Heliotropium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Heliotropium
Heliotropium europaeum 2004-10-xx-p1010074.jpg
Heliotropium europaeum L.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Lamiales
Famiglia Boraginaceae
Genere Heliotropium
Specie
  • Vedi testo

Il genere Heliotropium L., della famiglia Boraginaceae, comprende piante annuali o perenni, talora legnose alla base, più o meno ispide o pubescenti e con le foglie membranose.
I fiori pentameri sono portati su cime ramose e senza brattee che possono assumere posizione terminale o paseudoascellare.
I calici, generalmente divisi in lobi fino alla base, possono essere caduchi o persistenti alla fruttificazione.
La corolla, bianca nelle piante annuali e purpurea in quelle perenni; ha forma ipocrateriforme con il tubo solitamente senza scaglie e il lembo suddiviso in lobi più o meno fino alla base e con denti tra i lobi.
Gli stami sono inclusi.
Anche lo stilo è incluso e generalmente è molto corto con lo stimma largo, disciforme e aspetto conico o arrotondato, intero o 2-4 lobato.
Il frutto secco, è generalmente diviso in due o quattro nucule, a volte è monospermo e quindi intero.

Alcuni commentatori antichi, soprattutto nel descriverne un suo superstizioso uso magico, la definiscono elitropia.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il genere Heliotropium comprende circa 220 specie distribuite nelle regioni temperate e calde.
Abitualmente presente in habitat secchi e scoperti, si trova in particolar modo in terreni coltivati o suoli sabbiosi.

Specie in Italia[modifica | modifica sorgente]

Secondo Pignatti, le specie presenti in Italia, distribuite in modo non uniforme nelle diverse regioni, spesso rare e talvolta inselvatichite perché sfuggite alla coltura, sono:

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Ed. Edagricole, Bologna 1982. ISBN 88-506-2449-2
  • T.G. Tutin, V.H. Heywood et Alii, Flora Europea, Cambridge University Press 1976. ISBN 0-521-08489-X

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]