Unione internazionale di chimica pura e applicata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da IUPAC)

L'Unione internazionale di chimica pura e applicata (in inglese International Union of Pure and Applied Chemistry, acronimo IUPAC) è un'organizzazione non governativa internazionale, dedita al progresso della chimica.

Costituita nel 1919 a Londra, la prima conferenza si tenne a Roma nel giugno del 1920.

I suoi membri sono le varie società chimiche nazionali. La IUPAC opera in accordo e armonizza la propria nomenclatura e terminologia, ove necessario, con la IUPAP e l'ISO e adotta il Sistema internazionale di unità di misura. È un'autorità riconosciuta che si riunisce periodicamente per aggiornare le regole riguardanti la nomenclatura chimica degli elementi e dei composti, attraverso il Comitato interdivisionale per la nomenclatura e i simboli. È inoltre membro del Consiglio internazionale per le scienze (ICSU).[1]

La IUPAC fu fondata nel 1919 rimpiazzando il precedente International Congress of Applied Chemistry for the advancement of chemistry. La sede internazionale della IUPAC si trova a Zurigo, in Svizzera, mentre gli uffici amministrativi e di segreteria, conosciuti con il nome di "IUPAC Secretariat", hanno sede nel Research Triangle Park, nella Carolina del Nord, Stati Uniti dove ha la sua sede anche direttore esecutivo.[2][3]

Possono divenire membri le Società Chimiche nazionali, le Accademie scientifiche e altre organizzazioni chimiche. Attualmente risultano iscritte cinquattaquattro organizzazioni con lo status di National Adhering Organizations mentre altre tre risultano essere Associate National Adhering Organizations.[1]

L'organizzazione è articolata al suo interno in vari comitati che hanno differenti responsabilità[4] e che si occupano di specifici progetti tra cui la standardizzazione della nomenclatura,[5] lo sviluppo della chimica nel mondo,[6] e l'attività editoriale.[7][8][9]

Anche se la IUPAC è conosciuta soprattutto per la sua attività di standardizzazione della nomenclatura chimica, essa si occupa anche intensamente di attività editoriali in molti campi della chimica, della biologia e della fisica.[10] Tra i lavori importanti sono da citare la standardizzazione dei nomi della sequenza base dei nucleotidi e la pubblicazione di libri per le scienze ambientali, chimiche e fisiche; essa mantiene anche un ruolo guida nell'attività di miglioramento dell'educazione scientifica.[10][11]

La IUPAC si occupa anche della standardizzazione dei pesi atomici degli elementi attraverso il più antico dei suoi comitati, la Commission on Isotopic Abundances and Atomic Weights.

Origini e costituzione[modifica | modifica sorgente]

Friedrich August Kekulé von Stradonitz

Nel 1860 il chimico tedesco Friedrich August Kekulé von Stradonitz evidenziò per primo la necessità di avere degli standard internazionali per la chimica. Questa proposta sfociò nella prima conferenza internazionale per la nomenclatura dei composti organici.[10] Le idee formulate in quella conferenza evolsero successivamente nella Nomenclatura IUPAC dei composti organici, facendo diventare la IUPAC la più importante collaborazione internazionale tra le società chimiche con la responsabilità di mantenere e aggiornare la nomenclatura ufficiale dei composti chimici.[10][12]

La IUPAC fu ufficialmente fondata nel 1919.[13] La Germania ne fu inizialmente esclusa per l'opposizione delle potenze alleate che avevano vinto la Prima Guerra Mondiale;[14] venne in seguito ammessa nel 1929, ma esclusa nuovamente durante la Seconda Guerra Mondiale. Con la fine del conflitto, fu ammessa la Germania Ovest.[14]

Comitati e gestione[modifica | modifica sorgente]

La IUPAC è governata da diversi comitati che hanno funzioni differenti. I comitati sono attualmente i seguenti:[4]

  • Bureau
  • CHEMRAWN (Chem Research Applied to World Needs) Committee
  • Committee on Chemistry Education
  • Committee on Chemistry and Industry
  • Committee on Printed and Electronic Publications
  • Evaluation Committee
  • Executive Committee
  • Finance Committee
  • Interdivisional Committee on Terminology, Nomenclature and Symbols
  • Project Committee
  • Pure and Applied Chemistry Editorial Advisory Board.

Ogni comitato è composto da membri provenienti dai vari paesi delle National Adhering Organizations.[1]

La gerarchia del comitato di gestione prevede le seguenti norme:[15]

  1. A tutti i comitati viene assegnato un budget che deve essere rispettato.
  2. Ogni comitato può dare il via a un progetto.
  3. Se le spese per un progetto eccedono le capacità di finanziamento del comitato, la questione deve essere portata al Project Committee.
  4. Il Project Committee può aumentare il budget o varare un piano per il finanziamento esterno.
  5. Il Bureau e l' Executive Committee sovraintendono alle operazioni degli altri comitati.

Nomenclatura[modifica | modifica sorgente]

Il comitato sulla nomenclatura ha storicamente l'incarico ufficiale di definire la denominazione dei prodotti chimici organici e inorganici. La nomenclatura IUPAC è sviluppata in modo che per ogni composto sia possibile definirne il nome seguendo delle regole standard ed evitando la duplicazione dei nomi.

La prima pubblicazione sull'argomento è stata la nota informativa del Congresso Internazionale di Chimica Applicata;[16] riguardava la Nomenclatura IUPAC dei composti organici ed è reperibile nel testo A Guide to IUPAC Nomenclature of Organic Compounds (1900).

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

L'attività editoriale della IUPAC si esplica sia in pubblicazioni che fanno parte di una serie, come pure di testi isolati.

Pubblicazioni non parti di una serie[modifica | modifica sorgente]

  • Principles and Practices of Method Validation
  • Fundamental Toxicology

Serie di testi di Termodinamica Sperimentale[modifica | modifica sorgente]

La serie di testi di Termodinamica Sperimentale approfondisce vari aspetti sull'argomento. I libri finora pubblicati sono i seguenti:

  • Measurement of the Transport Properties of Fluids
  • Solution Calorimetry
  • Equations of State for Fluids and Fluid Mixtures Part I
  • Measurement of the Thermodynamic Properties of Single Phases
  • Measurement of the Thermodynamic Properties of Multiple Phases

Serie di testi sulla chimica-fisica e chimica analitica dei sistemi ambientali[modifica | modifica sorgente]

  • Atmospheric Particles
  • Environmental Colloids and Particles: Behaviour, Separation and Characterisation
  • Biophysical Chemistry of Fractal Structures and Processes in Environmental Systems
  • Interactions Between Soil Particles and Microorganisms: Impact on the Terrestrial Ecosystem
  • The Biogeochemistry of Iron in Seawater
  • In Situ Monitoring of Aquatic Systems: Chemical Analysis and Speciation
  • Structure and Surface Reactions of Soil Particles
  • Metal Speciation and Bioavailability in Aquatic Systems, Series on Analytical and Physical Chemistry of Environmental Systems Vol. 3
  • Physicochemical Kinetics and Transport at Biointerfaces

Libri con copertina colorata e collegamenti web per la nomenclatura[modifica | modifica sorgente]

La IUPAC adotta un codiec di colri per le copertine dei suoi libri più importanti in modo da rendere facilmente riconoscibili gli argomenti delle pubblicazioni.[10]

Titolo Descrizione
Compendium of Analytical Nomenclature

Noto come The Orange Book, il Compendium of Analytical Nomenclature copre pressoché tutta la nomenclatura IUPAC dei composti organici e quella dei composti inorganici. La prima edizione risale al 1978,[17] la seconda al 1987[18] e la terza al 1992.[18]

Pure and Applied Chemistry (rivista)

Pure and Applied Chemistry è il mensile ufficiale della IUPAC.[19][20] La sua creazione fu proposta al meeting di Parigi del 1957;[20] nel 1959 fu formato il comitato editoriale e le pubblicazioni iniziarono nel 1960.

Compendium of Chemical Terminology

Il Compendium of Chemical Terminology, è noto come The Gold Book dal colore della copertina, che a sua volta deriva dal fatto che il suo primo compilatore fu il chimico Victor Gold. Il testo compendia nomi e terminologia già trattata nella rivista Pure and Applied Chemistry.[21]

La prima edizione risale al 1987 come una semplice compilazione di quanto già precedentemente pubblicato.[10] La seconda edizione del 1997 introdusse una profonda revisione portò il libro a includere oltre settemila termini.[22] In occasione di questa edizione, uno specifico progetto IUPAC produsse anche una versione XML del testo che permette anche la modifica di parti del testo.[22]

IUPAC Nomenclature of Organic Chemistry (versione online) Noto come The Blue Book, la IUPAC Nomenclature of Organic Chemistry, è il sito web pubblicato dall' Advanced Chemistry Department Incorporated con autorizzazione della IUPAC. Il sito è in pratica un compendio di quanto pubblicato nei libri A Guide to IUPAC Nomenclature of Organic Compounds e Nomenclature of Organic Chemistry.[23]

Anno internazionale della chimica[modifica | modifica sorgente]

Logo dell'Anno internazionale della chimica.

Nell'agosto del 2007, durante la sua assemblea generale a Torino la IUPAC approvò una risoluzione per far dichiarare il 2011 come Anno internazionale della chimica. Poco meno di un anno dopo, nell'aprile 2008, l'Executive Board dell'Unesco, su proposta dell'Etiopia, approvò la risoluzione di appoggio a questa proposta che fu infine adottata dall' Assemblea generale delle Nazioni Unite nel dicembre 2008.[24]

L'obiettivo principale dell'Anno internazionale della chimica era di aumentare l'apprezzamento pubblico e l'interesse mondiale per la chimica e per i miglioramenti da essa apportati alla vita quotidiana.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c IUPAC National Adhering Organizations, Iupac.org, 2 giugno 2011. URL consultato l'8 giugno 2011.
  2. ^ IUPAC Council Agenda Book 2009, IUPAC, 2009. URL consultato il 17 aprile 2010.
  3. ^ International Union of Pure and Applied Chemistry: John D. Petersen Appointed IUPAC Executive Director. IUPAC. Retrieved on 2013-07-29.
  4. ^ a b IUPAC Committees list retrieved 15 April 2010
  5. ^ Interdivisional Committee on Terminology web page retrieved 15 April 2010
  6. ^ Chemdrawn retrieved 15 April 2010
  7. ^ Pure and Applied Chemistry Editorial Advisory Board web page retrieved 15 April 2010
  8. ^ Project Committee web page, Iupac.org, 2 giugno 2011. URL consultato l'8 giugno 2011.
  9. ^ Evaluation Committee page retrieved 15 April 2010
  10. ^ a b c d e f R.W. Fennel, History of IUPAC, 1919–1987, Blackwell Science, 1994, ISBN 0-86542-878-6.
  11. ^ IYC: Introduction. 9 July 2009.
  12. ^ Theodore L. Brown, H. Eugene LeMay Jr, Bruce E Bursten, Chemistry The Central Science Tenth Edition, Pearson Books, 2006, ISBN 0-13-109686-9.
  13. ^ International Union of Pure and Applied Chemistry: About. IUPAC.
  14. ^ a b (DE) Brigitte Kaderas, Wissenschaften und Wissenschaftspolitik: Bestandsaufnahmen zu Formationen, Brüchen und Kontinuitäten im Deutschland des 20. Jahrhunderts, Franz Steiner Verlag, 2002, ISBN 3-515-08111-9.
  15. ^ IUPAC Project Committee retrieved 15 April 2010
  16. ^ IUPAC Publications List
  17. ^ IUPAC orange book publication history
  18. ^ a b Orange Book Preamble retrieved 15 April 2010
  19. ^ IUPAC Pure and Applied Chemistry retrieved 15 April 2010
  20. ^ a b IUPAC Pure and Applied Chemistry Issue 1 retrieved 15 April 2010
  21. ^ Gold Book Online retrieved 15 April 2010
  22. ^ a b [1] retrieved 15 April 2010
  23. ^ Online version of Blue Book retrieved 15 April 2010
  24. ^ About IYC: Introduction. 9 July 2009. Retrieved on 24 April 2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]