Acido trifluoroacetico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acido trifluoroacetico
Trifluoro acetic acid 1ml.jpg
Trifluoroacetic-acid-3D-vdW.png
Trifluoroacetic-acid-skeletal.png
Nomi alternativi
TFA
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare CF3COOH
Massa molecolare (u) 114,02 g/mol
Aspetto liquido incolore
Numero CAS [76-05-1]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,48 g/ml (20 °C)
Solubilità in acqua (20 °C) completamente solubile
Temperatura di fusione −15 °C (258 K)
Temperatura di ebollizione 72 °C (345 K) (1013 hPa)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo

pericolo

Frasi H 332 - 314‐ - 412
Consigli P 260 - 273 - 280 - 303+361+353 - 305+351+338 - 312 [1]

L'acido trifluoroacetico (o TFA) è un derivato fluorurato dell'acido acetico.

A temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore dall'odore pungente. È un composto nocivo, corrosivo, pericoloso per l'ambiente.

È un acido carbossilico forte come un acido minerale. La sua pKa (-0,25) è inferiore a quella dell'acido acetico di ben 5 ordini di grandezza; di conseguenza l'acido, in acqua, esiste solo in forma completamente dissociata. Questo fenomeno è dovuto alla forte stabilizzazione della carica negativa dell'anione trifluoroacetato operata dall'effetto induttivo esercitato dai tre atomi di fluoro (gli atomi più elettronegativi della tavola periodica).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda dell'acido trifluoroacetico su IFA-GESTIS
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia