Aeroporto di Lecce-San Cataldo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'aeroporto militare, vedi Aeroporto di Lecce-Galatina.
Aeroporto di Lecce-San Cataldo
Codice IATA nessuno
Codice ICAO LINL
Nome commerciale Aeroporto "Lepore" di Lecce-San Cataldo
Descrizione
Tipo Civile
Gestore Fly Mediterraneo s.r.l.
Stato Italia Italia
Regione Puglia Puglia
Posizione 9 km dalla città di Lecce
Costruzione 1970
Classe ICAO 1A
Cat. antincendio ICAO
Altitudine AMSL 18 m
Coordinate 40°21′27″N 18°17′38″E / 40.3575°N 18.293889°E40.3575; 18.293889Coordinate: 40°21′27″N 18°17′38″E / 40.3575°N 18.293889°E40.3575; 18.293889
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LINL
LINL
Sito web
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
18/36 927

[senza fonte]

L'Aeroporto di Lecce-San Cataldo è un aeroporto civile di "terzo livello".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto è stato costruito nel 1970 dall'Aeroclub Lecce destinato ad attività amatoriali ed alla scuola di volo. Nel 1990 causa mancanza di risorse l'aeroporto venne chiuso e nell'aprile, per essere finalmente riaperto nel 2000, quando venne riavviata la scuola di pilotaggio e furono offerti servizi di elisoccorso, aerotaxi, avvistamento incendi e ricognizione del territorio.

Nel 2002 la società «Fly Mediterraneo», che da allora si occupa della gestione dell'impianto, ha investito cospicue risorse nel recupero e l'ampliamento della struttura. Attualmente l'aeroporto dispone di una pista asfaltata lunga 927 metri e larga 45 che consente la partenza e l'arrivo di aerei fino a 50 tonnellate.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]