentina Ernesto Grillo
A 11 Argentina Ernesto Cucchiaroni
Allenatore:
Italia Giuseppe Viani

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c 1957-1958 Champion's Cup su rsssf.com, su rsssf.com. URL consultato il 1º Aprile 2015.
  2. ^ (EN) "European Champion Clubs’ Cup – History" (PDF), su uefa.com.
  3. ^ 1957-1958 Uefa Champions League story, su it.uefa.com.
  4. ^ Squad of Real Madrid 1957-1958, su bdfutbol.com. URL consultato il 28 Aprile 2015.
  5. ^ Real Madrid >> Rosa 1957/58, su calcio.com. URL consultato il 28 Aprile 2015.
  6. ^ Associazione Calcio Milan 1957-1958 (PDF), su magliarossonera.it. URL consultato il 28 Aprile 2015.
  7. ^ AC Milan >> Squad 1957/1958, su worldfootball.net. URL consultato il 28 Aprile 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio