Olimpio Bizzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Olimpio Bizzi
Olimpio bizzi grosseto 02 05 1939.jpg
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 1950
Carriera
Squadre di club
1935-1939 Fréjus Fréjus
1940-1943 Bianchi Bianchi
1945-1947 Viscontea Viscontea
1948 Ricci Ricci
Viscontea Viscontea
1949 Edelweiss
Guerra Guerra
1950 Guerra Guerra
1951 Guerra Guerra
Carrara-Hutchinson
1952 Guerra Guerra
 

Olimpio Bizzi (Livorno, 1 agosto 1916Abetone, 3 agosto 1976) è stato un ciclista su strada italiano. Professionista tra il 1935 ed il 1952.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Corse per la Frejus, la Bianchi, la Viscontea, la Ricci, la Guerra e la Carrara, distinguendosi come velocista. Era soprannominato "il Morino di Livorno" o "il Pecino".

Vinse tredici tappe del Giro d'Italia su nove partecipazioni, tra il 1936 ed il 1951. Fu campione italiano nel 1938, vinse due volte la Tre Valli Varesine (1937 e 1939), due volte il Giro di Toscana (1937 e 1943) ed il Giro del Marocco nel 1950.

Durante la Parigi-Roubaix del 1947, che stava conducendo grazie a 210 chilometri di fuga solitaria, presso l'abitato di Wattignies fu vittima di un errore di direzionamento: dopo aver percorso la strada sbagliata riuscì a rientrare sul tracciato ufficiale, continuò la gara ma, complice anche la rottura della ruota posteriore nei dintorni di Lesquin, venne ripreso a soli due chilometri dal velodromo di Roubaix.[1] La vittoria andrà a Georges Claes.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Strada[modifica | modifica sorgente]

Pista[modifica | modifica sorgente]

Campionati italiani, Inseguimento individuale

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

1936: ritirato
1937: ritirato
1938: 20º
1939: 11º
1940: ritirato
1946: ritirato
1948: ritirato
1950: 53º
1951: 74º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

1936: 3º
1937: 5º
1938: 10º
1939: 11º
1940: 15º
1941: 15º
1942: 19º
1943: 10º
1947: 6º
1948: 4º
1949: 44º
1951: 121º
1947: 4º
1948: 44º
1949: 80º
1938: 25º
1939: 6º
1941: 8º
1942: 7º
1947: 22º
1948: 19º
1949: 42º
1950: 70º

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Philippe Bouvet, Paris-Roubaix: une journée en enfer, Issy-les-Moulineaux, L'Équipe, 2006, pag. 102, ISBN 9782915535211.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]