Acido valerico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acido valerico
Valeric acid acsv.svg
Valeric-acid-3D-balls.png
Nome IUPAC
acido pentanoico
Nomi alternativi
acido valerianico
acido propilacetico
acido butancarbossilico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C5H10O2
Massa molecolare (u) 102,1332
Aspetto liquido incolore
Numero CAS [109-52-4]
Numero EINECS 203-677-2
PubChem 7991
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,9435 g/cm3
Solubilità in acqua 20 g/l
Temperatura di fusione −34,5 °C (238.65 K)
Temperatura di ebollizione 186 °C (459.15 K)
Indicazioni di sicurezza
Flash point 86 °C
Simboli di rischio chimico
corrosivo

pericolo

Frasi H 314 - 412
Consigli P 273 - 280 - 305+351+338 - 310 [1]

L'acido valerico o acido valerianico (nome IUPAC: acido pentanoico) è un acido carbossilico a catena lineare avente formula molecolare CH3(CH2)3COOH. Può essere considerato un acido grasso a catena corta.

L'acido pentanoico, come gli altri acidi carbossilici a basso peso molecolare, ha un odore spiacevole. Esso ha una struttura simile all'acido gamma-idrossibutirrico (GHB) e all'acido gamma-amminobutirrico (un neurotrasmettitore).

Usi e presenza in natura[modifica | modifica wikitesto]

Il suo uso principale è nella produzione dei suoi esteri, infatti essi tendono ad avere un odore gradevole e vengono spesso usati nel campo dei profumi e dei cosmetici. Il valerato di etile ed il valerato di pentile sono usati anche come additivi alimentari per via del loro sapore fruttato. L'acido valerianico è contenuto nelle radici dell'eliotropo da giardino. In particolare è contenuto nella pianta della valeriana (Valeriana officinalis), da cui ne deriva il nome.

Indicazioni di sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

L'acido pentanoico può causare irritazioni a contatto con la pelle o gli occhi, tuttavia queste sono leggere perché tende a non evaporare a temperatura ambiente, a meno che non sia in forma pura (glaciale). È comunque tossico per l'ambiente acquatico e quindi è bene prevedere delle giuste norme di sicurezza nello stoccaggio e in caso di incidente facendo attenzione a non disperdere in acqua il composto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 03.12.2012

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia