Ukraine International Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ukraine International Airlines
Ukraine International Airlines Logo.png
Ukraine International Airlines Boeing 737-800 KvW.jpg
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATA PS
Codice ICAO AUI
Identificativo di chiamata UKRAINE INTERNATIONAL
Descrizione
Hub Kiev-Boryspil'
Programma frequent flyer Panorama Club
Flotta 39 (+2 ordini)
Destinazioni 75+
Azienda
Tipo azienda S.p.a.
Fondazione 1º ottobre 1992 a Kiev
Stato Ucraina Ucraina
Sede Kiev
Persone chiave
  • Igor Kolomojskij (Azionista di maggioranza)
  • Yuri Miroshnikov (Presidente)
  • Richard Creagh (Vice Presidente)
Sito web
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

L'Ukraine International Airlines S.p.a. (in ucraino: Приватне акціонерне товариство) è una compagnia aerea ucraina privata con la sede e l'hub principale all'aeroporto di Kiev-Boryspil'.

Composizione societaria[modifica | modifica wikitesto]

  • Cipro Ontobent Promotions Ltd - 25,83%
  • Cipro Capital Investment Project - 74,16%
UIA e monopolizzazione del mercato

La compagnia aerea UIA S.p.a. creata sulla base della statale UIA privatizzata nel 2011[1] è di controllata dal ex-top manager Sig. Evgenij Peskunov della ucraina Aerosvit dichiarata bancarotta alla fine del 2012 con migliaia passeggeri rimasti a terra senza nessuna compensazione. L'ex-top manager della Aerosvit è salito al timone della UIA all'inizio a gennaio 2013 grazie alla quota di maggioranza del Sig. Igor Kolomojskij che controlla di fatto due off-shore cipriote che detengono le azioni della UIA S.p.a ed anche al timone della PrivatBank con filiali in Europa ed anche in Italia che controlla la compagnia petrolifera Ukrnafta[2] e la società di calcio Futbol'nyj Klub Dnipro. Grazie alla bancarotta dell'Aerosvit ed il controllo totale di due compagnie aeree da parte del Sig. Kolomskij la UIA è riuscita non solo prendere in leasing la parte della flotta dell'Aerosvit dopo la bancarotta, ma anche tutte le destinazioni redditizie gestite dall'Aerosvit fino al 2012. Inoltre, il 1º marzo 2013 l'UIA ha dichiarato che rifiuta trasportare e rimborsare i passeggeri dell'Aerosvit come da precedenti accordi con il Governo di Kiev, ingannando così decine di migliaia di clienti.[3] Nel marzo 2013 l'UIA è stata accusata da mass media ucraini nella monopolizzazione del mercato dopo la bancarotta dell'Aerosvit.[4] Precedentemente la off-shore cipriota Mansvell Enterprises sotto controllo del Sig. Kolomskij ha acquistato altre compagnie aeree: la danese Cimber Sterling, la svedese City Airline e la svedese Skyways Express AB tutte dichiarate fallite nel corso di alcuni decine di mesi.[5][6]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aerosvit.

Flotta passeggeri[modifica | modifica wikitesto]

Un Boeing 737-500 dell'Ukraine International Airlines
Un Antonov-An-148-100B nella livrea attuale dell'Ukraine International Airlines

A maggio 2016 l'età media della flotta di 31 Boeing della compagnia aerea ucraina è di 13,2 anni secondo airfleets.net.

Flotta di Ukraine International Airlines
Aereo In Flotta Ordini Passeggeri Note
C Y Totale
Antonov 148-100 4 8 65 73
Boeing 737-300 4 0 16 116 132
Boeing 737-400 5 0 16 137 153
Boeing 737-500 10 0 16 107 123
Boeing 737-800 8 0 16 173 189
Boeing 737-900 4 0 16 --- ---
Boeing 767-300ER 2 0 16 219 295
Ukraine International Airlines Cargo
Boeing 737-300 1 0 n/a
Totale 36 2

Flotta storica[modifica | modifica wikitesto]

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Africa[modifica | modifica wikitesto]

Egitto Egitto

America[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti

Asia[modifica | modifica wikitesto]

Asia Anatolica[modifica | modifica wikitesto]

Giordania Giordania

Israele Israele

Turchia Turchia

Asia Centrale[modifica | modifica wikitesto]

Kazakistan Kazakistan

Kirghizistan Kirghizistan

Tagikistan Tagikistan

Turkmenistan Turkmenistan

Asia Indiana[modifica | modifica wikitesto]

India India

Sri Lanka Sri Lanka

Asia Occidentale[modifica | modifica wikitesto]

Emirati Arabi Uniti

Asia Orientale[modifica | modifica wikitesto]

Cina Cina

Asia Transcaucasica[modifica | modifica wikitesto]

Armenia Armenia

Azerbaigian Azerbaigian

Georgia Georgia

Sud Est Asiatico[modifica | modifica wikitesto]

Thailandia Thailandia

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Albania Albania

Austria Austria

Belgio Belgio

Bielorussia Bielorussia

Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina

Bulgaria Bulgaria

Cipro Cipro

Croazia Croazia

Danimarca Danimarca

Estonia Estonia

Finlandia Finlandia

Francia Francia

Germania Germania

Grecia Grecia

Irlanda Irlanda

Islanda Islanda

Italia Italia

Lettonia Lettonia

Lituania Lituania

Macedonia Macedonia

Moldavia Moldavia

Montenegro Montenegro

Norvegia Norvegia

Paesi Bassi Paesi Bassi

Polonia Polonia

Portogallo Portogallo

Regno Unito Regno Unito

Rep. Ceca Repubblica Ceca

Romania Romania

Russia Russia

Serbia Serbia

Slovenia Slovenia

Spagna Spagna

Svezia Svezia

Svizzera Svizzera

Ucraina Ucraina

Ungheria Ungheria

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]