Passo del Turchino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Passo del Turchino
Passo del Turchino.jpg
L'imbocco della vecchia galleria di valico
Stato Italia Italia
Regione Liguria Liguria
Provincia Genova Genova
Località collegate Mele
Masone
Altitudine 588 m s.l.m.
Coordinate 44°29′12.84″N 8°44′06″E / 44.4869°N 8.735°E44.4869; 8.735Coordinate: 44°29′12.84″N 8°44′06″E / 44.4869°N 8.735°E44.4869; 8.735
Infrastruttura Strada statale 456 del Turchino
Costruzione del collegamento 1872
Pendenza massima 6,8%
Lunghezza 37,4 km
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Passo del Turchino

Il passo del Turchino è un valico posto tra il comune di Masone e il comune di Mele oltrepassato dalla strada statale 456 del Turchino (ora strada provinciale 456 del Turchino) che collega Isola d'Asti a Genova Voltri attraverso Acqui Terme e quindi Genova con il settore sud-occidentale della provincia di Alessandria e con Asti. Il toponimo è di origine incerta, il valico lo riprende dal soprastante monte Turchino, un'altura di 672 m che divide le valli dei torrenti Gorsexio e Ceresolo (bacino del Leiro) dalla valle Stura.

L'altitudine reale del passo, sul quale transitano il sentiero dell'Alta Via dei Monti Liguri e la strada carrozzabile proveniente dall'Acquasanta, attraverso le Giutte, è di 588 m s.l.m. mentre la quota 532 m s.l.m. si riferisce alla galleria di valico sulla strada provinciale, che passa più in basso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È uno dei passi più bassi dell'intera catena appenninica, tuttavia fino all'epoca moderna gli fu preferito il vicino Giovo di Masone (676 m s.l.m.), un altro valico posto circa 2,5 km ad ovest del Turchino, in prossimità del quale transita l'attuale strada provinciale del Faiallo e che, fino alla metà del XIX secolo, era attraversato dall'antica via della Canellona, strada di epoca probabilmente alto-medievale, che consentiva di collegare Voltri e Masone, attraverso il crinale che separa la Val Leira dalla Val Cerusa.

L'importanza del passo del Turchino, come via di comunicazione tra mar Ligure e pianura piemontese risale quindi a tempi relativamente recenti, ossia al 1872, quando venne aperta la strada carrozzabile del Turchino, che soppiantò il vecchio tracciato.

Nel 1894 venne poi inaugurata la linea ferroviaria Genova-Ovada-Acqui Terme che supera il valico con una galleria di 6,3 km, perfettamente rettilinea, congiungendo le stazioni di Mele e Campo Ligure.

Oggi il passo non è molto battuto dal traffico automobilistico che si è in gran parte spostato sull'autostrada A26, aperta al traffico nel 1977, relegando il valico al solo traffico automobilistico locale.

A partire del XIII secolo, e fino al XVI secolo, nella zona del monte Turchino acquisì notevole importanza l'estrazione della quarzite che veniva usata in valle Stura per la produzione del vetro tanto che la pietra stessa veniva chiamata pietra turchina. Un centro importante per la produzione del vetro era posizionato nella valle Gargassa (il torrente Gargassa è un affluente dello Stura), in località Veirera, dove è stata accertata la presenza di una fornace risalente al XIII secolo[1].

Strage del Turchino[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Strage del Turchino.

Nelle vicinanze, lungo la Strada Provinciale SP73 del passo del Faiallo, collegante Mele e il retroterra voltrese con l'alta Valle dell'Orba, si trova il Sacrario dei Martiri del Turchino che ricorda l'eccidio di 59 detenuti politici prelevati dal carcere genovese di Marassi perpetrato dai nazisti il 19 maggio 1944.

La nuova galleria[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda metà del 2010 sono stati aperti i cantieri per la realizzazione della nuova galleria di valico che sostituisce l'attuale, ormai inadeguata, percorribile solo a senso unico alternato con semafori e vietata ai mezzi pesanti.

La nuova galleria, di 270 m di lunghezza (20 artificiali e 250 in galleria naturale) è stata realizzata ad una quota inferiore dell'attuale (circa 10 m), con due ampie corsie di 3,5 m di larghezza.

È ora percorribile anche dai mezzi pesanti, rappresentando così un’alternativa in caso di eventuali interruzioni sull'autostrada A26, e rispetto a prima è transitabile contemporaneamente nei due sensi di marcia, e rappresenta senza dubbio un upgrading infrastrutturale a favore della mobilità locale delle comunità di Mele, Fado e Masone.

È stata inaugurata e aperta al transito il 19 ottobre del 2013. Per iniziativa della Provincia di Genova e dei Comuni di Mele e Masone, il nuovo tunnel è stato dedicato ai Martiri del Turchino.

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito sportivo ciclistico, il passo del Turchino è noto per essere la prima asperità di rilievo nonché il punto più elevato della Milano-Sanremo, la classica ciclistica di primavera, durante la quale la salita viene affrontata dal versante più breve e facile. Quando, ai tempi di Coppi e Bartali, la strada era ancora sterrata, la salita era considerata impegnativa e provocava selezione tra i corridori.

i corridori impegnati sulla salita del Turchino durante una recente Milano Sanremo (marzo 2005)
Versante Lunghezza Quota partenza Quota arrivo Dislivello Pendenza media
Ovada 25,80 159 532 373 1,4 %
Voltri 11,60 6 532 526 4,5 %

In realtà, dal lato nord, la salita del Turchino vera e propria inizia a Masone (m 403 s.l.m.) ed è lunga circa 3 km.

Il passo del Turchino in televisione[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 gennaio del 1978 all'interno dello spettacolo televisivo Portobello, condotto da Enzo Tortora, Piero Diacono, un tranviere milanese, propose lo spianamento del passo del Turchino come metodo per diminuire la formazione della nebbia nella pianura padana (lo spezzone è visibile su YouTube qui). La proposta suscitò sui media un acceso dibattito, con intervento di illustri meteorologi sull'influsso che una maggiore circolazione d'aria marina avrebbe potuto avere sulla nebbia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ archeologiamedievale.unisi.it/NewPages/TESTIprogetti/lerma.rtf

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]