Aeroporto di Treviso-Sant'Angelo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto di Treviso-Sant'Angelo
Aeroporto di Treviso A Canova.jpg
Entrata del terminal dell'Aeroporto di Treviso.
Codice IATA TSF
Codice ICAO LIPH
Codice WMO 16099
Nome commerciale Aeroporto di Treviso-Sant'Angelo "Antonio Canova"
Descrizione
Tipo civile
Gestore SAVE S.p.A.
Gestore torre di controllo ENAV
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Città Treviso
Posizione 3 km dalla città di Treviso, 20 km dalla città di Venezia, 50 km dalla città di Padova
Costruzione 1935
Classe ICAO 4D
Cat. antincendio ICAO
Altitudine AMSL 17 m
Coordinate 45°39′03″N 12°11′52″E / 45.650833°N 12.197778°E45.650833; 12.197778Coordinate: 45°39′03″N 12°11′52″E / 45.650833°N 12.197778°E45.650833; 12.197778
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LIPH
LIPH
Sito web
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
07/25 2.459 m asfalto
ILS
Statistiche (2016)
Passeggeri in transito 2.634.397 Green Arrow Up.svg10,5%[1]

[senza fonte]

L'Aeroporto «Antonio Canova» di Treviso-Sant'Angelo, detto anche Venezia-Treviso Sant'Angelo o Venezia-Treviso, si trova a 3 km dal centro della città sulla statale SR 515 "Noalese" (in direzione Padova), in una zona adiacente alla tangenziale di Treviso SS 53, che lo collega in pochi minuti alle principali reti autostradali; in linea d'aria, esso dista circa 25 km da Venezia e 37 km da Padova.

La denominazione si riferisce alla frazione Sant'Angelo che sorge di fronte, sulla riva opposta del Sile. Nel 2007 gli è stata aggiunta l'intitolazione all'architetto e scultore trevigiano Antonio Canova.

Dal 1º giugno al 5 dicembre 2011 l'aeroporto è rimasto completamente chiuso per lavori.[2][3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Vista del Terminal lato pista.

Nato come campo di fortuna per soddisfare le esigenze dell'Aero club di Treviso, ottenne la qualifica di aeroporto civile attorno alla metà degli anni Trenta, ma solo nel 1953, su iniziativa degli enti locali, sorse la prima aerostazione civile. Nel maggio dello stesso anno venne inaugurato il primo volo internazionale, al quale si aggiunsero altri voli con destinazione Londra e Vienna, operati rispettivamente da BEA e dalla Austrian Airlines, e alcuni collegamenti interni operati da Alitalia.

Fino all'apertura dello scalo di Tessera, nel 1960, il S. Angelo divenne l'aeroporto di riferimento anche per la vicina città di Venezia.

Particolare sala attesa del Terminal

Da quell'anno divenne esclusivamente scalo per charter e cargo. Nel 1963 fu la base per il 2º Stormo dell'Aeronautica Militare, equipaggiato con aerei Fiat G.91R. La sezione militare dell'aeroporto rimase sede di stormo fino al 1994, quando il 2º Stormo venne trasferito a Rivolto (UD).[4]

Dal 1º novembre 1987 vi ha sede il terzo R.M.V. dell'Aeronautica Militare per la manutenzione dell'AMX. La svolta avvenne nel 1996, allorché l'aeroporto S. Angelo entrò nel Sistema Aeroportuale di Venezia, a seguito della collaborazione tra Save, gestore del vicino scalo veneziano, e la locale Aer Tre: la prima entrò nel pacchetto azionario della seconda, con il 45% delle quote, e l'aeroporto di Treviso divenne lo scalo secondario di Venezia, sul quale furono indirizzati i voli charter, gli spedizionieri aerei e i vettori low-cost (Ryanair lanciò il primo volo dall'Italia per Londra nell'estate del 1998). Il 2007 è stato un anno fondamentale per lo scalo trevigiano: a febbraio viene inaugurata la nuova e più ampia aerostazione passeggeri, intitolata al celebre scultore trevigiano Antonio Canova, e a luglio si rafforza maggiormente la partnership con l'Aeroporto di Venezia attraverso l'aumento delle quote azionarie di SAVE S.p.A. in Aer Tre S.p.A., che raggiungono l'80%.

I passeggeri in arrivo e partenza nel 2010 sono stati 2.152.163, con un incremento del 20.1% rispetto all'anno precedente (16º aeroporto in Italia); per la prima volta nella sua storia l'aeroporto ha superato i due milioni di passeggeri all'anno.

Nell'anno 2011 è stata rifatta completamente la pista (con conseguente chiusura di sei mesi con traffico dirottato al Marco Polo di Venezia), riutilizzando e trattando il materiale di risulta della vecchia struttura, ed è stato installato il sistema ILS di 2ª categoria, oggi operativo (prima pista in Italia con la central line a luci led).

Le dimensioni sono rimaste invariate (2459X45m), ma è stato rifatto lo scolo acque piovane condotte in depuratori, eliminando la possibilità di inquinamento del fiume Sile che scorre a lato della pista.

Il servizio di controllo del traffico aereo è fornito dall'ENAV dal 30 giugno 2015 (torre di controllo) e il servizio meteorologico dal 27 giugno 2016, mentre l'Aeronautica Militare fornisce il Servizio di Avvicinamento radar.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

Dispone di 60 parcheggi per la sosta temporanea e 350 custoditi, poco lontani dall'aerostazione. È gestito dalla società Aer Tre S.p.A..

L'aeroporto di Treviso-Sant'Angelo si presenta come un'unità di due blocchi:

  • al piano terra sono collocati gli arrivi, con 2 nastri dei bagagli da un lato e dall'altro un lounge con bar, informazioni turistiche, vendita di biglietti di trasporto pubblico e autonoleggio; nell'area sterile, collegata al primo piano, si trovano i 10 Gates di uscita
  • al primo piano si trova l'area partenze, con 16 banchi check-in, un'edicola, un bar e uno sportello bancario, nonché le biglietterie delle compagnie aeree; nell'area sterile si trovano numerosi negozi e un altro bar

Traffico aeroportuale[modifica | modifica wikitesto]

Il Sistema Aeroportuale Venezia, che comprende gli scali di Venezia e di Treviso, ha registrato 10.522.213 passeggeri complessivi nell'anno 2012, confermando la posizione già consolidata di terzo polo aeroportuale italiano, dopo quelli di Roma (Fiumicino e Ciampino) e Milano (Malpensa, Linate e Orio al Serio).

Gli aeromobili che atterrano in questo aeroporto sono principalmente Boeing 737 e Airbus A320 e A321, oltre ad alcuni aerei per voli charter.

Compagnie aeree e destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Compagnia aerea Destinazioni
Albawings Tirana (Boeing 737-500)
Blue Panorama Tirana (Boeing 737-800)
Ryanair Amburgo,Bruxelles, Beauvais-Tillé, Barcellona,Bari, Berlino-Schönefeld, Brena, Bresvlavia, Brindisi, Budapest, Cagliari, Catania, Charleroi, Colonia dal 2 novembre 2017, Dublino, Edimburgo dal 30 ottobre 2017, East Midlands, Eindhoven, Francoforte-Hahn, Francoforte sul Meno, Lamezia Terme, Londra-Stansted, Malta, Malaga, Marrakech dal 29 ottobre 2017, Napoli, Palermo, Sofia, Tenerife, Valencia, Varsavia dal 30 ottobre 2017, Stagionale: Chania, Corfù, Cracovia, Ibiza, Leeds, Stoccolma, (Boeing 737-8AS)
Braathens Regional Airlines Stagionale: Gotheborg, Bromma, Sturup (Saab 2000)
NordStar Airlines Stagionale: Mosca-Domodedovo (Boeing 737-800)
Olympic Air Stagionale: Atene (De Havilland Dash 8 Q400)
Wizz Air Bucarest-Otopeni, Cluj Napoca, Chisinau, Iasi, Praga, Skopje, Timisoara (Airbus A320/321)

Voli charter[modifica | modifica wikitesto]

All'aeroporto vengono effettuati anche alcuni voli charter, prevalentemente per trasportare squadre sportive (operati da Jet2, CityJet, British Midland Regional, Neos).

Autobus Linea 6 Limitata Aeroporto.
Percorso Linea 6 MOM per Aeroporto

Servizi di Trasporto[modifica | modifica wikitesto]

Autobus Urbano MOM per l'Aeroporto

Presso la sede aeroportuale è presente un servizio di autonoleggio e di taxi.

La struttura è servita dagli autobus urbani della Linea 6 di MOM, che collegano l'Aeroporto con la Stazione FS ed il centro storico di Treviso, transitando per Via Noalese, San Giuseppe ed il Miani Park in Villaggio Eden; in senso inverso i mezzi proseguono verso Quinto fronte Chiesa (Linea 6) o Quinto Via Ciardi (Linea 6/); nelle ore di punta alcune corse sono prolungate verso Località San Cassiano. La Linea 6 è attiva anche in orario serale.[5]

Mobilità di Marca effettua, inoltre, servizio extraurbano: le Linee 101, 102 e 103 transitano per l'Aeroporto, collegando Treviso con Padova, Quinto, Scorzè, Noale, Zero Branco, Badoere, Scandolara, Trebaseleghe e Piombino Dese.[6][7][8]

È disponibile quotidianamente un servizio navetta gestito da ATVO che mette in collegamento la sede aeroportuale trevigiana con Venezia, l'Aeroporto Marco Polo presso Tessèra, e le principali località estive sulla Riviera Adriatica, come Jesolo, Bibione, Caorle ed Eraclèa.[9] Questo servizio effettua il percorso su strade urbane ed extra-urbane.

Un'altra compagnia di bus verso Venezia-Tronchetto è gestita dalla Barzi Bus Service che la raggiunge, via autostrada, in circa 40 minuti abbondanti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.assaeroporti.it, assaeroporti.it.
  2. ^ Treviso, l'aeroporto chiude Venezia 800mila passeggeri, in Corriere del Veneto.
  3. ^ Disagi per nebbia e voli dirottati, il Canova riapre col piede sbagliato, in Corriere del Veneto.
  4. ^ Storia del 2 Stormo, http://www.aeronautica.difesa.it.
  5. ^ Mobilità di Marca S.p.A., Orari Linea 6 e 6/ Urbana (PDF), mobilitadimarca.it. (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2015).
  6. ^ Mobilità di Marca S.p.A., Orario Invernale Linea 101 Extraurbana (PDF), mobilitadimarca.it.
  7. ^ Mobilità di Marca S.p.A., Orario Invernale Linea 102 Extraurbana (PDF), mobilitadimarca.it.
  8. ^ Mobilità di Marca S.p.A., Orario Invernale Linea 103 Extraurbana (PDF), mobilitadimarca.it.
  9. ^ ATVO S.p.A., Treviso Airport Bus Express, atvo.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]