DeMar DeRozan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
DeMar DeRozan
DeMar DeRozan Spurs (cropped).jpg
DeMar DeRozan con la maglia dei San Antonio Spurs
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 198 cm
Peso 100 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia/Ala piccola
Squadra San Antonio Spurs
Carriera
Giovanili
2003-2007Compton High School
2007-2009USC Trojans
Squadre di club
2009-2018Toronto Raptors675 (13.296)
2018-San Antonio Spurs194 (4.169)
Nazionale
2014-Stati Uniti Stati Uniti23 (146)
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Spagna 2014
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Rio de Janeiro 2016
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 marzo 2021

DeMar Darnell DeRozan (Compton, 7 agosto 1989) è un cestista statunitense, che gioca come ala piccola per i San Antonio Spurs.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a Compton da Frank e Diane DeRozan, a sua madre è stato diagnosticato il lupus eritematoso sistemico quando DeMar era piccolo.[1] Ha dichiarato di soffrire di depressione.[2][3][4][5]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Gioca come guardia, è abile a giocare in isolamento in area,[6][7] bravo in palleggio,[6] ma soffre nel tiro da 3 punti.[6][7] Ha dichiarato d'ispirarsi a Kobe Bryant.[8]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Toronto Raptors[modifica | modifica wikitesto]

2009-2015: gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

DeRozan nel 2010

L'8 aprile 2009 DeRozan annuncia che entrerà a far parte del Draft NBA.[9] Il 25 giugno viene chiamato come nona scelta assoluta dai Toronto Raptors e il 9 luglio firma il contratto da rookie.[10]

Per due volte viene scelto per partecipare alla gara delle schiacciate: nel 2010 si piazza al secondo posto dietro Nate Robinson e nel 2011 arriva quarto nella gara vinta da Blake Griffin, dopo aver sostituito l'infortunato Brandon Jennings.

Il 30 gennaio 2014 viene scelto per partecipare all'All Star Game come riserva per la squadra dell'est. Il 28 marzo, per la prima volta dal 2008, assicura ai Toronto Raptors la qualificazione ai Playoffs. La stagione 2013–14 fu quella di svolta nella carriera di DeRozan, mantenendo (all'epoca massimo in carriera) 22.7 punti, 4.3 rimbalzi e 4.0 assist di media per partita. Condusse i Raptors a un record di 48–34 e ad un terzo posto nella Eastern Conference. I suoi primi Playoffs si concludono con una eliminazione al primo turno (in sette gare) contro i Brooklyn Nets.

Il 31 marzo 2015 realizza la sua miglior prestazione fino a quel momento, mettendo a referto 42 punti e 11 rimbalzi nella partita contro gli Houston Rockets[11]. Il 17 aprile viene nominato Giocatore del Mese della Eastern Conference, diventando il terzo nella storia della franchigia a ottenere tale riconoscimento (assieme a Chris Bosh e Kyle Lowry)[12]. L'esperienza ai Playoffs dello stesso anno si conclude, però, di nuovo al primo turno: Washington avrà la meglio in sole 4 partite.[13]

2015-2018: il consolidamento come All-Star[modifica | modifica wikitesto]

DeRozan in palleggio.

Viene selezionato per la seconda volta in carriera a giocare all'All Star Game e, il 2 febbraio, viene eletto Giocatore del Mese di gennaio assieme al compagno Kyle Lowry[14]: Toronto concluse il mese con un record di 12-2, di cui 11 vittorie consecutive. Il 22 febbraio diventa il giocatore più vincente nella storia della franchigia (233 vittorie) superando Chris Bosh e Morris Peterson[15]. Il 4 marzo, nella vittoria contro i Portland Trail Blazers per 117-115, realizza un nuovo record NBA: riesce a segnare, infatti, 24 tiri liberi consecutivi[16]. Conclusa la Regular Season al secondo posto nella Eastern Conference, i Raptors battono al primo round gli Indiana Pacers in sette gare: DeRozan segna 30 punti nell'ultima gara e, per la prima volta nella sua carriera, avanza alle semifinali di Conference. Battuti anche i Miami Heat in sette gare (tra cui una prestazione da 34 punti in gara 5), vengono eliminati dai Cleveland Cavaliers: notevole fu la sua prestazione da 32 punti in gara 4 che riportò per l'ultima volta in parità la serie.

DeRozan a Toronto

Il 14 luglio DeRozan firma un contratto con Toronto della durata di cinque anni e dal valore di 139 milioni di dollari[17]. Il 5 novembre 2016 con i 34 punti segnati nella vittoria della sua squadra contro i Miami Heat, è diventato il primo giocatore NBA dai tempi di Michael Jordan (stagione 1986/1987) a mettere a referto almeno 30 punti nelle prime 5 gare di una regular season[18]. Il 28 dicembre sorpassa il record di Chris Bosh (10275 punti)[19] e diventa il miglior realizzatore della storia della franchigia. Il 19 gennaio viene nominato nel quintetto titolare che prende parte all'All Star Game 2017[20]. Il 28 marzo 2017 è stata la sua 12º partita in regular season in cui ha segnato almeno 35 punti, stabilendo un nuovo record in una singola stagione per i Toronto Raptors[21]. Il 9 Aprile 2017, con i 35 punti messi a segno contro i Knicks, diventò il secondo giocatore dei Raptors nella storia dopo Vince Carter a segnare almeno 2000 punti in stagione[22]. Con l'aiuto di una prestazione da 32 punti[23], i Toronto Raptors battono in sei gare i Milwaukee Bucks nel primo round dei Playoffs, ma vengono eliminati in quattro gare di nuovo dai Cleveland Cavaliers. Il 18 maggio viene inserito nel terzo quintetto All-NBA per la prima volta in carriera[24].

Dopo aver lavorato a lungo durante l'estate sul suo tiro da tre punti[25], il 21 dicembre contro i Philadelphia 76ers (vinta 114-109) segna sei triple su nove tentativi, record in carriera. Il 1º Gennaio 2018 realizza la sua miglior prestazione realizzando 52 punti e 8 assist nella partita contro i Milwaukee Bucks, diventando il giocatore dei Toronto Raptors con più punti realizzati in una partita, superando Vince Carter e Terence Ross fermi a 51. Il 18 gennaio viene confermato titolare all'All Star Game, venendo scelto dal team capitanato da Stephen Curry[26]. Viene inoltre nominato Giocatore del Mese (gennaio) per la Eastern Conference. Grazie al suo contributo durante la stagione, Toronto riesce ad ottenere il primo posto della Eastern Conference, con un record di 59-23. Durante i Playoffs, nel primo round, registra 37 punti (eguagliando il suo massimo in carriera per una partita di postseason) contro Washington[27]. Dopo aver vinto la serie in sei partite, vengono eliminati di nuovo dai Cleveland Cavaliers. DeRozan venne nominato nel secondo quintetto All-NBA, migliorando il risultato della stagione precedente[28].

San Antonio Spurs[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 luglio 2018, DeRozan viene scambiato insieme a Jakob Pöltl ed una scelta protetta del draft 2019, in cambio di Kawhi Leonard, Danny Green e 5 milioni di dollari, diventando così un giocatore dei San Antonio Spurs.[29][30][31] Stando alle parole di DeRozan lui è stato tenuto completamente all’oscuro dello scambio dalla dirigenza. Il 3 gennaio realizza la sua prima tripla doppia in carriera nella partita contro i Toronto Raptors (vinta 125-107) mettendo a referto 21 punti, 14 rimbalzi e 11 assist.[32]. In gara 4 dei playoff contro i Denver Nuggets, DeRozan viene espulso per aver lanciato la palla contro l'arbitro per avergli fischiato fallo.

DeRozan (sinistra) con Steph Curry prima dei Mondiali 2014

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 è stato convocato per i Mondiali 2014,[33] in cui ha vinto la medaglia d'oro.[34] Due anni dopo ha vinto un altro oro alle Olimpiadi di Rio 2016.[35]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
  PG Partite giocate   PT  Partite da titolare  MP  Minuti a partita
 TC%  Percentuale tiri dal campo a segno  3P%  Percentuale tiri da tre punti a segno  TL%  Percentuale tiri liberi a segno
 RP  Rimbalzi a partita  AP  Assist a partita  PRP  Palle rubate a partita
 SP  Stoppate a partita  PP  Punti a partita  Grassetto  Career high

NCAA[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2008-2009 USC Trojans 35 35 33,4 52,3 16,7 65,1 5,7 1,5 0,9 0,4 13,9

Massimi in carriera[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo di punti: 25 vs Arizona State (14 marzo 2009)[36]
  • Massimo di rimbalzi: 13 vs UCLA (13 marzo 2009)
  • Massimo di assist: 4 (2 volte)
  • Massimo di palle rubate: 3 vs Arizona State (15 gennaio 2009)
  • Massimo di stoppate: 3 vs California (12 marzo 2009)
  • Massimo di minuti giocati: 45 vs California (26 febbraio 2009)

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2009-2010 Toronto Raptors 77 65 21,6 49,8 25,0 76,3 2,9 0,7 0,6 0,2 8,6
2010-2011 Toronto Raptors 82 82 34,8 46,7 9,6 81,3 3,8 1,8 1,0 0,4 17,2
2011-2012 Toronto Raptors 63 63 35,0 42,2 26,1 81,0 3,3 2,0 0,8 0,3 16,7
2012-2013 Toronto Raptors 82 82 36,7 44,5 28,3 83,1 3,9 2,5 0,9 0,3 18,1
2013-2014 Toronto Raptors 79 79 38,2 42,9 30,5 82,4 4,3 4,0 1,1 0,4 22,7
2014-2015 Toronto Raptors 60 60 35,0 41,3 28,4 83,2 4,6 3,5 1,2 0,2 20,1
2015-2016 Toronto Raptors 78 78 35,9 44,6 33,8 85,0 4,5 4,0 1,0 0,3 23,5
2016-2017 Toronto Raptors 74 74 35,4 46,7 26,6 84,2 5,2 3,9 1,1 0,2 27,3
2017-2018 Toronto Raptors 80 80 33,9 45,6 31,0 82,5 3,9 5,2 1,1 0,3 23,0
2018-2019 San Antonio Spurs 77 77 34,9 48,1 15,6 83,0 6,0 6,2 1,1 0,5 21,2
2019-2020 San Antonio Spurs 68 68 34,1 53,1 25,7 84,5 5,5 5,6 1,0 0,3 22,1
Carriera 820 808 34,1 45,8 28,2 82,9 4,4 3,6 1,0 0,3 20,0
All-Star 4 2 21,3 56,0 14,3 75,0 3,8 3,0 1,3 0,0 15,8

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2014 Toronto Raptors 7 7 40,3 38,5 33,3 89,9 4,1 3,6 1,1 0,3 23,9
2015 Toronto Raptors 4 4 39,8 40,0 37,5 82,4 6,3 5,8 1,5 0,0 20,3
2016 Toronto Raptors 20 20 37,3 39,4 15,4 81,3 4,2 2,7 1,1 0,2 20,9
2017 Toronto Raptors 10 10 37,3 43,4 6,7 88,8 4,9 3,4 1,4 0,0 22,4
2018 Toronto Raptors 10 10 35,4 43,7 28,6 81,1 3,6 4,0 0,5 0,6 22,7
2019 San Antonio Spurs 7 7 35,9 48,7 0,0 86,4 6,7 4,6 1,1 0,1 22,0
Carriera 58 58 37,3 41,8 23,3 85,1 4,6 3,6 1,1 0,2 21,9

Massimi in carriera[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo di punti: 52 vs Milwaukee Bucks (1º gennaio 2018)[37]
  • Massimo di rimbalzi: 15 vs Miami Heat (20 marzo 2019)
  • Massimo assist: 14 vs Los Angeles Lakers (22 ottobre 2018)
  • Massimo di palle rubate: 6 (2 volte)
  • Massimo di stoppate: 4 (2 volte)
  • Massimo di minuti giocati: 60 vs Utah Jazz (12 novembre 2012)

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e dei punti in Nazionale - Stati Uniti Stati Uniti
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Punti Note
20-8-2014 New York Stati Uniti Stati Uniti 105 - 62 Rep. Dominicana Rep. Dominicana Amichevole 13
26-8-2014 Las Palmas Slovenia Slovenia 71 - 101 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole 4
30-8-2014 Barakaldo Stati Uniti Stati Uniti 114 - 55 Finlandia Finlandia Mondiali 2014 - 1º turno 5
31-8-2014 Barakaldo Turchia Turchia 77 - 98 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2014 - 1º turno 2
2-9-2014 Barakaldo Stati Uniti Stati Uniti 98 - 71 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Mondiali 2014 - 1º turno 4
3-9-2014 Barakaldo Stati Uniti Stati Uniti 106 - 71 Rep. Dominicana Rep. Dominicana Mondiali 2014 - 1º turno 11
4-9-2014 Barakaldo Ucraina Ucraina 71 - 95 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2014 - 1º turno 5
6-9-2014 Barcellona Stati Uniti Stati Uniti 86 - 63 Messico Messico Mondiali 2014 - Ottavi di finale 0
9-9-2014 Barcellona Slovenia Slovenia 76 - 119 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2014 - Quarti di finale 6
11-9-2014 Barcellona Stati Uniti Stati Uniti 96 - 68 Lituania Lituania Mondiali 2014 - Semifinale 0
14-9-2014 Madrid Stati Uniti Stati Uniti 129 - 92 Serbia Serbia Mondiali 2014 - Finale 10
22-7-2016 Las Vegas Stati Uniti Stati Uniti 111 - 74 Argentina Argentina Amichevole 4
24-7-2016 Los Angeles Stati Uniti Stati Uniti 106 - 57 Cina Cina Amichevole 13
26-7-2016 Oakland Stati Uniti Stati Uniti 107 - 57 Cina Cina Amichevole 4
29-7-2016 Chicago Stati Uniti Stati Uniti 80 - 45 Venezuela Venezuela Amichevole 8
1-8-2016 Houston Stati Uniti Stati Uniti 110 - 66 Nigeria Nigeria Amichevole 13
6-8-2016 Rio de Janeiro Stati Uniti Stati Uniti 119 - 62 Cina Cina Olimpiadi 2016 - 1º turno 6
8-8-2016 Rio de Janeiro Stati Uniti Stati Uniti 113 - 69 Venezuela Venezuela Olimpiadi 2016 - 1º turno 8
10-8-2016 Rio de Janeiro Australia Australia 88 - 98 Stati Uniti Stati Uniti Olimpiadi 2016 - 1º turno 3
12-8-2016 Rio de Janeiro Stati Uniti Stati Uniti 94 - 91 Serbia Serbia Olimpiadi 2016 - 1º turno 10
14-8-2016 Rio de Janeiro Stati Uniti Stati Uniti 100 - 97 Francia Francia Olimpiadi 2016 - 1º turno 5
17-8-2016 Rio de Janeiro Stati Uniti Stati Uniti 105 - 78 Argentina Argentina Olimpiadi 2016 - Quarti di finale 6
21-8-2016 Rio de Janeiro Serbia Serbia 66 - 96 Stati Uniti Stati Uniti Olimpiadi 2016 - Finale 6
Totale Presenze 23 Punti 146


Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

NCAA[modifica | modifica wikitesto]

  • All More League First Team (2006, 2007)
  • Nominato nel Los Angeles Times First Team (2007)
  • Parade Magazine All-America First Team (2008)
  • McDonald's All American (2008)
  • Jordan Brand All-American Classic (2008)
  • Nominato giocatore dell'anno dalla Southern California Interscholastic Basketball Coaches Association I-AA (titolo vinto con altri due atleti) (2008)
  • Nominato nell'All-State Team (2008)
  • Campione del Pac-10 Tournament (2009)
  • Nominato miglior giocatore del Pac-10 Tournament (2009)

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Second Team: 2018
Third Team: 2017

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) admin, Q & A with DeMar DeRozan, su lupus. URL consultato il 30 marzo 2019.
  2. ^ Sky Sport, DeMar DeRozan è depresso? "Anche noi siamo umani", su sport.sky.it. URL consultato il 30 marzo 2019.
  3. ^ DeRozan, Kevin Love e Oubre Jr: "Depressione, attacchi di panico e ansia", su Basketinside.com, 8 marzo 2018. URL consultato il 30 marzo 2019.
  4. ^ (EN) From NBA media reports, DeMar DeRozan opens up about his battles with depression, su NBA.com. URL consultato il 27 maggio 2019.
  5. ^ (EN) Bruce Y. Lee, Kevin Love, DeMar DeRozan: Here's What They Revealed About Mental Health, su Forbes. URL consultato il 27 maggio 2019.
  6. ^ a b c William Lou, The definitive guide to arguing about DeMar DeRozan (now can we stop doing that?), su Medium, 19 settembre 2016. URL consultato il 30 marzo 2019.
  7. ^ a b Why DeMar DeRozan is the most polarizing player in the NBA, su Sporting News, 19 settembre 2017. URL consultato il 30 marzo 2019.
  8. ^ (EN) Lori Ewing · The Canadian Press · Posted: Nov 30, 2015 11:51 AM ET | Last Updated: November 30, 2015, Raptors' DeRozan pays tribute to Kobe Bryant | CBC Sports, su CBC. URL consultato il 30 marzo 2019.
  9. ^ (EN) USC’s DeRozan says he’s entering NBA draft, su Orange County Register, 8 aprile 2009. URL consultato il 30 marzo 2019.
  10. ^ (EN) DeRozan driven to improve mother's health | The Star, su thestar.com. URL consultato il 30 marzo 2019.
  11. ^ (EN) Rockets at Raptors, in NBA.com. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2018).
  12. ^ (EN) DeRozan Named Eastern Conference Player Of The Month | Toronto Raptors, in Toronto Raptors. URL consultato il 6 agosto 2018.
  13. ^ (EN) Sports, Basketball, Nba, Toronto Raptors embarrassed by Washington Wizards in playoff sweep, leaving questions about team’s future | National Post, su nationalpost.com, 27 aprile 2015. URL consultato il 30 marzo 2019.
  14. ^ (EN) DeRozan, Lowry Named Eastern Conference Players Of The Month | Toronto Raptors, in Toronto Raptors. URL consultato il 6 agosto 2018.
  15. ^ (EN) Raptors vs Knicks, in NBA.com. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2017).
  16. ^ (EN) Trail Blazers vs Raptors, in NBA.com. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  17. ^ Grading The Deal: DeMar DeRozan Stays With Toronto On $139M Deal. URL consultato il 6 agosto 2018.
  18. ^ Leonardo Donati, Nuovi record NBA per Chris Paul e DeMar DeRozan, su NBARELIGION.COM, 5 novembre 2016. URL consultato il 30 marzo 2017.
  19. ^ (EN) Raptors vs. Warriors - Game Recap - December 28, 2016 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 6 agosto 2018.
  20. ^ (EN) Lang Whitaker, Curry, Durant and four first-time starters highlight starting lineups for NBA All-Star 2017 | NBA.com, in NBA.com. URL consultato il 6 agosto 2018.
  21. ^ NBA.com on Twitter, in Twitter. URL consultato il 30 marzo 2017.
  22. ^ Marco Lorenzin, DeRozan secondo Raptors della storia a segnare almeno 2000 punti in stagione, su NBARELIGION.COM, 9 aprile 2017. URL consultato il 10 aprile 2017.
  23. ^ (EN) Raptors vs. Bucks - Game Recap - April 27, 2017 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 6 agosto 2018.
  24. ^ (EN) Official release, Russell Westbrook, James Harden, LeBron James lead 2016-17 All-NBA first team | NBA.com, in NBA.com. URL consultato il 6 agosto 2018.
  25. ^ (EN) Evolution of an All-Star: Raptors guard DeMar DeRozan adds new wrinkle to offensive game, in USA TODAY. URL consultato il 6 agosto 2018.
  26. ^ (EN) DeMar DeRozan Voted As Starter For 2018 NBA All-Star Game | Toronto Raptors, in Toronto Raptors. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2018).
  27. ^ (EN) Wizards vs. Raptors - Game Recap - April 17, 2018 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 6 agosto 2018.
  28. ^ (EN) DeMar DeRozan Named To All-NBA Second Team | Toronto Raptors, in Toronto Raptors. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2018).
  29. ^ (EN) Spurs, Raptors Agree To Kawhi, DeRozan Trade, in NBA, 18 luglio 2018. URL consultato il 19 luglio 2018.
  30. ^ Ora è ufficiale: Kawhi Leonard ceduto ai Raptors, DeMar DeRozan finisce agli Spurs, in Sportando, 18 luglio 2018. URL consultato il 19 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2018).
  31. ^ Gli Spurs hanno mandato anche $5 milioni di dollari ai Raptors nella trade Leonard-DeRozan [collegamento interrotto], in Sportando, 19 luglio 2018. URL consultato il 19 luglio 2018.
  32. ^ (EN) Raptors vs. Spurs - Game Recap - January 3, 2019 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  33. ^ (EN) DeRozan Named To 2014 USA World Cup Team, su Toronto Raptors. URL consultato il 30 marzo 2019.
  34. ^ (EN) United States of America at the FIBA Basketball World Cup 2014, su FIBA.basketball. URL consultato il 30 marzo 2019.
  35. ^ Daniel Reynolds, Rio 2016: Team USA with Lowry and DeRozan Win the Gold, su Raptors HQ, 22 agosto 2016. URL consultato il 30 marzo 2019.
  36. ^ (EN) DeMar DeRozan - NCAA Career Bests, su basketball.realgm.com. URL consultato il 19 novembre 2020.
  37. ^ (EN) DeMar DeRozan - NBA Career Bests, su basketball.realgm.com. URL consultato il 19 novembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]