Ferrovia Asti-Genova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Asti-Genova
Mappa ferr Asti-Genova.png
Inizio Asti
Fine Genova
Stati attraversati Italia Italia
Apertura 1893-1894
Gestore RFI (FS)
Precedenti gestori RM (1893-1905)
Scartamento 1435 mm
Elettrificazione 3000 V CC
Ferrovie

La ferrovia Asti-Genova è la denominazione storica[1] di una linea ferroviaria italiana che collegava Asti a Genova e al suo porto, passando per Acqui Terme. Secondo i fascicoli linea del 2003 il percorso è suddiviso in due linee, la Asti–Acqui Terme[2] e la Acqui Terme–Ovada-Genova[3], mentre i treni passeggeri che collegano direttamente il capoluogo ligure con Asti sono instradati lungo la ferrovia Torino-Genova.

La gestione dell'infrastruttura e degli impianti ferroviari è affidata a RFI SpA, società del gruppo Ferrovie dello Stato, che le qualifica tra le linee complementari[4].

Il ponte sul fiume Tanaro della ferrovia Asti-Acqui Terme, presso Asti

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tratta Inaugurazione[5]
Asti-Ovada 19 giugno 1893
Ovada-Genova 18 giugno 1894

Il senatore Giuseppe Saracco di Bistagno, più volte Ministro a quel tempo, si fece promotore in Parlamento della costruzione della linea ferroviaria Genova-Ovada-Acqui, collegata a nord con Asti, che così acquistava un duplice collegamento con il porto di Genova.

I lavori iniziarono verso il 1890 e il 14 novembre 1892 veniva abbattuto l'ultimo diaframma della galleria Cremolino, tra Prasco e Molare. Il 19 giugno 1893 si inaugurava la tratta Asti-Ovada e successivamente, il 17 giugno 1894, Sampierdarena-Ovada[6].

L'esercizio della linea si svolse inizialmente con trazione a vapore. Nel 1929 la linea fu elettrificata a corrente alternata trifase con alimentazione dalle sottostazioni elettriche di Acquasanta, Campo Ligure, Predosa e Ovada. La linea venne poi convertita a 3000 volt, corrente continua. La conversione avvenne in tre momenti: nel 1964 fu la volta della tratta Genova-Ovada, nel 1974 spettò al tronco Ovada-Acqui Terme e quindi, nel 1976, all'Asti-Acqui.

Nel 1988 le stazioni di Molare e Visone furono declassate a fermate[7].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La linea è una ferrovia a binario semplice a scartamento ordinario da 1435 mm. È elettrificata con tensione da 3000 volt in corrente continua.

La galleria di valico del Turchino, lunga 6447 metri, è a doppio binario.

Dal punto di vista della circolazione ferroviaria, la linea è dotata di sistema d'esercizio (CTC) fra Acqui Terme e Genova Borzoli e di Sistema di Comando e Controllo (SSC) nel nodo di Genova. Nel primo tronco, la circolazione è regolata dal Dirigente Centrale Operativo (DCO) di Ovada, mentre nel nodo la competenza è del DCO di Genova Teglia[8].

Sezione Acqui Terme-Genova[modifica | modifica wikitesto]

Passaggio a livello a Visone.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Stazioni e fermate
BSicon CONTg.svg Linea per Torino
Continuation to left Unknown route-map component "ABZdg" Continuation to right
linea per Castagnole delle Lanze / linea per Chivasso
BSicon BHF.svg 103+640 Asti 117 m s.l.m.
Junction to left Continuation to right
Linee per Genova e Mortara
BSicon BUE.svg Passaggio a livello
BSicon WBRÜCKE.svg Fiume Tanaro
BSicon SBRÜCKE.svg Tangenziale di Asti
BSicon BUE.svg 100+342 Passaggio a livello
BSicon BUE.svg Passaggio a livello
BSicon BRÜCKE1.svg
BSicon eHST.svg 98+571 San Marzanotto Rivi 141 m s.l.m.
BSicon DST.svg 98+411 Posto di movimento
BSicon BRÜCKE1.svg
BSicon BRÜCKE2.svg
BSicon SBRÜCKE.svg
BSicon HST.svg 95+472 Mongardino 181 m s.l.m.
BSicon tSTRa.svg
BSicon tSTRe.svg
BSicon BRÜCKE2.svg
BSicon BRÜCKE1.svg
BSicon BUE.svg Passaggio a livello
BSicon HST.svg 93+460 Vigliano d'Asti 160 m s.l.m.
BSicon BUE.svg Passaggio a livello
BSicon BUE.svg Passaggio a livello
BSicon BHF.svg 91+533 Montegrosso 156 m s.l.m.
BSicon HST.svg 86+922 Agliano-Castelnuovo Calcea 159 m s.l.m.
BSicon eHST.svg San Marzano Oliveto † 2003 147 m s.l.m.
Continuation to left Junction from right
linea per Cavallermaggiore
BSicon BHF.svg 78+685 Nizza Monferrato 138 m s.l.m.
Junction to left Continuation to right
linea per Alessandria
BSicon HST.svg 75+088 Bazzana 146 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 71+340 Mombaruzzo 175 m s.l.m.
BSicon tSTRa.svg 68+465 Galleria Alice Bel Colle (1946 m)
BSicon tSTRe.svg 66+417
BSicon HST.svg 66+188 Alice Belcolle 240 m s.l.m.
Continuation to left Junction from right
linea per San Giuseppe di Cairo
BSicon BHF.svg 58+175 Acqui Terme 161 m s.l.m.
Junction to left Continuation to right
linea per Alessandria
BSicon WBRÜCKE.svg fiume Bormida
BSicon HST.svg 55+571 Visone 166 m s.l.m.
BSicon WBRÜCKE.svg torrente Visone
BSicon tSTRa.svg 54+608 Galleria Visone (1222 m)
BSicon tSTRe.svg 53+386
BSicon BHF.svg 51+240 Prasco-Cremolino 175 m s.l.m.
BSicon tSTRa.svg 50+310 Galleria Cremolino (3408 m)
BSicon tSTRe.svg 46+902
BSicon HST.svg 45+430 Molare 200 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 43+332 Ovada 195 m s.l.m.
Junction both to and from left Continuation to right
linea per Alessandria
BSicon BHF.svg 34+794 Rossiglione 287 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 29+362 Campo Ligure-Masone (inizio doppio binario) 354 m s.l.m.
BSicon tSTRa.svg 29+130 Galleria Turchino (6648 m)
BSicon tSTRe.svg 22+686
BSicon BHF.svg 22+390 Mele (fine doppio binario) 277 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 18+081 Genova Acquasanta 213 m s.l.m.
BSicon tSTRa.svg 14+910 Galleria Cantalupo (1073 m)
BSicon tSTRe.svg 13+837
BSicon HST.svg 11+890 Genova Granara 118 m s.l.m.
BSicon HST.svg 9+445 Genova Costa * 1994
BSicon ABZlf.svg linea per Voltri
BSicon BHF.svg 7+814 Genova Borzoli 58 m s.l.m.
BSicon ABZrg.svg
5+772
0+305
bivio Polcevera Linea "succursale" per Arquata
BSicon WBRÜCKE1.svg torrente Polcevera
BSicon SPLa+l+g.svg 0+000 Quadrivio Torbella Linea per Torino (storica)
Unknown route-map component "KRW+l" Unknown route-map component "vSTRegr"
0+000
160+136
Quadrivio Torbella
Unknown route-map component "AKRZu" Unknown route-map component "AKRZu"
Autostrada A10
Unknown route-map component "vDSTa" Straight track
161+470 Genova Sampierdarena Smistamento
Transverse track Unknown route-map component "vABZqrl" Unknown route-map component "vSTRg+r"
linea per Ventimiglia
BSicon SPLe+vBHF.svg 162+219 Genova Sampierdarena 9 m s.l.m.
BSicon BHF.svg
165+288
0+000
Genova Piazza Principe
BSicon TUNNEL1.svg Gallerie Traversata Nuova (2002 m) e Traversata Vecchia (2027 m) (in affiancamento)
BSicon BHF.svg 2+542 Genova Brignole
BSicon STR.svg Linea per La Spezia e Pisa

Traffico[modifica | modifica wikitesto]

La linea viene percorsa da treni regionali su due direttrici:

È inoltre impiegata da alcuni treni merci, instradati da e per la bretella ferroviaria Voltri - Borzoli, al servizio del Voltri Terminal Europa (VTE). All'ingresso sud di Ovada è presente una bretella di binari che permette ai merci provenienti e diretti a Genova di entrare direttamente sulla Ovada-Alessandria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si veda per es Guida d'Italia del Touring Club Italiano, Volume 1, Piemonte (non compresa Torino), Touring Editore, 1976, ISBN 9788836500017, pag 173
  2. ^ Rete Ferroviaria Italiana. Fascicolo linea 11 Asti–Acqui
  3. ^ Rete Ferroviaria Italiana. Fascicolo linea 76 Acqui Terme–Ovada-Genova
  4. ^ RFI - Rete in esercizio (PDF). URL consultato il 16 gennaio 2010.
  5. ^ Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926
  6. ^ Sviluppo delle ferrovie italiane dal 1839 al 31 dicembre 1926, Roma, Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, 1927. Vedi Alessandro Tuzza, Trenidicarta.it, 1997-2007. URL consultato il 16 gennaio 2010.
  7. ^ Notizie flash, in "I Treni Oggi" n. 84 (luglio 1988), p. 9.
  8. ^ RFI SpA. Fascicolo Linea 76. Aggiornato CC 20/2009. p. 18.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rete Ferroviaria Italiana. Fascicolo linea 11 (Asti–Acqui Terme)
  • Rete Ferroviaria Italiana. Fascicolo linea 76 (Acqui Terme–Genova)
  • Aurelio Battaglia, Da Genova, a Ovada e ad Acqui in Voci della Rotaia, Roma, Ferrovie dello Stato, 1978.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]