What Shall We Do Now?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
What Shall We Do Now?
Artista Pink Floyd
Autore/i Pink Floyd
Genere Rock progressivo
Art rock
Pubblicazione
Incisione Is There Anybody Out There? The Wall Live 1980-81
Data 1980
Durata 1:40
Is There Anybody Out There? The Wall Live 1980-81 – tracce
Precedente
Successiva

What Shall We Do Now? è un brano dei Pink Floyd scritto interamente da Roger Waters.
Il brano sarebbe dovuto essere incluso nell'album The Wall, pubblicato nel 1979, ed è presente nelle demo dell'album, ma fu scartato per una decisione dell'ultimo momento del gruppo. Al suo posto fu inserito Empty Spaces.
What Shall We Do Now? veniva eseguito nei concerti dal vivo di The Wall, infatti è incluso nell'album registrato dal vivo Is There Anybody Out There? The Wall Live 1980-81. Fu anche eseguito nel concerto di Waters The Wall - Live in Berlin, nel 1990 e nel suo più recente tour mondiale The Wall Live (2010-2013).
Curiosamente i membri dei Pink Floyd hanno spesso chiamato, erroneamente, questo brano "Empty Spaces", confondendo ancor di più le idee riguardo alle tracce.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

La durata della canzone è di 1 minuto e 40 secondi. L'introduzione della canzone consiste in una lenta e sinistra progressione molto simile a quella di Empty Spaces che, però, ha durata e testo diversi. Infatti, dove Empty Spaces finisce e introduce Young Lust, What Shall We Do Now? esplode in un energico rock.
Nella versione inserita nel film Pink Floyd The Wall il brano termina improvvisamente, con il suono di un vetro rotto, mentre nella versione dal vivo si conclude con un brevissima sessione strumentale.

Versione Video[modifica | modifica sorgente]

Nel film Pink Floyd The Wall il filmato consiste in una serie di animazioni create da Gerald Scarfe. Il filmato inizia con l'immagine di due fiori che si sfiorano. Seguendo le variazioni della canzone i due fiori danzano, riproducendo alternativamente i movimenti classici dell'accoppiamento e della lotta (un fiore assume le sembianze di un pene, mentre l'altro quelle di una vulva). La scena si conclude con il fiore "femmina" che distrugge il "maschio" divorandolo e poi trasformandosi in una creatura alata, molto simile ad uno pterodattilo. Questa specie di uccello vola verso l'orizzonte mentre sotto di lui cresce un muro (The Wall). Nel momento in cui si sentono le parole "Shall we buy a new guitar?/Shall we drive a more powerful car?..." le animazioni diventano più astratte e psichedeliche: il muro, in cui tutte le persone che vi sono state rinchiuse dentro impazziscono, muoiono o vengono uccise, viene riempito da automobili, chitarre e altri vari oggetti tipici della cultura consumistica occidentale. Il muro, che diventa sempre più lungo, distrugge una chiesa (simbolo della religione) ed entra dentro un casinò simile ad un tempio, che produce ancora più mattoni. L'immagine del volto di un uomo senza pelle viene sostituita da una serie di rapide sequenze che mostrano un gelato, una donna nuda, una siringa, un basso elettrico, un MP 40, un'automobile e, infine, un martello che viene prima raffigurato nell'animazione e poi nella realtà, impugnato da una persona che lo usa per rompere un vetro.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo