Klay Thompson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Klay Thompson
Klay Thompson in 2015.jpg
Thompson con l'uniforme dei Golden State Warriors nel 2015
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 201 cm
Peso 97 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia
Squadra Golden St. Warriors
Carriera
Giovanili
2005-2009Santa Margarita High School
2009-2011Wash. St. Cougars
Squadre di club
2011-Golden St. Warriors 615 (11.995)
Nazionale
2009Stati Uniti Stati Uniti U-199 (70)
2014-Stati Uniti Stati Uniti26 (308)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Rio de Janeiro 2016
Transparent.png Mondiali Under-19
Oro Nuova Zelanda 2009
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Spagna 2014
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 aprile 2019

Klay Alexander Thompson (Los Angeles, 8 febbraio 1990) è un cestista statunitense, professionista nella NBA con i Golden State Warriors.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un eccellente tiratore da 3 punti, particolarmente abile nel catch-and-shoot grazie alla notevole velocità di rilascio del suo tiro. Si distingue anche in fase difensiva, sfruttando l'altezza (2,01 m) superiore alla media nel suo ruolo e l'abilità di movimento senza palla.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Thompson mentre effettua un layup contro Jared Dudley.

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Golden State Warriors (2011- )[modifica | modifica wikitesto]

Il padre è l'ex cestista bahamense Mychal Thompson. Ha un fratello, Mychel, anch'egli cestista. Dopo ottime stagioni al college nelle file dell'università di Washington State, il 23 giugno 2011 viene scelto dai Golden State Warriors come undicesima scelta assoluta del draft NBA 2011.

Il 9 maggio 2013 nella partita contro i San Antonio Spurs con 8 tiri da tre punti sigla il record di franchigia per triple segnate in una partita di play-off.

Il 23 gennaio 2015 entra nella storia della NBA: durante la gara contro i Sacramento Kings realizza 37 punti nel solo terzo quarto di gioco, frantumando così il precedente record di 33 punti in un solo quarto detenuto da George Gervin e Carmelo Anthony. Sempre nel corso del terzo quarto fa segnare anche il record di tiri da tre punti realizzati (9), ed eguaglia l'ulteriore record di 13/13 tiri dal campo in un'unica frazione di gioco di David Thompson. Al termine del match, realizza il suo record personale di punti in una sola partita, mettendone a referto 52.

Ha vinto l'anello nel 2014-15 in sei gare contro i Cleveland Cavaliers.

Il 13 febbraio 2016 vince la gara dei tiri da tre punti dell'NBA All-Star Weekend 2016,vincendo contro il compagno di squadra ed MVP Stephen Curry.

Il 28 maggio 2016 nella partita di play-off contro gli Oklahoma City Thunder sigla il record di lega per triple segnate in una partita di play-off, mettendone a referto 11 su 18 tentativi.

Il 5 dicembre 2016 invece sigla il suo career high per i punti in una singola partita mettendone a referto 60 contro gli Indiana Pacers:[2] con questa prestazione sigla inoltre il record per il maggior numero di punti nel minor tempo nella storia della lega (29 minuti).

Nei play-off si dimostra ancora una volta uomo chiave negli equilibri dei Warriors offrendo equilibrio in entrambe le fasi e nelle transizioni. Con la squadra della baia arriva a sfidare in finale i Cavaliers campioni in carica per la terza volta di fila. La sua prestazione come realizzatore, tiratore e soprattutto come difensore è decisiva per la conquista dell'anello 2016-17 in cinque gare contro i Cavs di James e Irving.

L'anno seguente Klay indosserà al dito il terzo anello personale per la vittoria schiacciante per 4-0 dei suoi Warriors sempre sui Cavaliers di LeBron James, privi di Irving, spostatosi nell'estate ai Celtics.

Il 29 ottobre 2018 segna 14 triple (delle 24 tentate) contro i Chicago Bulls (mettendo a referto, in totale 52 punti in 27 minuti), superando il record NBA del compagno di squadra Stephen Curry. Dieci di queste, inoltre, le realizza nella prima metà di gioco, eguagliando il record di Chandler Parsons[3][4]. Il 21 gennaio 2019 realizza 10 triple consecutive nella vittoria contro i Los Angeles Lakers, realizzando un nuovo record NBA per triple consecutive a bersaglio in una partita e concludendo con 44 punti e un chirurgico 10/11 dall'arco.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
  PG Partite giocate   PT  Partite da titolare  MP  Minuti a partita
 TC%  Percentuale tiri dal campo a segno  3P%  Percentuale tiri da tre punti a segno  TL%  Percentuale tiri liberi a segno
 RP  Rimbalzi a partita  AP  Assist a partita  PRP  Palle rubate a partita
 SP  Stoppate a partita  PP  Punti a partita  Grassetto  Career high

Statistiche carriera NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2011-2012 Golden St. Warriors 66 29 24,4 44,3 41,4 86,8 2,4 2,0 0,7 0,3 12,5
2012-2013 Golden St. Warriors 82 82 35,8 42,2 40,1 84,1 3,7 2,2 1,0 0,5 16,6
2013-2014 Golden St. Warriors 81 81 35,4 44,4 41,7 79,5 3,1 2,2 0,9 0,5 18,4
2014-2015 Golden St. Warriors 77 77 31,9 46,3 43,9 87,9 3,2 2,9 1,1 0,8 21,7
2015-2016 Golden St. Warriors 80 80 33,3 47,0 42,5 87,3 3,8 2,1 0,8 0,6 22,1
2016-2017 Golden St. Warriors 78 78 34,0 46,8 41,4 85,3 3,7 2,1 0,8 0,5 22,3
2017-2018 Golden St. Warriors 73 73 34,3 48,8 44,0 83,7 3,8 2,5 0,8 0,5 20,0
2018-2019 Golden St. Warriors 78 78 34,0 46,7 40,2 81,6 3,8 2,4 1,1 0,6 21,5

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2013 Golden St. Warriors 12 12 41,3 43,7 42,4 83,3 4,6 1,8 1,0 0,6 15,2
2014 Golden St. Warriors 7 7 36,7 40,8 36,4 79,2 3,4 3,6 1,0 0,7 16,4
2015 Golden St. Warriors 21 21 36,2 44,6 39,0 80,0 3,9 2,6 0,8 0,9 18,6
2016 Golden St. Warriors 24 24 35,4 44,4 42,4 85,4 3,7 2,3 1,1 0,4 24,3
2017 Golden St. Warriors 17 17 35,1 39,7 38,7 78,8 3,9 2,1 0,8 0,3 15,0
2018 Golden St. Warriors 21 21 37,8 46,5 42,7 87,1 4,1 1,8 0,8 0,3 19,6

Record[modifica | modifica wikitesto]

Record Personali[modifica | modifica wikitesto]

Record NBA[modifica | modifica wikitesto]

  • Record NBA per punti segnati in un quarto: 37 vs Sacramento Kings (23 gennaio 2015)[5]
  • Record NBA per triple segnate in una partita di Playoffs: 11 vs Oklahoma City Thunder (28 maggio 2016)[6]
  • Record NBA per triple segnate in una partita di Regular Season: 14 vs Chicago Bulls (29 ottobre 2018)[7]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Golden State Warriors: 2015, 2017, 2018
Third Team: 2015, 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chi è Klay Thompson: la grande bellezza (e non solo), su nbapassion.com.
  2. ^ Andrea Grazioli, Nba, Klay ne fa 60, Warriors da sogno. Rilancio Cavs, Westbrook mostro, La Gazzetta dello Sport, 6 dicembre 2016. URL consultato il 30 dicembre 2016.
  3. ^ (EN) Thompson snaps out of slump with record 14 3s, in ESPN.com. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  4. ^ Nba, Klay Thompson irreale: 14 triple, è record, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  5. ^ (EN) Jeff Case, NBA.com, Legendary Moments in NBA History: Klay Thompson's 37-point quarter in 2015 | NBA.com, in NBA.com. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  6. ^ (EN) Klay Thompson makes history with 11 3-pointers in Warriors’ Game 6 win, in For The Win, 29 maggio 2016. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  7. ^ La notte da record di Klay Thompson: 14 canestri da tre a Chicago, in LaStampa.it. URL consultato il 30 ottobre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]