Aeroporto di Biella-Cerrione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto di Biella-Cerrione
Codice IATA nessuno
Codice ICAO LILE
Nome commerciale Aeroporto di Biella - Cerrione
Descrizione
Tipo privato aperto al traffico civile
Gestore Sace S.p.A.
Stato Italia Italia
Regione Piemonte Piemonte
Posizione Vergnasco, circa 2 km a sud-est di Biella
Costruzione 1968
Classe ICAO 3B
Cat. antincendio ICAO
Altitudine AMSL 280 m
Coordinate 45°30′03″N 8°06′11″E / 45.500833°N 8.103056°E45.500833; 8.103056Coordinate: 45°30′03″N 8°06′11″E / 45.500833°N 8.103056°E45.500833; 8.103056
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LILE
LILE
Sito web
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
16/34 1320 m
asfalto
Statistiche
Passeggeri in transito 8398 (2002)

[senza fonte]

L'Aeroporto di Biella-Cerrione (ICAO: LILE) è un aeroporto italiano che si trova nel comune di Cerrione, in frazione Vergnasco, a sud-est di Biella.

È servito dall'autostrada A4 ed è idoneo al traffico commerciale di terzo livello. È stato inaugurato il 26 ottobre 1968 e disponeva inizialmente di una pista di 740 metri poi estesa ai 1 320 metri attuali.

L'aeroporto è aperto al traffico internazionale tutto l'anno.

Dati[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 Serib Wings attivò un collegamento Biella-Roma Ciampino che però durò solo 3 mesi, a causa dei costi ingenti (passività di 350/400 milioni di lire).[1]

Nel 2013 ha avuto 8 981 movimenti (intesi come un atterraggio e una partenza, quindi circa 20 000 voli annui) per un totale di 17 212 passeggeri transitati.[2][3]

È utilizzato da voli privati, dalla Protezione civile (punto di partenza e di atterraggio per alcuni Canadair), da tre aeroclub (Novara, Biella, Vergiate) e da un'azienda di manutenzione per aeroplani.[4]

SACe S.p.A. ha chiuso gli ultimi tre bilanci in perdita, anche se nel 2013 è stata ridotta a 250 000 euro, dimezzandone l'entità del 2010.[5] L'azionista principale è Regione Piemonte con il 27.6%.[6]

Nei media[modifica | modifica wikitesto]

Da marzo 2016 l'aeroporto ospita il programma televisivo Top Gear Italia, presentato da Joe Bastianich, Guido Meda e Davide Valsecchi e in onda su Sky Uno, che utilizza un capannone industriale dismesso per le riprese in interna del programma e la pista di atterraggio come tracciato di prova.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]