Aeroporto di Venezia-Tessera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto di Venezia-Tessera
Aeroporto di Venezia - vue aerienne.jpg
Codice IATA VCE
Codice ICAO LIPZ
Codice WMO 16105
Nome commerciale Aeroporto di Venezia-Tessera "Marco Polo"
Descrizione
Tipo Civile
Gestore SAVE S.p.A.
Gestore torre di controllo ENAV
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Città Venezia-Stemma.png Venezia
Posizione Via Galileo Galilei, 30/1, 30173 Tessera (Venezia)
Base
Costruzione 1960
Classe ICAO 4E
Cat. antincendio ICAO
Altitudine AMSL m
Coordinate 45°30′19″N 12°21′07″E / 45.505278°N 12.351944°E45.505278; 12.351944Coordinate: 45°30′19″N 12°21′07″E / 45.505278°N 12.351944°E45.505278; 12.351944
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LIPZ
LIPZ
Sito web
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
04L/22R 2 780 m asfalto
PAPI
04R/22L 3 300 m asfalto
PAPI - ILS
Statistiche (2016)
Passeggeri in transito 9.624.748 Green Arrow Up.svg10%[1]

http://www.assaeroporti.com/statistiche_201612/

Fonte assaeroporti.com

L'aeroporto di Venezia-Tessèra è un aeroporto internazionale, che dista 13 km dal centro di Venezia ed è intitolato al celebre esploratore veneziano Marco Polo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto di Venezia-Tessera ha avuto la posa della prima pietra il 29 marzo 1958. L'inaugurazione dell'aerostazione è avvenuta il 31 luglio 1961 e l'aeroporto è diventato in breve tempo quello di riferimento nel Veneto. In sostituzione del precedente scalo Aeroporto di Venezia-Lido.

Nel luglio del 2002 è stato costruito il nuovo Terminal aeroportuale, progettato per adeguare lo scalo al continuo aumento del traffico aereo.

Dal 1º giugno al 4 dicembre 2011 l'aeroporto ha gestito tutto il traffico aereo dell'Aeroporto di Treviso-Sant'Angelo, che è rimasto completamente chiuso per lavori.[2]

Gestione[modifica | modifica wikitesto]

La sua gestione è affidata alla società SAVE S.p.a, il cui presidente è Enrico Marchi. Quote della società sono in mano all'Amministrazione della Provincia di Venezia e al fondo di investimento Amber Capital.[3]

Aree di servizio dell'aeroporto, sotto la neve

Primo in Italia, l'aeroporto Marco Polo ha terziarizzato tutte le attività di handling e, a questo scopo, nello scalo operano tre distinte società: Aviapartner, GH Italia e ATA Italia (facente parte del Gruppo Acqua Marcia). Più di una sono anche le società di sicurezza, le quali operano sia all'interno dell'aerostazione, sia in collaborazione con le singole compagnie aeree, in aggiunta ovviamente alle forze di pubblica sicurezza, come Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza.

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Approccio strumentale: generalmente per gli atterraggi viene utilizzata la pista 04R. Durante le procedure d'avvicinamento ILS gli aerei effettuano l'atterraggio con una orientata a 041 gradi magnetici e frequenza NAV di 109,95. Sono altresì utilizzabili le procedure VOR-DME, sia per 04R, che per 04L quando utilizzata.

La pista 04L/22R viene utilizzata quasi esclusivamente come main taxiway, prendendo quindi la denominazione aeronautica di TANGO.

La pista 04R viene utilizzata, se la componente di vento è ottimale, anche per i decolli e comunque resta, nella la maggior parte dei casi, la pista in uso. Per entrare in essa gli aerei sostano all'holding point A o B.

Gli aerei in partenza da questo aeroporto hanno numerose SID: chi si dirige verso Nord utilizzerà una SID che avrà come VOR VIC; i voli diretti a BZO non sono più dirottati su VIC, ma godono di una SID propria, denominata BZO7V; chi si dirige a Sud utilizzerà una SID che avrà come VOR CHI; infine, i pochi voli che si dirigono verso Est avranno come primo punto rotta il fix ROSKA.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

L'aerostazione attuale è stata inaugurata nel 2002, su progetto dell'architetto Gian Paolo Mar, e si estende su una superficie di circa 60000 m².[4]

L'area landside, accessibile al pubblico, è strutturata su 3 piani:

  • Al piano terra sono collocati gli arrivi, dove si possono trovare un bar, un'edicola, punti di informazioni turistiche, gli sportelli del Lost&Found per i bagagli smarriti, vendita di biglietti di trasporto pubblico e i banchi delle società di autonoleggio; è disponibile un servizio di deposito bagagli, che si trova subito fuori dall'aerostazione sul lato nord (a destra uscendo dal terminal). Nel 2011, nell'ambito dei lavori per la gestione dei voli dell'aeroporto di Treviso durante la sua chiusura, sono stati aggiunti 8 banchi check-in al piano terra, sul lato sud all'estremità dell'aerostazione (check-in 81-88, a destra entrando nel terminal). Nel 2013, per far fronte al continuo aumento di traffico, sono stati costruiti ulteriori 8 banchi check-in sul lato nord all'estremità dell'aerostazione (check-in 89-96, a sinistra entrando nel terminal). Questa scelta ha costretto a rivedere i flussi di gestione dei passeggeri, che fino a quel momento erano fisicamente separati (con gli arrivi al piano terra e le partenze al primo piano), ma si è resa necessaria in attesa di lavori più consistenti di ampliamento del terminal.
  • Al primo piano si trova invece l'area partenze, con 64 banchi check-in, un ristorante, un'edicola, un bar e una banca, nonché le biglietterie delle compagnie aeree.
  • Al secondo piano si trova il Business Center di Travelex; sul lato nord si possono trovare gli uffici degli Enti di Stato e la Sala di Culto; sul lato sud si trovano gli uffici delle compagnie aeree e di alcuni handler.

All'area sterile (airside) si accede tramite 4 varchi, di cui 2 a disposizione dei passeggeri:

  • Il varco principale, al primo piano di fronte all'ingresso principale, al centro dell'aerostazione, prevede 14 postazioni di controllo e una corsia per l'accesso prioritario.
  • Il varco nord, al primo piano sul lato sinistro entrando nell'aerostazione, è dedicato ai voli per destinazioni sensibili e prevede 4 postazioni di controllo.

Anche l'area airside è strutturata su 3 piani:

  • Il piano terra è diviso in due parti: sulla prima si trovano gli arrivi, con 6 nastri di riconsegna bagagli e gli sportelli Lost&Found per i bagagli smarriti; da qui, attraverso due postazioni apposite per il controllo dei passeggeri in transito, si può accedere all'area partenze, che si sviluppa anche nel piano terra dell'aerostazione con 16 uscite (8 Schengen e 8 Extra-Schengen).
  • Il primo piano è dedicato interamente alle partenze; vi si trovano numerosi negozi, nonché altri bar e ristoranti. Contando le 16 uscite al piano terra, a cui si accede tramite ascensori o scale mobili, le uscite sono in tutto 28: 12 sono da finger, di cui 7 con tunnel telescopico (collegamento diretto con l'aeromobile); di queste, 10 sono dedicate stabilmente ai voli Extra Schengen, mentre 4 funzionano in modalità "mista", tramite un sistema di porte mobili che permette di commutare l'area da Schengen a Extra Schengen.
  • Al secondo piano si possono trovare altri negozi e ristoranti, oltre alle due Lounge dedicate ai passeggeri premium: la "Tintoretto Lounge", riservata ai clienti SkyTeam, e la sala Marco Polo, gestita direttamente da SAVE, riservata ai clienti di tutte le altre compagnie.

Nell'area dell'aeroporto vi sono numerosi parcheggi, compreso un multipiano per un totale di 6.200 posti auto.[5] Sono disponibili, poco lontano, anche alcuni parcheggi con semplice disco orario.

Traffico aeroportuale[modifica | modifica wikitesto]

Il Sistema Aeroportuale Venezia, che comprende gli scali di Venezia e di Treviso, ha registrato 11.119.183 passeggeri complessivi nell'anno 2015, confermando la posizione già consolidata di terzo polo aeroportuale italiano, dopo quello di Roma (Fiumicino e Ciampino) e quello di Milano (Malpensa, Linate e Orio al Serio).

Sono più di 1.000 i collegamenti settimanali per le principali destinazioni nazionali, europee ed intercontinentali.

I nuovi voli aperti nel corso dell'anno hanno dato ulteriore spinta ai collegamenti tra Venezia e il mondo.

Dati di traffico passeggeri[modifica | modifica wikitesto]

Terminal, area passeggeri
Terminal, area cargo
Terminal, torretta Boeing
Terminal, torretta Boeing

I dati di seguito provengono tutti dal rapporto annuale dell'ENAC sugli aeroporti italiani.[6]

Passeggeri annui
Anno Passeggeri
2000 4.135.608 (Green Arrow Up.svg8,6%)
2001 4.178.285 (Green Arrow Up.svg1,0%)
2002 4.216.398 (Green Arrow Up.svg0,9%)
2003 5.304.597 (Green Arrow Up.svg25,8%)
2004 5.871.415 (Green Arrow Up.svg10,7%)
2005 5.780.783 (Red Arrow Down.svg1%)
2006 6.296.345 (Green Arrow Up.svg8,9%)
2007 7.032.499 (Green Arrow Up.svg11,7%)
2008 6.848.244 (Red Arrow Down.svg2,6%)
2009 6.655.612 (Red Arrow Down.svg2,8%)
2010 6.801.241 (Green Arrow Up.svg2,2%)
2011 8.507.691 (Green Arrow Up.svg25,1%)
2012 8.110.520 (Red Arrow Down.svg4,7%)
2013 8.327.899 (Green Arrow Up.svg2,7%)
2014 8.407.935 (Green Arrow Up.svg1,0%)
2015 8.735.876 (Green Arrow Up.svg3,2%)
2016 9.624.748 (Green Arrow Up.svg10%)
Rotte nazionali più trafficate (2014)
Rank Città Passeggeri
1 Italia Roma Fiumicino Red Arrow Down.svg527.642
2 Italia Napoli Red Arrow Down.svg290.568
3 Italia Catania Red Arrow Down.svg210.785
Rotte europee più trafficate (2014)
Rank Città Passeggeri
1 Francia Parigi Charles De Gaulle Red Arrow Down.svg633.087
2 Regno Unito Londra Gatwick Green Arrow Up.svg591.422
3 Germania Francoforte sul Meno Green Arrow Up.svg467.089
4 Paesi Bassi Amsterdam Schiphol Green Arrow Up.svg406.571
5 Francia Parigi Orly Green Arrow Up.svg329.062
6 Turchia Istanbul Ataturk Green Arrow Up.svg276.167
7 Spagna Barcellona Green Arrow Up.svg249.607
8 Spagna Madrid Barajas Red Arrow Down.svg232.706
9 Germania Monaco Green Arrow Up.svg223.135
10 Belgio Bruxelles Green Arrow Up.svg197.449
11 Svizzera Zurigo Red Arrow Down.svg181.891
12 Russia Mosca Šeremet'evo Green Arrow Up.svg174.445
13 Regno Unito Manchester Green Arrow Up.svg162.381
14 Germania Berlino Schönefeld Red Arrow Down.svg138.201
15 Germania Düsseldorf Green Arrow Up.svg127.608
16 Portogallo Lisbona Green Arrow Up.svg115.005
17 Austria Vienna Green Arrow Up.svg113.944
18 Regno Unito Londra Heathrow Green Arrow Up.svg107.657
19 Francia Lione Red Arrow Down.svg104.859
Rotte intercontinentali più trafficate (2014)
Rank Città Passeggeri
1 Emirati Arabi Uniti Dubai Red Arrow Down.svg249.610
2 Stati Uniti Filadelfia Green Arrow Up.svg100.337
3 Stati Uniti New York John F. Kennedy Red Arrow Down.svg97.745
4 Qatar Doha Green Arrow Up.svg85.892
5 Canada Toronto Pearson Green Arrow Up.svg53.439

Compagnie aeree e destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Voli di linea[modifica | modifica wikitesto]

Compagnia aerea Destinazioni
Aegean Airlines Stagionale: Atene, Heraklion, Rodi (Airbus A320)
Aer Lingus Dublino (Airbus A321)
Aeroflot Mosca-Šeremet'evo (Airbus A321/Boeing 737-800)
Air Arabia Casablanca (Airbus A320)
AirBaltic Stagionale: Riga (Boeing 737-500/Bombardier CS300)
Air Berlin Stoccarda ;Stagionale:Düsseldorf (Airbus A320)
Air Canada
operato da Air Canada Rouge
Stagionale:Montréal-Trudeau, Toronto-Pearson (Boeing 767)
Air Dolomiti Monaco di Baviera (Embraer ER-195)
Air France Marsiglia, Parigi Charles de Gaulle, Tolosa; Stagionale:Nizza (Airbus A318/319/320)
Air France
operato da HOP!
Lione (CRJ-1000)
Air Malta Malta (Airbus A320)
Air Moldova Chișinău (Airbus A320/Embraer ER-190)
Air Serbia Belgrado (ATR-42/72)
Air Transat Stagionale:Montréal-Trudeau, Toronto-Pearson (Airbus A310)
Alitalia Roma-Fiumicino, San Pietroburgo; Stagionale: Catania, Ibiza; (Airbus A319/320)
Alitalia
operato da Alitalia CityLiner
Berlino-Tegel, Düsseldorf, Roma-Fiumicino (Embraer ER-175)
American Airlines Stagionale:Philadelphia (Airbus A330), Chicago-O'Hare (B787-800) dal 5 maggio 2018
Austrian Airlines
operato da Tyrolean Airways
Vienna (Embraer ER-195)
British Airways Londra Gatwick, Londra Heathrow (Airbus A319/320)
British Airways
operato da BA CityFlyer
Londra-City (Embraer ER-190)
Brussels Airlines Bruxelles (Airbus A319)
Croatia Airlines Stagionale: Ragusa (De Havilland Dash 8 Q400)
Delta Air Lines Stagionale:Atlanta, New York (Boeing 767)
easyJet Amburgo, Amsterdam-Schipol, Berlino-Schönefeld, Bordeaux, Bristol, Budapest, Copenaghen, Cracovia, Edimburgo, Ginevra, Lilla, Lione, Liverpool dal 31 Ottobre 2017, Londra-Gatwick, Londra-Luton, Manchester, Marsiglia, Napoli, Nizza, Palma di Maiorca, Olbia, Parigi Charles de Gaulle, Parigi-Orly, Praga, Stoccarda, Tel Aviv dal 31 ottobre 2017, Tolosa, Zurigo; Stagionale: Alghero, Ibiza, Minorca, Mykonos, (Airbus A319/320)
El Al Tel Aviv[7](Boeing 737-900/800)
Emirates Dubai[8] (Boeing 777)
Ernest Airlines Tirana (Airbus A319)
Etihad Abu Dhabi fino al 29 ottobre 2017 e dal 24 marzo 2018 (Airbus A319/330)
Finnair Stagionale: Helsinki (Airbus A319)
Eurowings Amburgo, Colonia/Bonn, Düsseldorf. (Airbus A320/319)
FlyOne Chișinău (Airbus A320)
Flybe Londra Southend (Embraer ER-190)
Iberia Madrid (Airbus A320/319)
Jet2.com Stagionale:Edimburgo, Leeds-Bradford, Manchester, Newcastle (Boeing 737-800/500)
Jota Aviation Stagionale:Southend-on-Sea (Bae 146-200)
KLM Amsterdam (Boeing 737-800)
Lot Polish Airlines Varsavia (Embraer ER-175)
Lufthansa Francoforte sul Meno (Airbus A320/321)
Luxair Stagionale: Lussemburgo (De Havilland Dash 8 Q400)
Meridiana Fly Stagionale: Olbia (Boeing 737-700/800)
Monarch Airlines Manchester; Stagionale:Birmingham, Londra-Gatwick (Airbus A321)
Mistral Air Tirana (ATR-42)
Norwegian Air Shuttle Oslo, Stagionale:Copenaghen, Helsinki, Stoccolma (Boeing 737-800)
Neos Air Stagionale: Bari (Boeing 737-800)
Ryanair Bristol, Barcellona dal 29 ottobre 2017 (Boeing 737-800)
Qatar Airways Doha (Airbus A330-200/Boeing 787)
Scandinavian Airlines Copenaghen, Stagionale: Stoccolma (Airbus A320)
Swiss International Air Lines
operato da Swiss European Airlines
Zurigo (Airbus A319/320 /CS100)
TAP Lisbona (Airbus A319/320/321)
Transavia Airlines Rotterdam/L'Aia (Boeing 737-800)
Transavia France Nantes, Parigi Orly (Boeing 737-800)
Travel Service Hungary Bordeaux (Boeing 737-800)
Tunisair Tunisi (Boeing 737-800)
Turkish Airlines Istanbul-Atatürk, Istanbul-Sabiha Gökçen (Airbus A321)
United Airlines Stagionale: New York-Newark (Boeing 767)
Volotea Atene, Bari, Bilbao, Bordeaux, Catania, Marsiglia, Nantes, Oviedo, Palermo, Praga, Santander, Tel Aviv, Tirana, Tolosa; Stagionale: Alghero, Alicante, Brindisi, Cagliari, Cefalonia,Corfù, Ragusa, Lampedusa, Mykonos, Olbia, Palma di Maiorca, Malaga, Pantelleria, Prevesa-Leucade, Rodi-Diagoras, Salonicco, Samos, Santorini, Skiathos, Spalato, Zante (Boeing 717)
Vueling Barcellona, Parigi Charles de Gaulle, Stagionale:Bilbao (Airbus A320/321)

Voli charter[modifica | modifica wikitesto]

I voli charter sono voli non operati in maniera regolare, senza una programmazione stabilita.

Compagnia aerea Destinazioni
Egitto Air Cairo Stagionale invernale: Sharm el-Sheikh (Airbus A320)
Spagna Air Europa Stagionale estivo: Madrid (Boeing 737-800)
Spagna Air Nostrum Stagionale estivo: Clermont Ferrand (CRJ-900)
Israele Arkia Israel Airlines Stagionale invernale: Tel Aviv (Embraer E-190)
Corea del SudAsiana Airlines Stagionale Estivo: Seoul Incheon (Boeing 777)
Turchia Atlasjet Stagionale estivo:Istanbul-Atatürk (Airbus A321)
BielorussiaBelavia Belarusian Airlines Stagionale estivo:Gomel, Minsk (Boeing 737-700)
Regno Unito British Airways
operato da Regno Unito BA CityFlyer
Stagionale estivo: Glasgow, Humberside, Londra Stansted (Embraer E-170/175)
Regno Unito Flybe (Stagionale estivo: Glasgow, Manchester) (Embraer E-195)
Francia Europe Airpost Stagionale Estivo: (Brest, Clermont Ferrant, Deauville, La Rochelle) Stagionale invernale: (Nantes, Parigi-Charles De Gaulle, Roma-Fiumicino) (Boeing 737-700)
Regno Unito Jet2.com Stagionale Estivo: Cardiff (Boeing 737-800)
Italia Meridiana Fly (Marsa Alam, Sharm el-Sheikh) (Boeing 767)
Montenegro Montenegro Airlines (Stagionale Estivo: Podgorica) (Embraer E-190)
Grecia Olympic Airways (Stagionale estivo: Heraklion) (ATR-72)
Spagna Orbest Orizonia Airlines (Barcellona, Madrid-Barajas)
SpagnaSwiftair Stagionale estivo: Madrid, Valencia (ATR-72)
Regno Unito Thomson Airways Stagionale estivo: Londra-Gatwick, Manchester, Francoforte (Boeing 737-800)
Regno Unito ThomsonFly (Stagionale estivo: Birmingham, Manchester) (Boeing 737-800)
Regno Unito Titan Airways (Stagionale Estivo: Newcastle, Belfast, Cardiff) (Airbus A319)
Tunisia Tunisair (Stagionale: Zine el abidine Ben Ali) (Airbus A320)
Spagna Volotea (Stagionale estivo: Cracovia) (Boeing 717)
Francia XL Airways France (Nantes, Parigi-Charles De Gaulle, Toulouse) (Airbus A320)
Libano WOL Wings of Lebanon Beirut (Boeing 737-300)

Voli cargo[modifica | modifica wikitesto]

Compagnia aerea Destinazioni
Germania DHL (Bucharest-Otopeni, East-Midlands, Leipzig-Halle)
Stati Uniti FedEx (Memphis, Milano-Malpensa, Nashville)
Stati Uniti UPS Airlines (Colonia, Roma-Ciampino)

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Incidente del Piaggio-Douglas PD-808 Aeronautica Militare del 1993.
  • Il 14 settembre 1993 un Piaggio PD-808 dell'Aeronautica Militare si è schiantato mentre cercava di atterrare in cattive condizioni meteo. Nell'incidente sono morte tutte e 3 le persone a bordo.

Collegamenti con Venezia e Padova[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto si trova a 13 km da Venezia, 8 km da Mestre, 28 km da Treviso e 47 km da Padova. Dall'aeroporto è possibile raggiungere:

È stata altresì avviata la progettazione definitiva del collegamento ferroviario con la linea Venezia-Trieste. Il tracciato, completo della nuova stazione ferroviaria Venezia Aeroporto, dovrebbe divenire operativo nel giugno 2024.[10]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]