Aeroporto di Pantelleria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aeroporto di Pantelleria
aeroporto
Pantelleria Airport.jpg
Il piazzale aeromobili dell'aeroporto
Codice IATAPNL
Codice ICAOLICG
Codice WMO16470
Nome commercialeAeroporto di Pantelleria
"Cap. Pil. Italo D'Amico"
Descrizione
Tipocivile
GestoreG.A.P. S.p.A.
Gestore torre di controlloENAV
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
CittàPantelleria
Posizione2 km da Pantelleria
Costruzione1938
Classe ICAO3C
Cat. antincendioICAO
Altitudine194 m s.l.m.
Coordinate36°48′09″N 11°58′00″E / 36.8025°N 11.966667°E36.8025; 11.966667
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LICG
LICG
Sito webwww.aeroportodipantelleria.it
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
02/201101 x 30 masfalto
07/251735 x 45 masfalto
PAPI- SALS - VOR - LOC 25
Statistiche (2021)
Passeggeri in transito169 015

L'Aeroporto di Pantelleria (IATA: PNL, ICAO: LICG) è un aeroporto civile italiano (fino al 2016 aveva lo status di aeroporto militare) aperto al traffico aereo commerciale nazionale e internazionale, situato nella parte nord ovest dell'isola di Pantelleria, nel territorio del comune omonimo. La struttura è dotata di due piste in asfalto, la più lunga delle quali misura 1735 m totali, la più corta 1101 m totali. L'orientamento delle piste è: RWY 02/20 la più corta; 07/25 la più lunga.

L'aeroporto è intitolato al Capitano pilota Italo D'Amico (MOVM) ed è gestito dalla società GAP, con sede sull'isola. Grazie alla normativa sulla continuità territoriale i residenti dell'isola hanno dei collegamenti aerei assicurati tutto l'anno. Durante i mesi estivi l'aeroporto civile viene usato anche per facilitare il movimento turistico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto militare[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nella seconda metà degli anni '30 con una pista con orientamento 03/21 (ri-designata 02/20 dal 14 luglio 2022). Il 9 maggio 1943, durante l'Operazione Corkscrew, l'aeroporto fu praticamente distrutto da un violento bombardamento alleato. Dopo la resa della guarnigione italiana, la pista fu ripristinata dagli alleati che occuparono l'aeroporto per coadiuvare le loro truppe durante lo sbarco in Sicilia. Nel dopoguerra, verso la metà degli anni ottanta, l'aeroporto fu dotato di una seconda pista con orientamento 08/26 (ri-designata 07/25 dal 14 luglio 2022), tutt'oggi usata come pista principale dello scalo.

L'hangar Nervi[modifica | modifica wikitesto]

L’Hangar “protetto” di Pantelleria, venne iniziato nella seconda metà degli anni ’30, progettato da Pier Luigi Nervi costruita dalla ditta Bartoli, diventò operativo dal Settembre 1939.La struttura, lunga 340 mt, larga 26 e alta 18, su due ingressi, poteva contenere 80 aerei. Non si tratta di una struttura scavata nella roccia, ma è un struttura in cemento armato, formalizzata in una “volta parabolica” ( corda di 26 mt, freccia di 18 mt) corre lungo i 340 mt, intradossata da una teoria di archi liberi che sostengono il piano superiore. Ricoperto da un strato alternato di materiale lapideo e terra, gettati a terrazzamento risulta perfettamente amalgamato al terreno circostante e occultato alla ricognizione aerea .Vi sono all’interno diversi depositi di munizionamenti e di carburante interno per una capacità di 400 metri cubi. Sopravvissuto alla seconda guerra mondiale, l'hangar continuò ad essere usato per diversi anni quale deposito, ed oggi ,completamente ristrutturato, è la principale struttura operativa protetta del Distaccamento Aeroportuale di Pantelleria dell'Aeronautica Militare, alle dipendenze del 37º Stormo di Trapani Birgi[1],creato nel 1986 per assicurare l’assistenza ai velivoli militari in transito o rischierati, garantire il funzionamento dell’aeroporto militare, del SAR e del servizio meteorologico. Originariamente l’hangar era su due livelli con degli argani al piano superiore per tirare su i velivoli. Oggi è su un solo livello in quanto la parte superiore è stata riadattata per farne zona logistica, con sale briefing, meteo, alloggi, etc... L'hangar ospitando a rotazione i principali velivoli dell'Aeronautica Militare Italiana (tra i quali Tornado, MB339 ed F35) ma anche dell'USAF e della US Navy, costituisce una base operativa avanzata a tutti gli effetti ,strategicamente fondamentale, per le operatività sul Mediterraneo centrale e l'Africa settentrionale.

Con Decreto Interministeriale del 7 settembre 2016, l'aeroporto ha perso lo status di aeroporto militare, assumendo lo stato giuridico di aeroporto civile appartenente allo Stato, aperto al traffico civile[2], restando però operativo il Distaccamento dell'Aeronautica militare. Dal 21 ottobre 2021 è comandante il Colonnello Franco LINZALONE [3].

L'aeroporto militare è stato aperto al traffico civile già nel 1948 con voli effettuali dalla LAI con i DC3. Nel 1957 i voli furono affidati alla Società aerea mediterranea, e dal 1964 all'ATI, con il Fokker F27.[4] Nel 1976 iniziarono i lavori per la costruzione della precedente aerostazione, rifatta nel 1989[5]. Dal 1984 iniziarono i voli con i DC9. L'11 agosto 2012 è stato inaugurato un nuovo terminal passeggeri.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Dati Enac[6].


Vedi la query Wikidata di origine.

Anno Passeggeri
(Linea, charter, aerotaxi e AG)
Movimenti Variazione %
pax anno prec.
2021 169.015 3.510 Aumento 56,3%
2020 108.144 3.012 Diminuzione34,6%
2019 165.737 4.126 Aumento9,24%
2018 151.706 3.911 Diminuzione0,37%
2017 152.276 3.786 Aumento 8,14%
2016 140.811 3.771 Aumento 7,54%
2015 130.934 3.774 Aumento 3,00%
2014 127.160 3.581 Aumento0,05%
2013 127.102 3.765 Aumento1,61%
2012 125.093 4.150 Diminuzione7,03%
2011 134.556 4.077 Diminuzione3,75%
2010 139.805 4.040 Aumento2,15%
2009 136.860 3.519 Diminuzione10,71%
2008 153.268 4.047 Diminuzione7,57%
2007 165.826 4.869 Aumento8,79%
2006 152.427 4.585 Aumento10,41%
2005 138.057 4.026 Aumento2,52%

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]