Aeroporto di Cuneo-Levaldigi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aeroporto di Cuneo-Levaldigi
aeroporto
Aeroporto cuneo levaldigi terminal.jpg
L'aerostazione dell'Aeroporto di Cuneo-Levaldigi
Codice IATACUF
Codice ICAOLIMZ
Codice WMO16117
Nome commercialeAeroporto Internazionale "Langhe e Alpi del Mare"
Descrizione
TipoCivile
GestoreGEAC s.p.a.[1]
Gestore torre di controlloENAV
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
CittàCuneo-Stemma.png Cuneo
PosizioneLevaldigi, frazione di Savigliano 16 km a nord di Cuneo[2]
Costruzione1929
Classe ICAO4D
Cat. antincendio6 (7 su richiesta)ª ICAO
Altitudine386 m s.l.m.
Coordinate44°32′49.27″N 7°37′23.58″E / 44.547019°N 7.623217°E44.547019; 7.623217Coordinate: 44°32′49.27″N 7°37′23.58″E / 44.547019°N 7.623217°E44.547019; 7.623217
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LIMZ
LIMZ
Sito webwww.aeroporto.cuneo.it
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
03/212100 x 45 mConglomerato bituminoso
PAPI; ILS
Statistiche (2019)
Passeggeri in transito92.401 Diminuzione 19,1%
Movimenti aeromobili4.433 Diminuzione 3,7%
Cargo (tonnellate)0
Assaeroporti

L'Aeroporto di Cuneo-Levaldigi[3] (IATA: CUFICAO: LIMZ), denominato "Aeroporto Langhe e Alpi del Mare", è un aeroporto italiano situato in località Levaldigi[1], frazione del comune di Savigliano. Si trova lungo la strada statale 20 del Colle di Tenda e di Valle Roja, a 16 km a nord di Cuneo, 10 Km a sud di Savigliano e 7 Km a ovest di Fossano.

È dotato di una pista in asfalto lunga 2100 m (2495 m totali) e larga 45[4] con orientamento 21/03. La pista è disponibile per atterraggi e decolli in entrambi i sensi[5].

L'aeroporto è gestito dalla GEAC SpA.[1] ed è aperto al traffico commerciale dalle ore 07:00 alle 21:00. La zona del Cuneese, raramente soggetta a forti nebbie e venti, rende l'aeroporto particolarmente sicuro.

Tra i 30 principali aeroporti italiani, è quello posto alla maggiore altitudine.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1929 viene inaugurato l'aeroporto “Campo d'Aviazione di Cani”. Si tratta di una piccola struttura che si sviluppa su 75 ettari, sui quali spicca una pista con fondo erboso. Al 10 giugno 1940 la 118ª Squadriglia Ricognizione della Regia Aeronautica era all'aeroporto sugli IMAM Ro.37bis per l'Aviazione Ausiliaria per l'Esercito. Bisogna attendere il 1960 perché l'AeroClub Provincia Granda ottenga il permesso per la costruzione dell'attuale aeroporto.

Il 26 ottobre 1962, anche grazie alla partecipazione degli enti locali territoriali ed economici, viene costituita la Società di Gestione dell'Aeroporto Cuneo – Levaldigi, la GEAC s.p.a. Compito primario della nuova società fu il rinnovamento e l'ampliamento della struttura aeroportuale e della pista. Nel 1969 ha partecipato alla progettazione l'architetto Gian Bertarione.

Dal 1986, l'aeroporto è stato aperto al traffico commerciale nazionale e dal luglio del 1990 anche a quello turistico internazionale. Nel corso del 1994, l'ENAC autorizza l'atterraggio agli aerei di linea fino a 48 metri di lunghezza.

Nel 2006, in occasione dei XX Giochi olimpici invernali, lo scalo cuneese ha visto l'inizio di una nuova era, durante la quale si è proposto come secondo aeroporto torinese con la denominazione temporanea di Aeroporto di Levaldigi "Torino Olimpica".

Nel 2009 la compagnia irlandese low cost Ryanair ha aperto un collegamento trisettimanale con Cagliari. Fin dai suoi albori, la rotta ha avuto risultati soddisfacenti, con l'80% di load factor e oltre 40.000 passeggeri trasportati nei primi dodici mesi di operatività. La rotta è tutt'ora esistente e rappresenta la rotta storica dell'aeroporto. La stessa Ryanair, ha operato per diversi anni voli su Alghero e Trapani, inaugurando anche il collegamento con Roma, che però non è mai risultato essere continuativo nel tempo, nonostante ulteriori esperimenti effettuati anche da altre compagnie, venendo cancellato qualche mese dopo l'inizio dell'operatività. Nel corso degli anni hanno operato voli su Cuneo anche Wizz Air, Blue Air e Mistral Air.

Nell'estate 2018, nelle Langhe arrivano e partono aerei Ryanair (con il solo volo per Cagliari), Ernest Airlines (con voli per Tirana e Iași), Albawings (anche la compagnia albanese effettua voli per Tirana) e Air Arabia Maroc (con destinazione Casablanca)[6]. Nella winter season 2020 operano solamente Ryanair (Cagliari e la novità Bari) ed Air Arabia Maroc (Casablanca), oltre ad alcuni voli charter per mete soprattutto di pellegrinaggio. Numerosi sono invece i movimenti di aerei privati che utilizzano lo scalo, specialmente nel periodo estivo, come parcheggio per i Jet Privati che portano i proprietari in vacanza in Costa Azzurra, visto il ridotto numero di parcheggi disponibili presso l'aeroporto di Nizza. Le attività private hanno dei picchi importanti durante la Festa del Tartufo di Alba, il Gran Premio di Montecarlo e le numerose fiere del vino nelle Langhe.

Nel Novembre 2019 la Società di Gestione cambia il nome dell'aeroporto modificandolo in Aeroporto "Langhe e Alpi del Mare", per poter al meglio sottolineare l'integrazione con il territorio[7].

Dal 13 Marzo 2020, a causa della pandemia di Covid-19 che ha interessato l'Italia, l'aeroporto è stato chiuso al traffico civile di linea e privato, come conseguenza delle misure adottate dalle Autorità italiane. La decisione è stata presa a seguito della decisione delle compagnie operanti sullo scalo di sospendere tutti i voli da e per l'Italia. L'aeroporto rimane aperto per consentire l'attività dell'elisoccorso del 118 della Regione Piemonte, e per qualsiasi altro volo di emergenza o sanitario[8]. Lo scalo dovrebbe tornare operativo il 3 Giugno 2020, fatte salve nuove azioni delle autorità per il contenimento del contagio.

Il poco traffico aereo presente sull'aeroporto fa sì che questo venga usato per attività secondarie. Ad esempio nel 2004 nell'area aeroportuale venne girato il VideoClip del singolo Kunta Kinte, di Daniele Silvestri, e nel 2011 vi furono girate alcune scene del film Red Tails.

Con 290 623 passeggeri transitati, il 2013 rappresenta l'anno record per lo scalo cuneese[9], posizionandosi 29º tra gli aeroporti d'Italia per traffico passeggeri. Il 2019 ha invece visto transitare presso l'aeroporto 92 401 passeggeri, posizionandosi 34º tra gli aeroporti italiani per numero di passeggeri.

Progetto di chiusura al traffico civile[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di novembre del 2010 si cominciava ad ipotizzare la chiusura al traffico civile di questo scalo nel contesto del piano soprannominato "aeroporti bonsai" che prevedeva, per via dell'alto costo di esercizio a fronte di uno scarsissimo utilizzo,[10] la chiusura degli scali con traffico inferiore ai 500 000 passeggeri annui. Tuttavia nel febbraio 2012 l'aeroporto veniva inserito nel "Piano Nazionale degli Aeroporti" presentato dall'Enac alla voce scali di servizio per le sue caratteristiche di "incipiente base low cost e potenziale scalo cargo":[11] l'inserimento in questa lista prevedeva che per una durata di tre anni, e cioè fino al febbraio 2015, venissero verificate le condizioni di sostenibilità economica dello scalo a condizione che non richiedessero trasferimenti di risorse pubbliche per la gestione; dopo i tre anni qualora l'esito dovesse risultare negativo, verrebbero attivati piani di coinvolgimento di privati e, come ultima opzione, la chiusura dell'aeroporto.[12]

Nei mesi di gennaio e febbraio 2014 l'aeroporto ha accolto 28 668 passeggeri, con un aumento del 1,3% rispetto allo stesso periodo del 2013.[13]

Il 17 gennaio 2014 viene inserito nella lista di 26 aeroporti di interesse nazionale dal nuovo "Piano Nazionale Aeroporti" del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti;[14] il piano prevede comunque la chiusura dell'impianto se i dati pervenuti nel triennio a seguire evidenzino un rapporto costi-benefici negativo.

Successivamente, il 25 febbraio 2014, la Geac ottiene la concessione aeroportuale ventennale a condizione che venga attuata la privatizzazione della maggioranza del capitale della società di gestione e il raggiungimento dell'equilibrio economico finanziario.[15] Il 27 agosto 2015 viene inserito tra i 25 scali italiani di interesse nazionale.

Dati traffico aereo[modifica | modifica wikitesto]

Traffico all’aeroporto di Cuneo nel 2020 con comparazione all'anno 2019:

Traffico nel 2020[16]
Mese Passeggeri Var.% Movimenti Var%
Gennaio Gennaio 10717 10.717 Aumento 40,6% 390 390 Aumento 10,5%
Febbraio Febbraio 10130 10.130 Aumento 77,8% 291 291 Diminuzione 30,5%
Marzo Marzo 2190 2.190 Diminuzione 68,8% 106 106 Diminuzione 74,6%
Aprile Aprile N/D N/D Stabile N/D N/D Stabile
Maggio Maggio N/D N/D Stabile N/D N/D Stabile
Giugno Giugno N/D N/D Stabile N/D N/D Stabile
Luglio Luglio N/D N/D Stabile N/D N/D Stabile
Agosto Agosto N/D N/D Stabile N/D N/D Stabile
Settembre Settembre N/D N/D Stabile N/D N/D Stabile
Ottobre Ottobre N/D N/D Stabile N/D N/D Stabile
Novembre Novembre N/D N/D Stabile N/D N/D Stabile
Dicembre Dicembre N/D N/D Stabile N/D N/D Stabile
Tot. Anno 2020 Tot. Anno 2020 23037 23.037 Aumento 13,2% 787 787 Diminuzione 33,9%

Servizi aeroportuali[modifica | modifica wikitesto]

dispone dei seguenti servizi al passeggero:

  • Telefono Pubblico Telefono pubblico
  • Accessibile Accessibilità per portatori di handicap
  • Ascensori Ascensori
  • Auto Autonoleggio
  • Banca Bancomat
  • Bar caffetteria
  • Parcheggio di scambio Parcheggio
  • Biglietteria Biglietteria aerea
  • Edicola Edicola
  • Polizia di frontiera Polizia di frontiera
  • Croce bianca e rossa.svg Pronto soccorso
  • Punto informazioni Punto informazioni
  • Ristorante Ristorante
  • Sala d'attesa Sala d'attesa
  • Sale riunioni Sale riunioni
  • WC Servizi Igienici
  • Dogana Ufficio doganale
  • Wi-Fi Wi-Fi gratuito
  • Taxi Taxi
  • Feature suburban buses.svg Autobus

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto è collegato tramite autobus:

L'aeroporto è raggiungibile dalle autostrade:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Aeroporto di Cuneo, su aeroporto.cuneo.it. URL consultato il 13 settembre 2010.
  2. ^ aeroporto.cuneo.it, http://www.aeroporto.cuneo.it/aeroporto-cuneo-levaldigi/dove-siamo-aeroporto-cuneo/. URL consultato il 13 settembre 2010.
  3. ^ Aeroporti certificati (PDF), su ENAC Ente Nazionale per l'Aviazione Civile, http://www.enac.gov.it. URL consultato il 23 marzo 2014.
  4. ^ (EN) World Aero Data, Levaldigi - LIMZ, su worldaerodata.com. URL consultato il 20 maggio 2012.
  5. ^ aeroporto.cuneo.it, http://www.aeroporto.cuneo.it/aeroporto-cuneo-levaldigi/informazione-generiche-aeroporto/dati-tecnici/. URL consultato il 13 settembre 2010.
  6. ^ Aeroporto di Cuneo – Pubblicazioni, su aeroporto.cuneo.it. URL consultato il 12 agosto 2018.
  7. ^ Aeroporto Cuneo Levaldigi cambia nome, Ansa.it, 15 novembre 2019. URL consultato il 28 Novembre 2019.
  8. ^ Coronavirus. Ryanair sospende tutti i voli per l’Italia, Levaldigi operativo per l’attività delle basi 118 e antincendio boschivo, La Stampa, 12 marzo 2020.
  9. ^ Statistiche | Assaeroporti, su www.assaeroporti.com. URL consultato il 3 giugno 2016.
  10. ^ Aeroporti, troppi sprechi Via gli scali bonsai, Repubblica.it. URL consultato il 20 maggio 2012.
  11. ^ Piano Nazionale degli Aeroporti (PDF), su ENAC Ente Nazionale dell'Aviazione Civile, http://www.enac.gov.it, febbraio 2012, p. 38. URL consultato il 23 marzo 2014.
  12. ^ Giorgio Santilli, Diciotto aeroporti sul filo del rasoio, Il Sole 24 ORE, 22 marzo 2012. URL consultato il 20 maggio 2012.
  13. ^ Copia archiviata, su assaeroporti.com. URL consultato il 26 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2014)..
  14. ^ Piano nazionale degli aeroporti - quadro normativo (PDF), su Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, http://www.mit.gov.it, 17 gennaio 2014, p. 38. URL consultato il 23 marzo 2014.
  15. ^ Approvata la concessione totale a GEAC Spa per l'aeroporto di Cuneo, su Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, http://www.mit.gov.it, 26 febbraio 2014. URL consultato il 23 marzo 2014.
  16. ^ Assaeroporti – Pubblicazioni, su assaeroporti.com. URL consultato il 13 maggio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]