I Put a Spell on You

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Put a Spell on You
Artista
Autore/i Screamin' Jay Hawkins
Genere Rock and roll
Rhythm and blues
Soul
Shock rock
Esecuzioni notevoli Creedence Clearwater Revival
Pubblicazione
Incisione At Home with Screamin' Jay Hawkins
Data 1956
Etichetta OKeh
Durata 2:25

I Put a Spell on You è una canzone di Screamin' Jay Hawkins del 1956. È stata inserita nella lista delle "500 Songs that Shaped Rock and Roll", curata dalla Rock and Roll Hall of Fame. La rivista Rolling Stone l'ha invece inserita nella propria lista delle 500 migliori canzoni, al 320º posto.

Cover[modifica | modifica sorgente]

La versione originale di Hawkins non ebbe il successo che ottennero invece molte delle versioni interpretate da altri artisti. Nel 1965, quella di Nina Simone giunse al 23º posto della chart Hot R&B/Hip-Hop Songs di Billboard e al 49º posto nella UK singles chart (poi 28°, per la riedizione del 1969). Nel 1981 l'attore Tim Curry nel suo album Simplicity con un arrangiamento per solo organo ne realizza una suggestiva cover, che per le sonorità gotiche spesso viene erroneamente attribuita alla colonna sonora del film Rocky Horror Picture Show di cui l'attore è protagonista.

Quanto alla Hot 100 di Billboard, la versione dell'Alan Price Set (1966) giunse all'80º posto e addirittura al 9º posto nel Regno Unito. Anche i Creedence Clearwater Revival ne hanno fatto una versione (1968), giunta al 58º posto su Hot 100 ed interpretata durante il Festival di Woodstock. Ancora nel Regno Unito, la versione di Bryan Ferry (1993) giunse al 18º posto, mentre nel 1998 la versione di Sonique raggiunse il 36° e poi il 5°, in occasione della riedizione del 2000.[1][2][3]

Molti altri artisti hanno inciso la canzone, tra cui gli Audience, Marilyn Manson, Diamanda Galas, The Notorious B.I.G., Joe Cocker, Jeff Beck e Joss Stone

In italiano è stata tradotta da Mogol con il titolo Puoi farmi piangere, e la sua versione è stata incisa da Gianni Pettenati con gli Juniors e da Caterina Caselli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Joel Whitburn, Top Pop Singles 1955-2002, 1st, Menomonee Falls, Wisconsin, Record Research Inc., 2003, ISBN 0-89820-155-1.
  2. ^ Joel Whitburn, Top R&B/Hip-Hop Singles: 1942-2004, Menomonee Falls, Wisconsin, Record Research, 1996, ISBN 0-89820-115-2.
  3. ^ Graham Betts, Complete UK Hit Singles 1952-2004, 1st, London, Collins, 2004, ISBN 0-00-717931-6.