Austin Daye

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Austin Daye
lang=it
Daye con la maglia dei Detroit Pistons
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 211 cm
Peso 91 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala
Squadra Reyer Venezia
Carriera
Giovanili
?-2007Woodbridge High School
2007-2009Gonzaga Bulldogs
Squadre di club
2009-2013Detroit Pistons 206 (1.202)
2011Chimki12 (54)
2013Memphis Grizzlies 31 (125)
2013-2014Toronto Raptors 8 (8)
2014-2015San Antonio Spurs 40 (161)
2014Austin Spurs 1 (27)
2015Erie BayHawks10 (160)
2015Atlanta Hawks 8 (26)
2015-2016V.L. Pesaro21 (447)
2016-2017Galatasaray 20 (206)
2017-2018Hap. Gerusalemme9 (108)
2018-Reyer Venezia13 (162)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 giugno 2018

Austin Darren Daye (Irvine, 5 giugno 1988) è un cestista statunitense.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'anno da senior alla Woodbridge High School fece registrare una media di 30,9 punti, 12,4 rimbalzi e 5,4 stoppate a partita. Uscito dall'università di Gonzaga (con la quale ha giocato per due anni con medie di 11,6 punti, 5,8 rimbalzi ed 1,9 stoppate di media a partita), è stato la scelta numero 15 al draft NBA del 2009 dai Detroit Pistons. Segue le orme di suo padre, Darren Daye che giocò nella NBA, in Italia, in Francia e in Israele. Nella sua stagione da rookie fatica a trovare spazio: pur scendendo in campo in 69 occasioni, 4 delle quali in quintetto base, non va oltre i 13,6 minuti di media a partita, e le sue cifre ne risentono: non va infatti oltre 5,1 punti e 2,5 rimbalzi di media a partita. Il 7 aprile 2010 raccoglie inoltre la sua prima doppia doppia nella NBA. La stagione successiva le cose vanno decisamente meglio: il suo minutaggio sale infatti in modo abbastanza significativo (20,1 minuti di media a partita), e lui migliora in tutte le sue statistiche. La stagione successiva, accorciata dal lockout NBA, non lo vede tra i protagonisti: i minuti tornano a calare, e con essi anche le sue cifre; nonostante questo, il 25 gennaio 2012 mette a referto il suo massimo in carriera (28 punti) in una partita contro i Miami Heat.

Nel settembre 2011 firma un contratto con la squadra russa del Chimki, valevole fino alla fine del lockout NBA 2011-2012.

Il 24 novembre 2011 non rinnova il suo contratto con il Chimki[1].

Il 30 gennaio 2013 viene scambiato in una trade a 3 squadre finendo nella squadra dei Memphis Grizzlies assieme al compagno di squadra Tayshaun Prince. I Detroit Pistons in cambio acquisiscono da Toronto José Calderón e a Toronto finiscono l'ala Rudy Gay e il persiano Hamed Haddadi.

Il 1º agosto 2013 non riesce a rinnovare con la nuova squadra e allora decide di firmare con Toronto Raptors un contratto della durata di 1 anno con opzione sul secondo anno da parte della squadra canadese

Il 20 febbraio 2014 passa ai San Antonio Spurs in cambio di Nando de Colo[2].

Il 18 gennaio 2015 viene tagliato dalla squadra texana per far posto nel roster a JaMychal Green[3] e il 16 febbraio firma con gli Erie BayHawks[4]. Il 15 marzo viene ingaggiato dagli Atlanta Hawks, dove inizialmente viene firmato con un contratto di 10 giorni[5]; il 25 marzo viene confermato con un altro accordo decadale[6]. Il 4 aprile firma un contratto pluriennale non garantito[7]. Il 27 novembre 2015 firma un contratto con la Victoria Libertas Pesaro seguendo le orme del padre Darren.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

San Antonio Spurs: 2014
Reyer Venezia: 2017-18

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]