Aeroporto di Venezia-Lido

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto di Venezia-Lido
Venezia Aeroporto Nicelli.jpg
IATA nessuno
ICAO LIPV
WMO 16100
Nome commerciale Aeroporto di Venezia-Lido "Giovanni Nicelli"
Descrizione
Tipo Civile
Gestore Ente Nazionale Aviazione Civile
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Posizione circa 3 km dal centro di Venezia
Costruzione 1909-1915
Classe ICAO 1A
Cat. antincendio ICAO
Altitudine AMSL m
Coordinate 45°25′44″N 12°23′16″E / 45.428889°N 12.387778°E45.428889; 12.387778Coordinate: 45°25′44″N 12°23′16″E / 45.428889°N 12.387778°E45.428889; 12.387778
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LIPV
LIPV
Sito web www.aeroportonicelli.it
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
05/23 994
pista in erba

[senza fonte]

L'aeroporto di Venezia-Lido (una volta chiamato aeroporto di Venezia-San Nicolò) "Giovanni Nicelli",[1] è situato nella parte nord dell'isola del Lido di Venezia.

La pista in erba è di 994x45 m, con orientamento 05/23. L'aeroporto è anche dotato di eliporto con area di atterraggio in erba di 25x35 m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto fu realizzato a San Nicolò nel 1909 come aeroporto militare e venne usato durante la prima e la seconda guerra mondiale.

Nel 1926 divenne il primo aeroporto civile d'Italia con l'attivazione della linea passeggeri Venezia-Vienna, estesa l'anno successivo a Roma-Foligno-Venezia-Vienna, da parte della Società Anonima Transadriatica.

Negli anni cinquanta l'aeroporto iniziò il declino; tutte le compagnie che vi operavano si trasferirono prima a Treviso (1953) e poi al nuovo aeroporto di Tessera (1960). Nel 1974 anche le Officine Aeronavali vennero spostate a Tessera. L'aeroporto, per anni, rimase attivo solo grazie al locale Aeroclub.

La sua aerostazione è l'unica in Italia rimasta indenne dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, e rappresenta oggi il tipico stile architettonico delle aerostazioni anni '30, con un affresco raffigurante una mappa delle linee aeree del periodo.

Oggi[modifica | modifica wikitesto]

Solo nell'ultimo decennio del XX secolo si assiste ad una ripresa di attività dell'aeroporto, grazie a convenzioni con alcune società.

I lavori di manutenzione dell'aerostazione, cominciati nel 2002, si sono conclusi il 12 maggio 2006.

La nuova torre di controllo è attiva dal 2008.

L'aeroporto punta soprattutto sull'aviazione generale e sportiva.

Si effettuano anche voli turistici con elicottero, gestito da Heliair.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'aeroporto è intitolato al Serg. Giovanni Nicelli (1893-1918), pilota dell'Aeronautica, 79ma Squadriglia, caduto in combattimento nel marzo 1918; asso della I Guerra Mondiale con 8 (o 9) vittorie confermate, decorato con 3 Medaglie d'Argento.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

AA. VV., Il ritorno del "Nicelli". Novant'anni di storia dell'aeroporto del Lido di Venezia, Milano, Giorgio Apostolo, 2007

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]