Busitalia - Sita Nord

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Busitalia-Sita Nord)
Jump to navigation Jump to search
Busitalia - Sita Nord
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata unipersonale
Fondazione19 maggio 2011 a Firenze
Fondata daFerrovie dello Stato Italiane
Sede principaleFirenze
GruppoFerrovie dello Stato Italiane
Controllate
Persone chiave
SettoreTrasporto
ProdottiTrasporto pubblico locale
Utile netto- 21,279 milioni €[2] (2020)
Dipendenti1 746[2] (2020)
Sito webwww.fsbusitalia.it

Busitalia - Sita Nord S.r.l. è una società italiana, interamente controllata da Ferrovie dello Stato Italiane, concessionaria, anche attraverso sue società controllate, della gestione del servizio di trasporto pubblico locale in diverse città italiane in Campania, Umbria e Veneto oltre che nei Paesi Bassi attraverso Qbuzz. Occasionalmente gestisce anche i servizi autobus sostitutivi per conto di Trenitalia, altra società del gruppo.

La sede amministrativa è a Firenze mentre quella legale è condivisa con la capogruppo e con le altre società controllate da quest'ultima a Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La società nacque nel 2011 dalla scissione della Società Italiana Trasporti Automobilistici (SITA) voluta dai soci Sogin e Sita. La prima fu inglobata nella seconda e la joint venture esistente fu destinata in parte a FS Trasporti su Gomma, poi trasformata in Busitalia - Sita Nord, e a Sita Sud - Sicurezza e Trasporti Autolinee. La scissione non proporzionale aveva diviso l'azienda sulla base di un criterio geografico, conferendo a Sita Nord le direzioni Toscana e Veneto nonché gli autoservizi ferroviari sostitutivi sul territorio nazionale precedentemente in capo a Sogin.[3]

Nel 2012 compose un'associazione temporanea di imprese con Cooperativa Autotrasporti Pratesi (CAP) e Autoguidovie per l'acquisto del ramo di gestione del trasporto pubblico locale di Firenze e area metropolitana detenuto da ATAF attraverso l'acquisto del pacchetto azionario della neocostituita ATAF Gestioni. Due anni dopo la società acquisì anche il rampo operativo di Umbria TPL e Mobilità, ereditando la gestione dei servizi di trasporto pubblico locale su gomma in gran parte dell'Umbria oltre che dei servizi di navigazione sul lago Trasimeno e della funicolare di Orvieto.

Mercedes-Benz Citaro in servizio a Rovigo in livrea Busitalia - Sita Nord.

Con l'azienda padovana APS Holding costituì nel 2015 Busitalia Veneto, a cui le due aziende hanno conferito la gestione operativa delle autolinee urbane ed extraurbane di Padova e Rovigo. Nell'anno successivo l'azienda ampliò il suo panorama di azione aggiudicandosi la gara per l'acquisizione del Consorzio Salernitano di Trasporto Pubblico (CSTP), dal 2013 in stato di insolvenza, confluito in Busitalia Campania.[4]

Nell'aprile del 2017 Busitalia - Sita Nord acquista il 51% di Simet, azienda calabrese specializzata nel trasporto di passeggeri su gomma a mezzo autobus, creando così una nuova società, Busitalia Simet Spa, che ha rilevato le attività della ex Simet Spa. Busitalia Simet Spa commercializza i propri servizi attraverso Busitalia Fast.[5] Nel 2019 Busitalia esce dalla società Busitalia Simet, abbandonando di fatto il settore delle lunghe percorrenze su autobus. A seguito di ciò, il servizio torna ad essere effettuato esclusivamente da Simet.[6]

Nel luglio 2017 Busitalia ha acquisito la società olandese di trasporto pubblico locale Qbuzz.[7]

Nel novembre 2021 ha perso la gestione di tutti i servizi TPL in regione Toscana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FS Italiane - Relazione Finanziaria 2020 (PDF), su fsitaliane.it. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  2. ^ a b Relazione finanziaria annuale 2020 (PDF), su fsbusitalia.it. URL consultato l'8 settembre 2021.
  3. ^ Bilancio di esercizio 2011 (PDF), su fsbusitalia.it. URL consultato il 15 settembre 2021.
  4. ^ Salerno, BusItalia acquista il Cstp, in AutobusWeb, 30 maggio 2016. URL consultato il 15 settembre 2021.
  5. ^ Busitalia Fast: il Gruppo FS Italiane entra nel mercato dei collegamenti a lunga percorrenza su gomma, su fsitaliane.it, 26 aprile 2017. URL consultato il 15 settembre 2021.
  6. ^ Busitalia Fast si ferma. Gli Smurra ripartono, in AutobusWeb, 19 marzo 2019. URL consultato il 15 settembre 2021.
  7. ^ Busitalia acquisisce Qbuzz, società olandese di servizi TPL, su fsitaliane.it, 13 luglio 2017. URL consultato il 15 settembre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]