David Gilmour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
David Gilmour
David Gilmour, 2006
David Gilmour, 2006
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Rock progressivo
Rock psichedelico
Blues rock
Periodo di attività 1963 – in attività
Strumento voce, chitarra, steel guitar, basso, batteria, percussioni, sintetizzatore, tastiere, organo, piano, armonica, mandolino, banjo, cümbüş, sassofono
Etichetta Capitol
Columbia
Sony
EMI
Album pubblicati 5
Sito web

David Jon Gilmour, CBE (Cambridge, 6 marzo 1946) è un cantautore, polistrumentista, compositore e produttore discografico britannico. Dal 1968 al 1995 è stato il chitarrista e cantante dello storico gruppo inglese dei Pink Floyd, con cui è diventato uno dei più influenti e celebri chitarristi del rock. In aggiunta al suo lavoro con i Pink Floyd, Gilmour ha lavorato come produttore discografico per molti artisti, ha intrapreso, con successo, una carriera da solista e ha partecipato come membro attivo a varie organizzazioni di beneficenza. Nel 2003 viene nominato Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico (CBE) per i suoi contributi nel campo della musica e la sua filantropia. Nel 2009 La Anglia Ruskin University di Cambridge e Chelmsford ha deciso di conferire a David Gilmour la Laurea Honoris Causa per il suo eccezionale contributo alla musica come scrittore, esecutore e innovatore.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Infanzia, adolescenza e primi approcci alla musica (1946 - 1966)[modifica | modifica sorgente]

David Gilmour, nasce a Cambridge, in Inghilterra. Suo padre, Douglas Gilmour, era professore di zoologia all'università di Cambridge e sua madre, Sylvia, lavorava come insegnante e come montatrice. Nel documentario Pink Floyd a Pompei, Gilmour definisce la famiglia di provenienza come nouveau riche.
Da giovane Gilmour frequenta, sempre nella sua città natale, la Perse School e conosce il futuro chitarrista e cantante dei Pink Floyd, Syd Barrett, che frequentava la Cambridgeshire High School for Boys; le due scuole si trovavano sulla stessa via. Studia lingue moderne a livello avanzato e, insieme a Barrett, impara a suonare la chitarra approfittando del tempo che veniva concesso agli studenti per pranzare. I due, tuttavia, non suonano ancora nella stessa band e Gilmour, nel 1963, comincia a suonare nella band Joker's Wild, che lascia nel 1966. Dopo l'abbandono della band parte per suonare nelle strade della Francia e della Spagna, con alcuni amici, ma senza successo. Nel luglio 1992, in un'intervista con Nicky Horne per la radio della BBC, Gilmour dice di essere stato ricoverato, a causa di quello stile di vita, in un ospedale per malnutrizione. Torna in Inghilterra con i suoi amici in un furgoncino per il quale avevano rubato la benzina in un cantiere in Francia.

Pink Floyd (1967 - 1996)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pink Floyd.

Gilmour viene avvicinato nel dicembre 1967 dal batterista Nick Mason, che gli chiede se sia interessato ad unirsi ai Pink Floyd, cosa che fa nel 1968, facendo salire, anche se per poco tempo, a cinque il numero dei componenti della band. Il suo compito iniziale è quello di rimediare agli errori di Syd Barrett durante le esibizioni dal vivo. Barrett, infatti, stava avendo seri problemi mentali esacerbati dall'eccessivo uso di droghe, in particolare di LSD. Quando, ad aprile 1968, Barrett viene costretto a lasciare il gruppo a causa del suo comportamento incostante e problematico, Gilmour diventa il chitarrista principale e il cantante, insieme al bassista Roger Waters e al tastierista Richard Wright, del gruppo.

Un concerto dei Pink Floyd nel 1973.

Dopo l'enorme successo di The Dark Side of the Moon e Wish You Were Here, Waters prende il controllo sulla band, scrivendo la gran parte di Animals e The Wall. Wright viene licenziato durante la registrazione di quest'ultimo album e i rapporti tra Gilmour e Waters cominciano a deteriorarsi durante le riprese del film Pink Floyd The Wall e la registrazione dell'album The Final Cut, nel 1983.

Dopo la registrazione di Animals, Gilmour comincia a pensare che la sua influenza musicale non venga sfruttata appieno e, nel 1978, pubblica David Gilmour, il suo primo album da solista, che mette in primo piano il suo peculiare stile di esecuzione, oltre ad evidenziare le sue capacità di autore. Un brano scritto durante gli ultimi giorni di preparazione dell'album, quando ormai era troppo tardi per inserirlo, diventa conosciuto grazie a The Wall con il titolo di Comfortably Numb[1].

L'atmosfera negativa che si produce durante la creazione di The Wall, sia l'album che il film, aggravata dall'uscita di The Final Cut, che in sostanza era un album da solista di Waters, spinge Gilmour a pubblicare, nel 1984, un secondo album da solista: About Face. Il tour per pubblicizzare l'album non ha un grande successo, a causa della scarsa quantità di biglietti venduti.

Gilmour negli anni settanta.

Nel 1985 Waters dichiara che i Pink Floyd sono "creativamente uno spreco di energie". Comunque, nel 1986, Gilmour e il batterista Nick Mason emettono un comunicato stampa in cui dicono che anche se Waters ha lasciato il gruppo, intendono rimanere uniti sotto il nome di "Pink Floyd". Così Gilmour assume il controllo completo della band e produce nel 1987 l'album A Momentary Lapse of Reason, con il contributo di Nick Mason e Richard Wright. Wright si riunisce ufficialmente al gruppo per una lunga tournée e dà un contributo fondamentale per la creazione di The Division Bell, nel 1994. A proposito dell'album Gilmour spiega:

(EN)
« I had a number of problems with the direction of the band in our recent past, before Roger left. I thought the songs were very wordy and that, because the specific meanings of those words were so important, the music became a mere vehicle for lyrics, and not a very inspiring one. .. Dark Side of the Moon and Wish You Were Here were so successful not just because of Roger's contributions, but also because there was a better balance between the music and the lyrics than there has been in more recent albums. That's what I'm trying to do with A Momentary Lapse of Reason; more focus on the music, restore the balance. »
(IT)
« Ho avuto alcuni problemi con la direzione del gruppo nel nostro recente passato, prima che Roger se ne andasse. Io pensavo che le canzoni fossero molto verbose e che, dato che il significato specifico di quelle parole era così importante, la musica fosse diventata un mero mezzo per accompagnare le parole e non per ispirarle. ..Dark Side of the Moon e Wish You Were Here hanno avuto così tanto successo non solo per i contributi di Roger, ma anche perché c'era un'armonia maggiore, tra la musica e le parole, di quanta ce ne sia stata negli album più recenti. Questo è quello che sto cercando di fare con A Momentary Lapse of Reason; più concentrazione sulla musica, ripristinare l'armonia. »

Nel 1986 Gilmour acquista la casa galleggiante Astoria, che si trova lungo il Tamigi, vicino Hampton Court, e la trasforma in uno studio di registrazione. I due album più recenti dei Pink Floyd, oltre che l'ultimo album da solista di Gilmour, sono stati registrati lì.

Dopo i Pink Floyd; riunione del gruppo e altri progetti (1997 - oggi)[modifica | modifica sorgente]

Il 2 luglio 2005, Gilmour suona con i Pink Floyd — incluso Roger Waters — durante il Live 8 di Londra. L'esibizione causa un incremento temporaneo delle vendite dell'album dei Pink Floyd Echoes: The Best of Pink Floyd pari al 1343%[2]; di conseguenza Gilmour dona in beneficenza tutti i profitti derivati dal Live 8[2], dicendo:

« Though the main objective has been to raise consciousness and put pressure on the G8 leaders, I will not profit from the concert. This is money that should be used to save lives. »
Dettaglio del palco del Live 8 di Londra durante l'esibizione dei Pink Floyd.

Poco tempo dopo, invita tutti gli artisti che stanno avendo un aumento delle vendite grazie alla loro esibizione durante il concerto a donare le entrate extra alla raccolta di fondi del Live 8. Poco dopo questa riunione vengono offerti 150 milioni di sterline ai Pink Floyd, per fare un tour negli Stati Uniti, ma il gruppo rifiuta l'offerta[3].

Il 3 febbraio 2006 Gilmour annuncia in un'intervista esclusiva per il giornale italiano La Repubblica[4] che i Pink Floyd non avrebbero più pubblicato nuovo materiale e non sarebbero andati nuovamente in tour:

« Penso di averne avuto abbastanza. Ho 60 anni. Non voglio più lavorare tanto. È un'importante parte della mia memoria, ho avuto enormi soddisfazioni, ma adesso basta. È molto più confortevole lavorare per conto mio. »

Gilmour rivela inoltre, parlando del Live 8, che con la loro ultima esibizione insieme si è voluto assicurare che la storia dei Pink Floyd non finisse su una nota amara.

« (Rispondendo alla domanda "perché ha fatto un'eccezione per Live 8?") Per molte ragioni. La prima era ovviamente aiutare la causa. La seconda è che io e Roger abbiamo avuto pessime relazioni e questo è uno spreco d'energia e anche una brutta cosa da portare nel cuore, per cui avevamo voglia di fare qualcosa per scacciare tutta quella spazzatura. La terza è che se non l'avessi fatto forse l'avrei rimpianto per sempre. »

Il 20 febbraio 2006 Gilmour, durante un'intervista per Billboard.com, commenta nuovamente l'ipotetica futura riunione dei Pink Floyd dichiarando:

« Chissà? Non ho assolutamente in progetto di farlo. I miei progetti sono di fare i miei concerti e pubblicare il mio album da solista. »

Nel dicembre 2006 Gilmour pubblica una versione del primo singolo del Pink Floyd, Arnold Layne, quale tributo personale a Syd Barrett, morto nel luglio dello stesso anno. Tra gli artisti che hanno eseguito il brano, registrato dal vivo alla Royal Albert Hall di Londra, spiccano Richard Wright, alla tastiera, e David Bowie. Il singolo entra nella Top 75 inglese, posizionandosi alla posizione numero 19 e rimanendo stabile per tre settimane[5].

Fin dall'apparizione del gruppo al completo nel 2005 al Live 8 di Londra, Gilmour afferma ripetutamente che quella era stata l'ultima riunione nella storia dei Pink Floyd e, nel settembre 2008, con la morte di Richard Wright, ciò diventa un fatto. Gilmour piange con dolore la morte del suo compagno e amico e dice[6]:

(EN)
« In the welter of arguments about who or what was Pink Floyd, Rick's enormous input was frequently forgotten. He was gentle, unassuming and private but his soulful voice and playing were vital, magical components of our most recognised Pink Floyd sound. Like Rick, I don't find it easy to express my feelings in words, but I loved him and will miss him enormously. I have never played with anyone quite like him. »
(IT)
« Nelle discussioni su chi o cosa fossero i Pink Floyd, il contributo enorme di Rick è stato spesso trascurato. Era gentile, modesto e riservato ma la sua voce profonda e il suo modo di suonare erano vitali, magiche componenti del nostro riconoscibile sound. Come Rick non mi è facile esprimere i miei sentimenti a parole, ma gli ho voluto veramente bene e mi mancherà terribilmente. Non ho mai suonato con nessuno come lui. »

Il 10 luglio 2010 Gilmour si è esibito per la Hoping Foundation insieme a Roger Waters ed ha confermato che avrebbe suonato Comfortably Numb in almeno uno dei suoi prossimi show The Wall Live di Roger Waters. Questo è successo il 12 maggio 2011 durante un concerto di Waters a Londra, alla O2 Arena. Alla fine del concerto sale sul palco anche l'ultimo membro dei Pink Floyd rimasto in vita, Nick Mason, per suonare insieme al resto della band Outside the wall.

Canzoni dei Pink Floyd composte interamente da Gilmour[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti e attività[modifica | modifica sorgente]

Gilmour nel 1984, durante il tour di About Face.

Al di fuori del tempo impiegato nei Pink Floyd, Gilmour svolge vari lavori come produttore, turnista e anche come tecnico del suono per una grande varietà di spettacoli di artisti come il suo compagno di band Syd Barrett, Kate Bush, Grace Jones, Tom Jones, Elton John, B. B. King, Paul McCartney, Seal, Sam Brown, Jools Holland, Bob Dylan, Pete Townshend, The Who, Supertramp, Levon Helm, Robbie Robertson, Alan Parsons nel progetto Arcadia di Simon Le Bon, Nick Rhodes e Roger Andrew Taylor dei Duran Duran. Ha anche lavorato per alcune associazioni di beneficenza. Nel 1985 partecipa con Bryan Ferry al celeberrimo Wembley Live Aid.

Gilmour prende anche parte ad uno sketch comico intitolato "The Easy Guitar Book Sketch", con il comico Rowland Rivron, seguendo l'esempio di musicisti come Mark Knopfler, Lemmy dei Motorhead, Mark King dei Level 42 e Gary Moore. Il tecnico musicale Phil Taylor ha spiegato in un'intervista che Knopfler, per la trasmissione, aveva voluto suonare usando gli stessi accessori che solitamente Gilmour usa per suonare la chitarra, perché voleva suonare nel suo stesso modo durante lo sketch[7].

Tra il 1978 e il 2008 incide quattro album da solista, tutti entrati nella Top 40 britannica. Il primo, David Gilmour (1978), sale alla posizione numero 17[8]; il secondo About Face (1984), alla posizione numero 21[8]; il terzo, On an Island (2006) alla posizione numero 1[8] e l'ultimo, Live in Gdansk (2008), alla posizione numero 10[9]. Di fatto è l'unico tra gli altri membri dei Pink Floyd ad aver avuto una carriera solista di successo[senza fonte].

Nel 1994 Gilmour suona la chitarra per il videogioco Tuneland, insieme ad uno dei chitarristi di supporto dei Pink Floyd, Scott Page.

Nel 1996, Gilmour viene inserito nella Rock and Roll Hall of Fame, come membro dei Pink Floyd.

Gilmour al Live 8 nel luglio 2005

Tra il 2001 e il 2002 suona in una piccola serie di concerti acustici a Londra e a Parigi, con una piccola band e un coro, ripresi e inseriti nel DVD David Gilmour in Concert. Nel 2003 la rivista Rolling Stone inserisce Gilmour alla posizione numero 14 nella lista dei 100 migliori chitarristi secondo Rolling Stone[10].

Il 6 marzo 2006, il giorno del suo 60º compleanno, pubblica il suo terzo album da solista, On an Island, che si è posizionato al primo posto nella classifica inglese[11]. L'album ha raggiunto la quinta posizione nella classifica tedesca e in quella svedese e la sesta nella Billboard 200[12][13]. Il 10 aprile 2006 l'album viene certificato disco di platino in Canada; entra anche, nella Top 10 statunitense. È il primo album da solista dell'artista a riscuotere tanto successo. Prodotto da Gilmour con Phil Manzanera e Chris Thomas, On an Island presenta alcuni arrangiamenti del rinomato compositore polacco Zbigniew Preisner. In quest'album, inoltre, Gilmour suona, per la prima volta in un disco, il sassofono.

Per promuovere On an Island, Gilmour suona in Europa, Stati Uniti e Canada dal 10 marzo al 31 maggio 2006, accompagnato da Richard Wright, Dick Parry, Guy Pratt e Jon Carin. In Italia ci sono state tre date: 24 e 25 marzo al Teatro degli Arcimboldi di Milano ed il 26 marzo presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma. Il tour ha poi avuto un'appendice anche in estate, con alcune date in Europa ed altre tre in Italia (2 agosto in Piazza Santa Croce a Firenze ed il 4 e 5 agosto in Piazza San Marco a Venezia - rinviato poi l'11 e 12 agosto per problemi tecnici alla struttura portante del treno di luci). Parlando proprio di questo tour Gilmour dice:

« Spero veramente che con l'annuncio di questo tour, le persone cominceranno a credermi quando dico, onestamente, che questa è l'unica band con cui ho deciso di suonare! »

Il 17 settembre 2007 viene pubblicata, in due DVD, la registrazione di un concerto di Gilmour, intitolato Remember That Night - Live At The Royal Albert Hall[14]. Il doppio DVD, diretto da David Mallett, contiene oltre cinque ore di riprese, tra cui un documentario "on-the-road" e apparizioni di ospiti come David Bowie e Robert Wyatt.

Gilmour tiene l'ultimo concerto del tour "On an Island" a Danzica il 26 agosto 2006, davanti a un pubblico di 50.000 persone, per ricordare il 26º anniversario dalla rivoluzione polacca contro il regime comunista. Infatti, tra le canzoni eseguite durante il concerto, spicca A Great Day for Freedom. In questo concerto Gilmour suona con l'Orchestra Filarmonica Baltica, diretta da Zbigniew Preisner. L'album contenente la registrazione del concerto viene pubblicato il 22 settembre 2008 con il nome di Live in Gdańsk.

Il 22 maggio 2008 Gilmour vince il premio alla carriera agli Ivor Novello Awards[15] nel 2008 viene premiato ai Q Awards nella categoria "Outstanding contribution", e dedica il premio a Richard Wright, defunto da poco.[16].

Vita privata e relazioni personali[modifica | modifica sorgente]

David Gilmour (2005)

Il primo matrimonio di Gilmour è con l'americana Virginia "Ginger" Hasenbein, con la quale ha quattro figli: Alice (nata nel 1976), Clare (nata nel 1979), Sara (nata nel 1986) e Matthew (nato nel 1986). All'inizio i figli di Gilmour frequentano la Waldorf School, una delle 26 scuole steineriane inglesi, ma in seguito Gilmour li iscrive ad una scuola "classica", definendo la qualità del metodo d'insegnamento steineriano "terrificante"[17].

Il secondo matrimonio di Gilmour è con Polly Samson, dalla quale prende anche il figlio avuto da una relazione precedente in adozione (Charlie), e con cui ha tre figli: Joe, Gabriel e Roman. Gilmour supporta molte organizzazioni di beneficenza. Nel maggio 2003 vende la sua casa in Maida Vale e dona il ricavato, che ammonta a 3.6 milioni di sterline, all'associazione "Crisis", per finanziare la costruzione di residenze per i senza tetto[18]. Oltre a Crisis, Gilmour appoggia altre organizzazioni di beneficenza, come Oxfam, Greenpeace, Amnesty International, The Lung Foundation e sostiene il progetto Nordoff-Robbins per la terapia musicale.

Dal 2001, trascorre le estati nel Salento, più precisamente a Marina di Novaglie (frazione di Alessano- LE).

Gilmour è anche un esperto pilota e amante degli aeroplani d'epoca. Fonda una sua compagnia, Intrepid Aviation, un museo d'aerei d'epoca, e accumula nel tempo un'impressionante quantità di questi aeroplani. Più tardi decide di vendere la compagnia, perché, da un semplice hobby, è diventata un'attività troppo commerciale per lui. In un'intervista per la BBC dice[19]:

(EN)
« Intrepid Aviation was a way for me to make my hobby pay for itself a little bit, but gradually over a few years Intrepid Aviation became a business because you have to be businesslike about it. Suddenly I found instead of it being a hobby and me enjoying myself, it was a business and so I sold it. I don't have Intrepid Aviation any more. I just have a nice old biplane that I pop up, wander around the skies in sometimes... »
(IT)
« Intrepid Aviation era un modo per me per far sì che il mio hobby si pagasse un po' da solo, ma gradualmente, in pochi anni, Intrepid Aviation è diventato un business, dato che devi essere sistematico per gestirlo. Improvvisamente ho scoperto che invece di essere un hobby per divertirmi, era un'attività vera e propria, così l'ho venduta. Non possiedo più Intrepid Aviation. Possiedo solo un bel vecchio biplano, che ogni tanto tiro fuori, per girovagare nei cieli... »

Strumentazione e stile musicale[modifica | modifica sorgente]

Stile musicale[modifica | modifica sorgente]

Gilmour è conosciuto soprattutto per il suo lavoro da chitarrista. Il suo stile negli assolo di chitarra è caratterizzato da una musicalità influenzata dal blues, dalla presenza di numerosi bending e sustain.

Alcuni dei suoi assoli sono stati giudicati, attraverso numerosi sondaggi, tra i migliori nella storia del rock; infatti, nel gennaio 2007, i lettori della rivista Guitar World votano gli assolo di Gilmour in Comfortably Numb, Time e Money tra i 100 migliori assoli di tutti i tempi, rispettivamente al 4º, 21º e 62º posto[20]. Secondo il sito musicale DigitalDreamDoor.com Gilmour è il 14º miglior chitarrista della storia del rock[21].

Gilmour è anche un abile polistrumentista. Oltre alla chitarra, infatti, suona il basso (cosa che fa in alcune canzoni dei Pink Floyd presenti nell'album Animals del 1977), il pianoforte, la tastiera, il banjo, il mandolino, la batteria, l'armonica a bocca, il sassofono e il kazoo[22].

Strumentazione[modifica | modifica sorgente]

Segue una lista dei componenti dell'equipaggiamento che Gilmour ha usato sia nei lavori con i Pink Floyd che da solista, tour compresi.

Chitarre[modifica | modifica sorgente]

Fender

  • Stratocaster
    • Stratocaster "black over sunburst" del '69, con battipenna nero e copri-pickup color crema, monta un manico Reissue '57 del 1983 tolto da una strato color crema. Vi è anche uno switch che permette di combinare i pickup al ponte e al manico. La chitarra è dotata di un ponte vintage sincronizzato tipo 57/62 e pick up al manico e centro del '71 e un Seymour Duncan SSL1 Custom wound avvolto a mano da Seymour Duncan e installato al ponte nel 1979. Questa chitarra è lo strumento principalmente usato da Gilmour nel corso della carriera.
    • Replica del 1984 della Candy Apple Red '57 completata da un set di EMG DG-20 pickup con i controlli dei toni rimpiazzati da un mid boost EMG SPC e un equalizzatore a V EXG. Tale effetto fu usato in ogni tappa del "On An Island" tour nell'esecuzione di Shine On You Crazy Diamond. Tale strumento fu usato nel periodo seguente l'abbandono di Waters, durante i tour di A Momentary Lapse of Reason e The Division Bell.
    • Stratocaster #0001, che non è però la prima stratocaster mai costruita, ma la prima ad avere il numero di serie. È stata usata per l'ultima volta allo Strat Pack Concert nell'arena di Wembley nel 2004.
    • Replica color crema del '57, usata solamente nel tour dell'84, nella prima parte del tour che lo ha coinvolto tra il 1987 ed il 1990 e nel Live 8, in cui è stata usata anche da Tim Renwick. Dotata con gli stessi pickup EMG e circuiti dei toni della Candy Apple Red '57, dopo il concerto al live 8 il manico fu messo sulla chitarra principale nera.
    • '57 Lake Placid Blue (numero di serie #0040). Usata nelle sessioni di The Wall
    • Stratocaster a doppio manico. Usata nei concerti tra il 1970 e 1972.
    • Sunburst Stratocaster. Manico in palissandro del '63 e corpo del '59. La chitarra fu data a David da Steve Marriott degli Humble Pie and the Small Faces e benché a Gilmour non piacesse, ne adottò il manico, che sostituì alla strato nera fino al 1978.
    • Stratocaster bianca con battipenna bianco, usata alla fine degli anni sessanta. Fu un dono da parte del resto della band.[23].
  • Telecaster
    • Telecaster Blonde Custom Shop. Usata nel On an Island tour.
    • Telecaster del '52 Butterscotch replica con battipenna nero. Usata tra il 1987 e il 1995.
    • Telecaster del '59 con corpo sunburst e battipenna bianco. Usata nelle registrazioni di Animals, e nel On an Island tour.
    • Telecaster del '61 usata durante le registrazioni di The Wall e nei live dopo il 1987 per Run Like Hell, vista per l'ultima volta al concerto in memoria di Syd Barrett del 2007.
    • Telecaster con corpo marrone sfumato, usata alla fine degli anni sessanta.
    • Telecaster chiara con battipenna bianco. La principale chitarra nel primo anno con i Pink Floyd, persa da una compagnia aerea nel 1968, il che condusse Gilmour a comprare la telecaster con corpo marrone sfumato.[24]
  • Esquire
    • Corpo del '55 sunburst a tre toni conosciuto come "The workmate Tele" per via della vernice molto usurata, con pickup al manico avvolto da seymour duncan. Usata nelle registrazioni del suo primo album solista, di The Wall ed il seguente tour. Usata anche quando suonò insieme a Paul McCartney verso la fine degli anni novanta.
Gilmour nel 1977
  • Chitarra Lap Steel
    • 1950's Stringmaster con doppio manico. Usata nei primi anni settanta.[25]
    • Fender Deluxe. Usata per la prima volta nel The Division Bell tour del 1994.[25]

Gibson

Gretsch

  • Gretsch Duo-Jet
  • Bill Lewis 24-fret, usata nelle registrazioni di Dark Side of the Moon.

Ovation Guitar Company

  • Ovation Legend 1619-4 steel string. Usata nelle registrazioni di The Wall.[27]
  • Ovation Legend 1619-4 high strung steel string, usata nelle registrazioni di The Wall.[27]
  • Ovation Legend 1613-4 con corde in nylon. Usata nelle registrazioni di The Wall.[28]
  • Ovation Magnum, basso elettrico, usata nelle registrazioni di The Wall.[28]

Martin

  • Martin D-35.[27][28]
  • Martin D12-28 chitarra acustica a 12 corde.[27]
  • Martin D-18 chitarra acustica.[27]

Altre chitarre

  • Takamine chitarra acustica.
  • Taylor
  • Jose Vilaplana
  • Steinberger GL. La principale chitarra usata durante le registrazioni di A Momentary Lapse of Reason.
  • Fender Precision style, basso elettrico Fretless, usata nelle registrazioni di The Wall.
  • Music Man, basso elettrico Fretless, usato durante il concerto per Amnesty International dl 1991, durante l'esibizione di Spinal Tap nel brano "Big Bottom." (tutti i chitarristi suonarono tale strumento, e Gilmour fece un assolo).
  • Jedson, chitarra lap steel. Una rossa (usata in Shine On You Crazy Diamond Parts 6-9) ed una chiara.[25]
  • ZB steel guitar.[28]
  • Charvel U.S.A, usata nel "Colombian Volcano Appeal" e nel tour di A Momentary Lapse of Reason.

Altri strumenti[modifica | modifica sorgente]

Bassi

  • Basso Fender VI. Usato nelle sessioni di registrazione di The Wall.
  • Basso Fender Precision
  • Basso Fender Jazz. Usato nelle sessioni di registrazione di The Wall.

Amplificatori[modifica | modifica sorgente]

  • Hiwatt DR 103 con cassa WEM 4 × 12 e coni Fane Crescendo, l'accoppiata più usata da Gilmour.
  • Fender ‘56 Tweed Twin, usato per piccoli concerti.
  • Fender Twin Reverb, un combo.
  • Fender Twin Reverb II 1983 con testata da 105w.
  • Mesa Boogie Mark II C+, finale bypassato, usato come overdrive.
  • Alembic F2-B preamplificatore per basso.
  • Rotary speaker 'Doppola' usato nel "Division Bell" tour
  • Gallien/Krueger 250 ML, un combo, bypassato il finale, lo usò come distorsore.
  • Selmer Stereomaster da 100 W.
  • rotary speaker Maestro Rover.
  • Rotary speaker Leslie 147
  • Testata Marshall 1960 100 W.
  • Rotary speaker Yamaha RA-200.
  • Magnatone 280-A 50 W, un combo.
  • Alessandro Bluetick Coonhound High-End, 20 W valvolare.
  • Hiwatt SA212, un combo.

Effetti[modifica | modifica sorgente]

  • Dallas Arbiter Fuzz Face
  • Binson Echorec 2
  • Electro-Harmonix/Sovtek Big Muff.
  • Vintage Electro-Harmonix Big Muff (versioni "Triangle" e "Ram's Head" della fine anni settanta).
  • Electro-Harmonix Electric Mistress.
  • Electro-Harmonix Small Stone.
  • MXR Dyna-Comp (pre-Dunlop 'Script' logo).
  • MXR Phase 90 (usato per le famosa "quattro note" (Syd Theme) dopo il primo assolo di Shine On Pts. I-V).
  • MXR Phase 100 (usato nei concerti del In The Flesh tour del '77, ma abbandonato dopo poche date).
  • MXR Noise Gate/Line Driver.
  • MXR Digital Delay System II.
  • Colorsound Power Boost.
  • Demeter Compulator.
  • AnalogMan Sun Face.
  • Chandler Tube Driver.
  • BK Butler Tube Driver.
  • Compressore Boss CS-2.
  • Pedale Boss GE-6 EQ.
  • Pedale Boss GE-7 EQ.
  • Distorsore Boss HM-2 Heavy Metal.
  • Overdrive Boss SD-1.
  • Boss DD-2 Digital Delay.
  • Boss CE-2 Chorus.
  • TC Electronics Booster+ (Line Driver/distorsore).
  • TC Electronic Sustain ed Parametric equalizzatore.
  • TC Electronic Dual Parametric equalizzatore.
  • TC Electronics TC-2290 Dynamic Digital Delay.
  • Distorsore Pro Co RAT.
  • Pro Co RAT 2.
  • Heil Talk box.
  • Dallas Arbiter Fuzz Face (inizialmente con transistor NKT-275 e successivamente BC-108).
  • Compressore Ibanez CP9.
  • Ibanez Tube Screamer.
  • Ibanez TS10 Tubescreamer.
  • Uni-Vox Univibe.
  • Pedale Vox Wah-Wah Dunlop Cry Baby.
  • Binson Echorec II.
  • Binson Echorec PE.
  • Binson Echorec II Special.
  • Digitech Whammy.
  • Ernie Ball Volume Pedal.
  • Pedaliera Pete Cornish.
  • Pete Cornish Soft Sustain.
  • Pete Cornish Soft Sustain 2.
  • Pete Cornish P-1.
  • Pete Cornish P-2.
  • Pete Cornish G-2.
  • Pete Cornish ST-2.
  • Pete Cornish Line Driver.
  • Pete Cornish Linear Boost.
  • Pete Cornish Tape Echo Simulator (T.E.S).
  • Pete Cornish Custom Tube 6 Band EQ.
  • EBow.
  • Lexicon PCM70 Digital Effects Processor.
  • Yamaha SPX-90 II Digital Effects Processors.
  • DigiTech ISP-33B Super Harmony pitch shifter.
  • Simulatore Dynacord CLS-222 Leslie.
  • Delay digitale Roland SDE 3000.

Altro[modifica | modifica sorgente]

  • Sistema SOUND ON SOUND usato da Gilmour per la prima volta in occasione del Meltdown Live.[29]
  • Heil Talk box (usato in "Keep Talking" e "Pigs (Three Different Ones)").
  • EMS Hi-Fli Prototype.
  • EMS Synthi AKS.
  • EMS VCS3.
  • Corde GHS Boomers un set da 10-12-16-28-38-48.
  • Plettri Herco Flex 75.
  • Tracolla usata da Jimi Hendrix e comprata per David da Polly Samson come regalo per il suo sessantesimo compleanno.
  • Sistema wireless Shaffer-Vega per i concerti di The Wall del 1980-81 e per il suo About Face tour dell'84.
  • Sistema wireless Pete Cornish per i concerti del periodo 1987-96.
  • Cavi audio Evidence Melody, Lyric e Siren.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Pink Floyd[modifica | modifica sorgente]

Solista[modifica | modifica sorgente]

Studio

Live Album

Singoli

Arcadia[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Collaborazioni e opere con altri artisti[modifica | modifica sorgente]

Anno Artista Album / Opera
1970 Syd Barrett The Madcap Laughs
Syd Barrett Barrett
Ron Geesin & Roger Waters Give Birth to a Smile da Music from the Body
1974 Unicorn Blue Pine Trees
1975 Roy Harper The Game da HQ
1978 Kate Bush Produttore di due tracce dell'album The Kick Inside
1979 Wings Back to the Egg
1980 Roy Harper Playing Games, You (The Game Part II), Old Faces, Short and Sweet e True Story dall'album The Unknown Soldier sono attribuite a Harper/Gilmour. Gilmour compare come musicista nell'album.
1982 Kate Bush Pull Out The Pin da The Dreaming
1983 Atomic Rooster Headline news
1984 Paul McCartney No More Lonely Nights da Give My Regards to Broad Street
1985 Supertramp Brother Where You Bound
Bryan Ferry Is Your Love Strong Enough? da Legend
Bryan Ferry Boys and Girls
Bryan Ferry Live Aid (eseguita con la band di Brian Ferry)
Nick Mason & Rick Fenn Lie for a Lie (voce) da Profiles
Pete Townshend Give Blood e White City Fighting da White City: A Novel. White City Fighting è attribuita a Townshend/Gilmour.
Arcadia So Red the Rose
The Dream Academy Co-produce The Dream Academy
Roy Harper & Jimmy Page Whatever Happened to Jugula?. Hope è attribuita a Harper/Gilmour.
1986 Berlin Count Three and Pray
Pete Townshend chitarra principale in Pete Townshend's Deep End Live!
1987 Dalbello Immaculate Eyes da She
1988 Peter Cetera You Never Listen To Me da One More Story
1989 Kate Bush Love and Anger e Rocket's Tail da The Sensual World
Paul McCartney We Got Married da Flowers in the Dirt
Rock Aid Armenia Smoke on the Water da The Earthquake Album
Warren Zevon Transverse City
1990 Paul Young Heaven Can Wait da Other Voices
Roy Harper Once da Once
Propaganda Only One Word da 1234
1991 All About Eve Are You Lonely e Wishing the Hours Away da Touched by Jesus
1992 Elton John Understanding Women, da The One
Mica Paris I Put a Spell on You da Later With Jools Holland
1993 Paul Rodgers Standing Around Crying da Muddy Water Blues: A Tribute to Muddy Waters
1996 The Who Quadrophenia
1997 B. B. King Cryin' Won't Help You Babe da Deuces Wild
1999 Paul McCartney Run Devil Run
2001 The Triumph of Love colonna sonora Suona la chitarra accompagnato da un'orchestra da camera.
2003 Ringo Starr Ringo Rama
2004 Alan Parsons Return to Tunguska da A Valid Path
2005 Vari artisti Ever Fallen in Love (With Someone You Shouldn't've)
2010 The Orb Metallic Spheres

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 2003
Ordine d'Onore (Armenia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine d'Onore (Armenia)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nicholas Schaffner, Saucerful of Secrets: The Pink Floyd Odyssey, 1ª ed., Harmony, 1991, pp. 221-222, ISBN 0-517-57608-2.
  2. ^ a b Pink Floyd, boom di vendite compilation. URL consultato il 26 febbraio 2009.
  3. ^ (EN) I Pink Floyd rifiutano 150 milioni per un tour. URL consultato il 26 febbraio 2009.
  4. ^ Il requiem di David Gilmour "I Pink Floyd? Sono finiti". URL consultato il 26 febbraio 2009.
  5. ^ (EN) Posizione in classifica di "Arnold Layne". URL consultato il 26 febbraio 2009.
  6. ^ Gilmour piange la scomparsa di Richard Wright. URL consultato il 26 febbraio 2009.
  7. ^ L'intervista a Phil Taylor. URL consultato il 6 marzo 2009.
  8. ^ a b c L'"isola" di Gilmour raggiunge la posizione #1 in G.B.. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  9. ^ Classifica dei singoli in Gran Bretagna. URL consultato il 27 febbraio 2009.
  10. ^ 100 Greatest Guitarists: David Gilmour | Rolling Stone
  11. ^ La Biografia di David Gilmour. URL consultato il 4 dicembre 2007.
  12. ^ On an Island music charts. URL consultato il 4 dicembre 2007.
  13. ^ Billboard 200. URL consultato il 4 dicembre 2007 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2008).
  14. ^ David Gilmour (Pink Floyd) ricorda quella notte in un 2 DVD
  15. ^ 2008 I vincitori dell'Ivor Novello Award.
  16. ^ Q Awards 2008 Outstanding Contribution
  17. ^ (EN) Articolo del Daily Telegraph: "We Don't Need No Steiner Education", Waldorfcritics.org. URL consultato il 19 gennaio 2009.
  18. ^ (EN) Crisis. URL consultato il 3 aprile 2009.
  19. ^ Intrepid Aviation. URL consultato il 13 marzo 2009.
  20. ^ 100 greatest solos of all time. URL consultato il 9 marzo 2009.
  21. ^ DigitalDreamDoor. URL consultato il 04-01-2010.
  22. ^ David Gilmour. URL consultato il 9 marzo 2009.
  23. ^ The White Stratocaster, The White Stratocaster, Gilmourish. URL consultato il 19 gennaio 2009.
  24. ^ Telecasters, Telecasters, Gilmourish. URL consultato il 19 gennaio 2009.
  25. ^ a b c Slide Guitars, Slide Guitars, Gilmourish. URL consultato il 19 gennaio 2009.
  26. ^ dati ricavati dal sito (EN) Gibson.com [1].
  27. ^ a b c d e f Fitch, Vernon: The Pink Floyd Encyclopedia (3rd Edition) 2005
  28. ^ a b c d Fitch, Vernon and Mahon, Richard: Comfortably Numb. A history of The Wall. Pink Floyd 1978-1981 2006, p. 268
  29. ^ Sound on Sound, Giampaolo Noto Blog. URL consultato il 29 maggio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 100238496 LCCN: no97041632