Fontia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fontia
frazione
Fontia – Veduta
Il borgo di Fontia con, alle spalle, le Alpi Apuane.
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Massa-Carrara-Stemma.png Massa-Carrara
Comune Carrara-Stemma.png Carrara
Territorio
Coordinate 44°05′15″N 10°09′17″E / 44.0875°N 10.154722°E44.0875; 10.154722 (Fontia)Coordinate: 44°05′15″N 10°09′17″E / 44.0875°N 10.154722°E44.0875; 10.154722 (Fontia)
Altitudine 365 m s.l.m.
Abitanti 227[2] (2005)
Altre informazioni
Cod. postale 54033
Prefisso 0585
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti fontiese, fontiesi[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fontia
Fontia

Fontia (da 340 a 390 m s.l.m.) è un antico borgo, frazione del comune di Carrara, situato su una delle primissime colline carraresi, geograficamente ancora separate dalle pendici delle Alpi Apuane.

Dista circa 7 km. dal centro di Carrara con una differenza altimetrica di quasi 300 metri. Solo nel 1885 è stata costruita la strada che la collega alla città.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo, situato sul confine con la Liguria, cominciò a svilupparsi solo nel XVI secolo a seguito della pace tra la Repubblica di Genova e i Cybo Malaspina.[4]

Il borgo di Fontia, benché politicamente legato allo Signoria di Carrara, dipese sempre dalla ligure Luni prima e da Sarzana poi: era il capitolo della cattedrale di quest'ultima città che ne nominava i parroci. La chiesa fu eretta in parrocchia verso la fine del XIV secolo, slegandola dalla dipendenza dell'oratorio di San Martino a Casano. In un documento del 1475 il marchese di Massa, Giacomo I Malaspina prega il capitolo della cattedrale di Sarzana di permettere che le entrate della chiesa stessa restino nel paese per provvedere alle opere di miglioria sia dell'edificio religioso che della canonica. La parrocchia, trovandosi nel comune di Carrara, passa nel 1822 al Vicariato di Carrara nella neocostituita Diocesi di Massa.[5]

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del paese, su una terrazza panoramica, si trova la chiesa di Santa Lucia dove è conservato un dipinto di Arturo Dazzi raffigurante l'Angelo della pace.[4]

L'oratorio di Santa Lucia venne edificato nel XVII secolo, inizialmente al solo servizio del locale cimitero, per poi passare ad ordinario luogo di culto. Venne distrutto alla fine della seconda guerra mondiale trovandosi in zona del fronte: ricostruito nello stesso sito, fu inaugurato il 16 aprile 1965 dal vescovo locale Carlo Boiardi.[6]

Nel borgo, fatto di strette viuzze, si trova l'antica chiesa di San Nicolò costruita nel XIV secolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 220.
  2. ^ (circa)
  3. ^ Comune di Carrara | Medaglia d'oro al Merito Civile
  4. ^ a b Il borgo di Fontia, Carrara
  5. ^ G. Franchi, M. Lallai Da Luni a Massa-Carrara-Pontremoli, parte I, vol II, pg. 54, Massa, 2000
  6. ^ G. Franchi, M. Lallai Da Luni a Massa-Carrara-Pontremoli, parte I, vol II, pg. 55, Massa, 2000

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana