Ematocrito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'ematocrito o PCV dall'inglese PACKED CELL VOLUME, è un esame del sangue che indica la percentuale del volume sanguigno occupata dalla componente eritrocitaria: globuli rossi. Il suo valore normale si situa dal 37 al 48% per le donne, mentre normalmente per il sesso maschile è più alto (42-52%), mentre nei neonati ha un valore molto alto, mentre si riduce in caso di età avanzata e gravidanza[1]. La percentuale restante è occupata dalla frazione liquida, il plasma, i leucociti, anche detti globuli bianchi e le piastrine.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È un indice molto importante nella valutazione di un eventuale stato anemico, poiché in tal caso il valore dell'ematocrito risulta diminuito.

Al contrario, tale valore aumenta in tutte quelle situazioni nelle quali si ha esuberante produzione di globuli rossi e di emoconcentrazione, con conseguente riduzione della frazione plasmatica del sangue (policitemia). In questo caso aumenta notevolmente la viscosità del sangue e secondo la legge di Hagen-Poiseuille la velocità del sangue viene notevolmente diminuita.

Esistono condizioni fisiologiche, come la gravidanza, in cui si instaura una cosiddetta "anemia fisiologica". Con questo termine si intende specificare che l'ematocrito, a causa dell'aumento della componente plasmatica del sangue, risulta "diluito", e si situa quindi a valori leggermente più bassi di quelli normalmente presenti nel sangue della donna al di fuori della gravidanza.

In alcuni sport, come il ciclismo, il regolamento impone un limite massimo al valore dell'ematocrito degli atleti per tutelare la loro salute e per prevenire la pratica del doping. L'atleta il cui valore supera il limite viene escluso dalla competizione a scopo cautelativo per effettuare accertamenti. Si ricerca infatti la presenza di eritropoietina (EPO) nelle urine, un ormone fisiologicamente prodotto dall'organismo umano che spesso viene utilizzato come farmaco ricombinante in diverse patologie e come sostanza dopante in quanto aumenta il valore dell'ematocrito.

Oligocitemia[modifica | modifica sorgente]

Quando il valore dell'ematocrito scende al di sotto del valore normale tale condizione si definisce di oligocitemia.

Note[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina