Valina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valina
formula di struttura
Nome IUPAC
acido 2(S)-ammino-3-metilbutanoico
Abbreviazioni
V
VAL
Nomi alternativi
L-valina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C5H11NO2
Massa molecolare (u) 117,15
Aspetto solido cristallino biancastro
Numero CAS [72-18-4]
Proprietà chimico-fisiche
Costante di dissociazione acida a 293 K pK1: 2,39

pK2: 9,74

Punto isoelettrico 6,00
Solubilità in acqua 85 g/l a 293 K
Temperatura di fusione 315 °C (588 K) con decomposizione
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) −617,9
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P ---[1]

La valina è un amminoacido essenziale apolare, la sua molecola è chirale.

L'enantiomero L è uno dei 20 amminoacidi naturali, il suo gruppo laterale è un isopropile.

Tra i cereali, la segale ne è molto ricca, con 530 mg per 100 g.

Importanza biochimica[modifica | modifica sorgente]

La valina è necessaria come componente della biosintesi proteica, ma è utilizzabile dall'organismo umano anche per la produzione di energia da alimenti molto proteici o in caso di mobilizzazione di riserve proteiche endogene. La valina serve per esempio, come gli altri due aminoacidi con catena di carboidrati ramificata: leucina e isoleucina, al nutrimento del muscolo. Questo è importante durante sforzi prolungati o in fasi di fame, quando il corpo deve attingere alle proprie riserve interne. La distruzione della valina dà luogo a propionil-CoA che, dopo la conversione in succinil-CoA, contribuisce al completamento del ciclo di Krebs.[2]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Poiché l'organismo umano non può produrre da sé la valina, è necessario introdurla con l'alimentazione. I seguenti esempi del contenuto di valina si riferiscono a 100 g di alimento. Di fianco è riportata la percentuale di proteine totali.[3]

Alimento Proteine totali Valina Percentuale
Carne di manzo cruda 21,26 g 1055 mg 5,0 %
Petto di pollo crudo 23,09 g 1145 mg 5,0 %
Salmone crudo 20,42 g 1107 mg 5,4 %
Pollame 12,58 g 859 mg 6,8 %
Latte vaccino, materia grassa 3,7% 3,28 g 220 mg 6,7 %
Noci 15,23 g 753 mg 4,9 %
Farina integrale di frumento 13,70 g 618 mg 4,5 %
Farina integrale di mais 6,93 g 351 mg 5,1 %
Riso non sbramato 7,94 g 466 mg 5,9 %
Piselli secchi 24,55 g 1159 mg 4,7 %

La stima del fabbisogno giornaliero per un adulto sano oscilla - a seconda del metodo impiegato - tra i 10 e i 29 mg di valina per chilogrammo di peso corporeo.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda della valina su IFA-GESTIS
  2. ^ J. M. Berg, J. L. Tymoczko, L. Stryer: Biochemie. 6. Auflage. Spektrum Akademischer Verlag, Elsevier GmbH, München 2007; S. 697–698, 735, 746; ISBN 978-3-8274-1800-5.
  3. ^ Database dei principi nutritivi del Ministero dell'agricoltura degli Stati Uniti, 21esima edizione.
  4. ^ A. V. Kurpad, M. M. Regan, T. Raj, J. V. Gnanou: Branched-chain amino acid requirements in healthy adult human subjects. In: J. Nutr. 136(1 Suppl); Jan 2006: S. 256S–263S; PMID 16365094.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia