Finale della UEFA Champions League 2002-2003

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

«L'importante è esserne consapevoli, fino in fondo: stiamo per vivere un evento irripetibile. Chissà quando vedremo due italiane di nuovo nella finale di Champions: possibile, certo, ma non avrà comunque il fascino struggente di questa prima volta. Manchester diventerà un luogo del mito per il nostro sport, se ne parlerà per decenni.»

Finale della UEFA Champions League 2002-2003
Il capitano del Milan, Paolo Maldini, alza la Champions League vinta ai rigori contro la Juventus all'Old Trafford
Informazioni generali
Sport Calcio
CompetizioneUEFA Champions League
Data28 maggio 2003
ImpiantoOld Trafford
Spettatori63 300[1]
Dettagli dell'incontro
Juventus Milan
0
(2)
0
(3)
(dopo i tiri di rigore)
ArbitroBandiera della Germania Markus Merk
MVPBandiera dell'Italia Paolo Maldini
Successione
← Finale della UEFA Champions League 2001-2002 Finale della UEFA Champions League 2003-2004 →

La finale della UEFA Champions League 2002-2003 fu disputata il 28 maggio 2003 all'Old Trafford di Manchester, che determinò il vincitore della 48ª edizione della massima competizione per club dell'UEFA. Fu la prima finale di Coppa dei Campioni tra club italiani e venne vinta dal Milan che sconfisse la Juventus per 3-2 ai tiri di rigore, dopo lo 0-0 dei supplementari; per la settima volta nella competizione la finale fu decisa dal dischetto. Il Milan ottenne la sesta vittoria nella manifestazione a nove anni dall'ultimo successo continentale, e in totale, per le squadre italiane si trattò della decima affermazione nella competizione (cinque precedenti il Milan stesso e due a testa l’Inter e la Juventus)

Le squadre[modifica | modifica wikitesto]

Squadre Partecipazioni precedenti (il grassetto indica la vittoria)
Bandiera dell'Italia Juventus 6 (1973, 1983, 1985, 1996, 1997, 1998)
Bandiera dell'Italia Milan 8 (1958, 1963, 1969, 1989, 1990, 1993, 1994, 1995)

Il cammino verso la finale[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2002-2003.

Milan[modifica | modifica wikitesto]

Il Milan aveva iniziato la propria Champions League al terzo turno preliminare, faticando nella doppia sfida contro i cechi dello Slovan Liberec: i rossoneri vinsero infatti a San Siro per 1-0 all'andata, perdendo poi per 2-1 nella gara di ritorno. Quest'ultimo risultato, però, non eliminò la squadra di Ancelotti, che accedette ai gironi grazie alla regola dei gol fuori casa. Inserito nel gruppo G, il Milan si qualificò agli ottavi come primo, arrivando davanti al Deportivo La Coruña, al Lens e al Bayern Monaco. I rossoneri superarono anche la seconda fase a gironi, vincendo un raggruppamento questa volta certamente più complesso, data la presenza di Real Madrid, Borussia Dortmund e Lokomotiv Mosca. Ai quarti di finale il Milan eliminò l'Ajax grazie a una vittoria casalinga per 3-2 maturata allo scadere della sfida di ritorno (l'andata finì 0-0), mentre un doppio pareggio (0-0, 1-1) nel derby contro l'Inter in semifinale concesse ai rossoneri di guadagnarsi l'accesso alla finale di Manchester, per la regola dei gol fuori casa.[2][3]

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Il ceco Pavel Nedvěd, grande assente della finale di Manchester.

La Juventus superò molto agilmente la prima fase a gironi, classificandosi davanti a Newcastle, Dinamo Kiev e Feyenoord, mentre faticò molto di più nella seconda, ottenendo il passaggio del turno solo grazie alla differenza reti, in quanto i bianconeri si piazzarono secondi dietro al Manchester United e a pari merito con il Deportivo La Coruña e il Basilea. Nelle due gare a eliminazione diretta, la Juventus superò le due principali compagini spagnole, prima il Barcellona (1-1 in casa, 2-1 in trasferta dopo i tempi supplementari) e poi il Real Madrid in rimonta (sconfitta esterna per 2-1 all'andata e successo per 3-1 nella gara di ritorno in casa).[2][4]

Prima dell'incontro[modifica | modifica wikitesto]

La Juventus si presentò alla finale senza uno dei suoi giocatori di maggior talento, il ceco Pavel Nedvěd: il giocatore fu ammonito per un fallo al termine della semifinale di ritorno contro il Real Madrid e, essendo diffidato, fu costretto a saltare la finale.[5] Marcello Lippi, tecnico dei bianconeri, si vide costretto a schierare Camoranesi al posto del ceco, confermando però i titolari che avevano sconfitto i madrileni.[6]

Il tecnico dei rossoneri Carlo Ancelotti, invece, confermò l'undici titolare.[7]

La partita[modifica | modifica wikitesto]

Regolamentari[modifica | modifica wikitesto]

Arbitrata dal fischietto Merk, la finale fu una partita tattica con entrambe le squadre che giocarono all'italiana, senza sbilanciarsi e prediligendo una difesa solida. Al 9º minuto Ševčenko infilò un passaggio all'indietro di Inzaghi e realizzò il gol del momentaneo 0-1, ma l'arbitro lo annullò per un fuorigioco di Rui Costa che copriva la visuale a Buffon (le immagini riprese dalle spalle dell'attaccante ucraino testimoniano chiaramente che Buffon non aveva la piena visuale della palla).[8] Il Milan continuò a far gioco fino alla mezz'ora. Inzaghi si rese pericoloso con un colpo di testa che impegnò severamente Buffon.[7]

Il rossonero Gattuso contro il bianconero Edgar Davids nel corso della finale.

La Juventus iniziò a macinare gioco nella metà del primo e prima parte del secondo tempo con Del Piero e Zambrotta. Trezeguet e Camoranesi non risultarono decisivi e Lippi effettuò la prima sostituzione: fuori Tudor per infortunio e dentro Birindelli. Più tardi entrò Conte al posto di Camoranesi. L'ex capitano bianconero si rese pericoloso colpendo una traversa all'incrocio di destra della porta di Dida. Il finale del secondo tempo vide una Juventus avanti in attacco ma senza particolari occasioni clamorose. L'innesto di Zalayeta per i bianconeri e Ambrosini, Roque Júnior e Serginho per i rossoneri non cambiarono il risultato; la Juve rafforzò l'attacco, mentre il Milan le fasce e il centrocampo.[7]

Supplementari e rigori[modifica | modifica wikitesto]

I regolamentari si conclusero sullo 0-0. Al 95' Roque Júnior si infortuna lasciando (nonostante non avesse stoicamente abbandonato il campo) giocare il Milan praticamente in inferiorità numerica per i restanti 25 minuti di gioco dei tempi supplementari in cui la Juventus manca di convinzione in attacco e non riuscì ad approfittarne. Si va così ai tiri di rigore. Dida neutralizza il rigore di Trezeguet, Serginho batte Buffon e porta in vantaggio momentaneamente i rossoneri. Birindelli riporta la partita in equilibrio e Buffon para il tiro di Seedorf. Successivamente sbagliano Zalayeta e Montero consecutivamente per i bianconeri (entrambi i tiri parati da Dida), mentre Buffon neutralizza il tiro di Kaladze, ma non quello di Nesta. Del Piero è impeccabile dal dischetto, così come l'ucraino Ševčenko, che, battendo Buffon, consegna al Milan la sua sesta Coppa dei Campioni a nove anni dall'ultimo successo continentale. Paolo Maldini, eletto uomo partita al termine della finale, alzò così la Coppa dei Campioni da capitano e in Inghilterra, così come fece suo padre Cesare esattamente quarant'anni prima.[7]

La Juventus rimase invece ferma ai suoi due successi, collezionando con quest'edizione la terza sconfitta nella manifestazione sotto la gestione Lippi. La sconfitta di Manchester dimostrò alla Juve di essere sin troppo Nedvěd-dipendente,[9] mentre altri accenti negativi vennero posti su alcune scelte tattiche di Lippi.[10] Con questa vittoria Ancelotti riscattò la sua passata esperienza negativa a Torino, dove non ebbe mai un grande rapporto né con la tifoseria né con la società.[11]

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Manchester
28 maggio 2003, ore 20:45 CEST
Finale
Juventus0 – 0
(d.t.s.)
referto
MilanOld Trafford (62 315 spett.)
Arbitro: Bandiera della Germania Merk

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Juventus
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Milan
Juventus (4-4-2)
POR 1 Bandiera dell'Italia Gianluigi Buffon
TD 21 Bandiera della Francia Lilian Thuram
DC 2 Bandiera dell'Italia Ciro Ferrara
DC 5 Bandiera della Croazia Igor Tudor Uscita al 42’ 42’
TS 4 Bandiera dell'Uruguay Paolo Montero
ED 16 Bandiera dell'Italia Mauro Germán Camoranesi Uscita al 46’ 46’
CC 3 Bandiera dell'Italia Alessio Tacchinardi Ammonizione al 69’ 69’
CC 26 Bandiera dei Paesi Bassi Edgar Davids Uscita al 65’ 65’
ES 19 Bandiera dell'Italia Gianluca Zambrotta
ATT 17 Bandiera della Francia David Trezeguet
ATT 10 Bandiera dell'Italia Alessandro Del Piero (C) Ammonizione al 111’ 111’
A disposizione:
POR 12 Bandiera dell'Italia Antonio Chimenti
DIF 7 Bandiera dell'Italia Gianluca Pessotto
DIF 13 Bandiera dell'Italia Mark Iuliano
CEN 8 Bandiera dell'Italia Antonio Conte Ingresso al 46’ 46’
CEN 15 Bandiera dell'Italia Alessandro Birindelli Ingresso al 42’ 42’
ATT 20 Bandiera dell'Italia Marco Di Vaio
ATT 25 Bandiera dell'Uruguay Marcelo Zalayeta Ingresso al 65’ 65’
Allenatore:
Bandiera dell'Italia Marcello Lippi
Milan (4-3-1-2)
POR 12 Bandiera del Brasile Dida
TD 19 Bandiera dell'Italia Alessandro Costacurta Ammonizione al 18’ 18’ Uscita al 66’ 66’
DC 13 Bandiera dell'Italia Alessandro Nesta
DC 3 Bandiera dell'Italia Paolo Maldini (C)
TS 4 Bandiera della Georgia K'akhaber K'aladze
CC 8 Bandiera dell'Italia Gennaro Gattuso
CC 21 Bandiera dell'Italia Andrea Pirlo Uscita al 71’ 71’
CC 20 Bandiera dei Paesi Bassi Clarence Seedorf
TRQ 10 Bandiera del Portogallo Rui Costa Uscita al 87’ 87’
ATT 7 Bandiera dell'Ucraina Andrij Ševčenko
ATT 9 Bandiera dell'Italia Filippo Inzaghi
A disposizione:
POR 18 Bandiera dell'Italia Christian Abbiati
DIF 24 Bandiera della Danimarca Martin Laursen
DIF 25 Bandiera del Brasile Roque Júnior Ingresso al 66’ 66’
CEN 32 Bandiera dell'Italia Cristian Brocchi
CEN 23 Bandiera dell'Italia Massimo Ambrosini Ingresso al 87’ 87’
CEN 27 Bandiera del Brasile Serginho Ingresso al 71’ 71’
ATT 11 Bandiera del Brasile Rivaldo
Allenatore:
Bandiera dell'Italia Carlo Ancelotti


Uomo partita:


Guardalinee:

  • Bandiera della Germania Christian Schräer
  • Bandiera della Germania Heiner Müller

Quarto uomo:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I campioni della UEFA Champions League, su it.uefa.com.
  2. ^ a b UEFA Champions League 2002-03 su rsssf.com, su rsssf.com. URL consultato il 9 Maggio 2015.
  3. ^ Al Milan basta un pareggio per conquistare la finale, su repubblica.it, repubblica.it, 13 maggio 2003. URL consultato il 9 maggio 2015.
  4. ^ Real Madrid travolto la Juve vola a Manchester, su repubblica.it, repubblica.it, 14 maggio 2003. URL consultato il 9 maggio 2015.
  5. ^ Regolamento Uefa: Bonucci, Chiellini, Vidal e Tevez non rischiano la finale, su gazzetta.it, gazzetta.it, 6 maggio 2015. URL consultato il 9 maggio 2015.
  6. ^ Juve, esperimenti in Calabria Camoranesi fa le prove da Nedved, su repubblica.it, repubblica.it, 17 maggio 2003. URL consultato il 9 maggio 2015.
  7. ^ a b c d Grande Dida, coppa al Milan ma la Juve piange se stessa, su repubblica.it, repubblica.it, 28 maggio 2003. URL consultato il 9 maggio 2015.
  8. ^ Il gol di Shevchenko alla Juve andava annullato, su archiviostorico.corriere.it, corriere.it, 1º ottobre 2003. URL consultato il 9 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2016).
  9. ^ Juve, tutti i perché del k.o., su gazzetta.it, gazzetta.it. URL consultato l'11 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  10. ^ Lippi: «Se non vinco la Champions me ne vado», su corriere.it, corriere.it, 30 maggio 2003. URL consultato l'11 maggio 2015.
  11. ^ La Juve e Buffon cercano la vendetta contro Ancelotti, su direttacalcio24.it, 25 aprile 2015. URL consultato l'11 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2015).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio