Finale della Coppa dei Campioni 1974-1975

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Coppa dei Campioni 1974-1975.

Finale della Coppa dei Campioni 1974-1975
Paris-Parc-des-Princes.jpg
Il Parco dei Principi teatro della finale
Dettagli evento
Competizione Coppa dei Campioni 1974-1975
Data 28 maggio 1975
Città Parigi
Impianto di gioco Parco dei Principi
Spettatori 48 374
Risultato
Bayern Monaco
2
Leeds Utd
0
Arbitro Francia Michel Kitabdjian
ed. successiva →     ← ed. precedente

La finale della 20ª edizione di Coppa dei Campioni è stata disputata il 28 maggio 1975 al Parco dei Principi di Parigi tra Bayern Monaco e Leeds Utd. All'incontro hanno assistito circa 48 000 spettatori. La partita, arbitrata dal francese Michel Kitabdjian, ha visto la vittoria per 2-0 del club bavarese.

Il cammino verso la finale[modifica | modifica wikitesto]

Il Bayern Monaco di Dettmar Cramer, in qualità di campione in carica, iniziò il cammino europeo a partire dagli ottavi di finale dove affrontò i tedeschi orientali del Magdeburgo, detentori della Coppa delle Coppe, aggiudicandosi il derby con un risultato aggregato di 5-3 frutto di due vittorie (3-2 in casa, 2-1 in trasferta) e cinque reti di Gerd Müller. Ai quarti i sovietici dell'Ararat furono sconfitti 2-0 all'Olympiastadion, ma vinsero la gara di ritorno in Armenia per 1-0 mettendo in difficoltà i bavaresi. La semifinale mise di fronte al Bayern i campioni di Francia del Saint-Étienne che cinque anni prima li avevano eliminati ai sedicesimi di finale. In quest'edizione non ci furono sorprese e dopo il pareggio a reti inviolate al Geoffroy Guichard, il Bayern Monaco si impose in casa per 2-0 approdando in finale per il secondo anno consecutivo.

Il Leeds Utd di Jimmy Armfield, esordì al primo turno contro gli elvetici dello Zurigo vincendo il match casalingo 4-1 e rendendo, così, indolore la sconfitta per 2-1 rimediata in Svizzera. Agli ottavi di finale affrontarono e sconfissero gli ungheresi dell'Újpest con un risultato aggregato di 5-1, frutto di due vittorie (2-1 in trasferta e 3-0 in casa). Ai quarti vennero sorteggiati i più quotati campioni di Belgio dell'Anderlecht, che però furono regolati con un secco 3-0 a Elland Road e con un 1-0 a Bruxelles. In semifinale gli spagnoli del Barcellona sembrarono inizialmente un ostacolo insormontabile per i Peacocks, ma dopo averli battuti per 2-1 a Leeds, riuscirono ad uscire indenni dal Camp Nou (1-1) e si qualificarono per la prima volta in finale di Coppa Campioni.

La partita[modifica | modifica wikitesto]

A Parigi va in scena una finale caratterizzata soprattutto dai violenti scontri dentro e fuori lo stadio causati dagli hooligan inglesi, giunti nei pressi del Parco dei Principi già ubriachi. Il match è arbitrato in maniera non imparziale da parte di Kitabdjian, che sullo 0-0 annulla un gol a Peter Lorimer[1] e non concede un evidente rigore per il Leeds dopo un netto fallo di Franz Beckenbauer su Allan Clarke, scatenando ancora di più le ire dei supporter inglesi che si scontrano con la polizia francese. La partita, al di là del deprecabile comportamento di alcuni spettatori, è brutta e nervosa con falli cattivi e intenzionali. Dopo appena quattro minuti, infatti, il difensore svedese del Bayern Björn Andersson è messo fuori gioco da un intervento in tackle molto violento e, prima dello scadere dei 45 minuti, anche Uli Hoeneß è costretto ad abbandonare il terreno di gioco.

La ripresa si apre con Müller arretrato a centrocampo, a sostegno dell'unica punta Klaus Wunder. Il capocannoniere tedesco disputa una partita tatticamente perfetta e il Bayern riesce a imporsi sull'avversario più con la forza di volontà e con l'esperienza, che con la classe. Dopo settanta minuti di gioco il risultato si sblocca con Franz Roth, abile a concludere un'azione di contropiede iniziata da Conny Torstensson. Passano dieci minuti, nuovo contropiede bavarese, Jupp Kapellmann pennella un cross per Müller che insacca e chiude di fatto la partita, consegnando la seconda Coppa dei Campioni consecutiva alla propria squadra.[2]

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Parigi
28 maggio 1975, ore 20:15
Bayern Monaco 2 – 0
referto
Leeds Utd Parc des Princes (48 374 spett.)
Arbitro Francia Michel Kitabdjian

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Bayern Monaco
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Leeds United

Formazioni:

Bayern Monaco
P 1 Germania Sepp Maier
D 2 Svezia Björn Andersson Uscita al 4’ 4’
D 3 Germania Bernd Dürnberger
D 4 Germania Hans-Georg Schwarzenbeck Ammonizione al 22’ 22’
D 5 Germania Franz Beckenbauer Captain
C 6 Germania Franz Roth
A 7 Svezia Conny Torstensson
C 8 Germania Rainer Zobel
A 9 Germania Gerd Müller
C 10 Germania Uli Hoeneß Uscita al 38’ 38’
C 11 Germania Jupp Kapellmann
Sostituzioni:
A 12 Germania Klaus Wunder Ingresso al 38’ 38’
C 13 Germania Sepp Weiß Ingresso al 4’ 4’
Allenatore:
Germania Dettmar Cramer
Bayern Munich vs Leeds United 1975-05-28.svg
Leeds Utd
P 1 Scozia David Stewart
D 2 Inghilterra Paul Reaney Ammonizione al 11’ 11’
D 3 Scozia Frank Gray
C 4 Scozia Billy Bremner Captain
D 5 Inghilterra Paul Madeley
D 6 Inghilterra Norman Hunter Ammonizione al 80’ 80’
C 7 Scozia Peter Lorimer
A 8 Inghilterra Allan Clarke
A 9 Scozia Joe Jordan
C 10 Irlanda Johnny Giles
C 11 Galles Terry Yorath Uscita al 75’ 75’
Sostituzioni::
C 15 Scozia Eddie Gray Ingresso al 75’ 75’
Allenatore:
Inghilterra Jimmy Armfield

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Unlucky Paris match for Leeds, bbc.co.uk, 19 maggio 1999.
  2. ^ Bis tedesco, nella finale di Parigi hooligans scatenati, su storiedicalcio.altervista.org. URL consultato il 4 luglio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio