Supertramp

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Supertramp
I Supertramp in concerto (1980)
I Supertramp in concerto (1980)
Paese d'origine Regno Unito Regno Unito
Genere Album-oriented rock
Soft rock
Pop rock
Rock progressivo
Periodo di attività 1970 – in attività
Album pubblicati 17
Studio 12
Live 4
Raccolte 1

I Supertramp sono un gruppo rock britannico nato nel 1970.

La storia[modifica | modifica sorgente]

Gli anni settanta[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo viene fondato nel 1970 da Rick Davies (nato a Swindon, Wiltshire, Inghilterra il 22 luglio 1944) e Roger Hodgson (nato a Portsmouth, Hampshire, Inghilterra il 21 marzo 1950).

Rick, pianista e tastierista, proviene da una famiglia operaia di Swindon, mentre Roger, prima bassista e successivamente alla chitarra e alle tastiere, è nato in un'agiata famiglia della middle-class, cresciuto ad Oxford ed ha successivamente studiato nella prestigiosa Stowe School nel Buckinghamshire.

Davies era un ottimo pianista blues, e negli anni sessanta era stato il leader del gruppo locale Rick's Blues, il cui batterista era il futuro cantautore irlandese di successo Gilbert O'Sullivan. Più tardi, Davies forma un gruppo più ambizioso dal nome The Joint, coi quali si avventura anche fuori patria in cerca di successo.

Hodgson era invece un polistrumentista dotato di una voce cristallina e dall'estensione formidabile, ed aveva registrato un singolo (Mr Boyd) con un giovane e sconosciuto Elton John al piano e i suoi futuri collaboratori Nigel Olsson e Caleb Quaye sotto il nome di Argosy, adottando un genere più vicino al "beat psichedelico" in voga in quel periodo.

Nel 1969 Hodgson risponde ad un annuncio pubblicato da Davies, si presenta alle audizioni intonando Dear Mr. Fantasy dei Traffic e colpisce il futuro partner musicale soprattutto grazie alle proprie qualità vocali.

Un generoso mecenate olandese di nome Stanley Arthur Miesegaes, amico di Davies, si offre di sostenere economicamente il nascente gruppo, che adotta il nome di Supertramp dal libro di W. H. Davies Autobiography of a Supertramp del 1910. Per quasi quattro anni i due amici cercano la formazione ideale, sfornando due album (Supertramp del 1970 e Indelibly Stamped del 1971) che non li soddisfano appieno. I due lavori, molto diversi tra loro (nel primo tutti i brani sono cantati da Hodgson, mentre nel secondo prevale la voce di Davies che interpreta 6 brani su 10, mentre tre vengono cantati da Hodgson e uno, Potter, da Dave Winthrop), non trovano il giusto riscontro commerciale.

Addirittura ci sono ironici aneddoti sulle disastrose tournée del gruppo, a partire da serate saltate per l'assenza di corrente elettrica fino ad altre tristi comparsate di fronte a pochissimi spettatori (quasi tutti membri dell'entourage), passando per un incidente stradale in Svezia, dove il gruppo perde la strumentazione in un burrone.

Il gruppo nel 1971

Tra i membri di quel periodo, si segnala Richard Palmer-James (all'epoca noto con il solo cognome Palmer), che negli anni successivi diventerà il paroliere dei King Crimson dall'album di Larks' Tongues in Aspic.

Dopo l'allontanamento progressivo degli altri componenti ed una serie infinita di audizioni, Rick e Roger selezionano i loro compagni di viaggio definitivi verso il successo: il bassista scozzese Dougie Thomson (nato a Glasgow il 24 marzo 1951), proveniente dall'Alan Bown Set; John Anthony Helliwell (nato a Todmorden, Yorkshire, Inghilterra il 15 febbraio 1945), un sassofonista di provata esperienza, eccentrica presenza scenica, dotato di un fortissimo senso dell'humour tutto britannico ed ex compagno di gruppo di Thomson nell'Alan Bown Set; il batterista statunitense Bob Siebenberg (nato a Glendale, California, il 31 ottobre 1949), arrivato in Gran Bretagna nel 1970 e proveniente dalla "pub rock" band dei Bees Make Honey. Questa è la formazione che, in un decennio, produrrà i migliori album del gruppo e li renderà uno dei gruppi più popolari della scena pop britannica.

La "A&M" a questo punto pone un ultimatum alla band: un "esilio" in un cottage nel Somerset dal quale tirare fuori materiale valido e più "fortunato".

È in questo periodo che si cementa la dualità Davies-Hodgson, anima compositiva di tutti i pezzi dei Supertramp: più incline al blues, rilassato e "concreto" l'approccio di Davies, caratterizzato da un "look" sportivo ed elegante; più vicino al progressive, intenso e "mistico" quello di Hodgson, segnato dall'uso "martellante" ed ipnotico del piano elettrico (un vero e proprio marchio di fabbrica della band), e con un look "hippie" con un caftano e i jeans.

Da notare il fatto che entrambi si riservano il diritto di cantare le proprie canzoni, spartendosi di fatto ogni album al 50%, altra nota caratteristica dei Supertramp. Due voci diversissime quelle di Davies ed Hodgson: baritonale e molto "blues" quella del primo, acuta e quasi in falsetto quella del secondo. Davies però è capace anche di un'incredibile metamorfosi inserendo a volte un suo falsetto autentico, ad esempio nei brani Goodbye Stranger e My Kind of Lady.

Il primo album del nuovo corso è probabilmente il più completo. Crime of the Century (1974), realizzato in pochissimo tempo e prodotto da Ken Scott, li porterà al successo immediato. In questo periodo anche la critica riconosce le qualità dei Supertramp. Del disco fanno parte pezzi storici della band come School, Bloody Well Right e Dreamer, nonché la stessa Crime of the Century. L'album è sportivamente dedicato a SAM (Stanley Arthur Miesegaes).

Di ottima fattura anche Crisis? What Crisis?, del 1975, primo album registrato, ancora parzialmente, negli Stati Uniti, che porta la band in tour per tutto il mondo. In questo album si nota un certo sbilanciamento in favore della voce di Hodgson, che interpreta 6 brani su 10, mentre tre sono affidati a Davies ed un altro, "Just a normal day", è cantato insieme dai due artisti, dividendosi le strofe. Negli album successivi le parti vocali verranno più equamente divise tra i due.

Sul palco, le due personalità opposte e congruenti di Davies e Hodgson si occupano di diffondere semplicemente la musica del gruppo, mentre all'estro e alla simpatia di Helliwell sono demandati tutti i compiti di intrattenimento e di presentazione dei pezzi. Le personalità meno appariscenti di Thomson e Siebenberg fanno da colonna vertebrale del sound della band.

Nel 1977 il gruppo si sposta definitivamente negli Stati Uniti per la registrazione di Even in the Quietest Moments..., e da lì i Supertramp non si sposteranno mai più. L'album continua nell'opera di consolidamento delle fortune del quintetto britannico, grazie soprattutto al singolo Give a Little Bit.

L'apice del successo arriva nel 1979, con Breakfast in America, caratterizzato da una gustosa copertina raffigurante la "skyline" di Manhattan composta da stoviglie varie, ed un retro-copertina dove i cinque Supertramp appaiono in un bar statunitense di fronte alla propria colazione, ognuno di loro col giornale della propria città natale in mano. L'album coniuga ottima fattura e orecchiabilità dei pezzi con testi tutt'altro che banali, oscillanti come negli altri album di quel periodo fra una pensosa malinconia e una costante ironia. Dal fortunato album saranno sfornati ben quattro singoli di grande successo: The Logical Song, Breakfast in America, Goodbye Stranger e Take the Long Way Home. Il responso popolare è incredibile, l'album resiste in classifica per quasi un anno intero, i Supertramp entrano di diritto nella storia della popular music.

Segue un lungo tour mondiale che viene testimoniato dal suggestivo doppio live Paris del 1980. Ma il feeling tra Rick e Roger non è più quello di qualche anno prima.

Gli anni ottanta[modifica | modifica sorgente]

Rick Davies (2002)

Il successivo lavoro in studio, ...Famous Last Words..., esce sul finire del 1982 e sarà l'ultimo prima dell'abbandono di Roger, nonostante l'ottimo successo dei singoli It's Raining Again e My Kind of Lady. Al termine della lunga tournée che segue la realizzazione dell'album, i Supertramp e Roger Hodgson torneranno in studio separati. Causa della divisione, si saprà successivamente, le divergenze, anche in termini di management, tra Davis e Hogdson che non accetta la moglie di Rick come manager.

Brother Where You Bound (1985) dei Supertramp e In the Eye of the Storm (1984) di Hodgson da solista saranno i punti di arrivo di questa separazione consensuale. Entrambi i lavori otterranno un discreto successo di pubblico e critica ed entrambi i compositori proseguiranno lungo la propria linea musicale sfornando belle canzoni, ma è altrettanto evidente che i tempi di Breakfast in America sono lontani anni luce. La qualità del prodotto non trova l'adeguato riscontro commerciale e i lavori successivi seguono ulteriormente il trend negativo.

Anche Siebenberg pubblica nel 1984 un album intitolato Giants in Our Own Room, che avrà tuttavia scarso successo.

Il calo di popolarità dei Supertramp è confermato da Free as a Bird (1987), che nella formazione include Mark Hart nel ruolo che fu di Roger – e soprattutto da Hai Hai (pubblicato da Hodgson lo stesso anno). Il successivo Live '88 sarà un insuccesso tale da porre una pietra tombale sulla band. Dougie Thomson si allontana dal gruppo appena dopo il tour, perché in disaccordo con la linea di Davies del riproporre i vecchi pezzi scritti e cantati da Hodgson facendoli eseguire da Hart. Il bassista scozzese si ritira definitivamente dalle scene e si dedicherà di qui in poi al management di gruppi musicali dai suoi uffici a Chicago.

Negli anni successivi, Hodgson rimarrà forzatamente lontano dalla scena musicale a causa di un incidente (caduta da un letto a castello con frattura di entrambi i polsi) avvenuto subito dopo la realizzazione di Hai Hai.

Dopo voci di una riunione nel 1990, Roger tornerà sulla scena nel 1994 come co-autore di un pezzo (Walls) dell'album Talk degli Yes.

Dagli anni novanta ad oggi[modifica | modifica sorgente]

Roger Hodgson (2005)

Nella prima metà dei novanta, mentre Rick medita un album solista, alcune collezioni di hits dei Supertramp vendono milioni di dischi e i fans sparsi per tutto il mondo sperano in un ritorno del gruppo.

Nel 1992, in occasione dell'anniversario della fondazione della "A&M", si ha addirittura una esibizione live della coppia Davies/Hodgson. Le fondate voci di una definitiva riunione si fanno insistenti, ma Roger ha un nuovo ripensamento.

Nel 1995, al fianco di Bryan Ferry, Al Jarreau e Andrea Bocelli, Hodgson partecipa al Night of the Proms. Nel 1997, dopo una breve tournée pubblica il live Rites of Passage con l'omonimo gruppo, a cui, in occasione del concerto a Nevada City (nuovo domicilio del cantante inglese), si unisce il vecchio amico John Helliwell. Da allora gira il mondo con una tournée denominata significativamente Solotramp.

Dal canto suo Rick Davies dopo aver ricostruito il gruppo (con Mark Hart, Helliwell e Siebenberg, senza Thomson e con altri musicisti americani) sforna nel 1997 un album dal sound R&B che ricorda i lavori degli anni settanta. Some Things Never Change vende oltre 1.000.000 di copie. L'anno successivo viene pubblicato il doppio live It Was the Best of Times.

Nel maggio 2000 – dopo ben 13 anni – anche Roger torna con un album da studio. Open the Door è un disco caratterizzato da canzoni coinvolgenti e da un suono sperimentale che unisce il tipico sound del compositore inglese alla musica celtica francese di Alan Simon, stimato compositore d'oltralpe. Durante il successivo tour, talvolta è accompagnato da Bob Siebenberg.

Nel corso dell'anno successivo, Hodgson è stato impegnato in qualità di componente dell'All Starr Band di Ringo Starr (con Howard Jones, Sheila E, Greg Lake, Ian Hunter e Mark Rivera) nel Ringotour 2001.

Nel 2002 i Supertramp hanno girato il mondo (con alcune date in Italia) con lo spettacolo One more for the road, basato sulle canzoni dell'album Slow Motion.

Il 2005 vede invece la pubblicazione di un'ennesima raccolta di successi storici del gruppo, Retrospectacle - The Supertramp Anthology, compilata da Davies in persona ma con due inediti del periodo di Crime of the Century, la qual cosa fa di nuovo sperare in una ricomposizione del nucleo originario della band.

Nel 2006 Hodgson pubblica un live registrato a Montreal, sia in versione CD che DVD. Un'esibizione acustica in cui l'artista si alterna alla chitarra, piano e piano elettrico, accompagnato solo da un sassofonista/clarinettista.

Nel 2010 i Supertramp tornano con un tour europeo celebrativo dei quarant'anni dalla loro fondazione, dal nome Supertramp 70-10. Alcune voci davano per certa la riunione di Roger Hodgson con Rick Davies e con il gruppo, notizia poi smentita dallo stesso Hodgson.

Generi musicali[modifica | modifica sorgente]

Inserendosi inizialmente nel filone "progressive" con evidenti influenze di altre band dell'epoca come ad esempio i Genesis, i Procol Harum e i Traffic, la musica prodotta dal duo Hodgson-Davies, parallelamente al crescente successo, ha assunto sempre più massicce venature pop. La successiva produzione firmata Rick Davies ha strizzato l'occhio al blues ed alla disco music degli anni settanta. Più rassicurante per i fans "storici" si è rivelata la produzione solistica di Roger Hodgson le cui canzoni sono più vicine al filone "classico" del gruppo.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Membri originali:

Membri dopo l'uscita di Palmer/Millar:

Membri durante il periodo della 'Classic Lineup' :

Membri che si sono uniti al gruppo dopo l'uscita di Roger Hodgson:

Canzoni famose[modifica | modifica sorgente]

Tra i pezzi più famosi dei Supertramp, ancora oggi piuttosto popolari, Breakfast in America, Goodbye Stranger, Take the Long Way Home, It's Raining Again, The Logical Song, School, Crime of the Century, Dreamer, Give a Little Bit (che si sente accennata nel film "Superman" di Richard Donner del 1978), Don't Leave Me Now e Fool's Overture.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album studio[modifica | modifica sorgente]

Live[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo