Finale della Coppa dei Campioni 1961-1962

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Coppa dei Campioni 1961-1962.

Finale della Coppa dei Campioni 1961-1962
Exterieur OVERZICHT TRIBUNE, NOORDOOST ZIJDE - Amsterdam - 20279171 - RCE.jpg
Lo stadio Olimpico di Amsterdam, teatro della finale
Dettagli evento
Competizione Coppa dei Campioni 1961-1962
Data 5 maggio 1962
Città Amsterdam
Impianto di gioco Olympisch Stadion
Spettatori 61 257
Risultato
Benfica
5
Real Madrid
3
Arbitro Paesi Bassi Leonard Horn
ed. successiva →     ← ed. precedente

La finale della 7ª edizione di Coppa dei Campioni si disputò il 5 maggio 1962 presso lo Stadio Olimpico di Amsterdam tra i portoghesi del Benfica, campioni in carica, e gli spagnoli del Real Madrid, alla sesta finale di questa competizione. All'incontro assistettero circa 62 000 spettatori. Il match, arbitrato dall'olandese Leonard Horn, vide la vittoria per 5-3 della squadra lusitana.

Il cammino verso la finale[modifica | modifica wikitesto]

Il Benfica, in qualità di campione in carica, ricevette un bye per giocare direttamente a partire dagli ottavi di finale, dove affrontò l'Austria Vienna che superò con un punteggio complessivo di 6-2. Ai quarti batté i tedeschi occidentali del Norimberga, perdendo 3-1 in Germania Ovest e vincendo 6-0 in Portogallo. In semifinale gli inglesi del Tottenham furono battuti 3-1 a Lisbona e ciò rese ininfluente la sconfitta per 2-1 rimediata a Londra.

Juventus e Real Madrid nell'andata dei quarti di finale

Il Real Madrid esordì al primo turno contro gli ungheresi del Vasas Budapest, che superò con un punteggio complessivo di 5-1. Agli ottavi i danesi del Boldklubben 1913 furono annullati grazie a un risultato aggregato di 12-0. Ai quarti i campioni d'Italia della Juventus diedero filo da torcere alle Merengues, che riuscirono a vincere 1-0 la partita d'andata al Comunale di Torino, ma persero col medesimo risultato la gara di ritorno al Bernabéu. Fu necessario uno spareggio, giocato al Parco dei Principi di Parigi, dove i Blancos ebbero la meglio per 3-1. In semifinale i belgi dello Standard Liegi furono superati agilmente con un 4-0 all'andata e 2-0 al ritorno.

La partita[modifica | modifica wikitesto]

Il Benfica di Béla Guttmann si appresta ad affrontare un ostacolo a prima vista insormontabile, il Real Madrid di Ferenc Puskas, Luis Del Sol e Alfredo Di Stéfano in un periodo di grazia.[1] Infatti al minuto 23 i Blancos sono già avanti di due gol, firmati entrambi dall'attaccante ungherese. Dopo due minuti i lusitani riescono ad accorciare le distanze con José Águas e otto minuti dopo Domiciano Cavém porta la partita in parità. L'ultimo sussulto del primo tempo lo dà ancora il Real Madrid con Puskas che batte nuovamente Costa Pereira per il 3-2 parziale.

Nel secondo tempo, però, sale in cattedra Eusébio. Al sesto serve a Mário Coluna la palla del pareggio e dopo un quarto d'ora prima trasforma il calcio di rigore che si è procurato e poi dopo cinque minuti chiude la partita con un tiro violentissimo dal limite dell'area. Il Real Madrid continua a provarci fino all'ultimo, ma il Benfica tiene bene il campo e limita i danni fino al fischio finale di Horn.[2]

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam
5 maggio 1962, ore 19:30
Benfica 5 – 3
referto
Real Madrid Olympisch Stadion (61 257 spett.)
Arbitro Paesi Bassi Leonard Horn

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Benfica
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Real Madrid
Benfica
P 1 Portogallo Costa Pereira
D 2 Portogallo Mario João
D 3 Portogallo Germano
D 4 Portogallo Ângelo Martins
D 5 Portogallo Domiciano Cavém
C 6 Portogallo Fernando Cruz
C 7 Portogallo José Augusto
C 8 Portogallo Eusébio
A 9 Portogallo José Águas (c)
C 10 Portogallo Mário Coluna
A 11 Portogallo António Simões
Allenatore:
Ungheria Béla Guttmann
Real Madrid
P 1 Spagna José Araquistain
D 2 Spagna Pedro Casado
D 3 Spagna Vicente Miera
D 4 Spagna Felo
D 5 Spagna Uruguay José Santamaría
C 6 Spagna Pachín
C 7 Spagna Justo Tejada
C 8 Spagna Luis Del Sol
A 9 Spagna Argentina Alfredo Di Stéfano
A 10 Spagna Ungheria Ferenc Puskás
A 11 Spagna Francisco Gento
Allenatore:
Spagna Miguel Muñoz

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1961/62: Brilla la stella di Eusébio, it.uefa.com, 2 maggio 1962.
  2. ^ 1962 Finale: Benfica-Real Madrid 5-3, su rovesciatavolante.blogspot.co.uk, 4 giugno 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio