Finale della UEFA Champions League 2020-2021

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Finale della UEFA Champions League 2020-2021
Estadio do Dragao - panoramio.jpg
Lo stadio do Dragão di Porto, teatro della finale
Informazioni generali
SportFootball pictogram.svg Calcio
CompetizioneUEFA Champions League 2020-2021
Data29 maggio 2021
CittàPorto
ImpiantoStadio do Dragão
Spettatori14 110[1]
Dettagli dell'incontro
Manchester City Chelsea
0 1
ArbitroSpagna Antonio Mateu Lahoz[2]
MVPFrancia N'Golo Kanté
Successione
← Finale della UEFA Champions League 2019-2020 Finale della UEFA Champions League 2021-2022 →

La finale della 66ª edizione della Champions League si è disputata il 29 maggio 2021 allo stadio do Dragão di Porto tra gli inglesi del Manchester City e del Chelsea. La finale si sarebbe dovuta disputare allo stadio olimpico Atatürk di Istanbul, in Turchia, che ne ha perso il diritto a causa della pandemia di COVID-19, come già avvenuto per la finale 2020, rinviata e giocata a Lisbona.[3]

La squadra campione, il Chelsea, ha il diritto di partecipare alla Supercoppa UEFA 2021, da disputare contro i vincitori della UEFA Europa League 2020-2021, gli spagnoli del Villarreal, e si è qualificata d'ufficio alla Coppa del mondo per club FIFA 2021.

Questa è stata la terza finale nella storia della competizione in cui si sono affrontate due squadre inglesi, dopo quelle del 2008 e 2019. L'unico precedente nelle coppe europee tra i due club risale alla semifinale di Coppa delle Coppe 1970-1971, quando il Chelsea eliminò il Manchester City con un risultato complessivo di 2-0 tra andata e ritorno.

Le squadre[modifica | modifica wikitesto]

Squadre Partecipazioni precedenti
(il grassetto indica la vittoria)
Inghilterra Manchester City Nessuna
Inghilterra Chelsea 2 (2008, 2012)

Sede[modifica | modifica wikitesto]

Questa sarà la seconda finale di UEFA Champions League che ospiterà lo stadio, dopo quella del 2005. In origine la struttura avrebbe dovuto ospitare la finale della precedente edizione, ma il Comitato Esecutivo UEFA decise di spostarla allo Stadio da Luz di Lisbona per via delle complicazioni dovute allo scoppio della pandemia di COVID-19.

Selezione della sede[modifica | modifica wikitesto]

È stato indetto un bando libero dalla UEFA il 22 settembre 2017 per selezionare le sedi delle finali di UEFA Champions League, UEFA Europa League e UEFA Women's Champions League del 2020. Le federazioni avevano tempo fino al 31 ottobre 2017 per esprimere il loro interesse, e i fascicoli delle offerte dovevano essere presentati entro il 1º marzo 2018. Non è stato concesso partecipare al bando per la finale della UEFA Champions League 2020 alle federazioni che ospitano le partite di UEFA Euro 2020.

Il 3 novembre 2017 la UEFA ha annunciato che due federazioni avevano espresso l'interesse di ospitare la finale della UEFA Champions League 2020.[4]

Federazioni del bando per la finale della UEFA Champions League 2020
Nazione Stadio Città Capacità Note
Portogallo Portogallo Stadio da Luz Lisbona 64 642 Ha ospitato la finale della UEFA Champions League 2013-2014
Turchia Turchia Stadio olimpico Atatürk Istanbul 76 092 Ha ospitato la finale della UEFA Champions League 2004-2005

Il 13 maggio 2021 l'UEFA annuncia lo spostamento della finale allo stadio do Dragão di Porto a causa delle restrizioni imposte dal Regno Unito ai viaggiatori provenienti dalla Turchia per via delle problematiche dettate dalla pandemia di COVID-19.[3]

Il cammino verso la finale[modifica | modifica wikitesto]

Manchester City[modifica | modifica wikitesto]

Il Manchester City di Josep Guardiola viene inserito nel Gruppo C insieme a Porto, Olympiakos e Olympique Marsiglia, per poi classificarsi al primo posto del girone con 16 punti conquistati, frutto di cinque vittorie e un solo pareggio. Agli ottavi di finale vengono sorteggiati i tedeschi del Borussia M'gladbach, eliminati con un risultato complessivo di 4-0 tra gara di andata e ritorno. Ai quarti i mancuniani eliminano un'altra squadra tedesca, il Borussia Dortmund, con un risultato complessivo di 4-2 tra andata e ritorno. In semifinale i francesi del Paris Saint-Germain, vice-campioni d'Europa in carica e forti dell'aver eliminato i campioni uscenti del Bayern Monaco ai quarti, vengono battuti con un risultato complessivo di 4-1 tra andata e ritorno. I Citizens agguantano così la prima finale di Champions League della propria storia, diventando inoltre il nono club inglese a raggiungere l'atto conclusivo della competizione.

Chelsea[modifica | modifica wikitesto]

Il Chelsea di Thomas Tuchel, subentrato a Frank Lampard nel mese di gennaio, viene inserito nel Gruppo E insieme a Siviglia, Krasnodar e Rennes. La squadra inglese si classifica al primo posto del girone con 14 punti conquistati, derivanti da quattro vittorie e due pareggi. Agli ottavi di finale vengono sorteggiati gli spagnoli dell'Atlético Madrid, eliminati con un risultato complessivo di 3-0 tra andata e ritorno. Ai quarti i lusitani del Porto vengono sconfitti con un risultato complessivo di 2-1 tra andata e ritorno grazie alle reti di Mount e Chilwell, entrambe avvenute nella gara di andata. In semifinale gli spagnoli del Real Madrid, capaci di eliminare in sequenza l'Atalanta agli ottavi e il Liverpool ai quarti, vengono battuti con un netto 3-1 nel doppio confronto. Il Chelsea agguanta così la terza finale di Champions League della propria storia, a distanza di nove anni dall'ultima disputata.

Tabella riassuntiva del percorso[modifica | modifica wikitesto]

Note: In ogni risultato sottostante, il punteggio della finalista è menzionato per primo. (C: Casa; T: Trasferta)

Inghilterra Manchester City Turno Inghilterra Chelsea
Avversario Risultato Fase a gironi Avversario Risultato
Portogallo Porto 3–1 (C) Giornata 1 Spagna Siviglia 0–0 (C)
Francia Olympique Marsiglia 3–0 (T) Giornata 2 Russia Krasnodar 4–0 (T)
Grecia Olympiakos 3–0 (C) Giornata 3 Francia Rennes 3–0 (C)
Grecia Olympiakos 1–0 (T) Giornata 4 Francia Rennes 2–1 (T)
Portogallo Porto 0–0 (T) Giornata 5 Spagna Siviglia 4–0 (T)
Francia Olympique Marsiglia 3–0 (C) Giornata 6 Russia Krasnodar 1–1 (C)
1ª classificata del Gruppo C
Squadra Pt G
Inghilterra Manchester City 16 6
Portogallo Porto 13 6
Grecia Olympiakos 3 6
Francia Olympique Marsiglia 2 6
Piazzamenti finali 1ª classificata del Gruppo E
Squadra Pt G
Inghilterra Chelsea 14 6
Spagna Siviglia 13 6
Russia Krasnodar 5 6
Francia Rennes 1 6
Avversario Tot. Andata Ritorno Fase a eliminazione diretta Avversario Tot. Andata Ritorno
Germania Borussia M'gladbach 4–0 2–0 (T)[5] 2–0 (C)[6] Ottavi di finale Spagna Atlético Madrid 3–0 1–0 (T)[7] 2–0 (C)
Germania Borussia Dortmund 4–2 2–1 (C) 2–1 (T) Quarti di finale Portogallo Porto 2–1 2–0 (T)[8] 0–1 (C)[9]
Francia Paris Saint-Germain 4–1 2–1 (T) 2–0 (C) Semifinali Spagna Real Madrid 3–1 1–1 (T) 2–0 (C)

La partita[modifica | modifica wikitesto]

Kai Havertz, autore della rete decisiva.

Per il Manchester City è la prima finale della sua storia, mentre per il Chelsea è la terza finale dopo quella del 2008, persa contro il Manchester United, e quella vinta nel 2012 contro il Bayern Monaco: anche in quell'occasione l'allenatore Roberto Di Matteo era subentrato a stagione in corso. Dopo il calcio d'inizio è la squadra di Manchester a imporre il proprio gioco, rendendosi pericolosa dopo otto minuti di gioco con un tiro di Raheem Sterling, deviato in angolo dal portiere Edouard Mendy. Tra il 10' e il 15' l'attaccante dei Blues Timo Werner ha tre occasioni per mandare in vantaggio la propria squadra: nella prima liscia il pallone su cross di Kai Havertz, nella seconda si vede respingere il tiro da Ederson, nella terza invece il suo tiro viene deviato in corner da John Stones. Al 39' Thiago Silva, difensore dei londinesi, è costretto ad uscire dal campo per infortunio, venendo sostituito da Andreas Christensen. Il gol del vantaggio per il Chelsea arriva al 42', quando Mason Mount serve in profondità Kai Havertz, tenuto ingenuamente in posizione regolare da Oleksandr Zinchenko: l'attaccante supera il portiere avversario Ederson dopo un rimpallo e deposita il pallone in rete a porta vuota. Il primo tempo si conclude con il vantaggio per i Blues.

Nel secondo tempo il City prova ad agguantare il pareggio, impensierendo diverse volte la difesa del Chelsea. Al 60' anche il centrocampista dei Citizens Kevin De Bruyne è costretto a lasciare il campo per infortunio dopo un duro scontro di gioco con il difensore del Chelsea Antonio Rüdiger, venendo sostituito da Gabriel Jesus. Un minuto dopo l'arbitro Lahoz va a consultare il VAR per un potenziale fallo da rigore, causato da un presunto tocco di mano di Reece James in area, ma opta per non assegnare il penalty. Dopo essersi spinto in attacco per tutto il secondo tempo, in pieno recupero il Manchester City sfiora il pareggio con un tiro di Riyad Mahrez, che finisce alto sopra la traversa. Il Chelsea festeggia quindi la seconda Champions League della sua storia, dopo quella vinta nel 2012 ai danni del Bayern Monaco.[10]

Il centrocampista dei Blues N'Golo Kanté viene premiato MVP della gara.

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Dettagli[modifica | modifica wikitesto]

La squadra "di casa" (ai fini amministrativi) è stata determinata da un sorteggio aggiuntivo effettuato dopo il sorteggio dei quarti di finale.

Porto
29 maggio 2021, ore 21:00 CEST
Manchester City0 – 1
referto
ChelseaStadio do Dragão[11] (14 110[1] spett.)
Arbitro: Spagna Antonio Mateu Lahoz[2]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Manchester City
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Chelsea
P 31 Brasile Ederson
D 2 Inghilterra Kyle Walker
D 5 Inghilterra John Stones
D 3 Portogallo Rúben Dias
D 11 Ucraina Oleksandr Zinchenko
C 20 Portogallo Bernardo Silva Uscita al 64’ 64’
C 8 Germania İlkay Gündoğan Ammonizione al 35’ 35’
C 47 Inghilterra Phil Foden
C 17 Belgio Kevin De Bruyne Captain sports.svg Uscita al 60’ 60’
A 26 Algeria Riyad Mahrez
A 7 Inghilterra Raheem Sterling Uscita al 77’ 77’
A disposizione:
P 13 Stati Uniti Zack Steffen
P 33 Inghilterra Scott Carson
D 6 Paesi Bassi Nathan Aké
D 14 Spagna Aymeric Laporte
D 22 Francia Benjamin Mendy
D 27 Portogallo João Cancelo
D 50 Spagna Eric García
C 16 Spagna Rodri
C 25 Brasile Fernandinho Ingresso al 64’ 64’
A 9 Brasile Gabriel Jesus Ammonizione al 88’ 88’ Ingresso al 60’ 60’
A 10 Argentina Sergio Agüero Ingresso al 77’ 77’
A 21 Spagna Ferrán Torres
Allenatore:
Spagna Pep Guardiola
Manchester City vs Chelsea 2021-05-29.svg
P 16 Senegal Edouard Mendy
D 28 Spagna César Azpilicueta Captain sports.svg
D 6 Brasile Thiago Silva Uscita al 39’ 39’
D 2 Germania Antonio Rüdiger Ammonizione al 57’ 57’
D 24 Inghilterra Reece James
D 21 Inghilterra Ben Chilwell
C 5 Italia Jorginho
C 7 Francia N'Golo Kanté
A 29 Germania Kai Havertz
A 19 Inghilterra Mason Mount Uscita al 80’ 80’
A 11 Germania Timo Werner Uscita al 66’ 66’
A disposizione:
P 1 Spagna Kepa Arrizabalaga
P 13 Argentina Willy Caballero
D 3 Spagna Marcos Alonso
D 4 Danimarca Andreas Christensen Ingresso al 39’ 39’
D 15 Francia Kurt Zouma
D 33 Italia Emerson
C 10 Stati Uniti Christian Pulisic Ingresso al 66’ 66’
C 17 Croazia Mateo Kovačić Ingresso al 80’ 80’
C 20 Inghilterra Callum Hudson-Odoi
C 22 Marocco Hakim Ziyech
C 23 Scozia Billy Gilmour
A 18 Francia Olivier Giroud
Allenatore:
Germania Thomas Tuchel

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Manchester City FC-Chelsea FC (PDF), su it.uefa.com, UEFA.com, 29 maggio 2021. URL consultato il 29 maggio 2021.
  2. ^ a b (EN) Referee teams appointed for UEFA Champions League and UEFA Europa League finals, su uefa.com, 12 maggio 2021. URL consultato il 12 maggio 2021.
  3. ^ a b La finale di Champions League 2021 spostata in Portogallo, su it.uefa.com, 13 maggio 2021. URL consultato il 13 maggio 2021.
  4. ^ (EN) Six associations interested in hosting 2020 club finals, su uefa.com, 3 novembre 2017.
  5. ^ La partita, inizialmente in programma allo Stadion im Borussia-Park di Mönchengladbach, è stata spostata alla Puskás Aréna di Budapest, a causa delle restrizioni imposte dalla Germania ai viaggiatori provenienti dal Regno Unito per preoccupazione della variante del SARS-CoV-2, cfr. (EN) UEFA Champions League venue changes, su uefa.com, 10 febbraio 2021. URL consultato il 10 febbraio 2021.
  6. ^ La partita, inizialmente in programma al City of Manchester Stadium di Manchester, è stata spostata alla Puskás Aréna di Budapest, a causa delle restrizioni imposte dal Regno Unito ai viaggiatori provenienti dalla Germania per preoccupazione della variante del SARS-CoV-2, cfr. (EN) Manchester City vs Borussia Mönchengladbach venue change confirmed, su uefa.com, 10 marzo 2021. URL consultato il 10 marzo 2021.
  7. ^ La partita, inizialmente in programma allo Stadio Wanda Metropolitano di Madrid, è stata spostata all'Arena Națională di Bucarest, a causa delle restrizioni imposte dalla Spagna ai viaggiatori provenienti dal Regno Unito per preoccupazione della variante del SARS-CoV-2, cfr. (EN) UEFA Champions League venue changes, su uefa.com, 10 febbraio 2021. URL consultato il 10 febbraio 2021.
  8. ^ Partita disputatasi in campo neutro allo Stadio Ramón Sánchez-Pizjuán di Siviglia a causa delle restrizioni imposte dal Portogallo ai viaggiatori provenienti dal Regno Unito per preoccupazione della variante del SARS-CoV-2, cfr. (EN) Porto vs Chelsea games to be played in Seville, su uefa.com, 30 marzo 2021. URL consultato il 30 marzo 2021.
  9. ^ Partita disputatasi in campo neutro allo Stadio Ramón Sánchez-Pizjuán di Siviglia a causa delle restrizioni imposte dal Regno Unito ai viaggiatori provenienti dal Portogallo per preoccupazione della variante del SARS-CoV-2, cfr. (EN) Porto vs Chelsea games to be played in Seville, su uefa.com, 30 marzo 2021. URL consultato il 30 marzo 2021.
  10. ^ Tuchel imbriglia Pep: incubo City, Havertz firma la Champions del Chelsea, su gazzetta.it, 29 maggio 2021.
  11. ^ La partita, inizialmente in programma allo stadio olimpico Atatürk di Istanbul, è stata spostata allo stadio do Dragão di Porto, a causa delle restrizioni imposte dal Regno Unito ai viaggiatori provenienti dalla Turchia per via delle problematiche dettate dalla pandemia di COVID-19, cfr. La finale di Champions League 2021 spostata in Portogallo, su it.uefa.com, 13 maggio 2021. URL consultato il 13 maggio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio