Ferrovia di Monterufoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La ferrovia di Monterufoli è stata una linea ferroviaria costruita per usi minerari che si diramava verso sud dalla stazione di Casino di Terra, sulla ferrovia Cecina-Volterra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A metà del XIX secolo si cominciarono delle esplorazioni minerarie nella zona a sud-ovest di Volterra in quanto, oltre alle tradizionali attività estrattive tipiche della zona, emerse la possibilità di trovare lignite, di cui la Rivoluzione industriale stava diventando vorace consumatrice.

Fu aperta quindi la miniera di Monterufoli che peraltro, nonostante la ricchezza della vena, fu mal gestita e non riusciva ad esprimere il proprio potenziale anche per le difficoltà di trasporto.

Ideata nel 1866 come strumento per far decollare l'attività estrattiva, la ferrovia fu aperta all'esercizio nel 1872, espletando esclusivamente traffico merci e limitando il traffico passeggeri al solo personale impegnato nella miniera o nella linea.

Lunga 17 chilometri, la ferrovia si congiungeva alla ferrovia Cecina-Volterra presso la fermata di Casino di Terra.

Nonostante la presenza della ferrovia, la miniera ebbe alterne vicende, con fallimenti e passaggi di proprietà che comportatono una produzione generalmente modesta, tranne che durante la prima guerra mondiale e negli anni immediatamente successivi.

L'intenso sfruttamento esaurì velocemente la vena e già nel 1921 la miniera cessò l'attività; nel 1928 la linea, ripetutamente danneggiata da alluvioni (come in precedenti occasioni avvenute durante tutta la sua esistenza), fu smantellata.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Stazioni e fermate
Unknown route-map component "CONTgq" Unknown route-map component "STR+r"
Linea FS per Cecina
Stop on track
0+000 Casino di Terra
Unknown route-map component "xABZgl" Unknown route-map component "CONTfq"
Linea FS per Volterra
Unknown route-map component "exhSTRae"
Ponte sul torrente Sterza
Unknown route-map component "exhSTRae"
Ponte (scomparso) sul torrente Sterza
Unknown route-map component "exhSTRae"
Ponte sul torrente Ritasso
Unknown route-map component "exhSTRae"
Ponte sul torrente Ritasso
Unknown route-map component "exKBHFe"
17+--- Monterufoli

L'inizio di questa ferrovia era posto presso la stazioncina di Casino di Terra della linea ferroviaria Cecina - Volterra. Poco dopo questo impianto (in direzione est) c'era il bivio da cui la ferrovia virava verso sud; dopo una tratta lunga circa 10 km lungo la pianeggiante valle del torrente Sterza, superato questo torrente con due ponti (di cui uno oggi completamente scomparso) la ferrovia si immetteva nella stretta gola del torrente Ritasso, che superava in due punti con altrettanti imponenti ponti ad arco, infine giungeva al capolinea di Monterufoli.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La porzione finale del percorso della ferrovia (lungo il torrente Ritasso) è ancora ben visibile e percorribile in molti tratti, e può costituire meta di una piacevole ed interessante escursione. Lungo l'intera ferrovia, affascinanti sono 3 ponti ad arco che, pur nello stato di completo degrado in cui versano, rendono benissimo l'idea dello sforzo tecnico ed economico affrontato da costruttori e proprietari. Allo stesso modo è impressionante un tratto completamente scavato a colpi di piccone nella dura roccia che caratterizza la zona. Sono tutt'oggi ancora visibili due case cantoniere: la prima vicino alla strada provinciale (peraltro adesso finemente ristrutturata a civile abitazione), la seconda lungo la parte finale del tracciato e completamente in rovina.
  • L'elegante stazione di testa di Monterufoli è oggi adibita ad agriturismo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]