Giacomo Nizzolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giacomo Nizzolo
Giacomo Nizzolo 4JDD2011.JPG
Nizzolo alla Quatre Jours de Dunkerque 2011
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 184[1] cm
Peso 72[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Squadra 600px Nero e Bianco (Strisce sottili).PNG Trek Factory
Carriera
Giovanili
G.S. Giovani Giussanesi (Giovanissimi, Esordienti (due secondi posti agli italiani) e due anni di Allievo.
Squadre di club
2008-2010 Trevigiani Trevigiani
2011 Team Leopard Team Leopard
2012-2013 RadioShack RadioShack
2014 600px Nero e Bianco (Strisce sottili).PNG Trek Factory
Statistiche aggiornate al gennaio 2014

Giacomo Nizzolo (Milano, 30 gennaio 1989) è un ciclista su strada italiano che corre per il team Trek Factory Racing. È un velocista,[1] ed è professionista dal 2011.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Brianzolo d'origine, nelle categorie giovanili Nizzolo fu attivo sia su strada che su pista, specialità in cui ottenne diversi podi nei campionati italiani. Tra i Dilettanti Under-23 gareggiò per due stagioni con la Filmop/Bottoli e per un anno con la Trevigiani, ottenendo in totale ventisei successi, dodici dei quali nel 2010,[1] nelle gare del calendario nazionale di categoria.

Passò professionista nel 2011 con la Team Leopard-Trek, neonata formazione ProTour lussemburghese. Colse già quell'anno la prima vittoria da pro nel circuito Europe Tour – si aggiudicò la quinta tappa della Bayern-Rundfahrt – piazzandosi inoltre secondo nella tappa di El Vendrell alla Volta Ciclista a Catalunya.[1] Nel 2012 partecipa al suo primo Giro d'Italia, piazzandosi al terzo posto nella frazione con arrivo a Frosinone e portando a termine la corsa, al 130º posto. Nel mese di luglio si impone nella classifica finale del Tour de Wallonie dopo essersi aggiudicato in volata la terza tappa, da Marche-en-Famenne a Beaufay. In agosto si piazza in due importanti gare in linea: è terzo nella Vattenfall Cyclassics e quinto nel Grand Prix Ouest France.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

  • 2008 (Dilettanti Under-23, Filmop-Ramonda-Bottoli, tre vittorie)
Trofeo S.C. Marcallo con Casone
Memorial Andrea Crescenzio e Luciano Bottaro
Trofeo Sportivi Magnaghesi
  • 2009 (Dilettanti Under-23, Bottoli-Nordelettrica-Ramonda, undici vittorie)
Gran Premio dell'Industria Civitanova Marche
Coppa San Bernardino
Coppa Città di Melzo
Coppa Caduti Buscatesi
Circuito del Termen
Trofeo Papà Cervi
Gran Premio Sportivi di San Vigilio di Concesio
Medaglia d'Oro Nino Ronco
Targa Libero Ferrario
Circuito Alzanese
Circuito Mezzanese
  • 2010 (Dilettanti Under-23, Trevigiani-Dynamon-Bottoli, dodici vittorie)
Gran Premio Ceda
Memorial Fratelli Gandolfi
Circuito di Sant'Urbano
Gran Premio Fiera della Possenta
Gran Premio Rinascita
Trofeo Artigiani e Commercianti - Notturna Piombino Dese
Coppa Quagliotti
Medaglia d'Oro Nino Ronco
Circuito Città di San Donà
Circuito dell'Assunta
Medaglia d'Oro Città di Villanova di Camposampiero
Coppa Mobilio Ponsacco
  • 2011 (Team Leopard-Trek, una vittoria)
5ª tappa Bayern-Rundfahrt
  • 2012 (Radioshack-Nissan, quattro vittorie)
3ª tappa Tour de Wallonie
Classifica generale Tour de Wallonie
5ª tappa Eneco Tour (Hoogerheide > Aalter)
3ª tappa Tour du Poitou-Charentes
  • 2013 (Radioshack-Leopard, due vittorie)
2ª tappa Tour de Luxembourg (Schifflange > Walferdange)
3ª tappa Tour de Luxembourg
  • 2014 (Trek Factory Racing, una vittoria)
3ª tappa Tour de San Luis

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

  • 2009 (Dilettanti Under-23, Bottoli-Nordelettrica-Ramonda)
2ª tappa Vuelta a Tenerife (cronometro a squadre)
  • 2012 (Radioshack-Nissan)
Classifica punti Eneco Tour
  • 2013 (Radioshack-Leopard)
Classifica punti Volta ao Algarve

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

2012: 130º
2013: 130º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

2013: ritirato
2011: ritirato
2012: ritirato

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Giacomo Nizzolo, www.radioshacknissantrek.com. URL consultato il 5 maggio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]