Isoleucina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isoleucina
formula di struttura
Nome IUPAC
acido 2(S)-ammino-3(S)-metilpentanoico
Abbreviazioni
I
ILE
Nomi alternativi
L-isoleucina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C6H13NO2
Massa molecolare (u) 131,17
Aspetto solido cristallino bianco
Numero CAS [73-32-5]
Proprietà chimico-fisiche
Costante di dissociazione acida a 293 K pK1: 2,32

pK2: 9,76

Punto isoelettrico 6,05
Solubilità in acqua 32,1 g/l a 293 K
Temperatura di fusione 279 °C (552 K) con decomposizione
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) −637,8
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P ---[1]

L'isoleucina è un amminoacido apolare, la sua molecola è chirale.

L'enantiomero L è uno dei 20 amminoacidi ordinari, il suo gruppo laterale è un sec-butile.

L'isoleucina viene definita un amminoacido chetogenico, perché tra i prodotti della sua degradazione figura l'acido acetoacetico, un corpo chetonico.

Negli esseri umani è essenziale, cioè deve essere assunto tramite il cibo, dato che l'organismo umano non è in grado di sintetizzarlo. Gli alimenti che maggiormente la contengono sono: agnello, maiale, pollo, bresaola, salame, bottarga, tonno, legumi, arachidi, provolone, pinoli, grana, pecorino, uova. Fondamentale per la formazione di emoglobina, viene principalmente metabolizzata nel tessuto muscolare. La sua presenza nel corpo umano deve essere bilanciata con l'L-Valina e la L-Leucina: insieme favoriscono il metabolismo delle proteine nel fegato.[senza fonte]

L-Isoleucin - L-Isoleucine.svg D-isoleucine.svg
L-isoleucina (2S,3S) & D-isoleucina (2R,3R)
L-alloisoleucine.svg D-alloisoleucine.svg
L-allo-isoleucina (2S,3R) & D-allo-isoleucina (2R,3S)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda dell'isoleucina su IFA-GESTIS

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia