Torano (Carrara)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torano
frazione
Torano – Veduta
Torano – Veduta
Torano in una xilografia di fine Ottocento
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Massa-Carrara-Stemma.png Massa-Carrara
ComuneCarrara-Stemma.png Carrara
Territorio
Coordinate44°05′29.18″N 10°06′15.88″E / 44.091438°N 10.104411°E44.091438; 10.104411 (Torano)
Altitudine150 m s.l.m.
Superficie0,18[2] km²
Abitanti670[3] (2011)
Densità3 722,22 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale54033
Prefisso0585
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantitoranese, toranesi[1]
PatronoAssunzione di M. Vergine
Giorno festivo15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Torano
Torano
Una locomotiva FS gr. 835, immatricolata come FMC n. 7, transita alla testa di un convoglio presso la stazione di Torano

Torano è una frazione del comune italiano di Carrara, nella provincia di Massa-Carrara, in Toscana.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Situata a circa due chilometri dal capoluogo comunale, è circondata da boschi di castagni e incastonata nell'ambiente delle cave, sulla via per la zona marmifera del canale di Lorano, di Ravaccione e del Battaglino. La sua storia ed economia sono sempre state legate al marmo bianco di Carrara.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente ha origini romane testimoniate da numerose lapidi romane rinvenute nelle sue vicinanze e dalle citazioni dei suoi bacini marmiferi, tra più antichi della zona, nella letteratura antica. Il primo documento ufficiale in cui è citato il borgo di Torano risale al 1141. È il paese natale degli scultori Domenico Guidi e Pietro Tenerani.

A Torano nacquero anche i più importanti esponenti della famiglia Fabbricotti, una delle più importanti famiglie industriali del marmo come Carlo "Carlaz" (1818-1910), che affiancò alla ditta Fratelli Fabbricotti anche la sua azienda, sviluppando l'attività in una vera e propria industria e che investì nell'acquisto di un grande terreno a Marinella di Sarzana, iniziando un'opera di bonifica dalla quale emersero i noti reperti archeologici romani, e come Bernardo (1834-1916), che si recò a Londra dove creò la ditta importatrice di marmo "Bernardo Fabbricotti", e dove sposò la gentildonna scozzese Helen Murray, assumendone il cognome accanto al proprio, e che poi costruì la Villa alla Padula.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo conserva ancora interessanti valori ambientali. La notevole Chiesa di Santa Maria Assunta conserva diverse opere d'arte tra le quali due opere dei toranesi Domenico Guidi, autore dell'Immacolata Concezione, e di Pietro Tenerani, che realizzò il Crocifisso al termine della navata destra. Non lontano dal borgo, sulla via Carriona in direzione del centro, è l'oratorio della Santissima Annunziata, con bell'altare tardobarocco all'interno, mentre sulla via Marcognano si trova il Cimitero monumentale di Marcognano.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 575.
  2. ^ Comune di Carrara
  3. ^ Dato Istat

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]