Jeff Beck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jeff Beck
Jeff Beck al Crossroads Festival nel 2007
Jeff Beck al Crossroads Festival nel 2007
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Hard rock
Blues rock
British blues
Fusion
Proto-metal
Funk
Periodo di attività 1964 – in attività
Gruppi The Yardbirds
The Jeff Beck Group
The Honeydrippers
Beck, Bogert & Appice
Big Town Playboys
Upp
Sito web

Jeff Beck, nome completo Geoffrey Arnold Beck (London Borough of Sutton, 24 giugno 1944), è un chitarrista e cantante britannico.

È uno dei chitarristi rock più influenti degli anni sessanta e settanta, nonché fra i più importanti per l'evoluzione della chitarra moderna, contribuendo alla definizione di questo strumento in un vasto spettro di generi, che include blues rock, heavy metal, fusion e hard rock. Riguardo a lui Slash disse: "Jeff Beck può imbracciare una chitarra scordata e col manico storto, e farla suonare meravigliosamente bene!"

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Negli Yardbirds[modifica | modifica sorgente]

Nato a Wallington, Beck da piccolo cantava nelle chiese e a dieci anni ebbe le sue prime esperienze strumentali suonando una vecchia chitarra acustica. Iniziò la propria carriera nei primi anni sessanta come turnista. La sua prima registrazione come chitarrista risale al 1964 per l'etichetta Parlophone che nello stesso anno pubblicò il singolo del gruppo The Fitz and Startz intitolato I'm Not Running Away, che vedeva So Sweet sul lato B. Nel 1965 fu reclutato dagli Yardbirds, che avevano appena perso Eric Clapton, trasferitosi nei John Mayall's Bluesbreakers. Fu con Beck che gli Yardbirds divennero un gruppo famoso sulla scena del rock britannico della fine degli anni sessanta. Beck, in particolare, si dimostrò un abile show man e nella formazione, assieme a Jimmy Page, appare anche nel film cardine della Swinging London: Blow-Up del 1966, in cui gli Yardbirds girarono alcune sequenze nelle quali Beck sfascia una chitarra (ad imitazione di Pete Townshend degli Who, scelti in un primo tempo per la pellicola di Antonioni).

Nel 1966 Beck condivise il proprio ruolo di chitarra solista degli Yardbirds con Jimmy Page. Con il gruppo riuscì a incidere un unico album, Roger the Engineer (1966); dopo 18 mesi, adducendo motivi di salute, abbandonò.

Jeff Beck Group[modifica | modifica sorgente]

Jeff Beck nel 1968

L'anno successivo Beck fondò una nuova band, chiamata Jeff Beck Group; includeva Rod Stewart alla voce, Ron Wood al basso, Nicky Hopkins al pianoforte e Mick Waller alla batteria. Il gruppo incise due album: Truth (1968) e Beck-Ola (1969). Entrambi questi lavori furono molto ben accolti dalla critica, e sono oggi considerati antesignani dell'heavy metal (tra l'altro precedettero di poco gli album dei Led Zeppelin).

Alla fine del 1969, attriti all'interno del gruppo portarono Stewart e Wood ad abbandonare. Beck creò una seconda incarnazione della band, con Clive Chapman al basso, Max Middleton alle tastiere, Cozy Powell alla batteria e Bob Tench alla voce. Questo gruppo prese una direzione artistica decisamente diversa dal precedente, unendo elementi pop, rock, rhythm'n'blues e jazz, anticipando la fusion. Pubblicarono due album: Rough and Ready (1971) e The Jeff Beck Group (1972). Anche questa seconda incarnazione del "Jeff Beck Group" si sciolse dopo poco tempo.

Nel 1972, Beck diede vita a un'altra formazione, il power trio Beck, Bogert & Appice, con Carmine Appice alla batteria e Tim Bogert al basso (sezione ritmica dei Vanilla Fudge); questa formazione incise soltanto un singolo di successo, una cover di Superstition di Stevie Wonder.

Carriera solista[modifica | modifica sorgente]

Nel 1975, Beck incise un album solista strumentale decisamente fusion, Blow by Blow, che ebbe un successo inaspettato di pubblico e di critica. Questo lavoro fu seguito da una collaborazione di Beck con Jan Hammer per l'album Wired (1976), un altro album molto apprezzato dalla critica.

In seguito, Beck incise in modo sporadico, dedicandosi a propri lavori solisti o discontinue collaborazioni. Fra i lavori solisti si devono citare There and Back (1980, con Simon Phillips e Jan Hammer), Flash (1985, con Rod Stewart e Jan Hammer), Jeff Beck's Guitar Shop (1989, con Terry Bozzio), Crazy Legs (1993), Who Else (1999), e You Had It Coming (2001), Jeff (2003).

Fra le collaborazioni si possono citare quelle con Jon Bon Jovi, Les Paul, Cyndi Lauper, Roger Waters (Amused to Death), Brian May (Another World), ZZ Top (XXX), Carlos Santana e con molti altri artisti di fama mondiale.

Strumentazione[modifica | modifica sorgente]

Jeff Beck è solito suonare chitarre Fender, anche se nel corso della sua carriera ha utilizzato in pubblico chitarre di altre marche tra cui la celebre Gibson Les Paul e le Charvel/Jackson, con un modello sviluppato con lo stesso Grover Jackson. Famosa è la sua Fender Esquire del 1954, di cui la Fender ha realizzato una replica in versione limitata a soli 100 esemplari. Attualmente Beck suona una Stratocaster realizzata da Fender su sue specifiche le cui caratteristiche peculiari sono: il "roller nut", un particolare capotasto dotato di sfere che agevolano lo scivolamento delle corde, e le meccaniche autobloccanti della Schaller, la cui combinazione permette di mantenere accurata l'accordatura anche a seguito di un uso drastico della leva del vibrato (tecnica in cui Jeff è tuttora considerato un maestro); il ponte a due viti, che permette una migliore escursione della leva; un manico (acero/palissandro) realizzato con un profilo esclusivo e, soprattutto, i pick-up Fender Hot Noiseless realizzati su sue specifiche, dotati di una pasta sonora più calda rispetto ai Noiseless che Fender usava sui suoi modelli deluxe prima del 2010 (nel corso della sua carriera Beck ha sviluppato diversi pick-up per chitarra elettrica, alcuni dei quali godono tuttora di grande popolarità fra i chitarristi rock, come ad esempio il "JB" realizzato per Seymour Duncan).

Fender produce e vende repliche di questa chitarra sia in edizione standard, sia in edizione "Custom Shop". Parlando delle sue chitarre, Jeff Beck ha dichiarato (1993) di possederne 44, delle quali solo una minima parte sarebbero strumenti buoni, aggiungendo che il più delle volte sceglie la Stratocaster, che considera uno strumento molto versatile. Jeff utilizza amplificatori prevalentemente di marca Marshall o Fender, e suona prevalentemente con le dita, ovvero senza l'utilizzo del plettro.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Yardbirds[modifica | modifica sorgente]

Jeff Beck Group[modifica | modifica sorgente]

Beck, Bogert & Appice[modifica | modifica sorgente]

Solista[modifica | modifica sorgente]

Live[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Big Town Playboys[modifica | modifica sorgente]

Altri album[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Ha scritto l'inno del Wolverhampton Hi ho silver lining (hi ho Wolverhampton)[1]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cita le fonti: Wolverhampton Wanderers Football Club

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54331709 LCCN: n87808084