Vueling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vueling
Logo Vueling.svg
Airbus A320 Vueling.jpg
Compagnia aerea a basso costo
Codice IATA VY
Codice ICAO VLG
Identificativo di chiamata VUELING
Inizio operazioni di volo 1º luglio 2004
Descrizione
Hub Barcellona
Hub secondari Roma-Fiumicino
Basi
Programma frequent flyer Punto/Iberia Plus
Flotta 100 (+48 ordini)
Destinazioni 155
Azienda
Tipo azienda Società anonima
Fondazione 2004 a Barcellona
Stato Spagna Spagna
Sede El Prat de Llobregat
Gruppo International Airlines Group
Persone chiave
  • Josep Piqué (Presidente)
  • Alex Cruz (Amministratore delegato)
Dipendenti ~3000  (2015)
Slogan Love The Way You Fly
Sito web www.vueling.com
Bilancio economico
Borse valori Borsa di MadridVLG
Fatturato Green Arrow Up.svg 856,2 milioni  (2011)
Risultato ante oneri finanziari Green Arrow Up.svg € 33,2 milioni  (2012)
Profitto Green Arrow Up.svg € 28,3 milioni  (2012)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
La sede di Vueling

Vueling Airlines S.A. (Borsa di MadridVLG), commercialmente Vueling, è una compagnia aerea a basso costo spagnola di International Airlines Group con sede a El Prat de Llobregat e con hub principale l'Aeroporto di Barcellona e hub secondario Roma-Fiumicino. La compagnia ha anche 22 basi operative e in totale opera su più di 360 rotte per 155 destinazioni in Europa, Nord Africa e Medio Oriente.[1]

Tra le basi operative annuali vi sono: Alicante, Amsterdam, Bilbao, Bruxelles, Firenze, La Coruña, Madrid, Málaga, Oviedo, Palermo, Palma di Maiorca, Parigi-Orly, Siviglia, Valencia. Ibiza è una base stagionale estiva.

Il suo nome deriva dalla parola spagnola vuelo, che in italiano significa "volo", e dal suffisso inglese -ing, traducibile all'italiano "-ndo", che viene usato nella lingua anglosassone solitamente per porre i verbi al gerundio, ovvero "volando".

Con un load factor superiore al 77%, nel 2012 ha trasportato oltre 14,8 milioni di passeggeri, registrando così un incremento del 20,1% sul 2011 e facendo di Vueling la seconda compagnia aerea spagnola dopo Iberia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Vueling fu fondata a febbraio 2004 e iniziò le operazioni il 1º luglio dello stesso anno con il volo tra Barcellona e Ibiza. La flotta iniziale consisteva in soli due Airbus A320 entrambi basati all'Aeroporto di Barcellona che volavano a Parigi, Bruxelles, Palma di Maiorca e Ibiza.[2]

Inizialmente i maggiori azionisti di Vueling erano Apax Partners (40%), Inversiones Hemisferio-Grupo Planeta (30%), team di gestione di Vueling (23%) e JetBlue Airways (7%).

Nei primi anni il direttore generale della società era Lázaro Ros, mentre Carlos Muñoz era l'amministratore delegato. Nel novembre del 2007, Vueling ha nominato come amministratore delegato Lars Nygaard, già direttore di Spanair, in sostituzione di Carlos Muñoz, che rimase in qualità di membro del consiglio di amministrazione.

Nel 2005 la compagnia aprì una seconda base a Madrid e nel 2007 venne aperta la prima base internazionale all'Aeroporto di Parigi-Charles de Gaulle che venne presto trasferita all'Aeroporto di Parigi-Orly. Nel mese di dicembre dello stesso anno venne aperta una quarta base a Siviglia.

Problemi finanziari[modifica | modifica wikitesto]

Il 2007 fu però un anno difficoltoso per Vueling; a seguito della cessione di Apax Partners della propria quota del 21% nel mese di giugno, a giugno e agosto seguirono due ricapitalizzazioni. Due amministratori e il presidente si dimisero poco prima della seconda ricapitalizzazione, citando le difficoltà nella strategia commerciale.[3] Le azioni della società furono temporaneamente sospese.[4]

Ciò ha portato Barbara Cassani, ex amministratrice delegata dell'ormai defunta compagnia aerea a basso costo britannica Go Fly, ad entrare in Vueling in qualità di presidente del consiglio di amministrazione nel mese di settembre 2007. La compagnia aerea ha poi intrapreso un processo di ristrutturazione e pubblicato il suo primo profitto a metà del 2009.

Fusione con Clickair[modifica | modifica wikitesto]

Airbus A321 Vueling

Nel giugno 2008 Vueling e la rivale Clickair annunciarono l'intenzione di fondersi. Lo scopo era quello di creare un'unica compagnia aerea dalle migliori prestazioni per competere nell'agguerrito mercato aereo spagnolo in grado di battere gli alti costi del carburante avendo Iberia come partner commerciale. La compagnia avrebbe mantenuto il nome di Vueling facendo però scomparire il marchio Clickair e Alex Cruz, AD di quest'ultima, sarebbe diventato amministratore delegato della "nuova" Vueling.[5][6]

Il progetto di fusione fu verificato dall'antitrust europeo e venne fuori che la fusione avrebbe portato vantaggi significativi al nuovo gruppo in 19 rotte. Per l'approvazione del progetto di fusione, Vueling avrebbe dovuto liberare slot all'Aeroporto di Barcellona e in altri scali europei.[5][6]

L'interno di un Airbus A320 Vueling

Il 15 luglio 2009 la fusione tra Vueling e Clickair fu completata.[6] Sparì il marchio Clickair, venne mantenuto quello di Vueling e tutti i voli e gli aerei Clickair passarono sotto il marchio Vueling. Diventò nel 2009 la seconda compagnia aerea spagnola con oltre 50 destinazioni servite e 8,2 milioni di passeggeri trasportati.[7] Nel 2010 volarono con Vueling 11 milioni di passeggeri,[7] che salirono a 12,3 milioni nel 2011[8] e 14,8 milioni nel 2012.

Sviluppi recenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2010 Vueling annunciò l'apertura di una seconda base internazionale all'Aeroporto di Tolosa che venne aperta nell'aprile 2011[9] insieme alla terza base all'Aeroporto di Amsterdam.[10]

A gennaio 2011, la rapida espansione di Vueling portò la compagnia ad aggiungere 9 aerei alla flotta, inclusi 3 Airbus A319. I restanti 6 aerei, tutti Airbus A320, vennero consegnati tra aprile e giugno del 2011. Entro la fine dell'anno arrivarono 2 ulteriori A320.[11]

Il 21 marzo 2012 Alex Cruz annunciò l'apertura di una nuova base internazionale, dopo la recente chiusura di quella di Tolosa, all'Aeroporto di Roma-Fiumicino. La base venne aperta solo quattro giorni dopo, il 25 marzo, con un solo aereo basato e la possibilità di aggiungere nuove rotte.[12] Ciò si rivelò veritiero: nel novembre 2013 la compagnia ha annunciato che a partire da aprile 2014 l'Aeroporto di Roma-Fiumicino sarebbe divenuto l'hub secondario della compagnia dopo Barcellona basandoci 8 aeromobili e operando più di 25 rotte.

Il 5 dicembre 2012 Vueling decise di aprire la terza base internazionale all'Aeroporto di Firenze-Peretola a partire dal 31 marzo 2013, dove verrà basato un A319 e dal quale verranno operate 7 rotte internazionali.

Allo stesso tempo vengono annunciate numerose altre rotte dall'Aeroporto di Barcellona che porteranno la compagnia a servire oltre 100 destinazioni da aprile 2013. La compagnia permetterà connessioni a Barcellona facendo così dell'El Prat un vero e proprio hub.[13]

Cooperazione con MTV[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 Vueling per il secondo anno consecutivo cooperò con MTV durante la stagione estiva.[14] Due Airbus A320 EC-KDG e EC-KDH furono dipinti in una livrea speciale dedicata all'emittente televisiva. La livrea speciale disegnata da Custo Dalmau fu rimossa alla fine del 2009.[15] EC-KDG fu ridipinto nella livrea MTV nel 2010 tornando in livrea classica Vueling nel 2011 ma con tema il DJ francese David Guetta. Alla fine del 2011 la livrea venne rimossa e l'accordo con MTV terminò.

Programmi frequent flyer[modifica | modifica wikitesto]

Vueling offre ai suoi clienti due programmi frequent flyer: Punto, che permette di collezionare punti da utilizzare sui voli Vueling e Iberia Plus, che permette di usufluire dei servizi del frequent flyer di Iberia.

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

A maggio 2016 la flotta di Vueling ha un'età media di 6,6 anni ed è composta dai seguenti aeromobili:[16]

Flotta di Vueling
Aereo In flotta Ordini Opzioni Passeggeri
Airbus A319-100 6 0 144
Airbus A320-200 94 3 180/186
Airbus A321-200 10 0 220
Totale 110 3 0

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

2006[modifica | modifica wikitesto]

  • 28 maggio 2006 - Volo VY1190, un Airbus A320-200, registrazione EC-JDK, da Barcellona, a Santiago de Compostela, con 144 persone a bordo, entrò in una zona di turbolenza perdendo quota per qualche centinaio di metri fino a quando i piloti non ripresero il controllo dell'aereo. 7 persone rimasero feriti.[17]

2009[modifica | modifica wikitesto]

  • 5 agosto 2009 - Volo VY9127, un Airbus A320-200 registrazione EC-KMI in partenza da Parigi Orly diretto Alicante ha subito un incendio al motore destro prima del rullaggio. Nessun passeggero è rimasto ferito.[18]
  • 29 novembre 2009 - Volo VY6394 proveniente da Barcellona ha dovuto riprendere quota all'aeroporto di Milano Malpensa poco prima di poggiare le ruote a terra, a causa dell'inavvertita incursione di pista di un mezzo dei servizi aeroportuali. Nessuna conseguenza per i passeggeri.[19]

2010[modifica | modifica wikitesto]

  • 26 aprile 2010 - Volo VY2267 con rotta Siviglia - Barcellona ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza a Siviglia con un solo motore a causa di uccelli che hanno colpito il motore. Nessun passeggero è rimasto ferito.[21]
  • 22 agosto 2010 - Volo VY2317 da Granada a Barcellona per problemi idraulici al carrello di atterraggio anteriore ha effettuato un atterraggio di emergenza a Siviglia, dove è stato rimorchiato fuori pista. Nessuno dei 138 passeggeri è rimasto ferito[22].
  • 27 agosto 2010 - Volo VY3212 rotta Barcellona - Tenerife, dopo essere stato colpito sul lato destro da degli uccelli, l'equipaggio ha deciso di rientrare a Barcellona.[23]
  • 1 ottobre 2010 - Volo VY3044 da Siviglia a Gran Canaria dopo 5 minuti di volo il pilota per un problema tecnico non precisato ha deciso di rientrare a Siviglia dove è atterrato 30 minuti dopo la partenza.[24]
  • 26 novembre 2010 - Volo VY8077 rotta da Barcellona a Parigi Orly a causa della neve, della scarsa visibilità a del vento trasversale in fase di atterraggio è finito lungo sull'erba.[26]

2011[modifica | modifica wikitesto]

  • 27 marzo 2011 - Volo VY6502 da Barcellona a Napoli durante la discesa sono fuoriuscite erroneamente le maschere di ossigeno. L'aereo è atterrato senza problemi.[27]
  • 3 aprile 2011 - Volo VY2211 rotta Siviglia - Barcellona prima del decollo dei passeggeri hanno visto un meccanico riparare un'ala con pinze e martello. 18 passeggeri decidono di abbandonare il velivolo prima del decollo.[28]
  • 20 aprile 2011 - Volo VY2220 rotta Barcellona - Siviglia con 165 persone a bordo, per un problema al carrello anteriore effettua un atterraggio di emergenza a Siviglia. Il velivolo rimane bloccato sulla pista e l'aeroporto rimane chiuso per diverse ore.[29]
  • 8 maggio 2011 - Volo VY8710, Barcellona - Vienna attraversando una tempesta è stato colpito da due fulmini. l'equipaggio ha proseguito ed è atterrato a Vienna senza problemi[30]
  • 27 maggio 2011 - I passeggeri del volo VY8366 da Malaga a Amsterdam si sono visti affiancare da un Mirage francese a causa della perdita del contatto radio tra i piloti e il controllo di volo.[31]
  • 29 novembre 2011 - Volo VY8026 da Parigi Orly a Barcellona subito dopo il decollo per un indicatore di portellone di carico aperto è rientrato a Parigi. Dopo le dovute verifiche è ripartito per Barcellona.[32]

2012[modifica | modifica wikitesto]

  • 8 marzo 2012 - Volo VY1961 da Amsterdam a Bilbao per un problema idraulico è stato costretto ad un atterraggio di emergenza ad Amsterdam.[33]
  • 8 luglio 2012 - Volo VY6771 da Pisa a Barcellona per un problema idraulico è stato costretto ad un atterraggio di emergenza a Pisa.[34]
  • 23 agosto 2012 - Volo VY3741 da Minorca a Barcellona, il pilota è stato constretto ad abortire il decollo quando si trovava già in accelerazione a causa di forti vibrazioni del velivolo, dovuti alla bassa pressione degli pneumatci. I passeggeri sono stati fatti scendere dal velivolo con le scale direttamente sulla pista.[35]
  • 29 agosto 2012 - Volo VY8366 da Malaga a Amsterdam con 183 passeggeri, a causa della perdita del contatto radio al confine tra il Belgio e Olanda, veniva intercettato da due F16 Olandesi e scortato fino ad Amsterdam. Si era temuto si trattasse di un dirottamento ma i passeggeri riverivano che il volo e trascorso tranquillamente.[36]
  • 29 agosto 2012 - Volo VY1880 partito da Barcellona a effettuato un atterraggio duro (con una forza superiore a 4 volte la forza di gravità) a Berlino. Non ci sono stati problemi per i passeggeri mentre il velivolo a subito gravi danni.[37]
  • 12 settembre 2012 - Volo VY8898 da Barcellona a Bruxelles. Durante la salita in quota hanno richiesto di rientrare a Barcellona riferendo di aver colpito qualcosa di grosso e di sentire molte vibrazioni. Dopo un controllo a terra non è stato riscontrato nulla di anomalo.[38]
  • 22 settembre 2012 - Volo VY1670 da Barcellona, a Santiago de Compostela durante il decollo il pilota comunica di aver subito un Bird strike con conseguente vibrazioni di un motore. Il pilota è rientrato a Barcellona per verifiche.[39]

2013[modifica | modifica wikitesto]

2014[modifica | modifica wikitesto]

  • 4 gennaio 2014 - Volo VY2612 da Malaga a Bilbao ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza a Madrid a causa di un passeggero con problemi cardiaci. l'aereo è ripartito per Bilbao dopo 3 ore. Grazie all'attesa le condizioni atmosferiche a Bilbao sono migliorate ed è potuto atterrare senza problemi.
  • 24 febbraio 2014 - Volo VY7101 da Aeroporto di Londra-Heathrow, a Aeroporto di La Coruña, Spagna durante la discesa è stato colpito da fulmini che hanno danneggiato i winglet. L'aereo è atterrato normalmente a La Coruna senza problemi per i passeggeri.

2015[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 dicembre 2015 - Volo VY6515 da Torino a Barcellona durante l'accelerazione per il decollo è stato colpito al motore desstro da degli uccelli. Il pilota è riuscito a fermare il velivolo in sicurezza e a rientrare al terminal. i passeggeri sono riusciti a ripartire per Barcellona con un altro velivolo con 6 ore di ritardo.[41]

2016[modifica | modifica wikitesto]

  • 31 marzo 2016 - Volo VY1420 da Barcellona a Bilbao dopo un atterraggio abortito per il forte vento è riusito ad atterrare toccando e distuggendo una luce a bordo pista. Nessuna conseguenza per i passeggeri, l'aereo si è danneggiato la copertura del motore sinistro.[42]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vueling Enters Its 11th Summer Season Operating More than 700 Daily Flights « vuelingnews. La información al punto de Vueling, vuelingnews.com. URL consultato il 05 giugno 2015.
  2. ^ The History of Vueling, Vueling.com. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  3. ^ Madrid-listed budget carrier Vueling has warned higher fuel costs and lower ticket prices could result in it reporting a loss this year, E-tid.com, 2 ottobre 2007. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  4. ^ The Spanish stock market regulator CNMV has suspended trading in low-cost carrier Vueling’s shares, E-tid.com, 1º ottobre 2007. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  5. ^ a b Vueling to Merge With Clickair, News.airwise.com, 8 luglio 2008. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  6. ^ a b c Vueling new airline name to UK. TravelMole. Phil Davies, Travelmole.com, 6 luglio 2009. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  7. ^ a b Vueling Passenger Statistics (PDF), vueling.com. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  8. ^ Traffic statistics for 2011.
  9. ^ Vueling announces base in Toulouse, in Flight International, 9 novembre 2010. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  10. ^ Vueling announces base in Amsterdam, Blog.flylowcostairlines.org, 8 dicembre 2010. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  11. ^ New Vueling Aircraft, Letstravelmag.com, 21 gennaio 2011. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  12. ^ (IT) AdR – Rome new operating base.
  13. ^ Expansion.
  14. ^ (ES) Vueling by MTV, Spain, MTV, 14 febbraio 2010. URL consultato il 16 dicembre 2011.
  15. ^ Vueling Cooperation with MTV, Vueling.com. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  16. ^ Vueling Fleet Details and History.
  17. ^ Report: Vueling A320 near Barcelona on May 28th 2006, wake turbulence injures 7, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  18. ^ Accident: Vueling A320 at Paris on Aug 5th 2009, engine smoking during push back, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  19. ^ Incident: Vueling A320 at Milan on Nov 29th 2009, runway incursion, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  20. ^ Incident: Vueling A320 near London on Apr 23rd 2010, engine oil problem, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  21. ^ Incident: Vueling A320 at Sevilla on Apr 26th 2010, bird strike, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  22. ^ Incident: Vueling A320 at Granada on Aug 22nd 2010, hydraulic failure, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  23. ^ Incident: Vueling A320 at Barcelona on Aug 27th 2010, bird strike, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  24. ^ Incident: Vueling A320 near Sevilla on Oct 1st 2010, technical problems, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  25. ^ Incident: Vueling A320 near Barcelona on Nov 12th 2010, hydraulic leak, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  26. ^ Incident: Vueling A320 at Paris on Nov 26th 2010, runway excursion, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  27. ^ Incident: Vueling A320 near Naples on Mar 27th 2011, passenger oxygen masks came down, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  28. ^ Motín en el vuelo 2211, su www.diariodesevilla.es. URL consultato il 02 settembre 2016.
  29. ^ Incident: Vueling A320 at Sevilla on Apr 20th 2011, nose wheels tilted 90 degrees on landing, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  30. ^ Incident: Vueling A320 near Vienna on May 8th 2011, lightning strike, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  31. ^ La Opinión de Málaga, Un vuelo de Málaga-Amsterdam, interceptado por un caza francés - La Opinión de Málaga, su www.laopiniondemalaga.es. URL consultato il 02 settembre 2016.
  32. ^ Incident: Vueling A320 at Paris on Nov 29th 2011, open cargo door indication, su avherald.com. URL consultato il 02 settembre 2016.
  33. ^ Incident: Vueling A320 near Amsterdam on Mar 8th 2012, hydraulic leak, su avherald.com. URL consultato il 03 settembre 2016.
  34. ^ Incident: Vueling A320 at Pisa on Jul 8th 2012, hydraulic problems, su avherald.com. URL consultato il 03 settembre 2016.
  35. ^ Incident: Vueling A320 at Menorca on Aug 23rd 2012, rejected takeoff, su avherald.com. URL consultato il 03 settembre 2016.
  36. ^ Incident: Vueling A320 near Amsterdam on Aug 29th 2012, intermittent loss comm, su avherald.com. URL consultato il 03 settembre 2016.
  37. ^ Accident: Vueling A320 at Berlin on Aug 29th 2012, 4.1G landing and tail strike, su avherald.com. URL consultato il 03 settembre 2016.
  38. ^ Incident: Vueling A320 near Barcelona on Sep 19th 2012, engine problem, su avherald.com. URL consultato il 03 settembre 2016.
  39. ^ Incident: Vueling A320 at Barcelona on Sep 22nd 2012, bird strike, su avherald.com. URL consultato il 03 settembre 2016.
  40. ^ Incident: Vueling A320 at La Coruna on May 28th 2013, hard landing on autoland, su avherald.com. URL consultato il 03 settembre 2016.
  41. ^ Incident: Vueling A320 at Turin on Dec 1st 2015, rejected takeoff due to bird strike, su avherald.com. URL consultato il 03 settembre 2016.
  42. ^ Incident: Vueling A320 at Bilbao on Mar 28th 2016, temporary runway excursion during landing, su avherald.com. URL consultato il 03 settembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN307440366