Raccordi della Zona Industriale Apuana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raccordi della Zona Industriale Apuana
Stati attraversatiItalia Italia
InizioMassa Zona Industriale
Avenza (1938-1992)
FinePorto di Carrara
Attivazione1938
GestoreRFI
Precedenti gestoriFS (1938-2001)
Lunghezza20 km
Scartamento1435 mm
ElettrificazioneAssente
NoteRaccordi esistenti ma in gran parte inutilizzati
Ferrovie

I raccordi della Zona Industriale Apuana[1][2] sono la rete di raccordi ferroviari costruiti dalle Ferrovie dello Stato nel 1938 per collegare le varie aziende e scali della Zona Industriale Apuana. Sono localizzati tra Avenza e Massa, collegano la stazione di Massa Zona Industriale (fino ai primi anni novanta anche la stazione di Avenza) con vari raccordi privati e lo scalo portuale di Marina di Carrara.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'inaugurazione del sistema di raccordi è strettamente legata alla realizzazione della Zona Industriale Apuana. Nel 1938 venne infatti inaugurata la stazione di Massa Zona Industriale – inizialmente semplice posto di movimento e con denominazione "P.M. Apuania" – e con lei il tracciato centrale che la collegava al porto di Marina di Carrara e le varie neonate aziende; anche la vicina stazione di Avenza venne dotata di un suo binario di raccordo.[3] Venne inoltre realizzato un ponte che, scavalcando la ferrovia Genova-Pisa permetteva il collegamento tra le industrie poste sulla strada statale 1 Via Aurelia e Massa Zona Industriale[3]. La gestione dei raccordi è stata da sempre affidata alle FS[3] e all'ente retroportuale di Carrara, costituitosi nel 1921[4]. All'inizio parte dei raccordi erano dotati di elettrificazione (all'epoca trifase), in seguito venne rimossa.[3]

Il sistema era interessato anche dal traffico della ferrovia Marmifera in quanto si realizzava l'interconnessione nelle località di Marina di Carrara e Avenza, fino alla sua soppressione avvenuta nel 1964.[5] Degno di nota era il raccordo con lo stabilimento della Farmoplant.

Già nel 1988 si stava progettando un nuovo raccordo che andasse dal Nuovo Pignone alle banchine del porto[6].

Il raccordo tra l'azienda OMYA e la stazione di Avenza venne soppresso il 1º dicembre 1992, data la progressiva perdita d'importanza dell'impianto e per il fatto che la maggior parte dei convogli venivano già instradati via Massa Zona Industriale.[7]

Anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo tracciato dal Nuovo Pignone allo scalo portuale è stato inaugurato negli anni 2000, realizzando con esso un nuovo ponte sulla foce del Cartione e l'accesso interno alle banchine.[8]

Agli inizi del 2014 erano in corso di smantellamento alcuni binari nei pressi dello scalo di Massa Zona Industriale, interrotti a marzo dello stesso anno e le infrastrutture interessate ripristinate. Nell'estate dello stesso anno venne riattivato anche il raccordo OMYA proprio per i traffici della multinazionale.[9][10]

Il 12 aprile 2021 venne inaugurato un nuovo fascio di binari all'interno del porto di Carrara, con un costo da parte di RFI e l'Autorità Portuale di 4,5 milioni di euro; in concomitanza venne rinnovato il tracciato dal porto a Massa Zona Industriale sostituendo le traversine da legno a cemento in previsione di un aumento del traffico proveniente dalla ferrovia Pontremolese.[11]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

[5][12] Sezione a monte 
Continuation backward Unknown route-map component "exCONTg"
per Genova e per Carrara / per Marina di Carrara (FMC)
Unknown route-map component "HSTeBHF" Unknown route-map component "exSTR"
0+000
(146+997)
Carrara-Avenza
Unknown route-map component "eKRWgl" Unknown route-map component "exKRWg+r"
raccordo FS-FMC
Unknown route-map component "xKDSTaq" Unknown route-map component "eABZg+r" Unknown route-map component "exSTRl" Unknown route-map component "exCONTfq"
146+773 raccordo Frugoli / per Fiorino (FMC)
Unknown route-map component "WCONTgq" Unknown route-map component "hKRZWae" Unknown route-map component "WCONTgeq"
torrente Carrione
Unknown route-map component "exKDSTaq" Unknown route-map component "eABZglr"
Unknown route-map component "exKDSTeq" + Unknown route-map component "lDST"
raccordi SIMA / Vulcania
Level crossing
PLA su SP Carrara-Avenza
Unknown route-map component "eABZgl"
Unknown route-map component "exKDSTeq" + Unknown route-map component "lDST"
raccordi Du Borck e IMEG
Unknown route-map component "exSTRc2" Unknown route-map component "eABZg3"
146+335 per tracciato dorsale † 1992
Unknown route-map component "exCONT1"
Unknown route-map component "eABZgl" + Unknown route-map component "exSTRc4"
Unknown route-map component "exKDSTeq" + Unknown route-map component "lDST"
raccordi Spintermar, Calciocianamide, Cementerie, Fibronit
Straight track Unknown route-map component "exENDEa"
Unknown route-map component "eSTR+c2" Unknown route-map component "exABZ23" Unknown route-map component "exSTRc3"
asta Breda
Unknown route-map component "exSTRc2" Unknown route-map component "eKRZ3+1u" Unknown route-map component "exSTRc14" Unknown route-map component "exSTR+4"
144+095
Unknown route-map component "exSTR2+1"
Straight track + Unknown route-map component "exSTRc34"
Unknown route-map component "exSTR"
Unknown route-map component "exSTRc1" + Unknown route-map component "CONT2"
Unknown route-map component "eABZg+4" + Unknown route-map component "STRc3"
Unknown route-map component "exSTR"
innesto asta Breda
Unknown route-map component "STRc1" Unknown route-map component "ABZg+4" Unknown route-map component "exSTR"
innesto binario dorsale
Non-passenger station/depot on track Unknown route-map component "exKBSTaq" Unknown route-map component "exABZgr"
3+558
(143+439)
Massa Zona Industriale / raccordo Riv. Villar-Perosa
Unknown route-map component "exKDSTaq" + Unknown route-map component "lDST"
Unknown route-map component "eABZg+r" Unknown route-map component "exKRW+l" Unknown route-map component "exKRWgr"
raccordo Italiana Bertelese
Unknown route-map component "exKDSTaq" + Unknown route-map component "lDST"
Unknown route-map component "eABZgr" Unknown route-map component "exDST" Unknown route-map component "exSTR"
Breda raccordi Caffaro e Refrattari Massa
Unknown route-map component "exKRW+l" Unknown route-map component "eKRWgr" Unknown route-map component "exKRWl" Unknown route-map component "exKRWg+r"
Unknown route-map component "exSTR" Straight track Unknown route-map component "exSTRl" Unknown route-map component "exKDSTeq"
raccordo Olivetti
Unknown route-map component "exKDSTe" + Unknown route-map component "lDST"
Continuation forward
raccordo Pignone / per Pisa
 Sezione dorsale 
Unknown route-map component "exKBSTa" + Unknown route-map component "exSTRc2"
Unknown route-map component "exCONT3"
industria prodotti in legno / per Avenza † 1992
Unknown route-map component "exABZg+1" Unknown route-map component "exSTRc4"
Unknown route-map component "exENDEa" Unknown route-map component "ENDExa" Non-passenger head station
(0+200) OMYA
Unknown route-map component "exENDEaq" Unknown route-map component "exABZg+r" Unknown route-map component "exKBSTa" Unknown route-map component "KRWg+l" Unknown route-map component "KRWr"
raccordo A.D.A.
Unknown route-map component "exKRWl" Unknown route-map component "exKRWg+r" Level crossing
2+900
(0+000)
passaggio a livello
Unknown route-map component "exSTR" Unknown route-map component "eABZg+l" Unknown route-map component "exKBSTeq"
raccordo R.D. Diana Edica
Unknown route-map component "exKBSTa" Unknown route-map component "exLKRWl"
Unknown route-map component "exLKRW+r" + Straight track
3+150 raccordo Cockapuania
Unknown route-map component "CONTgq" Unknown route-map component "eABZql" Transverse track Unknown route-map component "ABZg+r"
per il porto
Unknown route-map component "ABZgl" Unknown route-map component "KDSTeq"
3+700
0+000
raccordo Imerys Minerali
Unknown route-map component "xABZg2" Unknown route-map component "STRc3"
Unknown route-map component "exKDSTaq"
Unknown route-map component "exABZg+r" + Unknown route-map component "STRc1"
Unknown route-map component "CONT4"
raccordo Montecatini Azoto / per Massa Zona Industriale
Unknown route-map component "exLSTR" + Unknown route-map component "exENDEe"
(fine tratta armata)
Unknown route-map component "exLKBHFe" + Unknown route-map component "lDST"
5+900 raccordo Dalmine
 Sezione retroportuale 
Unknown route-map component "exENDEa"
Unknown route-map component "exABZl+l" Unknown route-map component "exDSTq" Unknown route-map component "exCONTfq"
(17+651) Marina di Carrara / per Avenza † 1964
Unknown route-map component "ENDEa" + Unknown route-map component "lDST"
Unknown route-map component "exENDE"
6+000 Porto di Carrara
Unknown route-map component "WCONTgq" Unknown route-map component "hKRZWae" Unknown route-map component "exhKRZWae" Transverse water Unknown route-map component "WCONTgeq"
torrente Carrione * / † anni 2000
Straight track Unknown route-map component "exABZg+l" Unknown route-map component "exABZq+r" Unknown route-map component "exCONTfq"
per industrie sul Carrione
Unknown route-map component "KRWgl" + Unknown route-map component "lENDE@F"
Unknown route-map component "xKRWg+r" Unknown route-map component "exKBSTe"
nuovo tracciato * anni 2000
One way leftward Non-passenger station/depot on transverse track Unknown route-map component "CONTfq"
3+600 Nuovo Pignone
Legenda · Convenzioni di stile

L'infrastruttura è gestita da RFI[9] essendo l'intero complesso inglobato nel contesto della stazione di Massa Zona Industriale.[13] Si estende per circa 20 km,[14] è a binario unico non elettrificato, con raddoppi di binario presso la Imerys e il Nuovo Pignone. I deviatoi presenti nel tracciato sono tutti ad azionamento manuale.[13]

Al 2014 gran parte dei raccordi è abbandonata o soppressa mentre la maggior parte delle fabbriche o laboratori aventi un raccordo con il tracciato non lo utilizzano e si servono del trasporto su gomma.

  • il tracciato a monte era al 2006 parzialmente attivo in termini di movimenti di manovra giornalieri ma, rispetto al traffico di treni da e per le aziende, questo era assente da tempo;[15]
  • il tracciato dorsale è quasi totalmente utilizzato, fanno eccezione il raccordo Dalmine e il tracciato in prossimità dell'OMYA che dava su diverse industrie;
  • del tracciato retroportuale è attiva la parte attinente al porto stesso, il tracciato che costeggiava il torrente Carrione risulta scollegato.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Tracciato dorsale[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei punti di origine del tracciato era ubicato in corrispondenza dalla stazione di Avenza, dopo il passaggio a livello e la vecchia cabina ACE, operativo fino agli inizi degli anni '90; raggiungeva l'industria OMYA ed entrava nel cuore dell'area industriale. Prosegue affiancando diverse industrie, tra cui l'Imerys Minerali che utilizza ancora la ferrovia,[16] e continuando verso Massa Zona Industriale a sinistra o a destra verso il raccordo Dalmine, soppresso ma ancora evidente. Questo termina presso un incrocio sulla via Dorsale, in origine proseguiva all'interno dell'industria omonima.

Venendo da Massa, si incontra un deviatoio che immette a sinistra verso il porto di Carrara. Continuando verso destra si incontra un secondo deviatoio che consentiva l'accesso a varie aziende tra cui l'A.D.A. e la Rumiaca[5]; tuttavia il binario risulta scollegato dal resto dei raccordi e in parte disarmato mentre il deviatoio di immissione, seppur ancora presente, risulta permanentemente bloccato.

Il binario, a valle rispetto alla Genova-Pisa, si allontanava da quest'ultima fino a 400 m con uno sviluppo complessivo di km di cui 2 affiancati alla via Dorsale, raggiunge in alcuni tratti il 14 per mille con un raggio di curvatora minimo di 250 m.[12]

Tracciato a Marina di Carrara[modifica | modifica wikitesto]

Il binario affianca varie industrie tra cui le ex Rumiaca, il cui capannone è stato rimosso nell'ottobre del 2017,[17] e Cockapuania poco prima di entrare nello scalo interno della Nuovo Pignone. Al suo interno inizia un raddoppio per permettere ai convogli lo stazionamento. Il binario continua attraversando un passaggio a livello verso le banchine del porto. Precedentemente era presente un deviatoio che permetteva l'accesso al altre aziende poste nei pressi del Carrione; tale tracciato risulta smantellato e disarmato in corrispondenza del deviatoio d'accesso.

Era presente, prima dell'inaugurazione del nuovo raccordo per il porto, un altro binario posto più interno e collegato anche con la ferrovia Marmifera. Questo comprendeva anche un ponte che scavalcava il Carrione.[5]

Tracciato a monte[modifica | modifica wikitesto]

Questo era localizzato a nord dello scalo di Massa, con il binario che scavalcava la Genova-Pisa che prende il nome di asta Breda, dal nome dalla fabbrica omonima posta su di esso. Affiancava per buona parte la strada statale 1 Via Aurelia servendo aziende come la Villar-Perosa e la Breda. L'ultimo impianto che la ferrovia serviva era l'industria Olivetti nei pressi dell'incrocio tra via Catagnina e via degli Oliveti; la linea termina poco prima del suddetto incrocio con un paraurti[15].

Proprio presso lo scalo di Massa vi sono quattro fabbriche che possedevano un raccordo, non utilizzato e in seguito soppresso.

Traffico[modifica | modifica wikitesto]

I raccordi sono attraversati unicamente da treni merci. Le manovre erano gestite dall'Ente Retroportuale, che fa capo alla Porto di Carrara SpA, fino al 2021. L'Autorità Portuale effettuava treni merci da Massa Zona Industriale al porto di Carrara mentre l'Apuo Veneta operava solo servizi di manovra giornalieri sulla tratta tirrenica.[18]

Nella fine del 2020 l'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale ha aperto una gara pubblica per l'esecuzione delle manovre nel nodo di La Spezia e sui raccordi della Zona Industriale Apuana, vinta dall'ATI composta da Mercitalia Shunting & Terminal e La Spezia Shunting Railways, da metà 2021 per i 5 anni successivi. Contestualmente vennero introdotti nuovi mezzi di manovra di nuova concezione quali CZ Loko D.744.1.[19]

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

  • Locomotiva FS 225.6009: era utilizzata in passato dall'Ente Retroportuale; risulta accantonata da metà anni novanta all'interno dello scalo retroportuale[15];
  • Locomotiva FS 245.2101: era utilizzata dalle FS da metà degli anni novanta;
  • Locomotiva FS D.146.0001: capostipite del progetto D.146 e giunta sui raccordi nel 2004, costruita dalla Firema come prototipo, rimasta ferma fino a metà 2006 a causa della mancanza di personale abilitato. È l'unità di trazione principale utilizzata sui raccordi;[15]
  • Locomotiva DB 202: precedentemente di proprietà della società Apuo Veneta, è normalmente ricoverata presso il Nuovo Pignone;
  • Tre locomotive Greco/Deutz al 2006 accantonate nel cortile dell'OMYA.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Azienda autonoma delle Ferrovie dello Stato - Divisione IE Firenze, Stazione di Carrara-Avenza - Piano schematico, revisione del 1989 [20 gennaio 1975].
  2. ^ Amministrazione autonoma delle Ferrovie dello Stato - Servizio Impianti Elettrici, Quadro luminoso Apuania Carrara - Cabina B, 1947-1948.
  3. ^ a b c d Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia
  4. ^ Adriano Betti Carboncini, op. cit.
  5. ^ a b c d Azienda autonoma delle Ferrovie dello Stato (planimetria)
  6. ^ Il Polo in fumo: l'area chimica apuana dalle origini al caso Farmoplant alle alternative di sviluppo possibili, op. cit.
  7. ^ Camera dei Deputati, Interrogazione a risposta scritta 4/00953 presentata da Canesi Riccardo (PROG.FEDER.) in data 1994/06/01, su storia.camera.it, 1º giugno 1994. URL consultato il 1º gennaio 2015 (archiviato il 21 luglio 2021).
  8. ^ Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale, Posizione, su autoritaportualecarrara.it. URL consultato il 20 maggio 2022.
    «Inoltre, dall'inizio degli anni 2000, è stato realizzato e messo in funzione un apposito raccordo ferroviario che collega il porto con la stazione di Massa Zona Industriale e pertanto con tutta la rete ferroviaria nazionale»
  9. ^ a b Associazione Industriali di Massa Carrara, Recuperare la rete ferroviaria della Zona Industriale, su assindustriams.it, 4 marzo 2014. URL consultato il 9 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  10. ^ Cinzia Carpita, I binari morti resuscitano per le imprese, su iltirreno.gelocal.it, 5 marzo 2014. URL consultato il 20 maggio 2022.
  11. ^ Matteo Bernabè, Il porto di Marina di Carrara riparte con la ferrovia: taglio del nastro per i nuovi binari, su voceapuana.com, 12 aprile 2021.
  12. ^ a b Ministero delle comunicazioni, Bollettino ufficiale delle Ferrovie dello Stato, su trenidicarta.it, 1º gennaio 1942, pp. 28-30, Ordine di Servizio n. 15. URL consultato il 21 dicembre 2021.
  13. ^ a b Azienda autonoma delle Ferrovie dello Stato (PS)
  14. ^ Valentina Pinelli, Un corpo estraneo: la zona industriale apuana dal 1938 ai giorni nostri, su legambientecarrara.it, 2001-2002, p. 29. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  15. ^ a b c d Paolini.
  16. ^ D.R. Ferroviaria Italia, Servizi di movimentazione ferroviaria, su drferroviariaitalia.com. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  17. ^ Luca Barbieri, Carrara, ex Rumianca giù il capannone “della paura”, su iltirreno.gelocal.it, 19 ottobre 2017. URL consultato il 12 maggio 2022.
  18. ^ Elenco delle licenze ferroviarie sul sito del MIT, su mit.gov.it. URL consultato il 24 settembre 2021 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2014).
  19. ^ La Voce Apuana, Presto a regime le manovre ferroviarie nel porto di Marina di Carrara, su voceapuana.com, 16 novembre 2020. URL consultato il 28 dicembre 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]