Aeroporto di Belluno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aeroporto di Belluno
Codice IATABLX
Codice ICAOLIDB
Nome commercialeAeroporto "Arturo dell'Oro"
Descrizione
Tipocivile, turistico
GestoreAeroclub di Belluno
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
CittàBelluno
Posizionea Nord-Est dal centro dell'abitato
Costruzione1916
Classe ICAO1A
Altitudine378 m s.l.m.
Coordinate46°10′02″N 12°14′52″E / 46.167222°N 12.247778°E46.167222; 12.247778Coordinate: 46°10′02″N 12°14′52″E / 46.167222°N 12.247778°E46.167222; 12.247778
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LIDB
LIDB
Sito web
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
05/23812 x 42 merba

L'Aeroporto di Belluno (IATA: BLX, ICAO: LIDB) si trova lungo la strada statale 50 del Grappa e del Passo Rolle, tra Ponte nelle Alpi e Belluno, ed è intitolato all'aviatore Arturo Dell'Oro. L'aviosuperficie di Belluno venne costruita a San Pietro al Campo dove si trova oggi, tra la città e Ponte nelle Alpi e tra la strada regionale 50 ed il Piave. Dal 30 aprile 1916 era sede della 48ª Squadriglia che dopo la Battaglia di Caporetto ripiega all'inizio di novembre 1917, dal 10 maggio 1917 del 12º Gruppo caccia e sempre dal maggio 1917 una Sezione della 83ª Squadriglia fino alla ritirata di Caporetto. Dopo Caporetto diventò un campo volo austriaco con le Flik 2D, Flik 8D, 11D, 30J, 39D, e 53D.[1]

È sede dell'aeroclub cittadino e della filiale della compagnia Babcock MCS Italia (precedentemente Inaer), specializzata in servizi di elisoccorso, offshore e antincendio. Verso la fine degli anni sessanta l'aeroporto venne collegato a Milano e Cortina dalla compagnia Aeralpi, che operava da Belluno con aerei De Havilland Canada DHC-6 Twin Otter da 18 posti.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]