Giorgio Furlan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio Furlan
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada, pista
Ritirato 1998
Carriera
Squadre di club
1989 Malvor Malvor
1990 Diana Diana
1991-1993 Ariostea Ariostea
1994-1995 Gewiss Gewiss
1996-1997 Saeco Saeco
1998 Vini Caldirola Vini Caldirola
Nazionale
1992-1994 Italia Italia
 

Giorgio Furlan (Treviso, 9 marzo 1966) è un ex ciclista su strada e pistard italiano. Professionista dal 1989 al 1998, conta due successi di tappa al Giro d'Italia e una vittoria alla Milano-Sanremo.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Esordi[modifica | modifica sorgente]

Da dilettante vinse numerose classiche del Calendario italiano come il Trofeo Gianfranco Bianchin nel 1985 e 1986, il Giro del Medio Brenta sempre nel 1986, il Gran Premio Sportivi di Poggiana nel 1987, la Milano-Rapallo, la Ruota d'Oro-Festa del Perdono e il Giro dell'Umbria nel 1988.

Professionista[modifica | modifica sorgente]

Professionista dal 1989, è stato uno dei corridori italiani più vittoriosi nella prima metà degli anni novanta. Ha vinto infatti classiche come la Milano-Sanremo e la Freccia Vallone (davanti a Gérard Rué e Davide Cassani) e corse a tappe come il Tour de Suisse (davanti a Gianni Bugno), la Tirreno-Adriatico e il Critérium International, fregiandosi anche del titolo di campione italiano su strada.

Doping[modifica | modifica sorgente]

Sulla sua carriera pesa però l'ombra del doping. Infatti, relativamente al periodo dei suoi più importanti successi, ai tempi in cui militava nel team Gewiss-Ballan, rimase invischiato nelle indagini sull'uso di pratiche illecite nel ciclismo. Il 7 gennaio 2000, quando ormai aveva abbandonato l'attività agonistica, è stato deferito dal Coni per doping ematico.[1]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Trofeo Gianfranco Bianchin
Trofeo Gianfranco Bianchin
Giro del Medio Brenta
Gran Premio Sportivi di Poggiana
Milano-Rapallo
Ruota d'Oro - Festa del Perdono
Giro dell'Umbria
  • 1990 (Diana, due vittorie)
Gran Premio Città di Camaiore (valido come Campionato italiano)
Campionati italiani, Prova in linea
  • 1991 (Ariostea, una vittoria)
Coppa Bernocchi
  • 1992 (Ariostea, sei vittorie)
2ª tappa Critérium International (Fontaine de Vaucluse > Cheval Blanc)
Waalse Pijl
Giro di Toscana
13ª tappa Giro d'Italia (Corvara in Badia > Monte Bondone)
2ª tappa Tour de Suisse (Dübendorf > Schindellegi)
Classifica generale Tour de Suisse

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

1ª prova Gran Premio Sanson (Criterium)

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

1994: 58º
1997: 74º
1990: 126º
1991: 60º
1992: 19º
1993: 12º
1994: non partito (12ª tappa)
1995: 34º
1996: non partito (21ª tappa)
1998: 62º
1995: non partito (7ª tappa)
1996: 43º
1997: 78º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

1990: 76
1991: 41º
1992: 59º
1993: 6º
1994: vincitore
1995: 119º
1996: 72º
1987: 75º
1990: 109º
1996: 43º
1992: 8º
1993: 7º
1994: 3º
1996: 35º
1991: 28º
1993: 2º
1994: 20º
1996: 39º

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Benidorm 1992 - In linea: ritirato
Palermo 1994 - In linea: 22º

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Borraccia d'oro dell'Associazione Ex Ciclisti della Provincia di Treviso nel 2011

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Les curieuses statistiques de Gewiss in cyclisme.dopage.free.fr, 13 marzo 1999. URL consultato il 10 aprile 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]