Forno (Massa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Forno
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Massa-Carrara-Stemma.png Massa-Carrara
ComuneMassa (Italia)-Stemma.png Massa (Italia)
Territorio
Coordinate44°04′57.32″N 10°10′38.86″E / 44.08259°N 10.17746°E44.08259; 10.17746 (Forno)Coordinate: 44°04′57.32″N 10°10′38.86″E / 44.08259°N 10.17746°E44.08259; 10.17746 (Forno)
Altitudine212 m s.l.m.
Abitanti796
Altre informazioni
Cod. postale54100, 54030, 54034 (vecchi)
Prefisso0585
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantifornesi
Patronosan Pietro Apostolo, san Antonio, sant'Anna
Giorno festivo29 giugno, 13 giugno, 26 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Forno
Forno

Forno è una frazione del comune di Massa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 giugno 1944, il paese fu teatro dell'eccidio nazifascista tristemente noto come la Strage di Forno, avvenuta in seguito alla riconquista repubblichina, che solo quattro giorni prima fu occupata da formazioni partigiane di "Tito" e proclamata Repubblica Libera di Forno. Le SS tedesche unitamente a reparti della Xª MAS[1] si distinsero per crudeltà e accanimento, torturando i prigionieri (partigiani e civili) e prendendo parte alla fucilazione di 68 persone.[2] Tra i fucilati figura anche il Maresciallo ordinario dei Carabinieri della locale stazione, Ciro Siciliano, Medaglia d'oro al valore civile,[3][4] accusato di collaborazionismo con le bande Partigiane.[2]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il collegamento con Massa è assicurato dalla locale strada denominata via Tambura, servita da autocorse in servizio pubblico svolte dalla società CTT Nord.

Dal 1895 al 1935 la frazione era inoltre servita dalla tranvia di Massa, una linea a scartamento metrico con trazione a vapore che movimentava le merci ed i passeggeri lungo la vallata del fiume Frigido, dalla località Forni fino all'abitato di Marina di Massa, passando per il centro cittadino. Da quest'ultimo aveva origine una breve diramazione di collegamento con la stazione ferroviaria.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ static.repubblica.it - Documento Tribunale Militare di La Spezia in pdf (PDF), su static.repubblica.it. URL consultato il 25-06-2012.
  2. ^ a b Aldo Cazzullo, Viva l'Italia - Risorgimento e Resistenza: ecco perché dobbiamo essere orgogliosi della nostra nazione, Mondadori Editore, Milano, 2010, pag.114
  3. ^ quirinale.it - Siciliano Ciro, Medaglia d'oro al merito civile, su quirinale.it. URL consultato il 19-06-2012.
  4. ^ memoria.comune.massa.ms.it - Strage di Forno, su memoria.comune.massa.ms.it. URL consultato il 19-06-2012.