San Cataldo (Lecce)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Cataldo
frazione
San Cataldo – Veduta
Litorale di San Cataldo
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione Puglia-Stemma it.png Puglia
Provincia Provincia di Lecce-Stemma.png Lecce
Comune Lecce-Stemma.png Lecce
Vernole-Stemma.png Vernole
Territorio
Coordinate 40°23′24″N 18°18′07″E / 40.39°N 18.301944°E40.39; 18.301944 (San Cataldo)Coordinate: 40°23′24″N 18°18′07″E / 40.39°N 18.301944°E40.39; 18.301944 (San Cataldo)
Abitanti 72 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale 73100
Prefisso 0832
Fuso orario UTC+1
Patrono san Cataldo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Cataldo
San Cataldo

San Cataldo (San Catautu in dialetto leccese), nota in passato anche come Lido di Lecce[senza fonte], è una località balneare del mare Adriatico situata in provincia di Lecce, a 11 chilometri dal capoluogo salentino[1]. Amministrativamente è una frazione divisa tra i comuni di Lecce e, in piccola parte, di Vernole.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

In epoca romana era sede di un importante porto, intitolato all'imperatore Adriano, che ne aveva ordinato la ricostruzione (fonte: Pausania). Di tali resti ora rimane ben poco visibile nei pressi del faro. Qui sbarcò Ottaviano dopo aver appreso la notizia della morte di Cesare.

Caduta in disuso, Salapia (nome latino di San Cataldo) si trasformò in palude, la cui bonifica avvenne solo in epoca fascista da parte dell'Opera Nazionale Combattenti. Del tram che collegava la vicina città di Lecce non rimangono che alcune fotografie in bianco e nero. Oggi l'antico porto romano è stato completamente abbandonato e il mare lentamente lo sta distruggendo. Del suo splendore resta solo qualche muro affiorante dall'acqua.

Natura[modifica | modifica wikitesto]

San Cataldo è immersa nel verde di una lussureggiante pineta. La località è circondata da importanti risorse naturali. A nord, oltre la darsena vi è una vasta zona paludosa caratterizzata da un bacino artificiale di bonifica e da depressioni che subiscono l'entrata di acque meteoriche e marine che si estendono fino a Torre Veneri. A sud, vi è invece l'area delle Cesine che costituisce il sistema di lagune e paludi più vasto del Salento. In direzione Lecce invece, vi è il Bosco Fiore, uno dei rimasugli della grande foresta che un tempo caratterizzava il Salento da Brindisi a Lecce.

Economia e turismo[modifica | modifica wikitesto]

L'economia si basa sul turismo estivo che si riversa nelle spiagge della frazione. Uno dei più antichi lidi è quello un tempo intitolato Lido Prete e da alcuni anni Lido York. Caratteristico anche il lido Turrisi che originariamente era costituito da palafitte sul mare e che oggi sorge all'ombra del faro di S. Cataldo.

Da qualche anno è stato valorizzato il porticciolo per barche di piccole dimensioni e modesto pescaggio, che viene molto utilizzato dai pescatori professionisti e anche dai pescatori sportivi durante tutto l'anno.

Vi è anche un circolo velico di derive e catamarani situato nelle vicinanze dell'antichissimo Porto Adriano.

D'estate l'associazione pro-loco organizza la "sagra del pane": una festa durante la quale si possono degustare molte specialità culinarie salentine, soprattutto la "puccia con le olive" e i "pizzi" (pane impastato con pomodoro e cipolla).

Società[modifica | modifica wikitesto]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Ha una sola parrocchia intitolata a San Cataldo, che svolge il ruolo di "succursale" della grande parrocchia di Frigole.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'A.P.D. Virtus Salentina che milita nel girone A leccese di 3ª Categoria. È nata nel 2012.

Strade[modifica | modifica wikitesto]

La marina è la più vicina a Lecce e anche la miglior collegata con la città tramite la SP 364 ex SS 543 con caratteristiche di superstrada. Inoltre è raggiungibile dalla strada litoranea SP 133 per Casalabate passando per le altre marine leccesi e dalla la litoranea SP 366 per Otranto.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Panoramica dai resti del porto di Adriano

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN156133475