Stephen Curry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stephen Curry
Stephen Curry Shooting (cropped).jpg
Curry con i Golden State Warriors nel 2017
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188[1] cm
Peso 84[1] kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Playmaker
Squadra G.S. Warriors
Carriera
Giovanili
2002-2006Charlotte Christian School
2006-2009Davidson Wildcats
Squadre di club
2009-G.S. Warriors826 (20.064)
Nazionale
2007Stati Uniti Stati Uniti U-199 (85)
2010-Stati Uniti Stati Uniti22 (187)
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Turchia 2010
Oro Spagna 2014
Transparent.png Mondiali Under-19
Argento Serbia 2007
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 aprile 2021

Wardell Stephen Curry II, detto Steph (Akron, 14 marzo 1988), è un cestista statunitense.

I Golden State Warriors, da lui capitanati, si sono laureati per quattro volte campioni NBA battendo in tre occasioni i Cleveland Cavaliers di LeBron James e una volta i Boston Celtics. Nella stagione 2015-2016 hanno inoltre stabilito il record di vittorie nella stagione regolare (73, superando il precedente primato dei Chicago Bulls di Michael Jordan). Nella medesima stagione, è diventato il primo e finora unico giocatore nella storia a essere stato eletto all'unanimità miglior giocatore dell'anno, premio che aveva vinto anche l'anno precedente. Nel 2022 ha vinto il premio di miglior giocatore delle finali NBA (finals MVP) anche questo all'unanimità.[2][3][4][5] Per i Warriors è, inoltre, il miglior marcatore della storia.

Considerato il migliore tiratore di tutti i tempi,[2][6][7] detiene il record per il maggior numero di triple messe a segno in una stagione (402 nell'annata 2015-2016) e il secondo per triple realizzate in una singola partita (13 il 7 novembre 2016, record successivamente superato da Klay Thompson).[8][9] Il 14 dicembre 2021 diventa il giocatore con il maggior numero di triple segnate nella storia dell'NBA battendo il precedente record di 2973 tiri da 3 appartenente a Ray Allen. Il 28 dicembre 2021 nella partita contro i Denver Nuggets diventa il primo e attualmente unico giocatore nella storia dell'NBA a superare i 3000 tiri da 3 messi a segno in carriera.[10]

Nella classifica stilata da ESPN nel 2020, Curry occupa il 13º posto nella classifica dei 74 migliori giocatori NBA di sempre.[11] In occasione dei 75 anni dalla nascita della NBA, all'inizio della stagione 2021/2022 la lega ha stilato una lista dei 75 giocatori più forti di tutti i tempi, tra i quali è stato inserito anche Curry.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Curry è nato ad Akron, Ohio,[12] nel medesimo ospedale dove era nato quattro anni prima LeBron James, ma è cresciuto a Charlotte, nella Carolina del Nord,[13] dove il padre Dell giocava per gli Charlotte Hornets. Spesso lui portava Steph e il fratello minore Seth – divenuto anch'egli cestista NBA – a tirare prima dell'inizio della partita. Da bambino ha frequentato la scuola Montessori, che era stata avviata dalla madre Sonya. Dal 2001 al 2002, durante la militanza del padre nei Raptors, Curry ha vissuto a Toronto e ha frequentato il Queensway Christian College. Oltre a Seth, Curry ha una sorella, Sydel, che ha giocato a pallavolo alla Elon University.[14] Sydel, nel 2018, si è sposata con il suo compagno di squadra Damion Lee.[15][16]

Curry si è sposato il 30 luglio 2011 con Ayesha Alexander con la quale ha avuto due figlie, Riley Elizabeth, nata il 19 luglio 2012, e Ryan Carson, nata il 10 luglio 2015, e un figlio, Canon Wardell Jack, nato il 2 luglio 2018.

Curry non ha mai nascosto la sua fede cristiana.[17] Ne ha parlato apertamente durante il suo discorso alla premiazione del suo primo MVP. Dalla sua fede deriva inoltre la sua esultanza caratteristica: ogni volta che Curry realizza un canestro batte un pugno sul petto e poi indica, con l'indice, il cielo per dire che ha "un cuore per Dio" e per ricordarsi che gioca per Dio.[18] Su alcune delle sue "Curry One" c'è scritto "4:13". Esso è un riferimento alla Bibbia, più precisamente ai Filippesi 4:13, un verso in cui c'è scritto: "Tutto posso in colui che mi dà la forza".[19][20] Oltre a ciò Curry ha un tatuaggio relativo alla Prima lettera ai Corinzi 13:8 sul suo polso ("L'amore non verrà mai meno).[21] Curry è anche un investitore di Active Faith, un marchio di abbigliamento sportivo cristiano.[22]

È sponsorizzato dalla Under Armour, con la quale ha creato la sua linea di scarpe da basket e non solo.

Dopo le finali NBA 2015, Curry ha donato a Biserka Petrović, madre di Dražen, una delle maglie indossate durante le partite delle finali, che è stata aggiunta al Memorial Center di Petrović, un museo dedicato al giocatore scomparso che si trova nella capitale croata, Zagabria.[23] Durante le feste natalizie del 2015 con la sua famiglia ha consegnato generi di conforto a 400 famiglie bisognose di Oakland.[senza fonte]

Curry soffre di cheratocono, malattia che lo costringe a indossare speciali lenti a contatto.[24]

Nel 2019 è stato prodotto un documentario sulla sua vita intitolato "Stephen vs The Game", realizzato e distribuito da Facebook Watch in collaborazione con Religion of Sports.[25]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Curry è un cestista alto 1,88 m e pesa 83,9 kg.[26] Curry gioca prevalentemente da playmaker con una media di 24,3 punti, 6,5 assist, 4,6 rimbalzi e 1,7 palle rubate per partita.[27] È un fenomenale tiratore di liberi, in carriera ha una media del 90,8% che è la più alta nella storia dell'NBA.[28][29] Selezionato per otto volte nei All-NBA Team, di cui quattro nel primo quintetto, è stato inoltre nominato due volte come NBA Most Valuable Player (di cui una unanime, il primo nella storia).[30][27] Curry si è fin da subito imposto come uno dei leader dei Golden State Warriors[31][32] ed è stato molto importante per l'arrivo di Kevin Durant alla corte di Steve Kerr.[33] Curry, grazie al suo carattere, è stato uno dei motivi fondamentali per cui i Warriors sono stati in grado di schierare uno dei quintetti, se non il quintetto, migliore della storia; i cosiddetti Hampton Five.[34][35][36]

Nonostante la grande abilità nel rubare palloni Steph è stato a lungo criticato per la sua difesa[37][38]. Negli ultimi anni, anche a seguito di una maggiore esperienza, ha guadagnato grande credibilità come difensore; alcuni esperti di ESPN, come Sherwood Strauss, considerano Steph un difensore sottovalutato già dal 2015.[39]

Curry è uno scorer di livello che riesce a sfruttare la sua pericolosità da oltre l'arco per essere estremamente efficiente anche nei pressi del ferro.[40] La sua tecnica di tiro non è una delle più corrette; nonostante ciò è in grado di rilasciare il pallone in un tempo inferiore a 0,5 secondi che rende il suo rilascio uno dei più veloci dell'intera lega e uno dei più difficili da stoppare.[41][42] Proprio grazie alla sua abilità di tiro Curry ha visto darsi soprannomi come il "Baby-Faced Assassin"[43] e quello di "Chef Curry"; il primo durante l'high school mentre il secondo in NBA.[44] È un giocatore "clutch", ossia in grado di realizzare canestri decisivi per la vittoria della sua squadra.[45][46][47]

Curry è ritenuto il miglior specialista nel tiro da tre punti della storia dell'NBA: numerosi ex cestisti, tra cui Dave Bing, Steve Nash e Scottie Pippen, si sono espressi in questi termini[2][3][4]. Dello stesso avviso è Ray Allen, ex detentore del record per il maggior numero di triple messe a segno in NBA, che ha definito Curry «di un'altra categoria» rispetto a qualsiasi altro tiratore – compresi grandi specialisti come lo stesso Allen, Kyle Korver, Reggie Miller e Klay Thompson –,[48][49] per via della sua capacità di tirare con estrema efficacia non solo in uscita dai blocchi, ma anche costruendo un tiro dal palleggio, grazie a doti di ball handling da playmaker puro.[5] Attualmente Curry occupa il dodicesimo posto come percentuale nel tiro da tre in tutta la storia NBA e ha realizzato quattro delle migliori cinque stagioni per tiri da tre realizzati.[50][51][52] È inoltre il giocatore più veloce a raggiungere 2000 triple; record realizzato in 227 partite in meno di Ray Allen.[53] È anche il giocatore più veloce a realizzare 100 triple in una stagione; realizzate in 19 partite battendo il record detenuto da lui stesso di 20 partite.[54]

Curry è uno, se non il miglior, giocatore off-ball della storia; questo si può notare nella sua "gravity" esercitata sulle difese che molte volte sono costrette a raddoppiarlo anche quando non è in possesso della palla il che permette di creare superiorità per i suoi compagni.[55][56] Un esempio di ciò è dato dal dato degli isolamenti[57] presi dagli Warriors con lui in campo e no: con Curry in campo il dato è di 10,8, senza sale a 15,3: ciò fa capire come, senza il 30, l'attacco rallenta di molto.

In seguito alla sua affermazione, la pallacanestro NBA è cambiata significativamente anche a causa del suo stile di gioco; il numero di tiri da dietro l'arco tentati dalle squadre, infatti, è aumentato considerevolmente, provando come Curry si sia imposto tra i giocatori più influenti nella storia della lega.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

High school[modifica | modifica wikitesto]

Curry ha frequentato dal 2003 al 2006 la Charlotte Christian School a Charlotte, Carolina del Nord, ed è il miglior marcatore di tutti i tempi della scuola, con oltre 1.700 punti.[58] Ha frequentato la scuola media al Queensway Christian College in Etobicoke, Ontario, Canada, portando la sua squadra a una stagione imbattuta. Ha finito la sua stagione da senior con oltre il 48% dal campo da tre punti. Nonostante il successo, Curry era al liceo, il suo fisico non di alto livello non gli permise di ricevere alcuna borsa di studio dai grandi college. Molte università dell'ACC non lo scelsero proprio per il suo fisico poco sviluppato, con il quale non sarebbe riuscito a sostenere una stagione. Dal momento che il padre di Curry aveva giocato per Virginia Tech, Stephen voleva giocare per gli Hokies. Dopo aver ricevuto offerte da Davidson College, Virginia Commonwealth, Winthrop, Curry scelse Davidson College, college che non vinceva una gara del torneo NCAA da ben quarant'anni.[59] Tra l'altro il sito 247Sports.com lo aveva inserito solamente come 256º miglior prospetto nazionale del 2006.[59]

College[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima gara stagionale contro Eastern Michigan, Curry conclude la partita realizzando 15 punti ma perdendo 13 palloni. Nella gara successiva, contro Michigan, mette a referto una prestazione da 32 punti, 4 assist e 9 rimbalzi. Curry finisce la stagione primo nella Southern Conference per numero di punti, con una media di 21,5 a partita e secondo migliore realizzatore della NCAA dietro solamente a Kevin Durant. Al termine della stagione viene selezionato dalla nazionale statunitense Under-19, con la quale al campionato del mondo tiene una media di 9,4 punti, 3,8 rimbalzi, 2,2 assist in 19,4 minuti.

Nella sua seconda stagione collegiale Curry completa la sua crescita arrivando a toccare 191 cm e nuovamente termina la stagione primo nella Southern Conference per numero di punti, con una media di 25.5 punti a partita ai quale aggiunge 4,7 rimbalzi e 2,8 assist a partita, portando la sua squadra alle Final Eight del Torneo NCAA

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Golden State Warriors (2009-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni (2009-2012)[modifica | modifica wikitesto]
Curry nella stagione da rookie

Dichiaratosi eleggibile per il Draft NBA 2009, nonostante i dubbi su di lui rimangono un argomento molto discusso soprattutto a causa della sua fisicità, i Golden State Warriors decidono di spendere la loro 7ª scelta per Stephen Curry, offrendogli un contratto di 12,7 milioni di dollari in 4 anni. Esordisce nella NBA il 28 ottobre 2009, partendo in quintetto e mettendo a referto 14 punti, 7 assist, 4 palle rubate e 2 palle perse in 36 minuti di gioco. Nella stagione da Rookie giocherà 80 partite di cui 77 partendo come titolare; concluderà la stagione con: 17,5 punti, 4,5 rimbalzi, 5,9 assist e 1,9 palle rubate in 36,2 minuti. Le sue prestazioni nella seconda parte di stagione gli permettono di essere preso in considerazione per il premio di Rookie of the Year. È stato nominato come Western Conference Rookie of the Month per i mesi di gennaio, marzo e aprile, finendo come l'unico giocatore della stagione 2009-2010 a vincere il premio di Conference Rookie per tre volte.[60] È arrivato secondo nella classifica del ROTY dietro Tyreke Evans ed è stato nominato come NBA All-Rookie First Team in modo unanime diventando il primo Warrior, da Jason Richardson nel 2001-2002, a guadagnarsi la presenza nel primo team Rookie.[60] Realizzerà otto partite da 30+ punti e, nella sua classe Rookie, sarà il migliore in questa categoria; inoltre saranno il maggior numero di partite con 30+ punti realizzati da un Rookie a partire dalla stagione 2003-2004 (ossia da quando LeBron James e Carmelo Anthony realizzarono 13 e 10 partite a testa). Curry totalizzerà cinque partite da 30 punti e 10 assist pareggiando, in questa categoria, Michael Jordan rimanendo secondo solo a Oscar Robertson, primo a 25 partite. È diventato il sesto Rookie a realizzare una prestazione da 35 punti, 10 rimbalzi e 10 assist registrando, di conseguenza, la sua prima tripla doppia con una prestazione finale da 36 punti, 13 assist e 10 rimbalzi contro i Los Angeles Clippers il 10 febbraio.[61] Nel finale di stagione, nella partita disputata contro i Portland Trail Blazers il 14 aprile, Curry ottiene una prestazione da 42 punti (nuovo career-high), 9 rimbalzi e 8 assist diventando il primo Rookie, dai tempi di Oscar Robertson nel 1961, a realizzare questi numeri in almeno ogni categoria delle tre principali in una singola partita. Curry terminerà la stagione con 166 triple, il dato più alto di un Rookie nella storia dell'NBA.[60]

Curry in palleggio nel 2011

Nel 2010-2011 Curry disputa 74 partite, sempre come titolare, realizzando 18,6 punti, 3,9 rimbalzi, 5,8 assist e 1,47 rubate in 33,6 minuti.[60] La sua percentuale dalla linea della carità è stata di 93,4% (212-227 FT) realizzando un nuovo record per un Warrior in singola stagione superando il record precedente detenuto da Rick Barry realizzato nel 1977-1978 con una percentuale di 92,4%. È diventato anche il primo Warrior, da Mark Price, a guidare la lega sotto questa categoria.[60] Curry ha realizzato una partita da 20+ punti per 35 volte durante la stagione, includendo sette prestazioni da 30+ punti tra cui un season high da 39 punti con successivo career-high di 14 tiri dal campo realizzati su 20 tentati contro gli Oklahoma City Thunder il 5 dicembre. Nel febbraio del 2011, durante l'NBA All-Star Weekend, Curry riesce a vincere lo NBA Skills Challenge e realizza, nella sfida tra i Rookie e Sophmore, 13 punti, 8 assist e 6 rimbalzi in 28 minuti.[60] Nel maggio del 2011 riceve il NBA Sportsmanship Award,[62] e si sottopone a un intervento chirurgico alla caviglia destra.[63]

Nella stagione del Lock-out del 2011-2012 Curry gioca 26 partite, di cui 23 da titolare, con una media di 14,7 punti, 3,4 rimbalzi, 5,3 assist e 1,50 rubate in 28,2 minuti per partita. Salta 40 partite a causa dei vari infortuni alla caviglia destra,[60] comprese le ultime 28 partite a causa di una distorsione alla caviglia destra e successivo intervento chirurgico, eseguito il 25 aprile.[64]

Prima volta come All-Star e prima apparizione ai Playoff (2012-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'inizio della stagione NBA 2012-2013, Curry firma una estensione da 44 milioni di dollari in 4 anni con i Golden State Warriors.[65][66] Ai tempi questa scelta è stata fortemente criticata a causa dei vari problemi di Curry con gli infortuni.[67] Durante questa stagione viene coniata dai media la definizione di "Splash Brothers", per identificare la coppia di giocatori composta da Stephen Curry e Klay Thompson; il soprannome viene dato in riferimento alla loro grande abilità nel segnare da tre.[68] Nella stagione regolare 2012-2013 Curry prende parte a 78 partite, tutte giocate da titolare, realizzando i suoi personali career-high in varie categorie quali: 22,9 punti a partita (settimo in NBA), 6,9 assist, 4,0 rimbalzi e 1,62 rubate in 38,2 minuti.[60] Stabilisce inoltre un nuovo record: 272 triple messe a segno nell'arco della regular season superando il record precedente detenuto finora da Ray Allen (269 triple segnate nella stagione 2005-2006); Curry riesce in questa impresa con 53 tentativi in meno.[60]

Curry riesce a vincere il premio di miglior giocatore del mese di aprile della Western Conference con 25,4 punti, 8,1 assist, 3,9 rimbalzi e 2,13 rubate diventando il terzo Warrior a vincere il premio dopo Chris Mullin e Bernard King. Sempre nella stagione 2012-2013 Curry incrementa il proprio rendimento registrando il suo primo career high di 54 punti nella trasferta contro i New York Knicks del 27 febbraio 2013, realizzando 11 triple (al tempo uno in meno del record di Kobe Bryant e Donyell Marshall) su 13 tentativi.[69] Grazie a questi risultati diventa il primo giocatore in NBA a realizzare una prestazione da 50+ punti conditi da 10+ triple messe a segno: è la prestazione realizzativa migliore dei Golden State Warriors dal 1984, quando Purvis Short realizzò 59 punti. Il 12 aprile Curry segna 47 punti a Los Angeles diventando l'ultimo Warrior a segnare 45+ punti sia a New York sia a Los Angeles nella stessa stagione dopo Rick Barry che ci riuscì nel 1966; è il quarto Warrior a riuscire nell'impresa dopo Barry, Guy Rodgers e Wilt Chamberlain. Il 2013 è l'anno in cui fa la sua prima apparizione playoffs NBA. Prende parte a 12 incontri, tutti disputati da titolare, mantenendo medie di 23,4 punti, 8,1 assist e 3,8 rimbalzi a partita. Realizza un nuovo record di franchigia: numero di triple segnate ai playoffs (42 in 12 gare) superando il precedente primato di Jason Richardson (fermo a 29 triple). Queste 42 triple lo conducono a un totale di 314 tiri da tre segnati tra playoffs e regular season: è il primo giocatore nella storia dell'NBA a superarne 300 in una singola annata.[60]

Curry ad aprile 2014

Nonostante queste buone prestazioni di Stephen Curry, i Golden State Warriors non appena superato il primo turno di playoff (vinto 4-2 contro i Denver Nuggets), vengono eliminati alle semifinali di conference dai San Antonio Spurs perdendo la serie 4-2.

Nella stagione successiva (2013-2014) Curry disputa 78 partite (tutte giocate da titolare), mantenendo una media di 24,0 punti (settimo in NBA) e 8,5 assist (quinto nella lega) a partita con 4,3 rimbalzi e 1,63 palle rubate; diventa così il primo giocatore nella storia dei Warriors a tenere una media di 24 punti e 8 assist in una singola stagione (nono giocatore nella storia della NBA). Guida la lega nella categoria di triple segnate (261) per il secondo anno consecutivo; è il secondo giocatore della storia della NBA a guidare il campionato in triple per due stagioni consecutive (dopo Ray Allen che ottenne questo risultato nelle stagioni 2001-2002, 2002-2003).

Viene nominato (per il secondo anno consecutivo) miglior giocatore del mese di aprile della Western Conference riuscendo inoltre a entrare nell'All-NBA Second Team: è il secondo Warrior che entra nel primo o nel secondo quintetto All-NBA dal 1993-1994.[60] Il 7 dicembre, nell'incontro con i Memphis Grizzlies, Curry diventa leader di franchigia per triple segnate superando Jason Richardson (fermatosi a 700).[70] Nel mese di febbraio Stephen Curry prende parte all'NBA All-Star Game (nessun giocatore dei Warriors dopo Latrell Sprewell nel 1995 ha preso parte all'evento). Il 13 aprile contro i Portland Trail Blazers Curry mette a referto il suo season-high da 47 punti: è la sua terza partita da 40 punti nella stagione in corso. Termina la stagione regolare al secondo posto nella classifica NBA per triple doppie realizzate (4), il massimo in una sola stagione per un Warrior da Wilt Chamberlain che ne totalizzò cinque nella stagione 1963-1964.[60] Concludendo la regular season con un totale di 51 vittorie e 31 sconfitte, i Golden State Warriors si piazzano sesti nella classifica della Western Conference e accedono per il secondo anno consecutivo ai playoffs NBA. Questa volta però vengono subito eliminati al primo turno dai Los Angeles Clippers che vincono la serie 4-3.[71]

L'anello NBA e il primo titolo di MVP (2014-2015)[modifica | modifica wikitesto]
Barack Obama riceve i Golden State Warriors alla Casa Bianca, dopo la vittoria del titolo NBA

Alla fine della stagione precedente la dirigenza dei Warriors ha licenziato Mark Jackson e ingaggiato Steve Kerr come nuovo head coach.[72] Kerr ha portato varie modifiche al game plan Warriors; in particolare la squadra ha velocizzato di molto il proprio ritmo e ha dato a Curry la possibilità di prendersi tiri sempre più complessi; queste modifiche faranno diventare GSW una contender seria per il titolo finale.[73] Nel corso della stagione 2014-2015 Curry stabilisce un altro record: il 7 gennaio 2015, nella vittoria sugli Indiana Pacers, realizza la millesima tripla in carriera, impiegando 369 partite per riuscirvi, 88 In meno del precedente detentore del record, Dennis Scott (457).[74][75] Il 4 febbraio 2015 segna 51 punti in occasione del successo per 128-114 contro i Dallas Mavericks.[76] Per la prima volta ottiene la maggioranza dei voti nelle nomination per i quintetti dei Team East e West dell'All Star Game 2015, spodestando LeBron James. Il 14 febbraio 2015 vince la gara dei tiri da tre punti dell'NBA All-Star Weekend,[77] totalizzando 27 punti, record della manifestazione. Il 9 aprile, nella vittoria sui Portland Trail Blazers (ottenuta grazie ai suoi 45 punti), supera il record di 272 tiri da tre punti realizzati in una singola stagione che a lui stesso apparteneva, concludendo la stagione con un totale di 286.[78] Al termine della stagione, dopo aver guidato i suoi Warriors a un record di 67-15 (migliore della lega), riceve il premio di MVP con medie, all'apparenza, contenute; il dato in questione è influenzato dal fatto che Curry restò per ben 17 volte in panchina nel quarto quarto al seguito del grande vantaggio accumulato dai Warriors contro i loro avversari.[79][80]

Curry mentre sta per passare la palla marcato da John Wall e Nene

I Golden State Warriors raggiungono le NBA finals dopo aver battuto i New Orleans Pelicans (contro i quali Stephen Curry guida in gara-3 la rimonta della squadra che era sotto di 20 punti),[81] i Memphis Grizzlies e gli Houston Rockets. Curry diventa il primo giocatore ad aver realizzato nei Playoffs 6 triple e 6 rubate nella stessa partita (gara 5 contro i Memphis Grizzlies).[82] In gara 6 realizzerà poi il suo career high di 8 triple.[83] In gara 3 delle Western Conference Finals contro gli Houston Rockets stabilisce il nuovo record di triple realizzate in una singola run ai playoff NBA superando il record che apparteneva a Reggie Miller, portandolo a 98.[84] Nelle Finals i Warriors affrontano i Cleveland Cavaliers in una serie in cui, inizialmente, Curry faticherà molto specialmente in gara 2.[85] Sarà in gara 5 che Curry si redime realizzando una prestazione da 37 punti e nella gara successiva conduce alla vittoria i Golden State Warriors che vincono il titolo dopo 40 anni di assenza.[86][87] Curry chiude le finali con 26 punti e 6,3 assist di media.[86] Questo non gli garantisce però la vittoria del premio di MVP delle Finals che invece viene consegnato al compagno di squadra Andre Iguodala.


La storica stagione da MVP unanime, senza tuttavia vincere il titolo NBA (2015-2016)[modifica | modifica wikitesto]

Stephen Curry inizia la stagione diventando il primo giocatore, dai tempi di Michael Jordan, a realizzare 118 punti nelle prime tre partite, inclusa una prestazione da 53 punti contro i New Orleans Pelicans.[88][89] Sempre all'inizio della regular season Curry scavalca suo padre Dell con 1.245 triple, posizionandosi al 42º posto nella classifica dei migliori tiratori da tre di tutti i tempi. I Warriors iniziano la stagione con un 24-0 (miglior partenza nella storia della NBA), inclusa una vittoria contro i Los Angeles Clippers in cui la squadra di Oakland inseguiva da meno 23 nel secondo quarto. Contando anche le 4 vittorie della passata regular season, la striscia di vittorie è di ben 28 partite, seconda solo alle 33 dei Los Angeles Lakers 1971-1972.[90] La serie terminerà contro i Milwaukee Bucks. Curry il 28 dicembre gioca, per la prima volta, contro suo fratello Seth Curry, partita in cui realizza la sesta triple doppia in carriera.[91] Diventa il primo cestista a realizzare, per quattro anni consecutivi, 200 triple in una stagione regolare.[92] Il 3 febbraio realizza 11 triple (di cui sette nel primo quarto) segnando in totale 51 punti (inclusi 36 punti nel primo tempo, altro record della sua carriera) che conducono i Warriors alla vittoria contro i Washington Wizards per 134-121. I suoi 51 punti gli permettono di eguagliare Gilbert Arenas e Michael Jordan per il record al Verizon Center.[93]

Con 48 vittorie e 4 sole sconfitte, i Warriors entrano nell'All-Star break con il miglior record in 52 partite nella storia della NBA, superando i precedenti Chicago Bulls del 1995–96 e Philadelphia 76ers del 1966–67.[94] Curry prende parte per la terza volta consecutiva in carriera all'All-Star Game; inoltre partecipa al Three-Point Contest, ma perde all'ultimo round contro il compagno di squadra Klay Thompson.

Curry in fase di gioco nel 2016

Il 25 febbraio, Curry realizza 10 triple e 51 punti totali, portando così i Warriors alla vittoria contro gli Orlando Magic per 130-114. In seguito a questa prestazione, Curry diventa il terzo giocatore della storia dell'NBA a realizzare 50 punti per tre o più volte nella stessa stagione dopo LeBron James e Dwyane Wade che raggiunsero questo risultato durante la stagione 2008-2009. Inoltre Curry supera il precedente record di Kyle Korver di partite consecutive con almeno una tripla messa a segno portandolo a 128.[95] Con un solo tiro libero realizzato, Curry stabilisce un record per il minor numero di tiri liberi messi a segno in una partita da 50+ punti.[96] Due giorni dopo, i Warriors sconfiggono gli Oklahoma City Thunder ai tempi supplementari grazie a una tripla di Curry a 0,6 secondi dalla fine; Curry conclude la partita con una prestazione da 46 punti stabilendo il record di triple segnate durante una partita di stagione regolare (12).[97] Inoltre supera il suo precedente record di triple messe a segno in una stagione regolare, portandolo momentaneamente a 288. Il 7 marzo, nella vittoria sugli Orlando Magic, Curry segna 41 punti diventando il primo giocatore nella storia della NBA a realizzare 300 triple in regular season. Nella stessa partita, i Warriors ottengono un nuovo record NBA, ossia quello di 45 vittorie casalinghe consecutive.[98] L'1 aprile Curry non realizza la tripla per pareggiare la partita contro i Boston Celtics a 5,3 secondi dalla fine. A seguito di ciò i Warriors subiscono la prima sconfitta all'Oracle Arena dal 27 gennaio 2015, bloccando così il record NBA di vittorie consecutive in casa a 54. Il 7 aprile Curry segna 27 punti nella vittoria dei Warriors sui San Antonio Spurs; dopo questo ennesimo successo, i Golden State Warriors diventano ufficialmente la seconda squadra nella storia della NBA a vincere 70 partite in una stagione.[99] Tre giorni dopo, nel rematch contro gli Spurs, Stephen Curry segna 37 punti e conduce la squadra alla vittoria per 92-86, interrompendo l'imbattibilità casalinga di San Antonio che durava da molto tempo.[100] Nella stessa partita Curry raggiunge i 10.000 punti e le 1400 triple in carriera, diventando il giocatore più giovane e veloce della storia a riuscirci. Il 13 aprile 2016, i Golden State Warriors, disputano l'ultimo incontro di stagione regolare contro i Memphis Grizzlies. La partita viene vinta dai Warriors per 125-104; questo risultato permette alla squadra di Oakland di superare il precedente record di vittorie in regular season (pari a 72-10 detenuto dai Chicago Bulls del 1995–96 di Michael Jordan) portandolo così a 73-9.[101] A fine partita Stephen Curry totalizza 46 punti e 10 triple portando il suo record di tiri da tre messi a segno durante la stagione regolare a 402 (primo giocatore nella storia della NBA a superare quota 400 triple).[8][9]

Alla fine della stagione regolare, Curry diventa il settimo giocatore nella storia della NBA che entra a far parte del club dei 50–40–90 con un 50,4% dal campo, un 45,4% oltre l'arco e il 90,8% al tiro libero. Miglior marcatore della stagione con 30,1 punti a partita, registra la media di punteggio più alta per un giocatore presente nel club del 50-40-90,[96][102] oltre che risultare il miglior marcatore della stagione (con 2375 punti realizzati). Grazie a tutti questi successi (sia personali che di squadra), Stephen Curry viene nominato MVP per la prima volta nella storia NBA all'unanimità; diventa anche l'undicesimo giocatore della storia a vincere il premio di MVP in stagioni consecutive e la prima guardia a farlo dai tempi di Steve Nash (che riuscì nell'impresa nel 2004-2005 e nel 2005-2006).[103]

Con il miglior record della lega per la seconda stagione consecutiva, i Golden State Warriors raggiungono i playoffs. Al primo turno sfidano gli Houston Rockets di James Harden. Durante la serie Curry subisce due infortuni (in gara 1 e in gara 4) al legamento collaterale mediale.[104][105][106] [107] Nonostante l'assenza del loro leader, i Golden State Warriors riescono a superare in scioltezza i Rockets chiudendo la serie 4-1. I Warriors approdano così alle semifinali di conference dove incontrano i Portland Trail Blazers di Damian Lillard. L'infortunio costringe Stephen Curry a saltare le prime tre gare. Riesce a tornare in campo per gara 4, mettendo a referto 40 punti di cui 17 nel solo overtime, prestazione record per un supplementare di qualsiasi partita NBA (stagione regolare e playoff inclusi).[108][109] Ancora una volta i Warriors chiudono la serie 4-1 raggiungendo così la finale di conference dove sfideranno gli Oklahoma City Thunder di Kevin Durant e Russell Westbrook. Questa volta però la serie risulta essere più complicata del previsto e nelle prime quattro gare i Warriors vanno sotto nella serie per 3-1. Tuttavia la squadra di Oakland riesce a ribaltare la situazione nelle ultime tre gare vincendo la serie 4-3 grazie soprattutto alle impressionanti prestazioni di Stephen Curry (31 punti sia in gara 5 che in gara 6 e 36 punti in gara 7) e del compagno di squadra Klay Thompson (41 punti e 11 triple in gara 6): diventano la terza squadra nella storia delle finali di confecence a ribaltare uno svantaggio di 3-1.[110] I Warriors approdano cosi alle NBA Finals per il secondo anno consecutivo dove incontrano nuovamente i Cleveland Cavaliers di Lebron James e Kyrie Irving. I Warriors cominciano positivamente la serie sfruttando il fattore campo e vincono le prime due gare disputate all'Oracle Arena portandosi sul 2-0 grazie anche ad una ottima prestazione di Draymond Green in gara 2, autore di 28 punti. La serie a questo punto si trasferisce in Ohio. Gara 3 se l'aggiudicano i Cavaliers con un netto 120-90, ma Stephen Curry si rimette in proprio nella gara successiva con 38 punti a referto; la serie ritorna nella Bay Area sul 3-1 per i Warriors. Gara 5 non viene sfruttata dalla squadra di casa (complice l'assenza di Draymond Green poichè squalificato) e i Cavaliers vincono 97-112 con una prestazione maiuscola di James e Irving (che mettono a referto 41 punti ciascuno). In gara 6 Lebron James riesce nell'impresa di ripetere la stessa prestazione della partita precendente (nuovamente 41 punti a fine partita conditi da 11 assist) garantendo ai Cavaliers di pareggiare la serie sul 3-3 e di decidere tutto in gara 7 all'Oracle Arena. Gara 7 (disputatasi il 19 giugno 2016) risulta essere molto equilibrata; dopo una serie di colpi di scena, la partita raggiunge la parità sull'89-89; a 53 secondi dalla fine dell'ultimo quarto, Kyrie Irving piazza una tripla che porta i Cavaliers in vantaggio sull'89-92. I Warriors non riescono a ricucire lo strappo e ne approfitta Lebron James segnando un'1/2 ai tiri liberi. La partita termina 89-93 per i Cleveland Cavaliers che ribaltano la serie e il pronostico vincendo 4-3 (i Warriors diventano la prima squadra nella storia delle NBA Finals a perdere un vantaggio di 3-1 nella serie): i Cavaliers si laureano campioni NBA per la prima volta nella loro storia. Avendo messo a segno in gara 7 una tripla doppia (27 punti, 11 rimbalzi e 11 assist) Lebron James viene nominato MVP delle Finals.[111] Nonostante la sconfitta Curry supera il record di triple messe a segno alle NBA Finals (precedentemente detenuto da Danny Green con 27 triple) portandolo a 28.[112]

L'arrivo di Durant e gli altri due anelli NBA (2016-2018)[modifica | modifica wikitesto]
Stephen Curry in riscaldamento con Kevin Durant

Durante l'estate 2016 i Golden State Warriors ingaggiano la superstar degli Oklahoma City Thunder Kevin Durant come free agent.[113]Ingaggio reso possibile grazie all'incontro verificatosi tra Durant e i 4 giocatori più importanti dei Dubs tra cui c'era anche Curry che avrà il ruolo più importante in questa scelta di KD[114].

All'inizio della regular season 2016-17, Curry diventa, il 28 ottobre 2016, il diciannovesimo giocatore e il più veloce tra questi a raggiungere le 1600 triple. [115]Successivamente vedrà la fine del sui record di partite consecutive con almeno una tripla messa a segno (157), totalizzando uno 0 su 10 dall'arco nella sconfitta esterna contro i Los Angeles Lakers per 97-117 (4 novembre 2016). Trova comunque il modo di riscattarsi nella partita successiva, disputata il 7 novembre, in cui non solo aiuta i Warriors a battere i New Orleans Pelicans per 116-106, ma mette anche a referto 13 triple su 17 tentativi (nuovo record NBA).[116] Il 30 dicembre Curry supererà Purvis Short diventando il settimo scorer all-time dei Warriors per poi, il 6 gennaio, diventare il settimo giocatore dei Warriors a segnare 12000 punti con la loro casacca.

Il 19 gennaio riceve la convocazione per il quarto anno consecutivo all'All Star Game; inoltre sempre in gennaio, grazie alle sue prestazioni, viene nominato giocatore del mese insieme al compagno di squadra Kevin Durant.

Il 2 febbraio, nella vittoria esterna dei Golden State Warriors sui Los Angeles Clippers per 133-120, Curry realizza la tripla numero 200 della stagione rendendolo il primo giocatore della storia dell'NBA a raggiungere questo risultato per 5 stagioni consecutive.[117] Il 5 marzo riuscirà a entrare nella top 10 di triple realizzate nella storia dell'NBA. A fine stagione Curry totalizzerà ben 324 triple, diventando il primo della storia a superarne 300 per due stagioni e inoltre supererà le 1900 triple in carriera, portandosi a 1917. I suoi risultati conducono i Warriors ad un record di 67-15, migliore di tutta la lega per il terzo anno consecutivo.

Ai play-off i Golden State Warriors incontrano al primo turno i Portland Trail Blazers di Damian Lillard: i Warriors vincono la serie 4-0 grazie anche a Curry che mette a referto 37 punti in gara 4. Durante il secondo turno, i Warriors incontrano gli Utah Jazz. La serie si rivela una fotocopia del primo turno: 4-0 Golden State e arrivo all'NBA Conference Finals con un record di 8-0 nei playoff. Alle finali di conference i Warriors incontrano i San Antonio Spurs. In gara 1 Curry mette a referto 40 punti, aiutando la propria squadra a recuperare 25 punti di svantaggio e vincere la partita. Anche in questa occasione i Warriors vincono la serie 4-0 dopo l'infortunio subito da Kawhi Leonard, leader degli Spurs. Importante è ricordare che, nella vittoria in Gara 3 per 120 a 108, Curry realizzerà 21 punti diventando il miglior scorer dei GSW nei playoff superando il leggendario Rick Barry.

Curry e i Warriors raggiungono così le NBA Finals per il terzo anno consecutivo contro i Cleveland Cavaliers di LeBron James con un record perfetto di 12-0. Durante gara 2, Curry realizza la prima tripla doppia in carriera registrata alle Finals, trascinando i Warriors alla vittoria per 132-113 e portando la serie sul 2-0.[118] Golden State vince anche gara 3 alimentando il proprio record di vittorie nei playoff, che diventa 15-0. I Warriors perdono gara 4, ma successivamente si aggiudicano gara 5 per 129-120 davanti ai propri tifosi grazie ad una gran prestazione sia di Curry (34 punti) che di Durant (nominato MVP delle Finals). Chiudendo la serie 4-1, Curry porta a casa il suo secondo anello NBA in carriera. Inoltre, avendo segnato almeno una tripla in tutti i 17 incontri dei playoff, alimenta il proprio record (nonché record NBA), portandolo a 75 partite consecutive con almeno una tripla messa a segno.

Il 1º luglio 2017 Curry rinnova con i Warriors a 201 milioni di dollari per 5 anni, diventando il giocatore con l'ingaggio più alto della lega, nonché il primo di sempre a firmare un contratto da 200 milioni.[119][120]

Il 1º dicembre, ha segnato 23 punti e ha superato Jason Kidd diventando l'ttavo realizzatore da tre punti nella storia dell'NBA. Il 4 dicembre, in una vittoria per 125-115 sui New Orleans Pelicans, Curry realizzò 5 triple per diventare il giocatore NBA più veloce a raggiungere il traguardo dei 2.000 canestri da tre punti in carriera, raggiungendo queltraguardo in sole 597 partite, 227 in meno del precedente giocatore più veloce a raggiungere quel punteggio, Ray Allen.[53] In quella stessa partita Curry si infortunò alla caviglia destra e saltò 11 partite, ritornando il 30 dicembre e segnando 38 punti con un massimo stagionale di 10 da tre punti in una vittoria 141-128 sui Memphis Grizzlies.[121][122] Curry realizzò 13 canestri dal campo su 17 tiri tentati con 10 triple su 13 in 26 minuti per la sua nona partita da 30 punti della stagione realizzando, inoltre, la sua nona partita in carriera con 10 o più triple, il massimo da qualsiasi giocatore nella storia della NBA.[123]

Il 25 gennaio realizzò 25 punti nella vittoria per 126-113 sui Minnesota Timberwolves diventando il quinto giocatore nella storia dei Warriors a segnare 14.000 punti, terminando la partita con 14.023 e unendosi a Wilt Chamberlain, Rick Barry, Paul Arizin e Chris Mullin nella lista della franchigia. Il 2 marzo, in una vittoria per 114-109 sugli Atlanta Hawks, Curry realizzò il suo 200° canestro da tre punti della stagione, diventando il primo giocatore nella storia della NBA con almeno 200 da tre in sei stagioni, avendo raggiunto il traguardo in ogni stagione dal 2012-13.[124] Quattro giorni dopo, in una vittoria per 114-101 sui Nets, Curry divenne il settimo giocatore nella storia dei Warriors a realizzare 5.000 canestri dal campo in carriera, unendosi a Chamberlain, Barry, Mullin, Arizin, Jeff Mullins e Nate Thurmond.[125]

Il 23 Marzo, contro gli Hawks, Curry ha subito una distorsione del legamento collaterale mediale di grado 2 (MCL) al ginocchio sinistro e, di conseguenza, saltò quasi sei settimane tornando in azione in Gara 2 della serie di playoff del secondo turno dei Warriors contro i Pelicans.[126] Uscendo dalla panchina realizzò 28 punti conducendo i Dubs alla vittoria per 121-116.[127] In gara 3 delle finali della Western Conference Curry realizzò 35 punti con 5 da tre in una vittoria per 126-85 sugli Houston Rockets. La vittoria di 41 punti è stata la più grande nella storia della franchigia durante la postseason.[128] In gara 6 Curry realizzò 29 punti con 5 da tre punti, mentre i Warriors hanno recuperato da un deficit iniziale di 17 punti per evitare l'eliminazione con una vittoria 115-86 sui Rockets. [129]In gara 7 Curry ha registrato 27 punti, 10 assist e 9 rimbalzi permettendo ai Warriors di andare alla quarta finali NBA consecutiva battendo i Rockets 101-92.[130]

Alle finale i GSW incontreranno, per il quarto anno consecutivo, i Cleveland Cavaliers di LeBron James orfani di Kyrie Irving scambiato ai Celtics. In gara due Curry realizerrà 9 triple segnando, complessivamente, 33 punti in una vittoria dei Dubs per 122-103.[131] In gara 4 Curry realizzerà 37 punti, miglior realizzatore dei GSW, aiutando la sua squadra a vincere il loro secondo titolo consecutivo con uno sweep ai danni dei Cavs.[132] L'MVP delle finali è stato assegnato, per il secondo anno consecutivo, a Kevin Durant e questa decisione non venne considerata corretta. Infatti molti pensarono che il premio spettasse al figlio di Dell. Curry risponderà alla questione affermando che:" Alla fine non permetterò al premio di FMVP di descrivere la mia carriera."[133] Dello stesso parere sarà Durant che in un intervista relativa a questo aspetto risponderà:" Does it matter? Does it?".Rohan Nadkarni di Sports Illustrated affermerà che:" La dinastia dei GSW è nata con Steph Curry. Lui, per vari motivi quali il suo incredibile talento e i suoi infortuni alle caviglie(ricordiamo che grazie ai vari problemi avuti da Steph i Dubs gli offrirono un contratto da 11 milioni annuo che permise poi l'arrivo di KD), ha messo gli Warriors nella situazione ideale per vincere tre titoli in quattro stagioni."[134]

Quinta finale NBA consecutiva (2018-2019)[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 ottobre 2018 Curry realizzò 30 punti e 6 triple in una sconfitta per 100-98 contro i Denver Nuggets superando così Paul Pierce per il sesto posto nella lista dei tre punti della carriera NBA.[135] Tre giorni dopo, ha segnato 51 punti con 11 triple in soli tre quarti in una vittoria 144-122 sui Washington Wizards segnando 31 gol nel primo tempo e ha concluso con la sua sesta partita da 50 punti in carriera e ha fatto 10 o più triple per la decima volta. Il terzo tiro da tre punti di Curry nella notte lo ha portato a superare Jamal Crawford per il quinto posto nella lista della carriera NBA.[136] Nelle prime sette partite della stagione ha realizzato almeno 5 triple in tutte e sette le partite battendo il record di George McCloud di sei partite di fila durante la stagione 1995-96.[137] I Warriors iniziarono la stagione con un record di 10-1. L'8 novembre contro i Milwaukee Bucks Curry lasciò la partita durante il terzo quarto per un infortunio all'inguine e i Warriors non furono in grado di recuperare la partita perdendo per 134-111.[138][139] Senza Curry i Warriors scesero a 12-7 e, il 21 novembre, subirono la loro prima striscia di quattro sconfitte dal marzo 2013.[140] I Warriors terminarono novembre con un record di 15-8, con l'inguine sinistro di Curry che gli fece saltare 11 partite consecutive.[141]

Nonostante i 27 punti realizzati da Curry nel suo ritorno nella formazione il 1º dicembre i Warriors furono sconfitti 111-102 dai Detroit Pistons.[142] Il 17 dicembre ha segnato 20 punti in una vittoria 110-93 sui Memphis Grizzlies diventando il quinto giocatore nella storia dei Warriors a segnare 15.000 punti durante la stagione regolare unendosi a Wilt Chamberlain, Rick Barry, Paul Arizin e Chris Mullin.[143] Il 23 dicembre ha fatto 42 punti realizzando il layup, con 0,5 secondi rimanenti, per portare i Warriors alla vittoria per 129-127 sui Los Angeles Clippers.[144] L'11 gennaio, in una vittoria per 146-109 sui Chicago Bulls, Curry realizzò 5 triple per superare Jason Terry e passare al terzo posto di tutti i tempi nella storia della NBA dietro Ray Allen e Reggie Miller.[145] Il 16 gennaio ha segnato 41 punti con 9 triple diventando il primo giocatore nella storia della NBA a realizzare otto o più triple in tre partite consecutive.[146] Il 16 marzo contro gli Oklahoma City Thunder Curry raggiunse i 16.000 punti in carriera.[147] Il 2 aprile, in una vittoria per 116-102 sui Nuggets, Curry realizzò 5 o più punti triple in nove partite consecutive e superò Mullin per il quarto posto nella lista dei punti di tutti i tempi dei Warriors.[148] Il 5 aprile ha segnato 40 punti in una vittoria 120-114 sui Cleveland Cavaliers superando così Arizin per il terzo posto nella lista dei punti di tutti i tempi dei Warriors.[149]

L'annata 2018-2019 si concluse, per i GSW, con il miglior piazzamento nella Western Conference, con un complessivo di 57 vittorie e 25 sconfitte, con conseguente approdo ai playoff. Al primo turno i Warriors incontrano i Los Angeles Clippers; in gara 1 Stephen Curry supera Ray Allen per triple segnate nel corso dei playoffs.[150] Realizzerà, inoltre, la sua miglior prestazione per rimbalzi presi in postseason(15). La serie viene vinta dai Warriors 4-2 che raggiungono così le semifinali di conference dove sfidano gli Houston Rockets; anche in questo caso la serie viene vinta dalla squadra di Oakland per 4-2. Da ricordare è la sua prestazione in gara 6 in cui realizzerà 33 punti nonostante arrivò all'intervallo con zero punti realizzati.[151] Le finali di conference risultano una passeggiata per Golden State che si imponsero per 4-0 sui Portland Trail Blazers. In questo caso Curry, in gara uno, pareggerà il suo record di nove triple in una partita di Playoff e finirà la serie con una media punti di 36,5; la più alta nella sua carriera e la media più alta per un giocatore in una serie conclusasi in quattro partite.[152][153] Curry diventerà inoltre il sesto giocatore nella storia NBA a realizzare 35 punti o più nelle prime quattro gare di una serie aggiungendosi al gruppo composto da: Elgin Baylor, LeBron James(realizzato due volte), Michael Jordan(due volte), Bernard King e Jerry West.[154] In gara quattro lui e Draymond Green diventeranno i primi compagni a realizzare una triple doppia a testa nella stessa gara di playoff.[154] I Warriors raggiunsero così le NBA Finals per il quinto anno consecutivo; quella volta però affrontarono i Toronto Raptors di Kawhi Leonard. Sfortunatamente i Golden State Warriors persero durante la serie due giocatori chiave della squadra: Kevin Durant per rottura del Tendine di Achille rimediata in gara 5 e Klay Thompson per la rottura del crociato rimediata in gara 6. Nonostante le ottime prestazioni del nativo di Akron (Ohio) i Warriors non riuscirono vincere il terzo titolo consecutivo perdendo la serie 4-2

Miglior marcatore nella storia dei Golden State Warriors (2019-2021)[modifica | modifica wikitesto]
Curry all’All-Star Game del 2022

La stagione successiva (2019-2020) vede i Golden State Warriors orfani di Kevin Durant, accasatosi ai Brooklyn Nets, ma anche di Klay Thompson, il quale è costretto a saltare l'intera stagione per l'infortunio al crociato rimediato in gara 6 delle NBA Finals dell'annata precedente; inoltre l'intero roster della squadra va incontro ad un restyling con la perdita di altri pezzi grossi che finora avevano contribuito alla vittoria di ben tre titoli NBA (in particolare Andre Iguodala e Shaun Livingston). Un'altra novità per i Golden State Warriors è il cambio di sede della società: dopo aver giocato parecchi anni ad Oakland all'Oracle Arena, si trasferiscono a San Francisco per giocare nel nuovo impianto, il Chase Center; la prima partita nella nuova arena viene disputata il 24 ottobre 2019 contro i Los Angeles Clippers: i Warriors perdono per 122-141. Durante la stagione, Stephen Curry gioca solo quattro partite prima di subire la rottura della mano sinistra nella gara del 30 ottobre contro i Phoenix Suns, dopo che Aron Baynes, in uno scontro di gioco, gli cade sulla mano mentre cerca di subire uno sfondamento. Tra l'infortunio e la successiva operazione per aggiustare il secondo metacarpo si è previsto un allontanamento dal parquet fino a marzo 2020.[155] Il rientro slitta e la guardia di Akron viene aggregata ai Santa Cruz Warriors per poter riprendere la forma fisica.[156] Stephen Curry aggiunge così un altro "primato" alla lista di record personali: diventa il giocatore più titolato della storia NBA a prendere parte a un allenamento completo di G-League.[157] Il 5 marzo 2020 Curry torna in campo per partecipare alla partita dei Warriors contro i Toronto Raptors (attuali campioni in carica); Golden State viene sconfitta 113-121 e Curry registra una prestazione da 23 punti, 6 rimbalzi e 7 assist.[158] Poichè non prende parte alle due partite successive, questa rimane la sua ultima apparizione prima che la stagione NBA venisse sospesa a causa della pandemia di COVID-19.[159] La regular season riprende solo durante l'estate e le squadre giocano tutte le restanti partite (playoffs e NBA Finals incluse) nella cosiddetta "Bolla di Orlando", in modo da impedire ulteriori spostamenti negli Stati Uniti evitando così il diffondersi di un eventuale contagio. I Warriors, ormai orfani sia di Klay Thompson sia di Stephen Curry, non riescono a raggiungere i playoffs (dopo sette anni consecutivi) concludento la stagione regolare con il peggior record sia della Western Conference sia di tutta la lega (solo 15 vittorie e 50 sconfitte).[160]

Stephen Curry torna in campo durante la stagione successiva (2020-2021). Il 27 dicembre 2020, Curry ha messo a segno 36 punti in una vittoria 129-128 sui Chicago Bulls. Con questa partita si unì a Ray Allen e Reggie Miller come gli unici giocatori ad aver segnato più di 2.500 punti da tre in carriera nella storia della NBA.[161][162] Il 3 gennaio 2021, nella vittoria per 137-122 sui Portland Trail Blazers, segna il suo massimo in carriera di 62 punti, conditi da 4 assist e 5 rimbalzi. Il 4 gennaio verrà nominato come Western Conference Player of the Week. Il 24 gennaio 2021, nella partita persa per 127-108 contro gli Utah Jazz, Curry raggiunge quota 2.562 tiri da tre segnati, superando Reggie Miller e attestandosi come secondo miglior tiratore da tre punti nella storia della NBA.[163] Parteciperà all'All Star Game vincendo, per la seconda volta, la gara del tiro da tre punti battendo Mike Conley con l'ultimo tiro portando il risultato sul 28-27 per Steph.[164] Il 15 marzo, contro i Los Angeles Lakers, diventa il miglior assist man dei GSW superando Guy Rodgers.[165]

Il 12 Aprile 2021 segna 53 punti nella vittoria casalinga contro i Denver Nuggets, grazie ai quali diventa il miglior marcatore nella storia dei Golden State Warriors, superando Wilt Chamberlain. Si aggiungono altri primati durante questa stagione. Curry riuscì a realizzare 30 o più punti per undici gare consecutive superando il record del compianto Kobe Bryant(record per i giocatori con 33 o più anni) e, inoltre, in quello span di partite riuscì a realizzare 78 triple, il numero più alto nella storia della NBA per uno span di 11 partite.[166] Tutto ciò ha contribuito ad aumentare la narrativa che vedeva Curry come possibile MVP a fine anno. Venne nominato come Western Conference Player of the Month per il mese di aprile dopo aver mantenuto una media realizzativa di 37,3 punti(il giocatore più vecchio ad avere una media superiore a 35 punti in un mese) con il 51,8% dal campo e realizzando 30 o più punti in 13 delle 15 partite. Divenne il primo giocatore NBA ad avere una media di 35 punti con il 50-40-90 in un mese di calendario. Riuscì inoltre a realizzare 96 triple in un mese, un altro record che permise a Curry di superare quello precedente di James Harden(realizzato nel mese di Novembre del 2019, il record era di 82 triple). In quello span di partite Curry convertì le triple tentate con un 46,6% includendo quattro partite da 10 o più triple.[167] Curry chiude la stagione vincendo per la seconda volta in carriera il premio di miglior marcatore della lega, con 32,0 punti di media, (massima media punti in carriera) secondo solo a Michael Jordan come giocatore più anziano di sempre a riuscirci. Inoltre diventa uno dei quattro giocatori nella storia dell'NBA (insieme a Michael Jordan, Kareem Abdul-Jabbar e Wilt Chamberlain) ad aver vinto almeno due titoli NBA, due MVP della regular season e due Scoring Champ. Nonostante Curry riesca a raggiungere questi traguardi personali, i Golden State Warriors arrivano solo ottavi nella Western Conference (39 vittorie e 33 sconfitte); questo risultato permette loro di partecipare ai play-in per un posto ai playoffs NBA 2021. Ma avendo perso entrambi i match decisivi (contro i Los Angeles Lakers e i Memphis Grizzlies), non approdano ai playoff per il secondo anno consecutivo.

Miglior marcatore da tre punti di sempre e il quarto anello (2021-2022)[modifica | modifica wikitesto]

La stagione di Stephen Curry inizia il 19 ottobre contro i Los Angeles Lakers; Curry chiude la partita con 21 punti, 10 rimbalzi e altrettanti assist registrando la sua ottava tripla doppia in carriera.[168] Il 9 novembre realizza 9 triple concludendo la partita con 50 punti complessivi aggiunti a 10 assist (prestazione realizzata nella vittoria per 127-113 contro gli Atlanta Hawks).[169] Sarà la prima partita, per il nativo di Akron, con 50 punti e 10 assist all'attivo. Il 12 novembre Stephen Curry diventa il miglior realizzatore di triple nella storia dell'NBA (considerate sia la Regular Season che i Playoff) sorpassando Ray Allen. Il 14 dicembre 2021, al Madison Square Garden contro i New York Knicks, supera nuovamente Ray Allen realizzando la sua 2974esima tripla e diventando, di conseguenza, il leader All-time (questa volta considerando solo la stagione regolare).[170]Il 28 dicembre 2021 diventa il primo giocatore nella storia dell'NBA a superare le 3000 triple realizzate in carriera.[10] Il 21 gennaio 2022 Curry segna il suo primo canestro al buzzer-beater che consente ai Warriors di vincere la partita per 105-103 contro gli Houston Rockets.[171] Sempre contro la squadra texana, il 31 gennaio, Curry segna 21 punti nel solo quarto quarto: è il numero massimo di punti realizzati da Curry in un quarto.[172]

Durante l'NBA All-Star Game disputato il 20 febbraio 2022, Curry segna 50 punti stabilendo una serie di record per triple messe a segno: in un quarto (6), in un tempo (8) e nell'intera partita (16); per questo, viene nominato MVP dell'All Star Game.[173][174] L'11 marzo, a seguito dei 34 punti realizzati contro i Denver Nuggets, diventa il 49º giocatore a raggiungere i 20000 punti nella storia dell'NBA.[175] Il 16 marzo Curry, a seguito di un contatto con Marcus Smart, subirà una distorsione al legamento del piede sinistro che lo terrà fuori per il resto della regular season.[176][177] I Golden State Warriors chiudono la regular season al terzo posto ad ovest, con un record di 53-29. Al primo turno dei playoff incontrano i Denver Nuggets; Curry non parte come titolare.[178] La squadra di San Francisco vince la serie per 4-1. Alle semifinali di conference fronteggiano i Memphis Grizzlies di Ja Morant. Il 9 maggio, in gara 4, Curry diventa il primo giocatore a realizzare 500 triple nella storia dei Playoff.[179] Nonostante alcune difficoltà, i Golden State Warriors portano a casa la serie vincendo per 4-2. Giunti alle finali di conference, Curry e i suoi incontrano i Dallas Mavericks di Luka Dončić. Grazie a Curry (che mantiene una media di 23,8 punti 6,6 rimbalzi e 7,4 assist) e ad una prestazione corale della squadra, i Warriors vincono la serie in cinque gare (4-1). Curry diventa il primo giocatore della storia dell'NBA ad essere nominato come NBA Western Conference Finals MVP.[180] I Golden State Warriors approdano così alle NBA Finals per la sesta volta negli ultimi otto anni; questa volta sfidano i Boston Celtics di Jayson Tatum. Il 10 giugno, durante gara 4, Curry realizza una prestazione fenomenale da 43 punti, 10 rimbalzi e 4 assist che permette ai Warriors di vincere la partita per 107-97 pareggiando la serie sul 2-2. Diventa il primo giocatore a realizzare 5 o più triple in quattro partite consecutive nelle NBA finals. Curry, a 34 anni e 88 giorni, diviene il secondo giocatore più vecchio, dopo LeBron James, a fornire una prestazione da 40 punti e 10 rimbalzi alle Finals.[181] In gara 5 Curry supera John Havlicek diventando il decimo giocatore per assist All-Time nella storia delle Finals[182] nonostante, per la prima volta dal 2018, non metta a segno neanche un tiro da tre punti in tutta la partita totalizzando uno 0/9 dall'arco, ponendo così fine alle 233 partite (tra playoff e regular season) consecutive con almeno una tripla messa a segno. In gara 6 Curry mette a referto 34 punti conditi da 7 rimbalzi e altrettanti assist permettendo così alla sua squadra di vincere sia la partita per 103-90 che la serie contro i Celtics per 4-2. Mantenendo una media di 31,2 punti, 5,8 rimbalzi, 5,0 assist e 2,0 palle rubate a partita, Stephen Curry viene nominato MVP delle Finals in modo unanime.[183] A fine stagione Curry diventa il settimo giocatore ad aver vinto 4 titoli NBA e 2 MVP della regular season[184]; il decimo giocatore con più di 200 assist registrati alle NBA finals[185], il primo giocatore con 150 triple realizzate alle Finals[186], il nono giocatore per palle rubate alle Finals[187], l'undicesimo giocatore della storia ad essere nominato MVP della regular season, delle finali NBA e dell'All Star Game.[188]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Curry nel 2014

La prima esperienza di Curry con la nazionale degli Stati Uniti è avvenuta al mondiale FIBA Under 19 del 2007, dove ha contribuito a conquistare l'argento.[189] Nel 2010 è stato selezionato con la nazionale maggiore, giocando dei minuti importanti al mondiale FIBA del 2010, dove gli Stati Uniti hanno conquistato l'oro.[189] Nel 2014 ha assunto un ruolo più importante nella squadra, aiutando la squadra a vincere il titolo di campione del mondo al mondiale in Spagna.[189] Ha preferito non prendere parte ai Giochi olimpici del 2016 per poter recuperare da alcuni infortuni al ginocchio e alla caviglia.[189][190]

Eredità cestistica[modifica | modifica wikitesto]

Curry è ampiamente considerato il più grande tiratore nella storia della NBA.[191][192][193] È considerato come il responsabile della rivoluzione avuta dal gioco del basket in questi anni. Infatti ha ispirato le squadre, dal liceo alla NBA, a utilizzare regolarmente il tiro da tre punti.[194][195][196] Gli analisti si sono riferiti a lui come "il Michael Jordan dell'era dei tre punti", affermando che ha fatto per il tiro da tre punti quello che Jordan ha fatto per lo slam dunk.[197][198][199] Robert O'Connell del Guardian cita la partita di Curry del 27 febbraio 2013, contro i New York Knicks, in cui ha realizzato 11 dei 13 tiri da dietro l'arco in rotta per una prestazione da 54 punti come l'inizio dell'era dei tre punti.[200] L'era è stata definita "The Steph Effect" o "la rivoluzione dei tre punti della NBA".[196][201]

Prima di Curry tirare da dietro la linea dei tre punti era un qualcosa di molto raro, un modo occasionale di segnare.[193] [202]I giocatori di catch and shoot esistevano ma, il successo di Curry, ha ispirato la lega ad abbandonare il gioco fisico intorno al canestro e ad abbracciare un ritmo, uno spazio e uno stile di tiro da tre punti.[202] L'aumento del tiro da tre punti è in parte dovuto alle squadre NBA che iniziarono ad aumentare di molto i loro tentativi per cercare di sconfiggere i Warriors o, comunque, per copiare lo stile di gioco dei Warriors e, soprattutto, per i giovani che hanno iniziato a imitare i tiri di Curry.[200][196]Anche se questo ha portato i giocatori a diventare buoni tiratori o comunque a migliorare il loro tiro da tre ha inevitabilmente fissato standard irrealistici perché il tiro di Curry è unico.[196] Curry prende regolarmente tiri tra i 30 e i 35 piedi(9,15 e 10,67 metri).[193] Tira con il 54% in questo range mentre l'NBA realizza il 35% delle triple totali realizzate e meno del 22% tra i 30 e i 35 piedi.[193] Riesce ad eseguire i tiri con un ottimo ball-handling, dal palleggio e spesso con un rilascio estremamente rapido, da qualsiasi punto del campo e con uno o più difensori su di lui.[202] Jesse Dougherty del Washington Post ha dichiarato che "gli allenatori devono spiegare che mentre il set di abilità di Curry è qualcosa a cui aspirare bisogna ricordarsi che il suo gioco è costruito sui fondamentali" e che "mentre i Warriors sono diventati il gold standard della NBA e fanno tutte quelle giocate legate ai social media, la radice del loro successo è il movimento della palla".[196]

Kirk Goldsberry di ESPN ha affermato che "una delle chiavi della sua grandezza è il suo range di tiro" e che "Curry non è solo il miglior tiratore da 3 punti di sempre è anche il miglior tiratore da 3 punti dalla lunghissima distanza".[193] Sally Jenkins del Washington Post ha dichiarato che "si muove dietro la linea dei tre punti in un arco sempre più ampio, prendendo i tiri a lunga distanza in modo così pulito che la rete sembra scattare come un bucato fresco in una brezza" e che un punto culminante è la "pura assurdità dei suoi colpi e la velocità con cui sta affondando il più inverosimile di loro". Ha detto che "in un frangente ha tirato con il 67% in un range dai 28 ai 50 piedi".[203] L'allenatore dei Warriors Steve Kerr ha dichiarato che la coordinazione occhio-mano di Curry "è la migliore che abbia mai visto".[203]Jeff Austin di Octagon disse che Curry "ha dovuto sviluppare un'enorme forza nei polsi per tirare e mantenere quella forma da 40 e 50 piedi".[203] Goldsberry ha dichiarato che "nessun giocatore nella storia della NBA ha combinato il suo range, volume ed efficienza da fuori l'arco come Curry" e che "il jumper di Curry è così letale che è diventato il marcatore di volume più efficiente del pianeta".[193] Il suo range ed efficienza hanno spinto gli sviluppatori della serie di videogiochi NBA 2K, in cui Curry è presente, a temere che le sue abilità non potessero essere replicate nel videogame.[202]

La posizione in cui Curry si colloca come uno dei più grandi giocatori NBA è stato più volte oggetto di dibattito.[204] L'ex giocatore NBA Steve Nash, che è anche tra i tiratori più efficienti di tutti i tempi della NBA, ha detto che Curry è "già uno dei più grandi di tutti i tempi" e che la gente mette in dubbio la sua grandezza "perché non domina fisicamente il gioco. Balla. Paga una tassa per questo e per i suoi grandi compagni di squadra avuti".[204] Scottie Pippen, che ha vinto sei titoli NBA con i Chicago Bulls, ha detto che la "volontà di sacrificio" di Curry per Kevin Durant è "una delle grandi storie del NBA" perché Curry ha accolto Durant, che è anche un top player, ai Warriors senza ego. Accreditando a Curry di essere "una delle più grandi guardie che il gioco abbia mai visto", ha detto: "Se hai una mente per il gioco, sai che ci vuole sacrificio per essere grande. Tutti i grandi devono sacrificare qualcosa. Altrimenti non puoi vincere".[204] CBS Sports ha classificato Curry al numero 19 nella loro lista dei "50 più grandi giocatori NBA di tutti i tempi".[205] Sports Illustrated lo ha classificato al numero 3, dietro Durant e LeBron James, nella loro lista "Top 100 NBA Players of 2019".[206] Sports Illustrated ha dichiarato che "Curry e i Warriors sono una grande connubio tra il giocatore e il sistema" e che " l'intero ecosistema si basa sull'idea che un giocatore non ha bisogno di avere costantemente la palla per dominare una partita. Curry ha preso quella nobile idea e l'ha elevata oltre ogni ragionevole aspettativa".[206]

Nel 2020, un servizio di ESPN ha classificato Curry come il 13° più grande giocatore di basket di tutti i tempi, il secondo giocatore attivo più alto della lista. Nick Friedell di ESPN ha dichiarato: "Il più grande tiratore di tutti i tempi. La capacità di Curry di segnare da ogni parte del parquet ha cambiato il modo in cui viene giocato il basket. Ha guidato i Warriors a tre campionati NBA e ha guadagnato due premi MVP, diventando il primo MVP unanime nella storia della lega nel 2015-16. L'influenza di Curry sul gioco è vista a tutti i livelli del basket e, nel mentre, le generazioni più giovani tirano più che mai mentre cercano di replicare il suo gioco.[207] Nell'ottobre 2021, Curry è stato onorato come uno dei più grandi giocatori della lega di tutti i tempi essendo stato nominato nella squadra nba del 75° anniversario.[208]

Fuori dal campo[modifica | modifica wikitesto]

Vita extra basket[modifica | modifica wikitesto]

Curry è un grande appassionato di golf. Ha iniziato a giocarci all'età di 10 anni, ha continuato in High School e, attualmente, gioca molto spesso con il suo compagno Andre Iguodala.[209][210][211] Curry partecipa molto spesso a tornei di golf per celebrità, ha giocato anche con Barack Obama.[212][213]Per alcuni Steph ha addirittura il potenziale per essere un professionista anche nel golf.[214][215] Curry è, inoltre, un tifoso del Chelsea Football Club.[216][217]

Immagine pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Curry è uno dei giocatori più famosi e di successo dell'NBA oltre che essere una celebrità mondiale, quasi alla pari di LeBron James.[218]Proprio per questo motivo è stato considerato, come James, come la faccia dell'NBA, anche se lo stesso Curry ha più volte ribadito di non avere alcun interesse a "prendere il trono di LeBron"[219] La popolarità di Curry è attestata dal fatto che la sua canotta è stata la più venduta nel 2015-2016 e 2016-2017.[220]

Curry è considerato, da ESPN, come uno degli atleti internazionali più famosi mentre Forbes lo ha messo come una delle celebrità più pagate.[221][222] Il motivo del suo successo, secondo Kirk Goldsberry, si può ritrovare nel fatto che è un giocatore che non si discosta troppo dalla persona fisicamente nella media: non sa schiacciare e tira, come tutti possono fare.[193] Anche Owen Davis, di Sky Sports, condivide la stessa idea.[202]

Operazioni benefiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 Curry ha donato tre reti trattate con insetticidi, per ogni canestro da tre realizzato, alla United Nations Foundation's per la campagna nothing but nets, campagna proposta per combattere la malaria. Iniziò ad interessarsi della causa al college per poi, nel 2015, rilasciare un discorso di cinque minuti alla Casa Bianca nell'ambito del lancio da parte del presidente Barack Obama della sua strategia presidenziale della "President's Malaria Initiative" per il periodo 2015-2020.[223][224]

Nel 2015 Curry indossò delle scarpe con sopra il nome di "Deah Shaddy Barakat"; fu una delle vittime della sparatoria di Chapel Hill (Carolina del Nord). Questo perchè, secondo la sorella del defunto(Suzanne), Deah Barakat era un grandissimo amante della pallacanestro e di Stephen Curry.[225] Le scarpe indossate poi sono state donate da Steph alla famiglia di Deah.[226] Sempre nel 2015, dopo aver vinto il trofeo di MVP della regular season, Curry ottenne anche un secondo premio: una Kia Sorento del 2016 che decise di donare alla East Oakland Youth Development Center, una organizzazione no-profit californiana. Organizzazione localizzata proprio a Oakland.[227]

Nel dicembre del 2018, in un podcast, Curry si domandò se il Programma Apollo, e il conseguente atterraggio lunare, fossero eventi realmente avvenuti. Questa sua uscita ricevette grande attenzione da parte dei media, tanto che la stessa NASA offri a Curry un tour al Lyndon B. Johnson Space Center per discutere della materia in questione assieme al cestista. Curry affermerà che la sua uscita era semplicemente uno scherzo e, insieme a Under Armour, creerà delle scarpe dedicate a ciò. Le stesse dopo essere state indossate verranno firmate e vendute da Stephen Curry su Ebay per 58100 dollari. I soldi sono stati successivamente donati per una iniziativa sull'educazione delle materie STEM.[228]

Nel luglio del 2019 Curry, insieme a sua moglie, lanceranno la "Eat. Learn. Play. Foundation" a Oakland.[229] Lo scopo della fondazione è quello di lottare contro la fame nel mondo, incrementare l'accesso a educazione di livello e provvedere a spazi sicuri per i bambini locali.[230]

Società di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile del 2018 la Sony Pictures Entertainment ha annunciato un accordo multimediale pluriennale ad ampio raggio con la neonata società di produzione di Curry: la Unanimous Media (dal nome di Curry che è diventato il primo giocatore NBA nella storia ad essere eletto MVP della lega con un voto unanime), situato nel lotto dello studio Sony Pictures a Culver City. L'accordo cinematografico e televisivo include elettronica, giochi e realtà virtuale e si concentra sulla fede e sui contenuti per famiglie.[231] Nell'ottobre del 2018 Curry è stato nominato come Produttore esecutivo del film Breakthrough, rilasciato ad aprile 2019.[232] Ricoprirà lo stesso ruolo per il film Emanuel; film è incentrato sulla sparatoria nella chiesa di Charleston. Curry ha avuto anche un cameo in cui dirà:"In the face of adversity, in the face of tragedy, how can I get through it?"[233]

A partire dal 2019, Curry è sia produttore esecutivo che professionista di golf presente nella serie ‎‎televisiva‎‎ ‎‎americana‎‎ Holey Moley.‎‎ Il 24 giugno 2020, Curry ha pubblicato un trailer per il suo nuovo spettacolo sul suo canale YouTube, che si chiama Ultimate Home Championships, uno spettacolo con persone del calibro di DeAndre Jordan, Ronda Rousey e Kristopher London in cui i concorrenti competono in stravaganti sfide nella propria abitazione usando oggetti casalinghi. Nel 2020, la società ha firmato un accordo con Audible di Amazon.[234] ‎‎ Curry è il produttore esecutivo di un revival animato della sitcom del 1970 Good Times con il suo produttore esecutivo originale, Norman Lear, e il creatore di Family Guy Seth MacFarlane. La serie animata è stata approvata da Netflix‎‎ nel 2020. [235] Nel 2021, Curry firma un accordo con NBCUniversal.[236]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
  PG Partite giocate   PT  Partite da titolare  MP  Minuti a partita
 TC%  Percentuale tiri dal campo a segno  3P%  Percentuale tiri da tre punti a segno  TL%  Percentuale tiri liberi a segno
 RP  Rimbalzi a partita  AP  Assist a partita  PRP  Palle rubate a partita
 SP  Stoppate a partita  PP  Punti a partita  Grassetto  Career high
Denota una stagione in cui ha vinto il titolo
* Primo nella lega
* Record

NCAA[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2006-2007 Davidson Wildcats 34 33 30,9 46,3 40,8 85,5 4,6 2,8 1,8 0,2 21,5
2007-2008 Davidson Wildcats 36 36 33,1 48,3 43,9 89,4 4,6 2,9 2,0 0,4 25,9
2008-2009 Davidson Wildcats 34 33 33,7 45,5 38,7 87,6 4,4 5,6 2,5 0,2 28,7
Carriera 104 102 32,6 46,7 41,2 87,6 4,5 3,7 2,1 0,3 25,3

Massimi in carriera[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo di punti: 44 (2 volte)[237]
  • Massimo di rimbalzi: 11 vs Tennessee-Chattanooga (18 dicembre 2006)
  • Massimo di assist: 13 vs Winthrop (21 novembre 2008)
  • Massimo di palle rubate: 9 vs Guilford (14 novembre 2008)
  • Massimo di stoppate: 3 vs Emory (9 novembre 2007)
  • Massimo di minuti giocati: 40 (6 volte)

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2009-2010 G.S. Warriors 80 77 36,2 46,2 43,7 88,5 4,5 5,9 1,9 0,2 17,5
2010-2011 G.S. Warriors 74 74 33,6 48,0 44,2 93,4* 3,9 5,8 1,5 0,3 18,6
2011-2012 G.S. Warriors 26 23 28,2 49,0 45,5 80,9 3,4 5,3 1,5 0,3 14,7
2012-2013 G.S. Warriors 78 78 38,2 45,1 45,3 90,0 4,0 6,9 1,6 0,2 22,9
2013-2014 G.S. Warriors 78 78 36,5 47,1 42,4 88,5 4,3 8,5 1,6 0,2 24,0
2014-2015 G.S. Warriors 80 80 32,7 48,7 44,3 91,4* 4,3 7,7 2,0 0,2 23,8
2015-2016 G.S. Warriors 79 79 34,2 50,4 45,4 90,8* 5,4 6,7 2,1* 0,2 30,1*
2016-2017 G.S. Warriors 79 79 33,4 46,8 41,1 89,8 4,5 6,6 1,8 0,2 25,3
2017-2018 G.S. Warriors 51 51 32,0 49,5 42,3 92,1* 5,1 6,1 1,6 0,2 26,4
2018-2019 G.S. Warriors 69 69 33,8 47,2 43,7 91,6 5,3 5,2 1,3 0,4 27,3
2019-2020 G.S. Warriors 5 5 27,8 40,2 24,5 100,0 5,2 6,6 1,0 0,4 20,8
2020-2021 G.S. Warriors 63 63 34,2 48,2 42,1 91,6 5,5 5,8 1,2 0,1 32,0*
2021-2022 G.S. Warriors 64 64 34,5 43,7 38,0 92,3 5,2 6,3 1,3 0,4 25,5
Carriera 826 820 34,3 47,3 42,8 90,8* 4,6 6,5 1,7 0,2 24,3
All-Star 8 8 22,3 43,3 40,5 100,0 5,6 5,8 1,4 0,3 22,5

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2013 G.S. Warriors 12 12 41,4 43,4 39,6 92,1 3,8 8,1 1,7 0,2 23,4
2014 G.S. Warriors 7 7 42,3 44,0 38,6 88,1 3,6 8,4 1,7 0,1 23,0
2015 G.S. Warriors 21 21 39,3 45,6 42,2 83,5 5,0 6,4 1,9 0,1 28,3
2016 G.S. Warriors 18 17 34,3 43,8 40,4 91,6 5,5 5,2 1,4 0,3 25,1
2017 G.S. Warriors 17 17 35,3 48,4 41,9 90,4 6,2 6,7 2,0 0,2 28,1
2018 G.S. Warriors 15 14 37,0 45,1 39,5 95,7 6,1 5,4 1,7 0,7 25,5
2019 G.S. Warriors 22 22 38,5 44,1 37,7 94,3 6,0 5,7 1,1 0,2 28,2
2022 G.S. Warriors 21 17 34,5 45,3 39,0 82,9 5,1 5,8 1,3 0,3 27,0
Carriera 133 127 37,3 45,1 40,0 89,2 5,4 6,2 1,6 0,3 26,6

Massimi in carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e punti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e dei punti in Nazionale - Stati Uniti Stati Uniti
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Punti Note
22-8-2010 Madrid Spagna Spagna 85 - 86 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole 7 [239]
28-8-2010 Istanbul Stati Uniti Stati Uniti 106 - 78 Croazia Croazia Mondiali 2010 - 1º turno 4 [240]
29-8-2010 Istanbul Slovenia Slovenia 77 - 99 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2010 - 1º turno 3 [241]
1-9-2010 Istanbul Stati Uniti Stati Uniti 88 - 51 Iran Iran Mondiali 2010 - 1º turno 4 [242]
2-9-2010 Istanbul Tunisia Tunisia 57 - 92 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2010 - 1º turno 13 [243]
6-9-2010 Istanbul Stati Uniti Stati Uniti 106 - 78 Angola Angola Mondiali 2010 - Ottavi di finale 5 [244]
9-9-2010 Istanbul Stati Uniti Stati Uniti 89 - 79 Russia Russia Mondiali 2010 - Quarti di finale 2 [245]
11-9-2010 Istanbul Stati Uniti Stati Uniti 89 - 74 Lituania Lituania Mondiali 2010 - Semifinale 3 [246]
12-9-2010 Istanbul Turchia Turchia 64 - 81 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2010 - Finale 3 [247]
16-8-2014 Chicago Stati Uniti Stati Uniti 95 - 78 Brasile Brasile Amichevole 9 [248]
20-8-2014 New York Stati Uniti Stati Uniti 105 - 62 Rep. Dominicana Rep. Dominicana Amichevole 8 [249]
22-8-2014 New York Stati Uniti Stati Uniti 105 - 62 Porto Rico Porto Rico Amichevole 20 [250]
26-8-2014 Las Palmas Slovenia Slovenia 71 - 101 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole 10 [251]
30-8-2014 Barakaldo Stati Uniti Stati Uniti 114 - 55 Finlandia Finlandia Mondiali 2014 - 1º turno 4 [252]
31-8-2014 Barakaldo Turchia Turchia 77 - 98 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2014 - 1º turno 9 [253]
2-9-2014 Barakaldo Stati Uniti Stati Uniti 98 - 71 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Mondiali 2014 - 1º turno 12 [254]
3-9-2014 Barakaldo Stati Uniti Stati Uniti 106 - 71 Rep. Dominicana Rep. Dominicana Mondiali 2014 - 1º turno 8 [255]
4-9-2014 Barakaldo Ucraina Ucraina 71 - 95 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2014 - 1º turno 14 [256]
6-9-2014 Barcellona Stati Uniti Stati Uniti 86 - 63 Messico Messico Mondiali 2014 - Ottavi di finale 20 [257]
9-9-2014 Barcellona Slovenia Slovenia 76 - 119 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2014 - Quarti di finale 6 [258]
11-9-2014 Barcellona Stati Uniti Stati Uniti 96 - 68 Lituania Lituania Mondiali 2014 - Semifinale 13 [259]
14-9-2014 Madrid Stati Uniti Stati Uniti 129 - 92 Serbia Serbia Mondiali 2014 - Finale 10 [260]
Totale Presenze 22 Punti 187

Record[modifica | modifica wikitesto]

Record NBA[modifica | modifica wikitesto]

  • Record NBA per triple segnate in Regular season (3117)
  • Record NBA di triple segnate in una stagione (402)[8][9]
  • Record NBA per triple segnate in un'edizione dei playoff (98)
  • Record NBA per partite consecutive con almeno una tripla messa a segno (233)[8][9]
  • Record NBA per partite consecutive con almeno una tripla messa a segno nei playoff (75)
  • Record NBA per triple segnate nella storia dei playoff (470)
  • Record NBA per triple segnate nella storia delle finali (121)
  • Record NBA per punti segnati in un overtime: 17 vs Portland Trail Blazers (9 maggio 2016)
  • Record NBA per triple segnate in una finale: 9 vs Cleveland Cavaliers (3 giugno 2018)
  • Record NBA per triple segnate in un quarto di una finale: 6 vs Boston Celtics (2 giugno 2022)
  • Record NBA per partite in carriera con almeno 4 triple segnate (349)
  • Record NBA per partite in carriera con almeno 5 triple segnate (254)
  • Record NBA per partite in carriera con almeno 6 triple segnate (147)
  • Record NBA per partite in carriera con almeno 7 triple segnate (88)
  • Record NBA per partite in carriera con almeno 8 triple segnate (58)
  • Record NBA per partite in carriera con almeno 9 triple segnate (38)
  • Record NBA per partite in carriera con almeno 10 triple segnate (22)
  • Record NBA per partite in carriera con almeno 11 triple segnate (11)
  • Record NBA per partite in carriera con almeno 12 triple segnate (2)
  • Record NBA per partite consecutive con almeno 5 triple segnate (6)
  • Record NBA per partite consecutive con almeno 30 punti per un giocatore di 33 o più anni (11)
  • Record NBA per triple segnate in 10 partite consecutive (72)
  • Record NBA per triple segnate in un mese (96)
  • Unico giocatore nella storia a realizzare tre partite da almeno 50 punti in una singola stagione superati i 32 anni
  • Record NBA per triple di media segnate a partita in una stagione (5.3)
  • Giocatore più anziano della storia a realizzare 50+ punti e 10+ assist in una partita
  • Giocatore più veloce della storia a realizzare 100+ triple in una stagione
  • Record NBA per triple segnate in un anno solare (495)

Record nei Golden State Warriors[modifica | modifica wikitesto]

  • Record di franchigia per punti segnati
  • Record di franchigia per triple segnate
  • Record di franchigia per assist
  • Record di franchigia per palle rubate
  • Record di franchigia per presenze

Record All-Star[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

College[modifica | modifica wikitesto]

  • 2× Southern Conference Men's Basketball Player of the Year
  • Consensus first-team All-American (2009)
  • Consensus second-team All-American (2008)
  • 3× First-team All-SoCon (2007–2009)
  • 2× Southern Conference Tournament Most Outstanding Player (2007, 2008)
  • 3× Southern Conference first-team All-Tournament (2007–2009)
  • Southern Conference Freshman of the Year (2007)
  • Southern Conference All-Freshmen Team (2007)

NCAA records[modifica | modifica wikitesto]

  • NCAA Division I scoring leader (2009)
  • Più triple realizzate in una singola stagione(162, 2007-2008)

Davidson College records[modifica | modifica wikitesto]

  • All-time leading scorer in history (2,635)[261]
  • All-time leader in 3-point field-goals made (414)[261]
  • All-time leader in 30-point games (30)[261]
  • All-time leader in 40-point games (6)[261]
  • Single-season points (974, 2008–09)[261]
  • Single-season steals (86, 2008–09)[261]
  • Single-season freshman points (730, 2006–07)[261]

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Golden State Warriors: 2015, 2017, 2018, 2022
2014-2015, 2015-2016
2022
2022
2022
2015, 2021
2014, 2015, 2016, 2017, 2018, 2019, 2021, 2022
First Team: 2015, 2016, 2019, 2021
Second Team: 2014, 2017, 2022
Third Team: 2018

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

  • Gold medal world centered-2.svg Oro mondiale: 2
Turchia 2010
Spagna 2014

Stipendio[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Stipendio
2009-10 G.S. Warriors $2,710,560
2010-11 G.S. Warriors $2,913,840
2011-12 G.S. Warriors $3,117,120
2012-13 G.S. Warriors $3,958,742
2013-14 G.S. Warriors $9,887,642
2014-15 G.S. Warriors $10,629,213
2015-16 G.S. Warriors $11,370,786
2016-17 G.S. Warriors $12,112,359
2017-18 G.S. Warriors $34,682,550
2018-19 G.S. Warriors $37,457,154
2019-20 G.S. Warriors $40,231,758
2021-22 G.S. Warriors $45,780,966

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Stephen Curry, su nba.com, NBA. URL consultato il 18 giugno 2022.
  2. ^ a b c (EN) Ric Bucher, Is Stephen Curry the Best Shooter Ever? Yes, Say Many of NBA's All-Time Marksmen, su bleacherreport.com, 1º giugno 2015. URL consultato l'8 novembre 2016.
  3. ^ a b (EN) AJ Neuharth-Keusch, Scottie Pippen says Stephen Curry is the best shooter ever, su usatoday.com, 11 marzo 2016. URL consultato l'8 novembre 2016.
  4. ^ a b (EN) Michael Rothstein, Dave Bing on Stephen Curry: 'Best shooter that has played the game', su espn.com, 6 giugno 2016. URL consultato l'8 novembre 2016.
  5. ^ a b Ananth Pandian, Ray Allen on Steph Curry's 3-point skills: He's 'in a category of his own', su cbssports.com, 18 aprile 2016.
  6. ^ NBA, i 74 migliori giocatori di sempre secondo ESPN. Classifica, su sport.sky.it, 13 maggio 2020.
  7. ^ Davide Chinellato, I 21 campioni del XXI secolo: 6° Steph Curry, il rivoluzionario da 3 punti, su gazzetta.it, 22 agosto 2019.
  8. ^ a b c d e (EN) Best way to break a slump: Break a record, su espn.com, 8 novembre 2016.
  9. ^ a b c d e Nba, fenomeno Curry: segna 13 triple, è record, su sportmediaset.mediaset.it, 8 novembre 2016.
  10. ^ a b (EN) Stephen Curry Becomes NBA’s All-Time 3-Point Leader, su Golden State Warriors. URL consultato il 15 dicembre 2021.
  11. ^ (EN) Ranking the top 74 NBA players of all time: Nos. 40-11, su espn.com, 11 maggio 2020. URL consultato il 18 giugno 2020.
  12. ^ Fishman, p. 9.
  13. ^ Fishman, p. 10.
  14. ^ Sydel Curry, su elonphoenix.com.
  15. ^ (EN) Steph Curry's Little Sister Sydel Curry Is Married!, su Essence. URL consultato il 4 aprile 2019.
  16. ^ (EN) Jonathan Adams, Damion Lee’s Wife, Sydel, Is Steph Curry’s Sister, su Heavy.com, 3 marzo 2019. URL consultato il 4 aprile 2019.
  17. ^ STEPHEN CURRY: IN MY OWN WORDS, su fca.org.
  18. ^ NBA MVP Stephen Curry's acceptance speech: 'I'm God's humble servant', su christiantoday.com.
  19. ^ Stephen Cury basketball shoes, su christianpost.com.
  20. ^ UNDER ARMOUR HAS HIGH HOPES FOR STEPHEN CURRY SHOE LAUNCH IN BATTLE AGAINST NIKE, su adage.com.
  21. ^ Stephen Curry's mother: Trip to Israel 'transformed' my life, su jpost.com.
  22. ^ NBA Superstar Stephen Curry talks about what wearing the Active Faith bands mean to him, su activefaithsports.com.
  23. ^ Stephen Curry sent Drazen Petrovic's mother one of his NBA Finals jerseys, su sports.yahoo.com.
  24. ^ Stephen Curry credits contact lenses for reversing shooting slump, su nba.com.
  25. ^ (EN) Stephen Curry debuts 'Stephen vs. The Game' documentary, su Warriors Wire, 2 aprile 2019. URL consultato il 22 aprile 2019.
  26. ^ Stephen Curry, su it.global.nba.com.
  27. ^ a b Stephen Curry, su basketball-reference.com.
  28. ^ NBA & ABA Career Leaders and Records for Free Throw Pct, su basketball-reference.com.
  29. ^ Golden State Warriors Career Leaders, su basketball-reference.com.
  30. ^ Stephen Curry Named Unanimous Winner of 2015-16 Kia NBA Most Valuable Player Award, su nba.com.
  31. ^ Stephen Curry embraces leadership role with Warriors, su mercurynews.com.
  32. ^ Thompson: How Stephen Curry got his groove back after NBA Finals devastation, su mercurynews.com.
  33. ^ Report: Curry tells Durant he’s fine with not being face of Warriors, su si.com.
  34. ^ What Is The Definition Of The Hamptons Five In Basketball?, su bing.com.
  35. ^ Andre Iguodala gave an eyebrow-raising answer about defending Steph Curry from 'peers' who are 'jealous', su businessinsider.in.
  36. ^ Iguodala:" Steph Curyy is the reason why I play basketball", su bing.com.
  37. ^ WATCH: Kevin Durant takes a subtle jab at Steph Curry's defense, su cbssports.com.
  38. ^ Stephen Curry jokes he doesn’t play defense ‘half the time’, su clutchpoints.com.
  39. ^ How Stephen got his defensive groove, su espn.com.
  40. ^ Stephen Curry is extending his range to 10 feet behind the 3-point line, su ftw.usatoday.com.
  41. ^ Steph Curry, il rilascio più rapido del Mondo, su it.paperblog.com.
  42. ^ Sports' perfect 0.4 seconds, su espn.com.
  43. ^ STEPHEN CURRY IN MIDDLE SCHOOL: THE ORIGIN OF THE BABY FACED ASSASSIN, su bleacherreport.com.
  44. ^ Chinese internet users have the most incredible nicknames for NBA players, su sports.yahoo.com.
  45. ^ Stephen Curry has become lethal in the biggest moments, and it has taken his game to another level, su businessinsider.com.
  46. ^ Stephen Curry Is NBA Clutch King and These Are His Imitators at Every Position, su bleacherreport.com.
  47. ^ Curry Top 4th Quarter Performer in NBA This Year, Per Advanced Stats, su heavy.com.
  48. ^ (EN) Ray Allen on Steph Curry's 3-point skills: He's 'in a category of his own', su cbssports.com. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  49. ^ (EN) Kyle Newport, Ray Allen on 3-Pt Contest vs. Steph Curry: 'I Like My Chances Against Anybody', su bleacherreport.com. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  50. ^ NBA & ABA Career Leaders and Records for 3-Pt Field Goal Pct, su basketball-reference.com.
  51. ^ Stephen Curry now stands behind only Ray Allen, Reggie Miller for career 3s, su espn.com.
  52. ^ NBA & ABA Single Season Leaders and Records for 3-Pt Field Goals, su basketball-reference.com.
  53. ^ a b Stephen Curry becomes fastest to reach 2,000 3-pointers made, su nba.com.
  54. ^ Steph resets record for fastest to 100 3-pointers in season, su nbcsports.com.
  55. ^ Steph's gravity, su clutchpoints.com.
  56. ^ NBA's Pied Piper: How Stephen Curry still wrecks defenses without the ball, su espn.com.
  57. ^ Che cosa è l'isolamento nel basket?, su surfsitesusa.com.
  58. ^ Porterfield, p. 12.
  59. ^ a b Porterfield, p. 13.
  60. ^ a b c d e f g h i j k l "Stephen Curry stats, details, videos, and news"., su web.archive.org. URL consultato il 17 giugno 2022 (archiviato il 14 dicembre 2017).
  61. ^ (EN) Clippers vs. Warriors - Game Summary - February 10, 2010 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  62. ^ Stephen Curry Wins 2010-11 NBA Sportsmanship Award, su nba.com.
  63. ^ Warriors Guard Stephen Curry Undergoes Successful Surgery On Right Ankle, su nba.com.
  64. ^ Warriors Guard Stephen Curry Undergoes Successful Surgery On Right Ankle, su nba.com.
  65. ^ Stephen Curry lands $44M contract extension, su sports.yahoo.com.
  66. ^ Warriors Sign Stephen Curry To Multi-Year Extension, su nba.com.
  67. ^ Three Years Ago, Here's What Basketball Writers Were Saying About Stephen Curry's Ankle, su thebiglead.com.
  68. ^ Origin of Stephen Curry's and Klay Thompson's 'Splash Brothers' nickname, su sports.yahoo.com.
  69. ^ Steve von Horn, Steph's big night, in numbers, su SBNation.com, 28 febbraio 2013. URL consultato il 14 aprile 2019.
  70. ^ Curry sets franchise record for 3-pointers, su web.archive.org. URL consultato il 17 giugno 2022 (archiviato l'11 dicembre 2013).
  71. ^ 2014 NBA Playoffs Summary, su basketball-reference.com.
  72. ^ Simply Golden: How the Warriors Became the Total Package, su grantland.com.
  73. ^ Warriors' Steve Kerr caps remarkable rookie season with NBA championship, su sports.yahoo.com.
  74. ^ (EN) Steph Curry is the fastest to 1,000 3s in NBA history. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  75. ^ NBA, Stephen Curry Drops 1,000th Career 3-Pointer, 7 gennaio 2015. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  76. ^ Fishman, p. 8.
  77. ^ NBA, All Star Saturday: Curry re nel tiro da 3, su gazzetta.it, 15 febbraio 2015. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  78. ^ Braun, p. 5.
  79. ^ Stephen Curry, su basketball-reference.com.
  80. ^ Why Stephen Curry is the NBA's MVP, su eu.usatoday.com.
  81. ^ Braun, p. 6.
  82. ^ Stephen Curry Lights Out in Game 5 Win vs Grizzlies, su slamonline.com.
  83. ^ Curry's 62-foot buzzer-beater propels Warriors over Grizzlies, into West finals, su sports.yahoo.com.
  84. ^ Stephen Curry sets record for most threes in playoffs, passing Reggie Miller, su nba.nbcsports.com.
  85. ^ "Stephen Curry's shot goes missing for Warriors in Game 2 loss"., su espn.com.
  86. ^ a b 2015 NBA Finals Cavaliers vs. Warriors, su basketball-reference.com.
  87. ^ Golden State Warriors Bring Home Their First NBA Title In 40 Years, su npr.org.
  88. ^ Saturday, October 31, 2015, su nba.com (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2015).
  89. ^ Box Score, su espn.com.
  90. ^ Friday, December 11, 2015, su nba.com (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2019).
  91. ^ Monday, December 28, 2015, su nba.com.
  92. ^ Friday, January 22, 2016, su nba.com.
  93. ^ Wednesday, February 3, 2016, su nba.com.
  94. ^ Wednesday, February 10, 2016, su nba.com.
  95. ^ (EN) Stephen Curry sets record with 3-pointer in 128th straight game, su espn.go.com, 26 febbraio 2016.
  96. ^ a b 10 crazy Steph Curry stats show how he revolutionized NBA, su nbcsports.com.
  97. ^ Warriors Win in Overtime as Stephen Curry Drills 12th 3-Pointer, su nytimes.com.
  98. ^ NBA scores: Curry sets new record as Warriors beat Magic 119-113, su ctvnews.ca. URL consultato l'8 marzo 2016.
  99. ^ Thursday, April 7, 2016, su nba.com.
  100. ^ Warriors Beat Spurs for NBA Record-Tying 72nd Win, su nba.com.
  101. ^ Wednesday, April 13, 2016, su nba.com.
  102. ^ NBA, 50-40-90: cosa significa, chi l’ha raggiunto, su nbareligion.com.
  103. ^ Stephen Curry Named Unanimous Winner of 2015-16 Kia NBA Most Valuable Player Award, su nba.com.
  104. ^ Saturday, April 16, 2016, su nba.com (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2016).
  105. ^ Thursday, April 21, 2016, su nba.com (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2016).
  106. ^ Sunday, April 24, 2016, su nba.com (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2016).
  107. ^ Warriors' Stephen Curry out at least 2 weeks with MCL sprain, su espn.com.
  108. ^ Stephen Curry returns to MVP form as Golden State Warriors beat Trail Blazers in Game 4, su oregonlive.com.
  109. ^ Monday, May 9, 2016, su nba.com (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2016).
  110. ^ (EN) Thunder vs. Warriors - Game Recap - May 30, 2016, su espn.go.com. URL consultato il 31 maggio 2016.
  111. ^ Francesco Forni, Cleveland Cavaliers campioni NBA, Lebron James MVP. 4-3 ai Golden State - QuotidianoNet, in QuotidianoNet, 20 giugno 2016. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  112. ^ Stephen Curry sets record for 3-pointers in a Finals, su nba.nbcsports.com.
  113. ^ Nba, Kevin Durant ai Warriors: ecco come è successo, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  114. ^ Andre Iguodala The sixth man.
  115. ^ Durant helps Warriors bounce back, beat Pelicans 122-114, su espn.com.
  116. ^ Nba, Curry da record: 13 triple in una singola partita gazzetta.it
  117. ^ Stephen Curry se pone a 200 de tres en tres como nadie hizo antes en la NBAmarca.com
  118. ^ Nba Finals, Golden State-Cleveland 132-113, Warriors sul 2-0 gazzetta.it
  119. ^ Sky Sport, Mercato NBA, per Curry arriva il massimo salariale. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  120. ^ NBA, i Warriors fanno ricco Steph Curry: contratto da 201 milioni in 5 anni, su calcioefinanza.it.
  121. ^ Stephen Curry on ankle injury: “I’ll be back”, su mercurynews.com.
  122. ^ Stephen Curry Injury Update, su nba.com.
  123. ^ Curry makes season-best 10 3-pointers in return from injury, su espn.com.
  124. ^ Curry tweaks ankle, has 28 as Warriors top Hawks, su espn.com.
  125. ^ Stephen Curry scores 34 points, leads Warriors past Nets, su espn.com.
  126. ^ Stephen Curry Injury Update - 3/24/18, su nba.com.
  127. ^ Stephen Curry returns to score 28, Warriors beat Pelicans, su espn.com.
  128. ^ Curry comes alive to score 35, Warriors rout Rockets by 41, su espn.com.
  129. ^ Klay Thompson score 35, Warriors force Game 7 in West finals, su espn.com.
  130. ^ Warriors reach 4th straight NBA Finals with win over Houston, su espn.com.
  131. ^ Curry dazzles from deep, Warriors take 2-0 NBA Finals lead, su espn.com.
  132. ^ Dub Dynasty: Warriors sweep Cavaliers for second straight title, su espn.com.
  133. ^ There's still no Finals MVP trophy for Stephen Curry, only a growing legacy, su sports.yahoo.com.
  134. ^ For the Third Time in Three Titles, Stephen Curry’s Greatness Goes Unrecognized, su si.com.
  135. ^ Hernangomez's late block helps Nuggets beat Warriors 100-98, su espn.com.
  136. ^ Stephen Curry scores 51 points with 11 3s as Warriors win, su espn.com.
  137. ^ Curry sets another record for 3s, Warriors hold off Nets, su espn.com.
  138. ^ Curry injured, Bucks snap Warriors' 8-game win streak, su espn.com.
  139. ^ Durant's double-double lifts Warriors past Nets 116-100, su espn.com.
  140. ^ Westbrook stars, Diallo hurt in Thunder's win over Warriors, su espn.com.
  141. ^ Leonard scores 37, Raptors beat Warriors 131-128 in OT, su espn.com.
  142. ^ Griffin, Drummond lead Pistons over Curry, Warriors 111-102, su espn.com.
  143. ^ Curry becomes 5th Warrior with 15,000 regular-season points, su espn.com.
  144. ^ Curry makes last-second layup, Warriors beat Clippers, su espn.com.
  145. ^ Klay Thompson torches Bulls again in Warriors 146-109 win, su espn.com.
  146. ^ Stephen Curry scores 41 points as Warrior hold off Pelicans, su espn.com.
  147. ^ Steph Curry goes over 16,000 NBA career points with layup vs. Thunder"., su nbcsports.com.
  148. ^ Warriors beat Nuggets, increase lead for top seed in West, su espn.com.
  149. ^ Curry moves up Warriors' scoring charts in win over Cavs, su espn.com.
  150. ^ Sky Sport, Curry, come te nessuno mai da tre punti ai playoff fotogallery, su sport.sky.it. URL consultato il 14 aprile 2019.
  151. ^ Curry, short-handed Warriors knock out Rockets in Game 6, su espn.com.
  152. ^ Curry, Warriors take Game 1 of Western Conference finals, su espn.com.
  153. ^ Peak Stephen Curry was unleashed in the Western Conference finals, su global.espn.com.
  154. ^ a b Warriors first to 5 Finals in row since 1966 Celtics, su global.espn.com.
  155. ^ (EN) Warriors' Stephen Curry undergoes surgery, out at least three months, su ESPN.com, 1º novembre 2019. URL consultato il 2 novembre 2019.
  156. ^ (EN) Stephen Curry’s Injury Rehab Takes a G-League Detour, su nytimes.com.
  157. ^ Sky Sport, Steph Curry, un altro 'primato' e la nuova data del ritorno in campo, su sport.sky.it. URL consultato il 3 marzo 2020.
  158. ^ (EN) Curry scores 23 in return, but Raptors clinch playoff spot, su ESPN.com, 5 marzo 2020. URL consultato il 16 marzo 2020.
  159. ^ Sospeso il campionato NBA per un caso di coronavirus, in Notizie Oggi 24, 12 marzo 2020. URL consultato il 12 marzo 2020.
  160. ^ NBA, deciso il ritorno in campo: la guida completa con date e calendario, su sport.sky.it, 4 giugno 2020. URL consultato il 24 giugno 2020.
  161. ^ Warriors’ Stephen Curry joins Ray Allen, Reggie Miller in historic 3-point feat, su clutchpoints.com.
  162. ^ 3 takeaways from the Chicago Bulls’ 0-3 start after they blew a late 9-point lead in a 129-128 loss to the Golden State Warriors, su chicagotribune.com.
  163. ^ Nba, Steph Curry record: è il secondo miglior tiratore da 3 di sempre, su Gazzetta dello Sport. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  164. ^ Stephen Curry continues hot shooting early, su washingtonpost.com.
  165. ^ Stephen Curry Becomes Franchise's All-Time Assists Leader, su nba.com.
  166. ^ On Basketball: Stephen Curry shooting his way into history, su apnews.com.
  167. ^ Behind the numbers of Steph Curry’s Western Conference Player of the Month honor, su mercurynews.com.
  168. ^ Warriors, la tripla doppia di Stephen Curry contro i Lakers, su sportando.basketball.
  169. ^ Warriors star Stephen Curry makes huge stride in MVP bid after 50-point explosion vs. Hawks, su clutchpoints.com.
  170. ^ Golden State Warriors' Stephen Curry relishes 'special moment' after breaking NBA's career 3-point record, su espn.com.
  171. ^ Steph Curry lifts Warriors over Rockets with first career game-winning buzzer-beater, su eu.usatoday.com.
  172. ^ Curry's 40 helps Warriors withstand Rockets' rally to win 6th straight, su nba.com.
  173. ^ Stephen Curry puts on show, shatters records with All-Star 3-point barrage, su nba.com.
  174. ^ Steph wins All-Star MVP with record-breaking 50-point night, su nbcsports.com.
  175. ^ I'm going to enjoy it' – Curry reaches 20,000 career points, su en.as.com.
  176. ^ Sources: Golden State Warriors star Steph Curry has sprained left foot, expected to return by playoffs, su espn.com.
  177. ^ Golden State Warriors' Stephen Curry to miss rest of regular season, su espn.com.
  178. ^ NBA, Steph Curry ne segna 34 dalla panchina: “Bellissimo vincere una partita ai Playoff”, su nbareligion.com.
  179. ^ Warriors star Stephen Curry solidifies 3-point god status with epic playoff first, su clutchpoints.com.
  180. ^ Warriors' Stephen Curry wins the first Magic Johnson Western Conference finals MVP award, su cbssports.com.
  181. ^ Curry Delivers with 43-Point Effort in Game 4 Win, su nba.com.
  182. ^ Congrats to @StephenCurry30 of the @warriors for moving up to 10th on the All-Time #NBAFinals Assists list! #NBA75, su twitter.com.
  183. ^ Stephen Curry wins NBA Finals MVP for 1st time in his career, su nba.com.
  184. ^ Stephen Curry is now the 7th player in NBA history to win 4+ NBA titles, 2+ #KiaMVP Awards., su twitter.com.
  185. ^ Stephen Curry is now the 10th player in NBA history with 200+ career assists in the #NBAFinals., su twitter.com.
  186. ^ Stephen Curry recorded the 150th Finals 3PM of his career, becoming the 1st player in NBA history to reach 150 3PM in the #NBAFinals. #NBA75, su twitter.com.
  187. ^ Congrats to Stephen Curry of the Warriors on moving up to 9th on the all-time NBAFinals steals list!, su twitter.com.
  188. ^ By hoisting the Bill Russell trophy awarded to the #NBAFinals MVP, Stephen Curry becomes the 11th player in NBA history to be named MVP, Finals MVP and All-Star Game MVP., su twitter.com.
  189. ^ a b c d Curry, no alle Olimpiadi:, su corrieredellosport.it. URL consultato il 14 aprile 2019.
  190. ^ (EN) Stephen Curry opts to skip 2016 Olympics in Rio de Janeiro, su espn.com, 7 giugno 2016. URL consultato l'8 novembre 2016.
  191. ^ Is Stephen Curry the Best Shooter Ever? Yes, Say Many of NBA's All-Time Marksmen, su bleacherreport.com.
  192. ^ How Stephen Curry became the best shooter the NBA has ever seen, su businessinsider.com.
  193. ^ a b c d e f g Steph Curry is still completely unfair, su espn.com.
  194. ^ Stephen Curry isn't just the MVP -- he is revolutionizing the game, su espn.com.
  195. ^ The NBA Has Never Seen a Shooter Like Stephen Curry, su si.com.
  196. ^ a b c d e The Steph Effect: How NBA star is inspiring — and complicating — high school basketball, su washingtonpost.com.
  197. ^ Stephen Curry is the new Michael Jordan, su nbcsports.com.
  198. ^ Steph Curry is the Michael Jordan of the 3-point revolution, su nbcsports.com.
  199. ^ Steph Curry May Be the Best Shooter to Ever Play in the NBA, su newsweek.com.
  200. ^ a b Five years ago Stephen Curry's 54-point game helped redefine the NBA, su theguardian.com.
  201. ^ Stephen Curry Is The Revolution, su fivethirtyeight.com.
  202. ^ a b c d e Stephen Curry in profile: Two-time MVP who changed the face of the NBA, su skysports.com.
  203. ^ a b c The hidden price Steph Curry pays for making the impossible seem effortless"., su washingtonpost.com.
  204. ^ a b c Steph Curry is the ultimate one-off, su espn.com.
  205. ^ CBS Sports' 50 greatest NBA players of all time: Where do LeBron, Curry rank?, su cbssports.com.
  206. ^ a b Top 100 NBA Players of 2019, su si.com.
  207. ^ Ranking the top 74 NBA players of all time: Nos. 40-11, su espn.com.
  208. ^ NBA 75th Anniversary Team announced, su nba.com.
  209. ^ Stephen Curry — the NBA's best golfer — reveals his favorite golf holes, su businessinsider.com.
  210. ^ Kawakami: Round of golf therapeutic for Curry, Iguodala, su mercurynews.com.
  211. ^ Filmato audio Stephen Curry Replies to Fans on the Internet |, su YouTube, Actually Me, GQ Sports.
  212. ^ Stephen Curry finishes fourth at celebrity golf tournament, wins lake-jump bet with dad, su nba.com.
  213. ^ LOOK: Steph Curry spotted golfing with President Obama in Martha's Vineyard, su cbssports.com.
  214. ^ (EN) Jeff Eisenband, Stephen Curry's Family Thinks He Has Potential To Be A Professional Golfer, su thepostgame.com, 25 febbraio 2015.
  215. ^ "Curry shoots 74 again at Web.com, misses cut"., su espn.com.
  216. ^ Stephen Curry [StephenCurry30], I'm nice with the right foot though… thanks to @chelseafc for having me at Stamford Bridge today. (Tweet), su Twitter.
  217. ^ Stephen Curry [StephenCurry30], Are you serious. Dude from Chelsea's kicked the ball boy?!? (Tweet), su Twitter.
  218. ^ As Warriors rise, so does Stephen Curry's stardom, su eu.usatoday.com.
  219. ^ Stephen Curry annoyed by ‘face of the NBA’ debate, su si.com.
  220. ^ Stephen Curry leads NBA's most popular jersey list for second consecutive season, su nba.com.
  221. ^ Full List: The World's Highest-Paid Celebrities 2017, su forbes.com.
  222. ^ How do Warriors stars rank in ESPN’s 100 most famous athletes?, su mercurynews.com.
  223. ^ Warriors’ Stephen Curry meets President Obama, su mercurynews.com.
  224. ^ Putting an End to a Preventable Scourge, su obamawhitehouse.archives.gov.
  225. ^ Stephen Curry to honor North Carolina shooting victim, su mercurynews.com.
  226. ^ Steph Curry plans to give special sneakers to family of Chapel Hill victim, su ftw.usatoday.com.
  227. ^ Stephen Curry Donates 2016 Kia Sorento To Oakland Youth Center, su artofgears.com.
  228. ^ Moon landing shoes, su nbcsports.com.
  229. ^ With Eat. Learn. Play. Foundation, Ayesha And Stephen Curry Are Taking Their Philanthropy To The Next Level, su forbes.com.
  230. ^ Stephen and Ayesha Curry Launch Eat. Learn. Play. Foundation, su nba.com.
  231. ^ NBA Star Stephen Curry Scores Film and TV Pact With Sony (Exclusive), su hollywoodreporter.com.
  232. ^ Stephen Curry to Executive Produce Faith-Based Drama ‘Breakthrough’ (Exclusive), su hollywoodreporter.com.
  233. ^ Steph Curry's first film project is a powerful look at race and religion after the Charleston shooting, su ftw.usatoday.com.
  234. ^ Stephen Curry’s Unanimous Media Strikes First-Look Podcast Deal With Amazon’s Audible; Sets First Projects, su deadline.com.
  235. ^ 'Good Times’ Animated Revival Scores Series Order at Netflix, su hollywoodreporter.com.
  236. ^ STEPH CURRY’S UNANIMOUS MEDIA SIGNS DEAL WITH COMCAST NBCUNIVERSAL, su sportico.com.
  237. ^ Stephen Curry - NCAA Career Bests, su basketball.realgm.com. URL consultato il 13 agosto 2021.
  238. ^ Stephen Curry - NBA Career Bests, su basketball.realgm.com. URL consultato il 5 giugno 2020.
  239. ^ (ES) España exige el máximo a EEUU, in El Mundo, 24 agosto 2010. URL consultato il 31 maggio 2019.
  240. ^ USA vs. Croatia 28-8-2010, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  241. ^ Slovenia vs. USA 29-8-2010, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  242. ^ USA vs. Iran 1-9-2010. URL consultato il 14 aprile 2019.
  243. ^ Tunisia vs. USA 2-9-2010, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  244. ^ USA vs. Angola 6-9-2010, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  245. ^ USA vs. Russia 9-9-2010, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  246. ^ USA vs. Lithuania 11-9-2010, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  247. ^ Turkey vs. USA 12-9-2010, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  248. ^ USA vs. Brazil 16-8-2014, su basketball.realgm.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  249. ^ USA vs. Dominican Republic 20-8-2014, su basketball.realgm.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  250. ^ USA vs. Puerto Rico 22-8-2014, su basketball.realgm.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  251. ^ USA vs. Slovenia 26-8-2014, su basketball.realgm.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  252. ^ USA vs. Finland 30-8-2014, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  253. ^ Turkey vs. USA 31-8-2014, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  254. ^ USA vs. New Zealand 2-9-2014, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  255. ^ USA vs. Dominican Republic 3-9-2014, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  256. ^ Ukraine vs. USA 4-9-2014, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  257. ^ USA vs. Mexico 6-9-2014, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  258. ^ Slovenia vs. USA 9-9-2014, su archive.fiba.com. URL consultato il 15 maggio 2019.
  259. ^ USA vs. Lithuania 11-9-2014, su archive.fiba.com. URL consultato il 15 maggio 2019.
  260. ^ USA vs. Serbia 14-9-2014, su archive.fiba.com. URL consultato il 15 maggio 2019.
  261. ^ a b c d e f g "2021–22 Davidson Wildcats Media Guide – Record Book", su davidsonwildcats.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN308698264 · LCCN (ENno2014060072 · CONOR.SI (SL312969571 · WorldCat Identities (ENlccn-no2014060072