Veneto Orientale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Veneto Orientale
San Donà corso Trentin 2013.jpeg
San Donà di Piave
Stati Italia Italia
Regioni Veneto Veneto
Territorio Area a nord-est della città metropolitana di Venezia
Capoluogo San Donà di Piave
Portogruaro
Superficie 1 062,2[1] km²
Abitanti 217 831[1] (31-12-2012)
Densità 205,07 ab./km²
Lingue italiano, veneto, friulano
Fusi orari UTC+1
Sito principale

Il Veneto Orientale (o Venezia Orientale) è un'area geografica, posta a nord-est della città metropolitana di Venezia[2], comprendente i territori degli ex mandamenti di Portogruaro e di San Donà di Piave (Basso Piave), suddivisa in venti comuni, i cui maggiori centri sono le città di San Donà di Piave, Portogruaro e Jesolo.

L'area ha più volte espresso la volontà di costituirsi in nuova provincia, poiché condivide strutture economiche, culturali e sociali molto affini, molto differenti dal resto della provincia e più vicine ai luoghi circostanti quali il trevigiano, il pordenonese, la Bassa Friulana.[3] A tale scopo, il 23 maggio 2006 è stata presentata alla Camera dei deputati una proposta di legge per l'istituzione della provincia[4]; tuttavia, l'iter istitutivo è stato bloccato dal nuovo orientamento politico nazionale volto alla riduzione degli enti provinciali.

L'unica struttura decisionale autonoma che è stata effettivamente implementata nel territorio è la Conferenza dei Sindaci del Veneto Orientale, ente preposto alla gestione di fondi regionali e alla programmazione complessiva delle linee di sviluppo per il territorio.[5] Ulteriori iniziative per la ricerca di nuove forme di governo del territorio sono il GAL "Venezia Orientale"[6], il Patto Territoriale per la Venezia Territoriale e l'Intesa Programmatica d'Area.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il centro storico di Caorle
Il Faro di Piave Vecchia di Cavallino-Treporti
La cattedrale di Concordia Sagittaria
La pineta di Eraclea
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Mandamento di San Donà di Piave e Mandamento di Portogruaro.

Storicamente il mandamento sandonatese è sempre stato sotto la giurisdizione trevigiana, mentre quello portogruarese è appartenuto, fino al 1838, alla regione storica del Friuli; tuttavia, i comuni costieri hanno sempre direttamente fatto riferimento a Venezia. L'intera area in seguito è passata sotto la giurisdizione della provincia di Venezia e poi della città metropolitana di Venezia. Ciononostante, soprattutto in alcuni comuni di confine, è ancora forte il legame con il pordenonese e la Bassa Friulana, motivo per cui sono sorti vari movimenti autonomisti o per l'aggregazione al Friuli senza però portare a concreti risultati. Il legame col Friuli perdura nella suddivisione ecclesiastica, poiché la parte più a est del Veneto Orientale è parte integrante della diocesi di Concordia-Pordenone.

Comuni principali[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono riportati i primi dieci comuni del Veneto Orientale per popolazione residente al 30 settembre 2016.[7]

Pos. Stemma Comune di Popolazione
(ab.)
Superficie
(km²)
Densità
(ab./km²)
Altitudine
(m s.l.m.)
San Donà di Piave-Stemma.png San Donà di Piave 41 842 78,73 531,46 3
Jesolo-Stemma.png Jesolo 26 147 102,22 255,79 5
Portogruaro-Stemma.png Portogruaro 25 129 95,25 263,82 2
Cavallino-Treporti-Stemma.png Cavallino-Treporti 13 350 44,87 297,52 1
San Stino di Livenza-Stemma.png San Stino di Livenza 12 889 68,09 189,29 6
Eraclea-Stemma.png Eraclea 12 322 95,02 129,67 2
San Michele al Tagliamento-Stemma.png San Michele al Tagliamento 11 887 112,3 105,85 7
Caorle-Stemma.png Caorle 11 653 151,45 76,94 1
Musile di Piave-Stemma.png Musile di Piave 11 473 44,82 255,97 2
10º Concordia Sagittaria-Stemma.png Concordia Sagittaria 10 368 68,38 151,62 4

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b L'Azienda, Azienda ULSS n. 4 Veneto Orientale. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  2. ^ Il territorio del Veneto Orientale, VeGAL. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  3. ^ Gianluca Falcomer, Torna la provincia del Veneto Orientale?, Movimento per la provincia di Pordenone Portogruaro. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  4. ^ Andrea Martella, Istituzione della provincia della Venezia Orientale (PDF), su legxv.camera.it, 23 maggio 2006. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  5. ^ Iniziative per il decentramento amministrativo e per lo sviluppo economico e sociale nel Veneto Orientale, Consiglio Regionale del Veneto, 22 giugno 1993. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  6. ^ Agenzia di sviluppo del Veneto Orientale, VeGAL. URL consultato il 4 febbraio 2017.
  7. ^ Bilancio demografico, ISTAT. URL consultato il 4 febbraio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]