Aeroporto di Massa-Cinquale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto di Massa-Cinquale
Codice IATA QMM
Codice ICAO LILQ
Descrizione
Tipo Civile
Stato Italia Italia
Regione Toscana Toscana
Posizione 8,5 km da Massa e 2 km da Forte dei Marmi
Costruzione 1912
Classe ICAO 1A
Cat. antincendio ICAO
Altitudine AMSL 12 m
Coordinate 43°59′08″N 10°08′35″E / 43.985556°N 10.143056°E43.985556; 10.143056Coordinate: 43°59′08″N 10°08′35″E / 43.985556°N 10.143056°E43.985556; 10.143056
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LILQ
LILQ
Sito web
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
05/23 735×18 in erba
Agibilità 9:00/13:00, 14:00/SS+30

[senza fonte]

L'Aeroporto Municipale di Massa-Cinquale (IATA: QMMICAO: LILQ) è posto nel Comune di Massa, nella frazione di Poveromo, ad 8,65 km dal centro di Massa e 2,1 km da Forte dei Marmi. Lo scalo è aperto al traffico turistico commerciale nazionale e comunitario, è base operativa di Elisoccorso 118 H24 e Servizio antincendio boschivo della Regione Toscana, punto base provinciale della Protezione Civile e base operativa stagionale di primarie compagnie che operano nel settore della pubblicità aerea. Diverse sono le compagnie private di Aero ed Elitaxi che operano sullo scalo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita dell'Aeroporto di Massa-Cinquale avviene attorno al 1912; infatti già nel 1915 l'aeroporto di Massa-Cinquale era in esercizio. Esso rappresentava la base d'appoggio della Società Italiana Prodotti Esplodenti (S.I.P.E). Il Comune di Massa nel 1948 acquistò dai Conti Astaldi i 250 000 metri quadrati sui quali insiste oggi l'aeroporto affinché su tale area sorgesse l'Aeroporto Comunale, mantenendo, così, inalterate la modalità d'impiego di un appezzamento da sempre utilizzato nel settore aeronautico. Grazie a queste finalità di alto valore sociale, da tutti apprezzate, l'Amministrazione Comunale ottenne da parte del Prefetto della Provincia di Massa-Carrara con Decreto 8 luglio 1950 n°9625 le previste autorizzazioni di legge per ad acquistare i terreni allo scopo di impiantarvi un aeroporto ai sensi della legge 15/10/1925 n°2578. Il Comune acquistò il terreno ad un prezzo sensibilmente inferiore rispetto a quello di mercato (L. 15.500.000) e beneficiò delle agevolazioni di natura fiscale connesse all'utilizzo del bene per finalità di pubblico interesse. La delibera del Consiglio Comunale del 24 gennaio 1948 prevedeva l'acquisto del terreno la ristrutturazione di alcuni fabbricati esistenti, la normale manutenzione della pista di atterraggio e decollo, ma anche la volontà di delegare ad altri la successiva gestione dell'impianto. Per questo furono intrapresi contatti con la Società di navigazione aerea e l'aeroporto conobbe la sua maggiore attività nel periodo 1966/1968 con il collegamento aereo con Cortina D'Ampezzo, Milano, Elba, con regolari voli di linea utilizzando velivoli Pilatus Turbo Porter, i Twin-Otter e i De Havilland Skyvan. Nel 1962 si costituisce L'Aero Club Marina di Massa che viene riconosciuto Ente Morale con DPR n°534 del 22/05/1978 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n°260 del 16/09/1978. Nel 1980 viene stipulata una convenzione che regolarizza l'uso dell'aeroporto tra il Comune di Massa e l'Aero Club Marina di Massa, che deve operare essenzialmente per lo sviluppo delle attività aeronautiche, prima tra tutte la scuola di pilotaggio e la gestione dell'intera struttura, pagando un regolare canone di affitto.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]