Aeroporto di Foggia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'aeroporto militare, vedi Aeroporto di Foggia-Amendola.
Aeroporto di Foggia
aeroporto
Ingressoginolisa.JPG
Codice IATAFOG
Codice ICAOLIBF
Codice WMO16260
Nome commercialeAeroporto di Foggia "Gino Lisa"
Descrizione
TipoCivile
GestoreAeroporti di Puglia - S.p.A
StatoItalia Italia
RegionePuglia Puglia
Posizione3 km dalla città di Foggia
Costruzione1915
Classe ICAO3C
Cat. antincendioICAO
Altitudine81 m s.l.m.
Coordinate41°26′02″N 15°32′09″E / 41.433889°N 15.535833°E41.433889; 15.535833Coordinate: 41°26′02″N 15°32′09″E / 41.433889°N 15.535833°E41.433889; 15.535833
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LIBF
LIBF
Sito webwww.aeroportidipuglia.it
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
15/332.000m x 45m
Statistiche
Passeggeri in transito1.510 (2015)[1]

L'Aeroporto di Foggia[2] (IATA: FOG, ICAO: LIBF) è un aeroporto civile situato a circa 3 km dal centro della città di Foggia, raggiungibile con il servizio bus e con navetta.

Lo scalo, intitolato a Gino Lisa, poco utilizzato per carenze infrastrutturali.[3][4][5][6] è dotato di eliporto, utilizzato dalla compagnia Alidaunia per voli verso il Gargano (Isole Tremiti, Peschici, San Giovanni Rotondo e Vieste) e i monti della Daunia (Celenza Valfortore)

L'aeroporto di Foggia è fra gli scali meno frequentati d'Italia a causa di questo è stato chiuso nel novembre del 2011.

Storia dell'aeroporto[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1915 quasi 1000 allievi piloti, ufficiali e truppa, italiani e americani, vi si istruirono su apparecchi di vario tipo. Nell'agosto del 1917 la Sezione Difesa dell'Aeroporto di Foggia disponeva di 2 piloti e nel marzo 1918 riceve 2 Savoia Pomilio con cannoncino, un Caproni Ca.33 con cannoncino ed una Sezione di Nieuport 11 che nel mese di aprile formano la 301ª Squadriglia al Campo Sud di Foggia. L'Aeroporto di Foggia "Gino Lisa" è uno dei 32 scali presenti nella provincia durante la seconda guerra mondiale, che costituivano il cosiddetto Complesso aeroportuale foggiano. Si trattava nella maggior parte dei casi di basi aeree degli alleati durante la fase di conquista dell'Italia.

1968: L'inizio dei voli civili[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di utilizzare l'aeroporto Gino Lisa per i servizi di linea commerciale risale alla fine degli anni sessanta, quando l'Itavia manifestò l'intenzione di attivare un volo diretto con l'aeroporto di Roma-Ciampino. Nel 1971 fu però l'ATI, divisione di Alitalia per l'esercizio dei voli nazionali, a inaugurare il collegamento con Roma Fiumicino operando due voli giornalieri con i turboelica Fokker F27. I voli furono sospesi nel 1975 in coincidenza con la dismissione dei Fokker e le difficoltà inerenti al mantenimento del servizio con gli aviogetti di maggiore capacità. L'attività dell'ATI rimane a tutt'oggi il più duraturo servizio di linea aerea regolare operato sullo scalo foggiano senza soluzione di continuità.

1989: I tentativi di ripresa[modifica | modifica wikitesto]

Quasi tre lustri trascorsero prima di rivedere un collegamento di linea sullo scalo foggiano. All'inizio del 1989 la compagnia regionale Aliblu Airways riprese i voli verso Roma Fiumicino con aerei Jetstream 31 da 18 posti, ma li abbandonò l'anno successivo quando fu acquisita e cessò le attività. Fu quindi la volta di Alidaunia che, in aggiunta al servizio elicotteristico, noleggiò un Mitsubishi MU300 per collegare Foggia con Milano Malpensa nel 1992-1993 e successivamente con Parma fino al 1995. Nel 1994 anche International Flying Services aveva operato brevemente sullo scalo con scarso successo.

Dopo pochi anni il comune di Foggia si fece promotore del riavvio dei voli di linea sul Gino Lisa. L'obiettivo era dirottare una parte del flusso turistico previsto in arrivo a Roma per il Giubileo del 2000 verso i luoghi di culto della provincia foggiana e, nel contempo, promuovere lo sviluppo turistico locale. A questo scopo furono create una società privata per l'esercizio dello scalo e la compagnia aerea Federico II Airways. Federico II Airways ricevette un turboelica d'ultima generazione Fairchild-Dornier 328 nell'ottobre 1998 e iniziò i voli verso Roma Fiumicino nel mese successivo. Un altro Fairchild-Dornier fu noleggiato all'inizio del 1999 per collegare Foggia con Milano Malpensa e con altre destinazioni. Le previsioni però non si concretizzarono e la compagnia accumulò un disavanzo economico considerevole. Federico II Airways fu costretta a sospendere le attività dopo due anni dal loro avvio e chiuse definitivamente nel 2002. Negli anni a seguire diverse compagnie regionali tentarono senza successo di riavviare i collegamenti con regolarità, trovandosi a fronteggiare problemi di carattere operativo (ItAli Airlines), di stabilità economica e finanziaria (Club Air) oppure limitando l'interesse ai soli voli a domanda (Air A!ps).

2008-2011: La storia recente[modifica | modifica wikitesto]

Nella primavera del 2008 Myair vinse il bando pubblico per il riavvio dei servizi di linea dal Gino Lisa e nel mese di ottobre inaugurò i voli verso Milano Malpensa, Palermo, Roma Fiumicino e Torino. A questi si aggiunsero i collegamenti verso Bologna, Milano Orio al Serio e Ginevra che furono però abbandonati insieme ai voli su Roma quando MyAir sospese le attività nel luglio 2009 a causa del fallimento della stessa compagnia. La compagnia regionale Skybridge AirOps aveva ripreso il servizio regolare per Roma Fiumicino, operandolo in regime di finanziamento privato e progettando anche di volare da Foggia verso nuove destinazioni. Questi voli sono stati sospesi nel 2010 e poco dopo l'intero progetto è stato abbandonato.

Al termine del triennio di finanziamenti da parte della Regione Puglia, con bando pubblico inizialmente vinto da MyAir e successivamente rigirato a Darwin Airline, quest'ultima compagnia ha deciso di proseguire le proprie attività di volo dall'Aeroporto di Foggia,[7] confermando anche il codeshare con Alitalia.[8] Dall'operativo invernale[9] con inizio dal 29 ottobre 2011, rimangono attive le tre rotte nazionali (Milano Malpensa, Torino e Palermo), con unica riduzione da 4 a 3 dei voli settimanali per il capoluogo siculo. Il termine dei contributi pubblici alla compagnia ha comportato un notevole aumento del costo del biglietto a partire da ottobre 2011. L'offerta di volo è risultata fuori mercato, soprattutto a causa della forte concorrenza degli aeroporti limitrofi. La conseguenza è stata la conclusione dei voli dal 7 novembre 2011.

2010-2011: Chiusura al traffico civile[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di novembre del 2010 si è cominciato però a parlare della chiusura definitiva al traffico civile di questo scalo nel contesto del piano denominato "aeroporti bonsai" che prevede il taglio degli scali al di sotto dei 500.000 passeggeri annui a causa del loro alto costo di esercizio a fronte di uno scarsissimo utilizzo.[10] Come già accennato, a partire dal 24 maggio 2010 l'operativo della Darwin Airline da Foggia era passato in codeshare con Alitalia. Il Gino Lisa era quindi entrato a far parte del circuito internazionale anche grazie all'alleanza SkyTeam di cui fa parte Alitalia. I passeggeri potevano raggiungere qualsiasi destinazione nazionale o internazionale con un unico biglietto aereo e un solo check-in in partenza da Foggia, e potevano transitare a Milano Malpensa, Torino e Palermo senza dover ripetere i controlli di sicurezza. I voli da e per Foggia erano validi per il programma a premi MilleMiglia di Alitalia. Gli accordi di codeshare sono stati confermati anche per la stagione invernale 2011 e sono terminati insieme alla fine dei voli Darwin Airline.[8]

2012-2019: fondi per il potenziamento dello scalo e l`inizio dei lavori[modifica | modifica wikitesto]

La giunta Vendola ha sbloccato nel 2012 un finanziamento statale di 14 milioni di euro per lavori di allungamento della pista da sempre ritenuta corta perché è di 1400 metri. A causa di tanti problemi burocratici, la posa della prima pietra per l'inizio dei lavori è stata il 13 aprile 2019. I lavori sono iniziati il 6 dicembre del 2019.[11][12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]