Claudio Chiappucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Claudio Chiappucci
Claudio CHIAPUCCI.jpg
Chiappucci al Tour de France 1993
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada, pista, ciclocross
Ritirato 1999
Carriera
Squadre di club
1985-1996 Carrera Jeans Carrera Jeans
1997 Asics Asics
1998 Ros Mary Ros Mary
Nazionale
1989-1996 Italia Italia
Palmarès
Transparent.png Mondiale
Argento Agrigento 1994 In linea
 

Claudio Chiappucci (Uboldo, 28 febbraio 1963) è un ex ciclista su strada, pistard e ciclocrossista italiano. Professionista dal 1985 al 1998, vinse una Milano-Sanremo, tre tappe al Tour de France e una al Giro d'Italia. Era soprannominato El Diablo.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi e l'exploit al Tour 1990[modifica | modifica sorgente]

Da dilettante Chiappucci vinse il campionato italiano di seconda categoria nel 1982 e altre corse importanti come il Trofeo Pigoni e Miele, il Trofeo la Comiada, la Settimana della Brianza e le classifiche generale e dei GPM al Giro della Regione Friuli Venezia Giulia. Passò quindi professionista nel 1985 con la Carrera-Inoxpran di Davide Boifava; i primi successi da pro arrivarono solo al quinto anno, nel 1989, quando si aggiudicò la Coppa Placci e il Giro del Piemonte.

Nel 1990, dopo aver vinto la classifica GPM al Giro d'Italia, Chiappucci balzò agli onori della cronaca durante il Tour de France: al secondo giorno di gara, insieme a Steve Bauer, Frans Maassen e Ronan Pensec, andò infatti in fuga e giunse al traguardo con ben 10'35" di vantaggio sul gruppo con tutti i principali favoriti al successo finale[1]. Dopo le tappe pianeggianti, sulle Alpi si staccarono prima Maassen e la maglia gialla Bauer, e poi anche Pensec (diventato nuovo leader dopo il crollo di Bauer): dei quattro soltanto Chiappucci rimase ai vertici.

Il lombardo poté così vestire la maglia gialla per otto tappe, dalla tredicesima fino alla ventesima e penultima frazione, anche se il margine sui big andò riducendosi progressivamente. Il 21 luglio 1990, tappa numero 20, si correva una cronometro di 45,5 a Lac de Vassivière; Chiappucci partiva con soli 5" di vantaggio su Greg LeMond, ma, stante la minore abilità nelle prove contro il tempo rispetto allo statunitense, non riuscì a difenderli, perdendo anzi 2'21" dal rivale[2][3]. Concluse il Tour al secondo posto in classifica generale, primo italiano a salire sul podio della Grande Boucle dal 1972, quando Felice Gimondi fu secondo dietro a Eddy Merckx. Nel prosieguo di stagione ottenne il terzo posto al Campionato di Zurigo.

1991-1993: la Sanremo e i podi al Giro e al Tour[modifica | modifica sorgente]

Chiappucci, dopo una vittoriosa fuga di 200 km, solleva le braccia al cielo sul traguardo del Sestriere durante il Tour de France 1992, edizione in cui farà sua la classifica scalatori e il Premio della Combattività.

Nel 1991 conquistò la Milano-Sanremo, prima delle due classiche "monumento" da lui vinte (la seconda fu la San Sebastian nel 1993). Chiappucci attaccò da lontano, sulla discesa del Turchino, insieme al compagno di squadra Guido Bontempi; quando il gruppo sembrava essere in procinto di rientrare, sul Capo Mele il varesino rilanciò l'azione: riuscirono a seguirlo Charly Mottet, Jelle Nijdam e Rolf Sørensen, poi sul Capo Berta il solo Sørensen. Chiappucci staccò il danese a due chilometri dalla cima del Poggio, incrementò il vantaggio in discesa e andò a vincere con 45" su Sørensen e 57" sul gruppo[4]. A seguire vinse anche la Vuelta al País Vasco e fu terzo alla Freccia Vallone, mentre in giugno chiuse secondo (battuto da Franco Chioccioli) al Giro d'Italia, aggiudicandosi comunque la maglia a ciclamino della classifica a punti. Dopo il terzo posto al campionato italiano su strada, in luglio al Tour de France fece quindi sue la tappa di Val Louron, la classifica scalatori e il premio della combattività, piazzandosi terzo nella generale alle spalle di Miguel Indurain e Gianni Bugno.

Nel 1992, dopo il successo al Giro del Trentino, Chiappucci fu ancora secondo al Giro d'Italia, questa volta superato da Indurain. A seguire partecipò al Tour de France, raggiungendo il podio per la terza volta consecutiva: fu anche in tale occasione secondo, nuovamente alle spalle di Indurain, e ancora si aggiudicò la classifica scalatori e il premio della combattività. Memorabile per lui in quella Grande Boucle fu comunque la tappa del 18 luglio 1992, da Saint-Gervais a Sestriere, che in parte ricalcava il percorso della frazione vinta da Fausto Coppi il 6 luglio 1952 con una fuga solitaria di 192 km attraverso cinque colli alpini di Prima categoria. Quel giorno Chiappucci attaccò dopo la prima ascesa, il Saisies, restò in fuga per sei ore e mezza (e per 200 chilometri), staccò anche Miguel Indurain – che chiuse a 1'45" – e Gianni Bugno e vinse quella tappa[5][6]. Ciò nonostante la maglia gialla rimase a Indurain, che poi vinse il suo secondo Tour de France. Nella parte conclusiva della stagione Chiappucci mise a referto due secondi posti in classiche di Coppa del mondo, alla Clásica San Sebastián, preceduto da Raúl Alcalá, e al Giro di Lombardia, dietro a Tony Rominger.

Chiappucci in maglia Carrera al Tour del 1993

Nella primavera del 1993 il varesino fu terzo alla Freccia Vallone, e poi secondo al Tour de Romandie e al Giro del Trentino. Al Giro d'Italia si classificò terzo, riuscendo tuttavia a fare sua la tappa di Corvara in Badia e la maglia verde della classifica GPM; al Tour de France, invece, pur vincendo la frazione di Pau, dovette accontentarsi del sesto posto finale in quanto nella prima tappa in salita ebbe una crisi che gli fece perdere 8 minuti dai primi. Dopo quel Tour vinse la classica di San Sebastian, importante prova di Coppa del mondo: si aggiudicò infatti la Clásica San Sebastián allo sprint sul compagno di fuga Gianni Faresin[7].

1994-1998: l'argento mondiale e le ultime stagioni[modifica | modifica sorgente]

Nel 1994, dopo il quarto posto alla Liegi-Bastogne-Liegi, Chiappucci partecipò nuovamente al Giro d'Italia, ma per la prima volta dopo tre anni rimase giù dal podio, quinto e alle spalle del giovane compagno di squadra Marco Pantani (secondo). Giunse quinto in classifica generale per via di un ritardo accumulato nella tappa con arrivo a Campitello Matese. Al Tour de France invece si ritirò, dopo una fortissima congestione nella tappa con arrivo ad Hautacam, dove tra rigetti e fermate tagliò stoicamente il traguiardo con 24 minuti di ritardo. A fine agosto partecipò ai campionati del mondo di Agrigento, ritrovandosi capitano in corsa della Nazionale a causa delle défaillance delle altre punte Gianluca Bortolami, Giorgio Furlan e Maurizio Fondriest; rimasto nel gruppetto dei migliori all'ultimo giro, pur essendo in forma Chiappucci si fece sorprendere dallo scatto solitario sull'ultima salita di Luc Leblanc[8]. Il francese si involò verso la maglia iridata, il varesino dovette invece accontentarsi della medaglia d'argento, confermando la nomea di "eterno secondo"[8]. Chiuse la stagione al Giro di Lombardia ancora una volta secondo, battuto dal giovane russo Vladislav Bobrik.

Nel 1995 si classificò quarto al Giro delle Fiandre, quarto anche al Giro d'Italia e poi undicesimo al Tour de France. In ottobre ottenne gli ultimi successi di carriera: Giro del Piemonte, Escalada a Montjuich e Japan Cup. L'anno dopo non andò oltre alcuni piazzamenti nelle classiche italiane e un secondo posto nella tappa di Briançon al Giro d'Italia; venne inoltre convocato in Nazionale – ottava e ultima volta per lui – per i campionati del mondo su strada di Lugano, piazzandosi tredicesimo. Al termine della stagione, con la dismissione del team Carrera, seguì il direttore sportivo Davide Boifava tra le file della nuova formazione Asics-CGA.

Dopo aver conseguito solo alcuni piazzamenti (secondo al Giro di Sardegna, sesto al Giro delle Fiandre), in maggio al Tour de Romandie gli venne riscontrato un tasso di ematocrito di 51,8; venne perciò sospeso precauzionalmente dalla Federciclismo (che aveva posto un limite massimo di ematocrito di 50) per quindici giorni e non poté di conseguenza partecipare al Giro d'Italia[9]. L'"incidente" si ripeté in ottobre, due giorni prima dei campionati del mondo di San Sebastián: nel controllo ematico obbligatorio pre-gara gli venne infatti riscontrato nuovamente un tasso di ematocrito superiore alla norma; dovette scontare per questo motivo una sospensione di trenta giorni, saltando la prova iridata[10]. Rientrato alle corse, partecipò alla Vuelta a España piazzandosi appena fuori dalla "top 10", undicesimo. Nella sua ultima stagione da professionista, il 1998, gareggiò quindi con la divisa della Ros Mary-Amica Chips di Marino Basso: quell'anno fu ottavo alla Tirreno-Adriatico e concluse per la decima volta il Giro d'Italia, anche se in sessantesima posizione.

Dopo il ritiro[modifica | modifica sorgente]

Dopo il ritiro partecipò ad una puntata speciale del programma televisivo "Beato tra le donne VIP" condotto da Paolo Bonolis su Rai 1, venendo però eliminato al primo turno insieme a Giampiero Galeazzi. Nel 2006 partecipò al reality show di Rai 2 L'isola dei famosi: arrivò in finale, classificandosi al secondo posto dietro a Luca Calvani[11]. Per Radio 105 ha partecipato al Giro d'Italia 2008 in veste di commentatore a fine tappa, insieme a Paolo Condò de La Gazzetta dello Sport.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Classifica generale Giro della Regione Friuli Venezia Giulia
Trofeo Pigoni e Miele
Coppa Placci
Giro del Piemonte
7ª tappa Paris-Nice (Mandelieu-la-Napoule)
4ª tappa Settimana Siciliana
3ª prova Gran Premio Sanson
4ª tappa, 1ª semitappa Setmana Catalana
4ª tappa, 2ª semitappa Setmana Catalana
Milano-Sanremo
3ª tappa Vuelta al País Vasco
Classifica generale Vuelta al País Vasco
13ª tappa Tour de France
Giro dell'Appennino
3ª tappa Giro del Trentino
Classifica generale Giro del Trentino
13ª tappa Tour de France
Subida a Urkiola
3ª prova Gran Premio Sanson
1ª tappa Clásico RCN

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

3ª tappa Giro d'Italia (cronosquadre)
2ª tappa Tour de France (cronosquadre)
Classifica scalatori Parigi-Nizza
Classifica scalatori Giro d'Italia
Criterium di Grammont-Geraardsbergen
Criterium di Quilian
Criterium di Silea
Classifica punti Setmana Catalana
Classifica a punti Giro d'Italia
Classifica scalatori Tour de France
Premio della combattività Tour de France
Draai van de Kaai
Classifica scalatori Giro d'Italia
Classifica scalatori Tour de France
Premio della combattività Tour de France
Criterium di Tiel
Castillon la Bataille
Criterium di Bardolino
Criterium di La Leviere
Criterium di Emmen
Wielerronde van Boxmeer-Daags na de Tour
Gouden Pijl
Classifica scalatori Vuelta al País Vasco
Trofeo Bonacossa Giro d'Italia
Classifica scalatori Giro d'Italia
Criterium di Firenze
Criterium di Lamballa
Criterium di Lourdes
Criterium di Innsbruck
Classifica punti Volta a Galena
Classifica scalatori Volta a Galena
Classifica scalatori Tour de Romandie
Criterium di Monserrato
Criterium di Quillian
Classifica punti Vuelta a Valladolid
Classifica punti Corsa della Pace
Criterium di Monserrato
Criterium di Ganadia
Criterium di Lonate Pozzolo
Criterium di Nizza
Criterium di Klagenfurt
Criterium di Tolosa

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

1987: 48º
1988: 24º
1989: 46º
1990: 12º
1991: 2º
1992: 2º
1993: 3º
1994: 5º
1995: 4º
1996: ritirato (20ª tappa)
1998: 60º
1989: 81º
1990: 2º
1991: 3º
1992: 2º
1993: 6º
1994: non partito (12ª tappa)
1995: 11º
1988: 26º
1997: 11º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

1986: 85º
1991: vincitore
1992: 186º
1994: 37º
1995: 8º
1996: 98º
1997: 29º
1998: 27º
1989: 53º
1995: 4º
1997: 6º
1989: 28º
1990: 62º
1987: 35º
1989: 41º
1990: 51º
1991: 35º
1992: 44º
1993: 6º
1994: 4º
1995: 7º
1996: 14º
1997: 17º
1985: 25º
1986: 27º
1988: 9º
1989: 15º
1990: ritirato
1991: ritirato
1992: 2º
1993: 4º
1994: 2º
1995: 6º
1996: 21º

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) 77ème Tour de France 1990 - 1ème étape, www.memoire-du-cyclisme.net. URL consultato il 25 luglio 2012.
  2. ^ Tour, Chiappucci si arrende a Lemond, cinquantamila.corriere.it. URL consultato il 25 luglio 2012.
  3. ^ (FR) 77ème Tour de France 1990 - 20ème étape, www.memoire-du-cyclisme.net. URL consultato il 25 luglio 2012.
  4. ^ Chiappucci vince la Milano-Sanremo, cinquantamila.corriere.it. URL consultato il 25 luglio 2012.
  5. ^ Gianfranco Josti, Chiappucci vive un giorno da Coppi in archiviostorico.corriere.it, 19 luglio 1992. URL consultato il 25 luglio 2012.
  6. ^ (FR) 79ème Tour de France 1992 - 13ème étape, www.memoire-du-cyclisme.net. URL consultato il 25 luglio 2012.
  7. ^ Gianfranco Josti, Chiappucci re a casa Indurain in archiviostorico.corriere.it, 8 agosto 1993. URL consultato il 25 luglio 2012.
  8. ^ a b Gianfranco Josti, Fulvio Astori, Chiappucci, l' abbonato di seconda fila in archiviostorico.corriere.it, 29 agosto 1994. URL consultato il 25 luglio 2012.
  9. ^ Gianfranco Josti, L' antidoping ferma Chiappucci, saltera' il Giro in archiviostorico.corriere.it, 9 maggio 1997. URL consultato il 25 luglio 2012.
  10. ^ Gianfranco Josti, Fabio Felicetti, I test fermano Chiappucci, addio Mondiale. IL PERSONAGGIO in archiviostorico.corriere.it, 11 ottobre 1997. URL consultato il 25 luglio 2012.
  11. ^ Claudio Chiappucci, cinquantamila.corriere.it. URL consultato il 25 luglio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]