Welcome to the Machine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Welcome to the Machine
Artista Pink Floyd
Autore/i Roger Waters
Genere Rock psichedelico
Rock progressivo
Edito da Harvest Records (UK)
Columbia Records (US)
Pubblicazione
Incisione Wish You Were Here
Data 1975
Durata 7 min : 31 s
Wish You Were Here – tracce
Successiva

Welcome to the Machine è il titolo di una canzone dei Pink Floyd, inserita nell'album Wish You Were Here del 1975.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Il brano è fortemente caratterizzato dall'uso ricorrente di sintetizzatori e chitarre acustiche. In piena "atmosfera floydiana", si ricorre anche all'uso dei timpani e del basso. In generale è frequente l'uso dell’elettronica, capace di generare atmosfere molto cupe.

Il tema della canzone è quello della critica al mondo dell'industria musicale (tema poi ripreso nella canzone seguente dell'album, Have a Cigar) ed in generale alla società industrializzata. "The Machine", cioè "La Macchina", è l'industria musicale rappresentata dalle majors discografiche, la quale si nutre dei talenti dei nuovi cantanti e gruppi per sopravvivere. Il testo descrive infatti il dialogo che avviene tra un discografico rude e arrogante ed un giovane cantante. È però il manager discografico a decidere il destino del cantante, seguendo esclusivamente il criterio dell'assoluta esigenza di far soldi, vendendo il più possibile a scapito della qualità e della passione. Infine, un'aspra critica è rivolta anche al mondo del giornalismo musicale.

Musicalmente il susseguirsi lento e regolare dei sintetizzatori e la voce quasi "urlata" di Gilmour conferiscono un'atmosfera cupa e al contempo futuristica alla canzone. All'ascolto il brano presenta sfumature tipiche della musica Industrial ed elettronica,[1] la quale in quegli anni stava vedendo la luce con i primi esperimenti musicali, anche ad opera degli stessi Pink Floyd. Da notare inoltre, la totale assenza della batteria.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Povey, Glenn (2007). Echoes: The complete history of Pink Floyd. UK: Mind Head Publishing. ISBN 978-0-9554624-0-5
Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo